annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Spiaggia no smoking a Sydney

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Spiaggia no smoking a Sydney

    Al bando le sigarette sulla spiaggia. È quanto ha deciso un sobborgo di Sydney per una delle più belle spiagge da surf di tutta l'Australia. Il consiglio municipale ha votato lunedì sera: otto voci contro tre in favore dell'interdizione della sigaretta sulla spiaggia più rinomata del litorale, che diventa così la seconda spiaggia no smoking dopo quella di Los Angeles. La delibera che vieta di fumare riguarda non solo la distesa dorata di Manly, ma anche il porto del sobborgo, intorno ai complessi sportivi e un perimetro di 10 metri intorno ai parchi gioco per bambini. Le autorità municipali si sono decise per il "no" anche dopo essere venute a conoscenza dei 700 mila mozziconi di sigaretta trovati sulla spiaggia di Bondi.
    Sydney Morning Herald (Australia)

  • #2
    se posso permettermi...(1)

    Cara Liliana, mi piacerebbe aprire un dibattito non polemico -anche se provocatorio- in merito a questo tuo avviso. Questo forum è certamente molto utile e meritevole per l'aiuto che fornisce a chi smette, sta smettendo o cerca di smettere di fumare, ma non pensi che messaggi come questo che hai postato facciano parte di una logica "proibizionistic a" e da crociata che poco giova al problema? Mi spiego meglio: da ex-fumatore (ma anche quando -fino a circa 3 settimane fa- ero fumatore) ho sempre ritenuto più che valide le motivazioni relative al fumo passivo. Se scelgo di fumare non ho il diritto di danneggiare gli altri. Ma che senso ha esultare perchè si è proibito di fumare su una spiaggia dove evidentemente -e a meno di poco convincenti esagerazioni- il problema del fumo passivo non si pone? Mi potrai rispondere che lì il problema è dell'inquinamento: proibire il fumo su una spiaggia evita che vengano lasciate le cicche inquinanti....

    Commenta


    • #3
      se posso permettermi...(2)

      …Ma se questo è il problema –l‘inquinamento delle spiagge- cosa c’entra con il forum? Evitare di buttare i mozziconi sulla spiaggia è parte di un problema di educazione ambientale che poco ha a che vedere con il tema del tabagismo. Quando fumavo portavo sempre con me in spiaggia un piccolo posacenere portatile e in ogni caso raccoglievo le cicche prima di andare via. Mi potrai dire che sono un’eccezione, che la maggioranza dei fumatori lascia le cicche in spiaggia. Probabilmente è vero, ma secondo questa logica bisognerebbe anche proibire di mangiare: quanti lasciano buste, piatti, lattine e materiale di plastica (peraltro molto più inquinanti delle cicche)? Ora: se qualche consiglio comunale adoperasse una misura del genere –proibire di mangiare in spiaggia perché molti lasciano dei rifiuti- susciterebbe lo stesso entusiasmo? Cosa voglio dire? Che, a mio modesto avviso, l’entusiasmo con cui si accolgono misure di questo tipo contro i tabagisti...

      Commenta


      • #4
        se posso permettermi...(3)

        ...anche quando queste misure poco hanno a che vedere con il tema del fumo passivo, è parte di una logica di intolleranza che non aiuta chi ha queste forme di dipendenza. La scelta di smettere di fumare non può mai provenire da un clima di intolleranza e di obbligo. Smettere è una scelta che deve maturare dall’interno, e non un obbligo esterno. Più si alimenta questo clima di intolleranza (ripeto: io ho smesso e non sto cercando alibi per riprendere a fumare) e più – se l’obiettivo è convincere a smettere- si ottiene forse l’esatto contrario: il senso di accechiamento spesso contibuisce a creare cittadelle di assediati. Forse sbaglio, ma mi piacerebbe sapere se sono l’unico ex fumatore (e sottolineo ex) a trovare decisamente fastidioso, ad esempio, che le Ferrovie dello Stato...

        Commenta


        • #5
          se posso permettermi...(4)

          ...quando decidono di cancellare quell’unico vagone dove era permesso di fumare (e dove c’erano solo fumatori che erano lì per scelta, e ben contenti – pur di assecondare il proprio vizio- di sorbirsi il fumo passivo degli altri viaggiatori) pubblicizzano questa scelta con queste parole (cito dal sito FS): “Il diritto alla libertà di non fumare sarà così…anche a vantaggio dei fumatori che potranno approfittare delle ore trascorse in treno per ridurre la loro frequenza di consumo”. Insomma la mamma buona che si sostituisce a te nelle tue scelte…Non so, magari qualcuno troverà da ridire nella scelta di quest’esempio (ci sarà magari chi dirà di essere stato costretto a viaggiare nell’unica carrozza fumatori per mancanza di posti) o dell’altro della spiaggia, ma, al di là dei singoli esempi, cosa ne pensate di questo clima di intolleranza da crociata antitabagista in cui l’obiettivo non è il fumo passivo o le multinazionali del tabacco, ma il consumatore dipendente?

          Commenta


          • #6
            i paternalismi dello stato non mi sono mai piaciuti, ricordo quando vivevo nel Cile e dentro le confezioni medicinali non includevano i prospetti, perche' il paziente potesse diventare un burattino nelle mani del medico.
            se rileggi il messaggio su sidney ho solo riportato una notizia che ho trovato in internet, e mi sono astenuta dal fare commenti.
            d'altronde se tutti i fumatori fossero civili come te, non l'avrebbero nemmeno scritto.
            se mi domandi però cosa penso, ti dico che ognuno faccia come gli pare, e contemporanemante si faccia responsabile delle proprie scelte. sono una persona libera e libertaria.
            ho gli elementi come per aiutare a smettere chi me lo chiede, però. infatti di recente ho consigliato ad una persona di continuare a fumare. a volte per la psiche è peggio smettere e di questo ne sono assolutamente conscia.
            il problema dell'inquinamento sulla spiaggia c'entra col fumo eccome. una cicca ci mette 10 anni a smaltirsi nell'ambiente, pensa il catrame nei polmoni.

            Commenta


            • #7
              uau olmo nove/cento, ti stringo virtualmente la mano nove volte pr mille per quanto sono d'accordo con quello che hai scritto; ammiro anche i tuoi toni pacati: i toni che forse, nel mio entusiasmo pasionario di difensore delle discriminazioni non ho avuto io qualche giorno fa. (anche se, naturalmente, questo non rende comunque accettabile la pretesa della dottoressa gimenez di dare consigli sulla psiche delle persone; né rende il signor monnezza meno volgare per la sua prepotenza. In ogni caso, il mondo virtuale è bello perché tutti possono coesistere e scegliere con chi stare - sempre che abbiano la possibilità di farlo. Come ho scritto l'altro giorno, io mi dissocio dagli altri ma ti esprimo tutta la mia ammirazione. La Gina (che non fuma ma vuole bene alle persone tout-court, senza usare la discriminante del catrame)

              Commenta


              • #8
                finiamola di schierarci gli uni contro gli altri. è troppo infantile e inutile.
                invito i polemizzatori ad andarsene a creare combutta altrove. qua stiamo trattando seriamente un problema grave.
                io personalmente non ho altro tempo da perdere.
                invito la signora la gina a moderare i suoi toni ironici, sono distruttivi e non rispecchiano l'intenzione del forum che moderiamo.
                liliana gimenez

                Commenta


                • #9
                  aggì

                  aggì, che "preppotenza"?! nun ai capitun cacchio de
                  monnezza, che disse solo "volemose più bbene"... anch'annoi stessi.Te sei fumata pure la cocuzza?Non c'è proibizzionismo, perchè lle sigarette si possin vender ,stattene tranquilla: ma sette vene un canchero ai pormoni, capperi tua(ce stava meio un'artra parola, ma nun voiesser vorgare), e ppagalo in soldoni (ce stava meio un'artra rima, ma dopo me censurano)! Che' nun ciò vvoia de bruciamme le marchette... peffa' ffumare a tte le sigarette.
                  monnezza

                  Commenta


                  • #10
                    non ho ancora capito la gina se fuma o non fuma,e cosa ci fa nel forum. Lily pensa solo al bene che hai fatto ad altri e persone del genere bisogna solo ignorarle. Noi siamo tutti con te. Un bravo a monnezza, sei sempre all'altezza della situazione.

                    Commenta


                    • #11
                      stai tranquilla che ho imparato come si fa. dopo una nera esperienza (che ringrazio comunque, altrimenti come crescevo?) in un altro forum dove il moderatore doveva essere solo un bersaglio da torta in faccia per i pischelletti perditempo, ho "la pellicola" molto chiara.
                      anyway...
                      baci
                      lily

                      Commenta


                      • #12
                        sarutoni

                        abbronti, annuntarruffianà, ma che cacchio de artezza, me coioni? Sun arto un metrettrenta eppure gobbo(senz'uffese per la categgoria), comunque sarutoni.
                        monnezza

                        Commenta


                        • #13
                          Mah...

                          Sono alquanto perplesso...pensavo di aver proposto un tema di riflessione per tutti, speravo in valutazioni e commenti sullo specifico dei dubbi che -penso in modo garbato- sollevavo...e invece mi sembra che ci sia stata una sorta di "serrate le fila" per fronteggiare attacchi nemici...io non volevo nulla di tutto questo, non mi reputo un nemico da fronteggiare ma solo un ex-tabagista (anche se ex da poco) con delle idee che volevo mettere a confronto in questo forum; mi spiace che si sia reagito in questo modo piuttosto che esprimere pacificamente delle opinioni sul merito

                          P.S. I tempi di biodiegradabilità di una sigaretta si aggirano intorno agli 1/2 anni. Al di sotto ci sono i fazzoletti di carta (3 mesi),i resti di frutta e verdura (3 mesi), i giornali (3-12 mesi). Tempi superiori hanno invece le lattine di alluminio (10-100 anni),i piatti o bicchieri di plastica (100-1000 anni), i sacchetti di plastica (100-1000 anni),il polistirolo (1000 anni) e il vetro (oltre 1000 anni)

                          Commenta


                          • #14
                            monnezza non ti capisco, te lo gia detto una volta,scrivi in italiano.......chi dovrei ruffianarmi? tu? ma non farmi ridere, guarda che te l'ho detto in senso ironico che sei sempre all'altezza della situazione.......non montarti la testa.

                            Commenta


                            • #15
                              per olmo

                              la mia risposta non è quella di "tutti", se gli altri non si sono interessati al tuo argomento non prendertela con me.
                              non ho mai pensato che tu facessi combutta, infatti non mi sono riferita a te nei miei post. non veorrei dover cambiare idea...
                              ma... stiamo diventando paranoici da queste parti? meglio cambiamo post! forse questo contagia!
                              ;-) ly

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X