annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Labirintite?! Sinusite?!...

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Labirintite?! Sinusite?!...

    Buongiorno Dottor Valesi,
    oggi sarei dovuto partire per le ferie dopo un anno di lavoro...ho prenotato il volo e tutto ma.....alla fine non sono andato da nessuna parte.
    fino a ieri sera ero in gran forma ma questa mattina ho avuto paura quasi di morire e ancora adesso sto da schifo .... le spiego meglio.....ero sdraiato sul letto e ogni volta che spostavo la testa da destra a sinistra avevo delle vertigini tremende con nausea insopportabile. Mi sono alzato e facevo fatica a mantenermi in equilibrio e andare dritto. Subito dopo ho vomitato dalla nausea. Poi ho provato ad abbassare la testa e le vertigini si accentuavano. Dopo qualche ora stando in piedi provavo leggero sollievo cosi' ho provato a sdraiarmi diritto sul letto e a muovere la testa da destra a sinistra e la nausea e le vertigini erano sempre terribili. ho accusato anche movimenti oculari involontari. Ho il naso chiuso e di notte respiro con la bocca.
    Sento come se avessi un sacco di muco che mi galleggia in testa ma non ho tosse o catarro o mal di testa. Piu' tardi vado a farmi visitare. secondo lei Dottor Valesi che cavolo puo' essere ?

    grazie di cuore.

  • #2
    Puo' essere un attacco di "labirintite"; vai dal medico, fatti controllare la pressione, poi fai risapere qualcosa.
    ciao
    dr. vincenzo valesi sanihelp

    Commenta


    • #3
      Dottor Valesi la ringrazio sinceramente per avermi risposto.
      Sono stato dal mio medico di base, ho spiegato i sintomi e pare si tratti appunto di labirintite. Credo ( ma non sono sicuro ) che in gergo medico si tratti di vertigine parossistica posizionale o almeno da quello che ho letto in giro.
      La pressione del sangue e' perfetta. Una settimana fa ho fatto analisi del sangue complete risultate molto buone.
      Secondo il dottore potrebbe essere anche una concausa dell' ansia e dovrei consultare uno psicologo.
      Ma troppo spesso il mio dottore attribuisce le cause all'ansia non sono convintissimo che sia sempre quella.
      Mi ha prescritto 8 mg di betahistine hydrochloride.
      Ancora adesso mi sento girare la testa se faccio movimenti repentini e ho un vago senso di nausea. spero che se veramente si tratta di labirintite ci sia una cura definitiva.

      Commenta


      • #4
        betaistina

        Fai la cura regolarmente, evita per l'appunto bruschi movimenti del capo e vedrai che nel giro di qualche giorno i disturbi si attenueranno fino a scomparire. Il dosaggio consigliato di betaistina è di 1 compressa da 8 mg x 3 volte al giorno per qualche giorno, riducendo eventualmente a 1x2 quando la sintomatologia vertiginosa si è completamente risolta ancora per qualche giorno, poi a una ancora per qualche giorno prima di una eventuale sospensione.
        dr. vincenzo valesi sanihelp

        Commenta


        • #5
          Buongiorno Dott.Valesi ,
          ieri sera ho cominciato la cura. Oggi mi sento abbastanza male anche se sto in piedi. Ho le vertigini e nausea . Mi sento come uno che ha bevuto una bottiglia di whisky. Caro Dottore secondo lei si guarisce per sempre da questo hangover naturale ?

          grazie troppo gentile

          Commenta


          • #6
            ciao Russel

            ciao, vorrei intromettermi sulla discussione che stai avendo con il dott. Valesi, anche se io non sono un medico ma una semplice pianista. Fatto sta che io 2 anni fa ho avuto i tuoi stessi precisi sintomi. Sono andata da un neurologo (tra l'altro un mio cugino) stavo malissimo. Appena poggiavo la testa sul cuscino girava tutto vorticosamente intorno, nausea..mio cugino ha detto di consultare un bravo otorino, escludendo altre cause. L'otorino mi ha detto, con varie ricerche, che avevo degli "otoliti" nell'orecchio interno che, invece di stare al posto loro, si sono spostati andando a mettersi nel labirinto, sede appunto dell'equilibrio. Come si cura?..non si cura, ma si fa una manovra (che non ricordo come si chiama) in cui il medico ti fa stare in una posizione particolare e poi ti gira di scatto la testa dall'altra parte (bisogna saperla fare, è chiaro!). Fatto! Tutto passato! Ero rinata. Dopo un anno, stessi sintomi, altra piccola manovra...e zac! Per incanto tutto è passato. Chissà se potrebbe essere anche il tuo caso! Fammi sapere, ciao

            Commenta


            • #7
              Ciao Diesis, adesso vedo come va la cura con betaistina, sono antivertiginosi atti all'inibizione di nausea e vomito. Ho sentito anche io di questa terapia fisica detta manovra liberatoria che sfrutta l'accelerazione e la forza di gravita'. non lo so. so solo che cio' una nausea schifosissima. Grazie e buona giornata.

              Commenta


              • #8
                Quando ti gira, dove ti gira?

                di G. Nolè, S. Abriola, R. Cantore, G. De Cunto, L. Santandrea, F. Pisani
                Ambulatorio di Audiologia, Vestibologia, Foniatria
                Unità Operativa di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale
                Azienda Ospedaliera "San Carlo" - Potenza

                Negli ultimi anni si è osservato un affinamento delle tecniche diagnostiche vestibolari, grazie agli studi di Pagnini, Semont, Epley, etc. Di fronte alla tipica frase del paziente: "Mi gira la testa quando giro la testa", il medico, talvolta, non sapeva dove sbattere la testa.
                sito sanihelp

                Commenta


                • #9
                  continua

                  Il povero paziente cominciava una lunga - "via crucis" -: "facciamo la radiografia della colonna cervicale, vediamo il flusso nei vasi sovraortici, consultiamo il neurologo, interpelliamo il fisiatra, etc", intanto nei pazienti più fortunati la vertigine scompariva, in quelli meno fortunati si annidava l’idea che, forse, era tutto su base ansiosa o che nessuno aveva capito niente! Come dicevamo in precedenza, ad un certo punto (fine degli anni Ottanta), gli studiosi su menzionati osservarono che alcuni tipi di vertigine erano evocabili con particolari tipi di manovre e curabili con altre. Si cominciò a parlare con insistenza delle vertigini parossistiche posizionali benigne. Tali vertigini rappresentano circa il 20% di tutte le vertigini.
                  sito sanihelp

                  Commenta


                  • #10
                    Presentano caratteristiche peculiari:

                    a) insorgono improvvisamente, quando la testa assume una posizione ben definita nello spazio: ruotare la testa nel letto oppure sollevarsi dal letto;
                    b) hanno durata breve (pochi secondi, non superano mai il minuto), con una sintomatologia intensissima;
                    c) sono benigne in quanto evolvono, nella maggior parte dei casi, verso la guarigione;
                    d) si associano ad una sintomatologia neurovegetativa imponente.
                    sito sanihelp

                    Commenta


                    • #11
                      continua

                      L’etiopatogenesi di queste vertigini non è ben definita. Sappiamo che, per cause diverse (virali, vascolari, post-traumatiche, idiopatiche, etc.), i cristalli di carbonato di calcio presenti a livello della macula dell’utricolo si distaccano e si vanno ad accumulare a livello del braccio ampollare o non ampollare del canale semicircolare laterale o posteriore, con effetto tappo. I movimenti della testa in senso laterale (voltarsi nel letto) o in senso postero-anteriore (alzarsi dal letto) determinerebbero il movimento degli otoliti, con conseguente stimolazione dell’endolinfa e delle creste ampollari, e quindi lo scatenamento delle vertigini.
                      sito sanihelp

                      Commenta


                      • #12
                        continua

                        Le manovre diagnostiche a Nostra disposizione ci permettono di individuare il canale semicircolare irritato dalla presenza degli otoliti, e di conseguenza attuare le manovre liberatorie più idonee. Nel caso di vertigine parossistica posizionale benigna del canale semicircolare laterale utilizzeremo, per la diagnosi, la manovra di Pagnini, che permette di studiare il nistagmo, il quale è di tipo orizzontale geotropo (batte verso il basso) o apogeotropo (batte verso l’alto). La terapia consiste nell’allontanare gli otoliti mediante manovra liberatoria a barbecue (far ruotare a scatto il paziente di 270° o 360°), associata alla Posizione Liberatoria Coatta secondo Vannucchi.
                        sito sanihelp

                        Commenta


                        • #13
                          continua

                          Nel caso di vertigine parossistica posizionale benigna del canale semicircolare posteriore, utilizzeremo la manovra diagnostica di Semont o di Dix-Hallpike, che permette di individuare un nistagmo rotazionale antiorario (se è interessato il canale semicircolare posteriore destro), orario (se è interessato il canale posteriore sinistro). La terapia consiste nell’utilizzo delle manovre liberatorie di Semont o di Epley. In presenza di una sindrome vertiginosa rotatoria ed intensa, prima di pensare ad una possibile causa extralabirintica, è indispensabile, oggi, accertare o escludere che il disordine dell’equilibrio sia evocato da una determinata posizione.
                          sito sanihelp

                          Commenta


                          • #14
                            continua

                            Nel caso di vertigine posizionale, il paziente deve essere inviato all’otorinolaringoia tra esperto di vestibologia, perché possa usufruire delle manovre diagnostiche e, quindi, di quelle liberatorie. L’entusiasmante risoluzione immediata, sul lettino del vestibologo, di gran parte dei disordini posizionali, non esclude, tuttavia, l’impegno dello specialista e del medico di famiglia, nell’individuare un’eventuale patologia concomitante.
                            sito sanihelp

                            Commenta


                            • #15
                              continua

                              Vertigine e instabilità
                              Quali sono le cause delle vertigine parossistica posizionale?
                              La diagnosi
                              Qual è la cura?

                              Per approfondimento cliccare qui:
                              Ultima modifica di francyfre; 28/12/2011, 12:14.
                              sito sanihelp

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X