annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tabaccai preoccupati

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tabaccai preoccupati

    Roma, 11:50
    SIGARETTE: TABACCAI PREOCCUPATI CALO VENDITE (-19.3%)

    A quasi un mese dall'entrata in vigore del divieto di fumo l'Assotabaccai-Confesercenti conferma la generale tendenza alla riduzione della vendita di sigarette che si attesta sul 19,3% (-14,2% al nord, -23,7% al centro e -20% al sud). Cio' significa una diminuzione del ricavo in media di circa 370 euro per ciascun esercizio poiche' ogni fumatore ha acquistato a gennaio 6 pacchetti di sigarette in meno. Per l'Erario la perdita del gettito stimabile (IVA+ Accisa pari al 75% del prezzo) e' di 163 milioni di euro per il primo mese di applicazione della legge. "L'Assotabaccai ribadisce la propria preoccupazione per questa riconfermata tendenza - si legge in una nota - e rilancia la richiesta di elevazione dell'aggio sui tabacchi dall'attuale 10% al 12%. Tale richiesta scaturisce non solo dalla contrazione delle vendite ma anche dal timore che nei prossimi mesi possano aumentare i costi per la revisione del sistema di distribuzione dei tabacchi. A cio' si aggiunge che i tabaccai stanno sempre di piu' assolvendo a compiti di esazione per conto delle Istituzioni e di servizio per i cittadini (riscossione bollo auto, canone rai, pagamento bollette) con guadagni che spesso sono irrisori a fronte dell'alto rischio criminalita' a cui quotidianamente sono esposti per il maneggio di ingenti somme di denaro nei giorni di punta". ()
    dal sito di repubblica
    I'm on a mission to never agree!

  • #2
    Quasi Quasi

    Poveri tabaccai e povero anche lo Stato. Quasi quasi mi rimetto a fumare. Anzi per rimborsarli di quello che hanno perso questo mese mi rimetterò a fumare il doppio.....

    Commenta


    • #3
      Esiste pure un assotabaccai!!

      Basta alla pubblicità indiretta delle sigarette!?
      Secondo me è troppo poco. Le multinazionali del tabacco continuanio ad avere funzioni marketing a pieno regime, continuano a porsi dei target (oggi soprattutto i giovani, che ancora non hanno capito la trappola), ad elaborare i pacchetti con colori accattivanti.
      Basta marketing sulle sigarette, basta targeting, basta sponsorizzazioni, basta packaging! Il nome e il logo che appare sui pacchetti deve essere usato solo per le sigarette, e non per altro!
      I'm on a mission to never agree!

      Commenta


      • #4
        Problema

        ....non mi torna la differenza tra nord e centro-sud, non vorrei che la differenza nel calo, a livello statistico, lo facesse l'aumento del contrabbando di sigarette.
        Rischia di diventare un guaio ancor più grosso se si considera (o almeno a me risulta) che le previsioni di entrate monetarie dalle sigarette erano considerate in crescere per i prossimi tre anni.

        .....va bene mettiamola così, oggi ho 215 euro in più al mese per pagare eventuali tasse.....(due pacchetti al gg di Merit).

        N.B. cosa non si fa per la propria coscienza

        Commenta

        Sto operando...
        X