annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

MIT - Micro Immuno Terapia

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • MIT - Micro Immuno Terapia

    (Tratto da: labolife.it)


    NASCITA della MICRO IMMUNO TERAPIA

    Come tante altre avventure del settore medico-farmaceutico, il progetto della Micro-immunoterapia nasce dalla straordinaria intuizione di un brillante medico, il Dr. Maurice Jenaer.

    Il Dr. Jenaer, di formazione classica (laureato in Medicina e chirurgia nel 1950) ha saputo integrare i fondamenti della medicina classica con la conoscenza dei principi dell’omeopatia, la sua grande passione, dando vita ad un approccio terapeutico innovativo.

    La sua idea? Somministrare RNA-DNA dinamizzato in alte diluzioni a pazienti affetti da diversi tipi di tumore nell’intento di stimolarne le difese immunitarie. Il risultato fu incoraggiante! Eravamo nel lontano 1967. Ed è proprio allora che vide la luce la Micro-immunoterapia.

    A partire da quel momento e per più di 40 anni, il Dr. Jenaer ha proseguito la sua ricerca per far progredire la scienza, sempre al servizio dei pazienti e dei medici. È quindi in quest’ottica che ha sviluppato la Micro-immunoterapia, la medicina del futuro in grado di rispondere ad alcune domande che, fino ad allora, sembravano destinate a rimanere prive di risposte.

    segue..
    sito sanihelp

  • #2
    Re: MIT - Micro Immuno Terapia

    (Tratto da: labolife.it)


    Il SISTEMA IMMUNITARIO


    Il sistema immunitario è il miglior alleato del nostro organismo nella lotta contro gli agenti patogeni. La Micro-immunoterapia, da parte sua, è un’alleata efficace del sistema immunitario.

    Oggi il nostro corpo deve affrontare inquinamento, agenti cancerogeni, tossine e prodotti chimici, oltre a virus, batteri e parassiti che, negli ultimi decenni, hanno continuato a svilupparsi e a trasformarsi. Per difendersi da queste aggressioni, il nostro organismo dispone di un solo strumento efficace: il sistema immunitario.

    Affinché il sistema immunitario possa affrontare tutte queste potenziali cause di malattie, il suo meccanismo, così preciso, deve funzionare in maniera efficace.
    I responsabili del controllo di questo meccanismo sono molecole endogene che svolgono un’importantissima funzione di regolazione immunitaria, come le citochine, gli ormoni e gli acidi nucleici.

    Sono svariati i fattori che possono causare un malfunzionamento del sistema immunitario, tra cui lo stress e una cattiva alimentazione.
    Questa degradazione immunitaria può condurre all’insorgenza di diverse malattie, come tumori (solidi o linfomi), malattie neurologiche, riattivazioni virali (CMV, EBV, epatite, herpes, HPV,…), affaticamento cronico, allergie e diverse reazioni infiammatorie.

    segue..
    sito sanihelp

    Commenta


    • #3
      Re: MIT - Micro Immuno Terapia

      (Tratto da: labolife.it)


      La MICRO-IMMUNOTERAPIA

      La Micro-immunoterapia è una terapia innovativa applicabile a diverse patologie, siano esse acute o croniche, dovute ad un disequilibrio del sistema immunitario.
      I farmaci di Micro-immunoterapia svolgono una funzione di regolazione immunitaria per potenziare e armonizzare le difese del nostro organismo.

      Questi farmaci presentano, all’interno della loro composizione, sia citochine che acidi nucleici (DNA, RNA, SNA®) scelti in funzione della patologia da trattare e preparati ad altissime diluzioni, in modo tale da garantirne la sicurezza totale.

      La Micro-immunoterapia, inoltre, può contare su un’ulteriore arma per restituire al sistema immunitario tutto il suo potenziale in funzione delle patologie riscontrate: si tratta della modulazione delle diluzioni secondo il principio farmacologico di Arndt-Schultz, che sfrutta diverse diluzioni per modulare, frenare o stimolare le azioni del sistema immunitario.

      I farmaci di Micro-immunoterapia Labo’Life si presentano sotto forma di trattamenti sequenziali rispettosi della fisiologia immunitaria. Queste sequenze fisiologiche – all’interno delle quali le diluzioni dei ceppi variano di giorno in giorno (in cicli da 5 o 10 giorni) – sono tese a trasmettere il messaggio adeguato al sistema immunitario tramite una serie di risposte fisiologiche in sequenza (cascata di citochine).

      segue..
      sito sanihelp

      Commenta


      • #4
        Re: MIT - Micro Immuno Terapia

        (Tratto da: labolife.it)


        La MICRO-IMMUNOTERAPIA

        Le sostanze contenute nei nostri farmaci vengono somministrate per via sub-linguale (sotto la lingua) e captate dal sistema linfatico, il quartier generale della reazione immunitaria. La somministrazione per via sublinguale garantisce la migliore ricezione dell’informazione da parte della struttura immunologica delle cellule dell’organismo, particolarmente densa in questa zona.

        La Micro-immunoterapia si presenta, al contempo, come una terapia classica, dato che utilizza le citochine scoperte, sintetizzate e sperimentate dall’immunologia, e omeopatia, dato che al suo interno si ritrova la modalità di preparazione tipica dei rimedi omeopatici e il ricorso all’infinitesimale (che ne giustifica la denominazione “micro”).

        La Micro-immunoterapia non si sostituisce al sistema immunitario, non lo forza e non ne blocca il funzionamento. Lo informa in maniera delicata e sottile.
        La Micro-immunoterapia è, per sua natura, compatibile se non sinergica rispetto a qualunque altro trattamento.


        segue..
        sito sanihelp

        Commenta


        • #5
          Re: MIT - Micro Immuno Terapia

          (Tratto da: labolife.it)


          COMPONENTI delle FORMULE di MICRO-IMMUNOTERAPIA

          La Micro-immunoterapia utilizza alte diluzioni di sostanze immunocompetenti di sintesi, ad esclusione di qualsivoglia ceppo di origine umano o animale, che consentono di modulare la risposta immunitaria dell’organismo per ristabilire l’equilibrio biologico. Le componenti fondamentali delle formule di Micro-immunoterapia sono:

          • le citochine e
          • gli acidi nucleici specifici (SNA®).



          Le citochine

          Le citochine sono proteine specializzate che organizzano la comunicazione tra le diverse unità del sistema immunitario, come i linfociti, i macrofagi ed altre cellule, ed intervengono nella risposta immunitaria a fronte di qualsivoglia aggressione all’organismo.
          Potremmo descrivere le citochine come lA voce del sistema immunitario.
          Le citochine non solo svolgono la propria funzione sulle cellule che le hanno prodotte (effetto autocrino), ma agiscono anche a distanza su organi o tessuti (effetto endocrino).
          Vengono prodotte solo a seguito di un’attivazione cellulare e di norma non si trovano nelle cellule a riposo.
          Le principali citochine note oggi sono le interleuchine (classificate da IL-1 a IL-35), gli interferoni (IFN-α, β e γ), i fattori di crescita (CSF, TGF, ecc.), i fattori di necrosi tumorale (TNF-α e -β) e le chemochine.
          Avendo un ruolo “informativo”, le citochine costituiscono la base delle formule di Micro-immunoterapia.

          segue..
          sito sanihelp

          Commenta


          • #6
            Re: MIT - Micro Immuno Terapia

            (Tratto da: labolife.it)


            Gli ACIDI NUCLEICI SPECIFICI SNA®

            L’SNA® (Specific Nucleic Acid) è un oligonucleotide di sintesi, di dimensioni contenute, omologo ad una sequenza di un determinato gene.
            Si fonda su una modalità di funzionamento inerente alla fisiologia delle cellule del sistema immunitario, essendo l’informazione di una porzione di gene.
            Adattato ad ogni formula di Micro-immunoterapia, l’SNA® frena o modula l’espressione di un gene caratteristico dell’aggressore responsabile della patologia.

            Illustriamone il funzionamento con un esempio: in caso di infezione virale (l’herpes, per esempio), il virus sfrutta il meccanismo di riproduzione cellulare per moltiplicarsi nell’organismo infettato. È una “strategia” classica applicata dai virus: sfruttare i ribosomi del loro ospite per proliferare.
            L’SNA® in Micro-immunoterapia trasporta un’informazione specifica che contrasta la replicazione del virus. In questo caso, la Micro-immunoterapia propone e offre un sostegno al corpo nella sua lotta antivirale grazie all’SNA®.
            Nel 2002 il laboratorio Labo'Life ha depositato gli SNA® nell’ambito di un brevetto internazionale.

            segue..
            sito sanihelp

            Commenta


            • #7
              Re: MIT - Micro Immuno Terapia

              (Tratto da: labolife.it)

              Le DOMANDE più FREQUENTI sulla MCRO-IMMUNOTERAPIA

              → Perché il mio medico mi prescrive la Micro-immunoterapia?
              Per svariati motivi. Innanzitutto per migliorare lo stato di salute generale.
              La Micro-immunoterapia aiuta l’organismo a ritrovare il suo potenziale di azione.
              In secondo luogo, per aiutare l’organismo a sopportare meglio una terapia classica (come la chemioterapia, per esempio).
              La Micro-immunoterapia, infatti, non si presenta come un trattamento sostitutivo, bensì complementare.
              Infine, le formule specifiche di Micro-immunoterapia svolgono una propria azione sulle cellule target.


              → Quali sono le principali applicazioni di questa terapia?
              La funzione generale svolta dalla Micro-immunoterapia consiste nell’aiutare il sistema immunitario.
              Questa terapia consente al nostro sistema di difesa di ripristinare la sua modalità di funzionamento.
              Il trattamento di Micro-immunoterapia viene prescritto ogni qualvolta si sospetta un disturbo al sistema immunitario, come accade per la maggior parte delle patologie.
              La terapia trova due ambiti di applicazione: in caso di malattie acute e in caso di malattie croniche.
              In ultima analisi, le applicazioni della Micro-immunoterapia sono molto ampie.

              → Quali sono i risultati della Micro-immunoterapia?
              La finalità perseguita dalla Micro-immunoterapia consiste nel rimettere in sesto il sistema immunitario. Il trattamento restituisce al sistema di difesa dell’organismo tutto il suo potenziale di azione.

              segue..
              sito sanihelp

              Commenta


              • #8
                Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                (Tratto da: labolife.it)

                Le DOMANDE più FREQUENTI sulla MCRO-IMMUNOTERAPIA


                → Qual è l’obiettivo della tipizzazione linfocitaria, della sierologia e del profilo protetico?
                Nei casi più complessi come le infezioni croniche, le malattie auto-immuni, le infiammazioni croniche, ecc., il medico, per poter garantire una corretta applicazione della Micro-immunoterapia, deve conoscere in maniera approfondita il sistema immunitario del paziente.
                A tal fine, il medico ricorre ad alcuni strumenti di analisi biologica, come la tipizzazione linfocitaria, la sierologia e il profilo proteico.
                La tipizzazione linfocitaria consente di accertare, in maniera non specifica, la situazione in cui versa il sistema immunitario del paziente in un determinato momento, a seconda di un dato stato clinico.
                Questa analisi offre un aiuto efficace alla diagnosi e al monitoraggio dell’evoluzione della malattia durante il trattamento.
                La sierologia consente al medico di mettere in evidenza le cicatrici biologiche infettive e, pertanto, di stabilire quali siano i fattori che scatenano o aggravano una patologia.
                Il profilo protetico consente di valutare lo stato infiammatorio del paziente, di verificarne l’immunità umorale e lo stato nutrizionale in corrispondenza di un determinato momento e per una determinata patologia.

                segue..
                sito sanihelp

                Commenta


                • #9
                  Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                  (Tratto da: labolife.it)

                  Le DOMANDE più FREQUENTI sulla MCRO-IMMUNOTERAPIA


                  → Quali patologie possono essere trattate con la Micro-immunoterapia senza un bilancio immunitario preliminare?
                  Alcune patologie possono essere trattate in Micro-immunoterapia senza bilancio immunitario iniziale (con riserva di successiva diagnosi). Per esempio le patologie legate a:
                  • infezioni acute;
                  • HPV;
                  • chlamydia trachomatis;
                  • episodi infettivi invernali ripetuti nell’adulto o nel bambino;
                  • processi tumorali;
                  • reazioni infiammatorie acute;
                  • ecc.

                  Vi sono poi altre patologie – come, ad esempio, le infezioni croniche, le epatiti B, C, B+D, le malattie auto-immuni, i disturbi cronici (legati all’EBV, al CMV, alla toxoplasmosi), la sindrome da affaticamento cronico – che richiedono, invece, un bilancio immunitario prima dell’inizio della terapia.

                  segue..
                  Ultima modifica di anna1401; 08/07/2014, 18:25.
                  sito sanihelp

                  Commenta


                  • #10
                    Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                    (Tratto da: labolife.it)


                    I FARMACI LABO' LIFE - INFORMAZIONI GENERALI


                    1. È un farmaco?

                    Sì, i prodotti Labo’Life sono farmaci a tutti gli effetti. Sono notificati in conformità alle diverse legislazioni in materia farmaceutica in vigore nei paesi produttori e distributori. I farmaci Labo’Life, peraltro, sono disponibili solo in farmacia.


                    2.Di che farmaco si tratta?

                    I farmaci prodotti dal laboratorio Labo’Life sono farmaci di Micro-immunoterapia che rientrano nella categoria dei farmaci omeopatici per quanto riguarda la modalità di produzione, ma che utilizzano dei ceppi (materie prime) di tipo immunologico.


                    3. Come devo conservare i farmaci?

                    I farmaci di Micro-immunoterapia devono essere conservati a temperatura ambiente, vale a dire tra i 20° e i 25° C, al riparo da luce e umidità. È dunque sconsigliato conservarli in bagno, per esempio. Si consiglia inoltre di evitare di conservarli vicino ad una fonte di onde elettromagnetiche, come un forno a micro-onde, telefoni cellulari, ecc.


                    4. Il foglietto illustrativo del farmaco non specifica a cosa serve, perché?

                    Attualmente tutti i farmaci Labo’Life sono notificati presso le organismi ministeriali nazionali. Nelle notifiche i farmaci omeopatici vengono riportati come “senza indicazione terapeutica”. I foglietti illustrativi contenuti nelle confezioni, quindi, non precisano alcuna indicazione terapeutica. Inoltre, ai sensi della normativa, non è obbligatorio accludere un foglietto illustrativo alla confezione. La società Labo’Life ha però deciso di inserirlo per fornire maggiori informazioni ai pazienti.

                    segue..
                    Ultima modifica di anna1401; 08/07/2014, 18:25.
                    sito sanihelp

                    Commenta


                    • #11
                      Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                      (Tratto da: labolife.it)


                      I FARMACI LABO' LIFE - INFORMAZIONI GENERALI


                      5.Quali sono gli effetti secondari del trattamento?


                      I farmaci Labo’Life sono farmaci omeopatici (direttiva europea 2001/83/CE art. 14). Dato che viene utilizzata una dose molto ridotta di prodotto, gli effetti secondari sono molto pochi, rispetto ai farmaci allopatici.
                      In alcuni casi, si possono manifestare dei disturbi alla digestione a fronte dell’assunzione a digiuno del farmaco. In tal caso, è preferibile assumere il farmaco circa un’ora dopo il pasto.
                      I farmaci Labo’Life, come tutti i farmaci omeopatici, contengono una piccola quantità di lattosio, che può provocare effetti secondari in pazienti intolleranti a questo tipo di zucchero.
                      I granuli di una dose (sotto forma di capsula) contengono 80 mg di lattosio. A titolo di raffronto, 100 g di latte scremato ne contengono 5.0 g, vale a dire 62,5 volte in più.
                      Una persona intollerante al lattosio può dunque provare ad assumere il farmaco e verificare poi se lo sopporta.
                      In caso contrario, molti omeopati consigliano di far sciogliere i granuli in un bicchiere contenente un po’ di acqua minerale e poi di lasciare questa soluzione il più a lungo possibile in contatto con la mucosa sublinguale.
                      Quando il sistema immunitario reagisce al trattamento, può manifestarsi un incremento dei sintomi.
                      Si tratta di una circostanza del tutto normale nei primi quindici giorni di terapia.
                      È un fenomeno naturale in omeopatia. In tal caso è necessario proseguire il trattamento e i sintomi diminuiranno poco a poco. Se i sintomi persistono, consultare il medico.

                      segue..
                      sito sanihelp

                      Commenta


                      • #12
                        Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                        (Tratto da: labolife.it)


                        I FARMACI LABO' LIFE - INFORMAZIONI GENERALI


                        6.Posso interrompere un trattamento allopatico mentre assumo i farmaci di Micro-immunoterapia ?

                        No. Se seguite già un trattamento allopatico, solo il vostro medico può dirvi di interromperlo. Non dovete mai decidere da soli di interrompere il trattamento solo perché assumete un farmaco di Micro-immunoterapia. Analogamente, quando consultate il vostro medico omeopata, non dimenticate di precisargli quali altri farmaci assumete. La Micro-immunoterapia, tra l’altro, può svolgere un’azione complementare rispetto a terapie convenzionali quali chirurgia, chemioterapia,…

                        7.Come viene prodotto un farmaco di MI Labo’Life?

                        I ceppi (le materie prime) vengono analizzati dal laboratorio di controllo e liberati dal farmacista responsabile prima del passaggio a diluzioni omeopatiche (in CH o K a seconda dei ceppi). Dopodiché i granuli vengono impregnati con le soluzioni omeopatiche e, infine, inseriti in capsule.
                        Le capsule vengono analizzate dal laboratorio di controllo per verificarne la conformità, poi vengono inserite in blister e, infine, confezionate.
                        Il prodotto finito viene controllato nuovamente dal laboratorio di controllo prima di essere liberato dal farmacista responsabile ed immesso sul mercato.

                        segue..
                        sito sanihelp

                        Commenta


                        • #13
                          Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                          ](Tratto da: labolife.it)


                          I FARMACI LABO' LIFE - INFORMAZIONI GENERALI


                          8. Da dove provengono le materie prime?

                          Per quanto concerne le capsule, i granuli, l’alcool e i materiali di confezionamento, le materie prime provengono da società di riferimento nel mondo farmaceutico. I ceppi di tipo immunologico (il 95% dei ceppi) vengono prodotti con la tecnica del DNA ricombinante. Nessun ceppo è quindi di origine umana.
                          I ceppi vengono prodotti, nella maggior parte dei casi, senza coadiuvanti di origine animale.
                          Questi diversi fattori consentono di garantire la sicurezza virale dei nostri farmaci.
                          I ceppi dispongono tutti di un certificato di analisi del produttore e vengono analizzati dai laboratori di controllo di Labo’Life prima di essere utilizzati, in modo tale da garantirne la qualità.

                          9. I componenti sono pericolosi? Ho letto che nella composizione del prodotto si trovano interferoni e il Fattore di necrosi tumorale.

                          I farmaci Labo’Life sono farmaci omeopatici. I componenti vengono quindi diluiti moltissime volte prima di entrare nella composizione dei nostri farmaci. Alle diluzioni utilizzate non vi è più alcuna tossicità, dato che i ceppi non sono più in dose ponderale, come nei farmaci allopatici, ma sotto forma di diluzioni omeopatiche.

                          10.Ci sono dei numeri sul blister. Perché?

                          Le formule dei farmaci Labo’Life sono sequenziali. Significa che seguono una logica (sequenza) per rispettare al meglio la cascata delle citochine della reazione immunitaria a cui punta il farmaco. La composizione di ogni capsula è quindi diversa. È il motivo per cui sui blister e’ riportata una specifica numerazione: in questo modo il paziente non potrà sbagliarsi al momento di assumere il farmaco.

                          segue..
                          sito sanihelp

                          Commenta


                          • #14
                            Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                            (Tratto da: labolife.it)


                            I FARMACI LABO' LIFE - INFORMAZIONI GENERALI


                            11. Perché ci sono capsule di colori diversi?

                            I farmaci di Micro-immunoterapia sono farmaci sequenziali. Significa che hanno una composizione diversa per ogni capsula, in modo tale da rispettare al meglio la cascata delle citochine della reazione immunitaria a cui punta il farmaco. Per consentire al paziente di visualizzare questa sequenza logica, le capsule non sono tutte dello stesso identico colore, ma presentano gradazioni diverse. Inoltre, i farmaci vengono presentati in scatole da tre blister di 10 capsule ciascuna, in sequenza da 5 o 10 capsule. Nel caso delle sequenze da 10 capsule, nello stesso blister sono presenti due colori: il blu e poi il rosso. Nel caso delle sequenze da 5 capsule, invece, nel blister si trova un solo colore: o il rosso o il blu.

                            12. Avevo delle capsule blu, adesso sono rosse


                            A seconda del farmaco, il colore delle capsule cambia: alcuni farmaci hanno sequenze di capsule rosse; altri sequenze di capsule blu. Alcuni farmaci, poi, hanno sequenze di capsule blu e poi rosse.
                            Se prima avevate delle capsule blu e adesso sono rosse, significa che il medico vi ha cambiato trattamento oppure che c’è stato un errore nella prescrizione.
                            Dovete quindi verificare il nome riportato sulla scatola e se non corrisponde al vostro farmaco, dovete contattare il vostro medico per verificare se non vi abbia prescritto un altro farmaco. In caso contrario, contattate il farmacista che vi ha dispensato il farmaco per segnalargli l’errore.

                            segue..
                            sito sanihelp

                            Commenta


                            • #15
                              Re: MIT - Micro Immuno Terapia

                              (Tratto da: labolife.it)


                              I FARMACI LABO' LIFE - INFORMAZIONI GENERALI


                              13. I bambini possono assumere i farmaci Labo’Life ?

                              I farmaci Labo’Life sono adatti a tutti. Non vi è alcuna contro-indicazione per cui un farmaco di Micro-immunoterapia non possa essere prescritto ad un bambino.

                              14. Sono incinta, posso assumere questo tipo di farmaco?


                              Come per ogni farmaco, in caso di gravidanza, è necessario informare il proprio medico prima di assumere questo farmaco. I due periodi più delicati della gravidanza sono il primo trimestre e il terzo. Per cui non esitate a chiedere consiglio al vostro medico, che valuterà il rapporto rischi/benefici del trattamento. Tuttavia i farmaci di Micro-immunoterapia sono farmaci omeopatici, che, di per sé, non sono sconsigliati alle donne in stato di gravidanza.
                              15.Ho un’intolleranza al lattosio, posso assumere i farmaci Labo’Life ?

                              I farmaci Labo’Life vengono prodotti con globuli omeopatici costituiti per l’80% di saccarosio e per il 20% di lattosio. Una capsula contiene 400 mg di globuli e quindi 80 mg di lattosio. A titolo di raffronto, 100 g di latte scremato ne contiene 5,0 g, quindi 62,5 volte in più. Una persona intollerante al lattosio può provare ad assumere il farmaco e verificarne la tollerabilita’. In caso contrario, molti omeopati consigliano di far sciogliere i granuli in un bicchiere contenente un po’ di acqua minerale e poi di lasciare questa soluzione il più a lungo possibile in contatto con la mucosa sublinguale. Questo accorgimento, in generale, consente al paziente intollerante di assumere farmaci omeopatici, anche se contengono una piccola dose di lattosio.

                              segue..
                              sito sanihelp

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X