annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'infiammazione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • L'infiammazione

    INFIAMMAZIONE
    L'infiammazione è una delle basi della vita: una serie di reazioni vitali “orchestrate”da l sistema immunitario che hanno come fine il mantenimento del buon stato della matrice connettivale, l'ambiente in cui sono immerse le cellule. Infatti anche se siamo abituati a considerare l'infiammazione come una malattia che deve essere stroncata ai primi sintomi, dovremmo invece ragionare secondo un'altra ottica, in armonia con le leggi della natura : non ci infiammiamo "per caso", ma perchè abbiamo "bisogno" di infiammarci: sia per disintossicarci da tossine, sia per eliminare l'eccessiva o incongrua proliferazione di virus e batteri, sia per riparare danni ai tessuti e agli organi;pensiamo per esempio alla riparazione delle ferite!
    Esistono vari tipi di infiammazione.
    https://www.youtube.com/watch?v=CsM7b4IDTjw
    Ultima modifica di vvalesi; 26/02/2017, 18:42.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  • #2
    Infiammazione quotidiana

    1)INFIAMMAZIONE QUOTIDIANA: è un'infiammazione fisiologica che potremmo definire “ginnastica connettivale” in virtù della quale dalle tre del mattino alle tre del pomeriggio il tessuto connettivo diventa solubile(meno compatto) e acido per digerire tossine di varia origine, e dalle tre del pomeriggio alle tre del mattino ripristinala sua struttura più compatta, diventando di consistenza gelatinosa e alcalino.
    Nella prima fase acida prevale l'attività del sistema neurovegetativo ORTOSIMPATICO mentre nella seconda fase, quella alcalina o basica del pomeriggio-sera prevale l'attività di quel settore di sistema neurovegetativo chiamato PARASIMPATICO, di cui il NERVO VAGO è la principale espressione.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

    Commenta


    • #3
      Infiammazione cronica di basso grado

      2)Se questi fenomeni si amplificano perchè per esempio siamo troppo intossicati,(e quindi abbiamo necessità di infiammarci) allora sviluppiamo quella che viene definita INFIAMMAZIONE CRONICA DI BASSO GRADO, un'infiammazione subdola, che passa spesso inosservata e non da segni o sintomi clinicamente evidenti, ma può comunque produrre seri danni se si mantiene a lungo come spesso accade.
      dr. vincenzo valesi sanihelp

      Commenta


      • #4
        Infiammazione acuta

        3)INFIAMMAZIONE ACUTA
        Caratterizzata da classici segni a) locali: calore rossore gonfiore dolore,diminuzione della funzione, e, talora, b)generali: febbre e compromissione dello stato generale con stanchezza, sonnolenza,diminuzio ne dell'appetito: pensiamo a un ascesso dentario ,una sindrome febbrile virale, una diarrea.
        L'INFIAMMAZIONE ACUTA è programmata per accendersi , svolgersi e spegnersi in base a un ben preciso programma e successione di eventi: quasi sempre si risolve da sola attraverso la produzione in successione di sostanze chiamate CITOCHINE, capaci di iniziarla e di terminarla quando non è più necessaria.
        dr. vincenzo valesi sanihelp

        Commenta


        • #5
          Infiammazione cronica di alto grado

          L'INFIAMMAZIONE CRONICA DI ALTO GRADO(è quella che comunemente definiamo infiammazione cronica, clinicamente manifesta) si perpetua indefinitamente nel tempo in base alla a)persistenza della causa(per es tossine batteriche, virali, metaboliche, tossici esogeni) e/o b)non risoluzione del problema(come nel caso della soppressione intempestiva di una malattia acuta)
          Può derivare da una infiammazione cronica di basso grado per aumento e persistenza dei tossici o come detto seguire a una infiammazione acuta.
          Può creare un ambiente favorevole alle malattie autoimmuni e degenerative(compresa l'aterosclerosi) e a molte manifestazioni allergiche. Siassocia ad un aumento persistente di una citochina(sostanza di natura proteica prodotta dalle cellule immunitarie) chiamata interleuchina 6.
          dr. vincenzo valesi sanihelp

          Commenta


          • #6
            Infiammazione acuta e cronica come comportarsi

            L'INFIAMMAZIONE ACUTA è sicuramente un evento che va controllato e modulato ma non soppresso in maniera indiscriminata.
            L'INFIAMMAZIONE CRONICA invece è un evento sicuramente negativo su cui la medicina deve intervenire per evitare ulteriori problemi, rimuovendo possibilmente le cause che la mantengono, senza limitarsi a eliminarne i sintomi, senza averne compreso il significato.
            dr. vincenzo valesi sanihelp

            Commenta

            Sto operando...
            X