annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ipertensione: controlli approssimativi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ipertensione: controlli approssimativi

    Solo i 2/5 dei medici di famiglia conosce le linee guida sull'ipertensione. I medici spendono poco tempo per spiegare ai pazienti i rischi dell'ipertensione e spesso si concentrano soprattutto sull'abbassamento dei valori pressori senza tener conto della complessita' di questo disturbo, da curare, secondo gli esperti, tenendo conto di diverse variabili come eta', sesso, presenza di altre malattie. Non solo. Tra i medici di famiglia soltanto 2 su 5 conoscono le linee guida per il controllo dell'ipertensione, messe a punto dagli specialisti. A denunciare il fenomeno e' Massimo Volpe direttore della Cattedra di Cardiologia della Seconda Facolta' di Medicina alla Sapienza di Roma, a margine del XIV Meeting Europeo di ipertensione, in corso a Parigi fino al 17.

  • #2
    continua...

    ''L'ipertensione - ha spiegato Volpe - e' ormai una vera epidemia: ne soffre il 30-35% della popolazione. Ma solo il 10% viene curato adeguatamente''. Colpa sopratutto della difficolta' da parte dei pazienti a considerare il disturbo come vero pericolo del sistema cardiovascolare, con gli aumentati rischi di infarto e ictus. ''Il tempo dedicato a spiegare al paziente la sua malattia e' mediamente scarso - precisa Volpe - e spesso tutto si riduce a tenere la pressione nei limiti, al di sotto dei 140-80, mentre sarebbero consigliabili strategie di cura che tengano conto del singolo paziente''. Un esempio per tutti: una persona sana, senza nessun altro fattore di rischio, con la pressione che misura anche 160-90 ha un rischio cardiovascolare assai minore di un diabetico con la pressione a 120-80. ''Ma i medici - lamenta l'esperto - focalizzano la loro attenzione su chi ha la pressione piu' alta''. Il problema si acuisce quando pensiamo che molti medici non chiedono neppure al paziente se fuma o no. Il Fumo e' un pesante fattore di rischio anche per l'ipertensione.

    Commenta

    Sto operando...
    X