annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ai "Minori" ci pensiamo noi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ai "Minori" ci pensiamo noi

    Ai "Minori" ci pensiamo noi
    (a cura della Philip Morris)
    Non vogliamo che i MINORI fumino. Comprendiamo che possiate essere scettici. Dopo tutto, siamo uno dei produttori di sigarette più grandi al mondo; perché dovremmo impedire a qualcuno di fumare? La nostra risposta è semplice: la prevenzione del fumo tra i giovani ha un intrinseco valore commerciale. È quello che i nostri dipendenti, gli azionisti, i legislatori, i fumatori adulti e la società nel suo insieme si aspettano da noi. Non si può gestire un'impresa di successo senza tenere conto delle aspettative della società. E allora sì, la prevenzione del fumo tra i giovani fa parte dei nostri interessi commerciali. Ma va ben al di là di questo. Siamo anche convinti che impedire ai minori di fumare sia la cosa giusta da fare. In realtà, visti i gravi danni alla salute causati dai nostri prodotti, crediamo che impedire ai MINORI di fumare sia un nostro dovere. Prendiamo sul serio la nostra responsabilità sociale. E il fumo tra i giovani è un problema sociale. È improbabile che delle misure a breve termine e delle campagne antifumo una tantum possano risolverlo.Quello che occorre è un impegno costante e diffuso, e il nostro intento è quello di collaborare con tutta la società per elaborare una soluzione a lungo termine.

  • #2
    La diminuzione del fumo tra i giovani richiederà gli sforzi congiunti di molte categorie: genitori, fratelli, amici, educatori, dettaglianti, legislatori e altre aziende come la nostra. Siamo coscienti dell'importanza del nostro ruolo e contribuiremo attivamente alla ricerca di una soluzione. Se questo significa che in futuro venderemo meno sigarette, sia pure così. Ciò che conta è che siano sviluppati, finanziati e messi in pratica dei programmi efficaci, che abbiano come risultato una riduzione nel numero di giovani fumatori. Attualmente sosteniamo circa 100 programmi antifumo rivolti ai giovani in quasi 90 paesi, con l'obiettivo principale di insegnare ai ragazzi a dire di no al fumo e di stabilire delle leggi che impediscano loro di acquistare sigarette.
    Ultima modifica di pippofranco; 12/06/2013, 11:56.

    Commenta


    • #3
      Giu' le mani dai bambini

      di SILVIA PACELLA
      Marketing aggressivo. E' cosi' che lo definiamo. Dietro l'ingresso nelle scuole di PM, dietro le parole informazione e prevenzione potrebbero celarsi squallidi modi di adescare i nostri ragazzi per interessi puramente commerciali. E' incredibile che il MOIGE, piu' o meno ingenuamente, abbia permesso questa vera e propria promozione del marchio PM proprio tra coloro che sono particolarmente vulnerabili ai messaggi negativi che ogni giorno provengono da piu' parti (sport, idoli della tv e del cinema, moda). A tutti coloro che creano ambigue alleanze con i colossi del tabacco spcacciandosi per soggetti di buone vedute, diciamo: "Giu' le mani dai bambini!". La prevenzione e' una cosa seria, anzi sacra nei suoi intenti etici e nelle finalita'. Nella scuola i nostri figli devono essere tutelati e non esposti all'aggressione dei potenti. Li' devono entrare solo gli operatori della salute capaci. E propponiamo una formazione degli insegnanti alla selezione e alla scelta sia delle problematiche da affrontare, che delle competenze professionali da reclutare. La proposta di una guida alla salute nelle scuole e' gia' in cantiere. Ci stanno lavorando societa' scientifiche ed esperti... ma vi diremo meglio quando il lavoro potra' essere presentato.

      Commenta

      Sto operando...
      X