annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

La celiachia

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • La celiachia

    caro dr. valesi,
    dal cyttest risulta che sono intollerante al frumento, cioe' significa che soffro di celiasi? se sì, come posso fare per prendere le mie compresse medicinali abituali? anche i rimedi omeopatici in gocce contengono frumento? (l'alcol dove sono diluiti, per esempio).
    grazie
    matilda

  • #2
    morbo celiaco

    la diagnosi di morbo celiaco può essere fatta con i seguenti esami:
    -dosaggio ematico degli anticorpi antitransglutaminasi
    -dosaggio ematico degli anticorpi antiendomisio
    -dosaggio ematico degli anticorpi antigliadina
    -biopsia della mucosa dell'intestino tenue
    tutte le altre metodiche(citotest,c hinesiologia, biorisonanza) non sono considerate valide dalla medicina ufficiale.
    Il concetto di "intolleranza"co sì come lo si intende nelle medicine non convenzionali, è soprattutto un concetto bioenergetico e dinamico che non si identifica necessariamente con una diagnosi immunologica e anatomo patologica di morbo celiaco, anche nel caso questa intolleranza bioenergetica sia rivolta verso il glutine.
    v valesi
    dr. vincenzo valesi sanihelp

    Commenta


    • #3
      gocce e frumento

      i rimedi omeopatici i gocce non dovrebbero contenere frumento
      v valesi
      dr. vincenzo valesi sanihelp

      Commenta


      • #4
        celiachia

        chiedo scusa non sono pratica del computer. vorrrei sapere dal dott.Valesi se c'è una possibilita' che mia figlia possa risultare negativa alla biopsia della mucosa intestinale visto che è risultata positiva al test ematologico.grazie

        Commenta


        • #5
          forme silenti

          cara ospite, questo è possibile,si tratta delle cosiddette forme"silenti": esistono cioè soggetti completamente asintomatici ma positivi alla ricerca degli anticorpi antigliadina,anti endomisio,antitransg lutaminasi che presentano
          all'esame istologico un quadro perfettamente normale.
          ciao
          v valesi
          dr. vincenzo valesi sanihelp

          Commenta


          • #6
            celiachia

            salve a tutti vorrei sapere dove è possibile trovare un testo con un elenco di tutti gli alimenti con e senza glutine ed un elenco di posti dove poterli trovare nonchè magari anche delle ricette :-)
            grazie anticipate.Luca

            Commenta


            • #7
              vademecum del celiaco

              segnalo a Luca e agli interessati questa esauriente pubblicazione, dove potranno trovare indicazioni molto utili: VADEMECUM DEL CELIACO 2002 a cura dell'Associazione Italiana Celiachia, Via Picotti 22, 56124 PISA; Tel/Fax 050/580939(pomeriggio); e-mail:[email protected] libero.it; www.celiachia.it
              v valesi
              dr. vincenzo valesi sanihelp

              Commenta


              • #8
                La celiachia

                La celiachia è una patologia intestinale causata da intolleranza al glutine, un gruppo di proteine del frumento, dell'orzo e della segale.
                L'introduzione del glutine nell'organismo causa la produzione di anticorpi contro i villi intestinali con conseguente cattivo assorbimento dei cibi.
                I sintomi sono diarrea, vomito, anoressia, arresto della crescita, calo ponderale, anemia.
                In genere la celiachia insorge attorno ai 30 mesi o intorno ai 12-14 anni e nella donna intorno ai 35 anni. Le donne sono colpite in misura doppia rispetto agli uomini.

                Recentemente ricercatori finlandesi (Università di Kuopio) hanno scoperto che è possibile arricchire la dieta senza glutine con moderate quantità di avena; infatti le proteine dell'avena (avenina) sono differenti da quelle contenute in frumento (gliadine) o in orzo e segale (prolamine).
                I celiaci soffrono di problemi alla tiroide (ipotiroidismo e patologie autoimmuni) in misura tre volte superiore al normale. In Italia sono 35.000 i casi diagnosticati, ma si stima che rappresentino solo il 10% del totale.

                Le ultime notizie - Nel 2002 ricercatori australiani hanno individuato tra le gliadine, proteine che costituiscono il glutine, un frammento proteico capace di innescare una forte reazione da parte dell'organismo.
                Hanno scoperto inoltre che esiste una predisposizione genica che facilita l'inizio della reazione autoimmune ed è presente nel 90% dei malati.
                Non esiste terapia specifica e l'unica misura efficace è l'eliminazione del glutine dalla dieta.

                segue..
                Ultima modifica di anna1401; 21/04/2010, 12:47.
                sito sanihelp

                Commenta


                • #9
                  Cosa è il glutine

                  Il glutine è una proteina contenuta in alcuni cereali: frumento, farro, orzo, segale. Seguire una dieta senza glutine significa evitare alimenti contenenti questi cereali e i loro derivati, come ad esempio il malto. Si possono utilizzare invece altri tipi di cereali: riso, mais, miglio, tapioca, soia ed altri.
                  Molte industrie alimentari hanno messo in commercio alimenti senza glutine sempre più gradevoli: farine che sostituiscono quella di grano, pane, pasta, biscotti, dolci, cracker, grissini, fette biscottate, merende. La dieta del celiaco risulta così varia ed equilibrata nonostante l’esclusione del glutine.

                  Quando una persona affetta da celiachia ingerisce alimenti contenenti glutine, si provoca una reazione immunitaria nell'intestino tenue risultante in un suo danneggiamento e la conseguente inabilità ad assorbire certi nutrienti dal cibo.
                  sito sanihelp

                  Commenta


                  • #10
                    Intestino tenue

                    L'intestino tenue è un tubo di circa 35 mm di diametro e di 5 m di lunghezza che va dal duodeno al colon. E' la sede principale dell'assorbimento delle sostanze nutritive nel circolo sanguigno. La parete dell'intestino tenue è ricoperta da minuscole sporgenze digitiformi, chiamate villi.

                    Assomigliano in scala microscopica alle fitte trame di peli di un folto tappeto; la funzione dei villi è quella di assorbire vitamine, minerali e altri nutrimenti dal cibo che viene ingerito.
                    Un'inefficace assorbimento di nutrimenti può privare cervello, sistema nervoso, ossa, fegato e altri organi di nutrimenti e causare deficienze vitaminiche che possono portare ad altre malattie. Questo può incidere specialmente nei bambini, i quali hanno bisogno di una nutrizione appropriata per svilupparsi e crescere.
                    sito sanihelp

                    Commenta


                    • #11
                      Sintomi
                      Non esistono sintomi tipici della celiachia. La maggior parte delle persone affette hanno problemi generici come una diarrea intermittente, dolori addominali o magari possono anche non manifestare alcun problema gastro.intestinale

                      Cause
                      Le cause esatte della celiachia sono sconosciute. Quello che si sa per certo è che si tratta di un difetto ereditario. Se un individuo ce l'ha, normalmente si manifesta anche nel 10 % dei parenti prossimi. Può verificarsi a qualsiasi età, anche se solitamente i sintomi non appaiono finché il glutine è introdotto nella dieta.

                      Fattori di rischio
                      Anche se chiunque può essere affetto dalla celiachia, essa tende comunque ad essere più comune in persone con altri disturbi autoimmuni.

                      segue..
                      Ultima modifica di anna1401; 21/04/2010, 12:49.
                      sito sanihelp

                      Commenta


                      • #12
                        Diagnosi

                        Se è noto che qualcuno nella famiglia ha la celiachia, conviene effettuare un controllo.
                        Questo soprattutto per evitare le complicazioni derivanti dalla mancata cura della malattia.
                        Visto che chi è affetto da questo disturbo ha un livello di anticorpi maggiori del normale, un'analisi del sangue può aiutare la diagnosi.
                        Per confermare la diagnosi si può rimuovere (biopsia) una piccola porzione di tessuto intestinale per cercare un eventuale danneggiamento dei villi.

                        Generalmente il tessuto è ottenuto da una endoscopia, ovvero l'inserimento di un sottile e lungo tubo attraverso bocca, esofago e stomaco, fino all'intestino, dove asporta un campione di tessuto.
                        Anche osservando le regole di una severa dieta libera da glutine si può confermare una diagnosi, ma è importante iniziare tale dieta solo dopo una valutazione medica.

                        segue..
                        Ultima modifica di anna1401; 21/04/2010, 12:52.
                        sito sanihelp

                        Commenta


                        • #13
                          Complicazioni

                          A causa del danneggiamento dell'intestino causato dal glutine, pure la digestione di cibi che non lo contengono possono risultare in dolore addominale e diarrea.
                          Alcune persone affette da celiachia non sono in grado di tollerare lo zucchero contenuto nel latte (lattosio) che si trova in prodotti caseari, condizione chiamata intolleranza al lattosio.
                          Se è questo il caso, bisogna ridurre il cibo e le bevande che contengono lattosio così come quelli che contengono glutine.
                          Una volta che l' intestino è guarito, si può essere in grado di digerire di nuovo i prodotti caseari.
                          Tuttavia ci sono soggetti che sperimentano intolleranza al lattosio nonostante un trattamento della celiachia che ha avuto successo. Se si fa parte di questo gruppo, si deve evitare indefinitivamente prodotti che contengono il lattosio.
                          Se non viene trattata opportunamente, la celiachia può portare a malnutrizione.
                          Dato che nutrimenti vitali sono persi attraverso le feci piuttosto che assorbiti nel flusso sanguigno, da questa difficoltà di assorbimento può derivare una deficienza di vitamine A, B12, D, E, K e acido folico.

                          segue..
                          Ultima modifica di anna1401; 21/04/2010, 12:51.
                          sito sanihelp

                          Commenta


                          • #14
                            Terapia

                            La celiachia non ha cure, ma la si può tenere sotto controllo efficacemente attraverso un cambiamento di dieta.
                            Una volta che il glutine è rimosso dalla dieta, le infiammazioni dell'intestino tenue cominceranno a cessare entro alcune settimane.
                            All'inizio può essere necessario prendere integratori vitaminici e di minerali che prescriverà il medico o il dietologo per aiutare a correggere le deficienze alimentari.
                            La guarigione e una significativa ricrescita dei villi avviene in parecchi mesi nei più giovani e in 2 o 3 anni negli individui più anziani.
                            I vantaggi di una dieta libera da glutine sono notevoli specialmente nei bambini. Non solo i loro sintomi fisici migliorano, ma pure il comportamento e la crescita inizieranno a migliorare.

                            segue..
                            Ultima modifica di anna1401; 21/04/2010, 12:52.
                            sito sanihelp

                            Commenta


                            • #15
                              Teorie sulla celiachia

                              Alcune teorie suggeriscono che la celiachia si sia manifestata nell'uomo quando esso passò da una dieta a base di carne e frutta secca ad una a base di grassi ad alto contenuto proteico come il grano. Comunque è solo negli ultimi 50 anni che i ricercatori hanno ottenuto una migliore conoscenza delle sue cause e di come trattarla.

                              segue..
                              Ultima modifica di anna1401; 21/04/2010, 12:53.
                              sito sanihelp

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X