annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Condannato l'Ente tabacchi: sentenza storica

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Condannato l'Ente tabacchi: sentenza storica

    L'Eti dovrà pagare ai familiari di un uomo morto nel 1991
    200mila euro: non chiari i pericoli legati al consumo di sigarette
    Sentenza storica contro il fumo
    condannato l'Ente tabacchi


    ROMA - Così come accade da anni negli Stati Uniti, anche in Italia è stata emessa una sentenza che punisce un produttore di sigarette per la morte di un fumatore. E' la prima volta che un tribunale si pronuncia in materia, ed è una decisione storica per la giurisprudenza.

    La prima sezione civile della corte di appello di Roma ha infatti condannato l' Ente tabacchi italiani (Eti) a versare duecentomila euro ai familiari di Mario Stalteri, morto nel 1991, per le omissioni legate alla mancata informazione ai consumatori dei pericoli derivanti dal fumo.

    La decisione del collegio presieduto da Claudio Fancelli chiude un contenzioso aperto nel 1994 dai familiari di Stalteri contro l'Eti (successore dei Monopoli di Stato ed ora denominato, dopo la privatizzazione, British - American Tobacco Italia). Il produttore di sigarette italiano impugnerà il provvedimento davanti alla corte di Cassazione.
    I'm on a mission to never agree!

  • #2
    In primo grado, nell'aprile del 1997, il tribunale civile respinse la domanda di risarcimento, ritenendo che la causa del decesso fosse da attribuirsi a una scelta volontaria di Stalteri di fumare. La vedova del fumatore, Paola Giacalone, e il figlio Marcello si rivolsero alla magistratura, lamentando la mancata comunicazione ai consumatori di sigarette dei "gravi pericoli derivanti dal fumo".

    La corte di appello civile della capitale ha ritenuto, come spiegano i legali dei familiari di Stalteri, Giulio Ponzanelli e Vincenzo Zeno Zencovich, che la produzione e la messa in commercio di sigarette sia un'attività pericolosa per la salute umana. Il produttore, per i giudici, deve quindi adottare tutte le misure idonee ad evitare i danni ai consumatori. Nel corso del procedimento una consulenza medica stabilì che il tumore che aveva colpito Stalteri era riconducibile alle sigarette.

    La sentenza, oltre a dichiarare inammissibile l'intervento in giudizio del Codacons, ha condannato l'Eti a pagare agli eredi Stalteri anche 20 mila euro di spese legali, nonché tutte le spese della consulenza medica.
    Ultima modifica di pippofranco; 17/06/2013, 11:52.
    I'm on a mission to never agree!

    Commenta


    • #3
      sentenza storica

      Non sono d'accordo,
      se si decide di condannare l'eti al risarcimento dei familiari delle vittime del fumo bisognerebbe fare altrettanto con i familiari delle vittime dell'alcool, e sono vagonate di famiglie che hanno non solo perso il familiare ma in alcuni casi hanno subito per anni il comportamento violento dello stesso, e chi puo' calcolare il prezzo da risarcire a queste famiglie ?
      Poi potremmo parlare delle vittime delle grandi catene alimentari, le quali mettono sul mercato cibi ad alto rischio, spesso saturi di grassi e sodio, e si sa che alla lunga sono dannosi quasi quanto il fumo.
      Chi le risarcisce queste persone poco informate che si sono ipernutrite male per anni ?
      Chi le risarcisce tutte le vittime dell' inquinamento atmosferico presente nelle grosse metropoli ?
      Chi le risarcisce le vittime del fumo passivo ? l'eti o il genitore che ha fumato per vent'anni in faccia ai propri figli ?
      O condanniamo tutti o non condanniamo nessuno. O si sceglie un po' tutto con moderazione che non fa quasi mai troppo male e si mette d'accordo quasi tutti, oppure ci si astiene e si fa ancora meglio.

      Commenta

      Sto operando...
      X