annuncio

Comprimi

Regolamento

I PRINCIPI

Il forum di Sanihelp.it è un punto di incontro e confronto, un forum libero, privo di ogni censura preventiva. Questo forum è una comunità di aiuto e supporto reciproco in cui ognuno contribuisce cercando di essere d'aiuto e portando il proprio punto di vista riguardo i diversi temi trattati.

Nel forum ciascuno è libero di esprimere la sua opinione, mantenendo però un atteggiamento di educato rispetto nei confronti delle idee diverse. Il forum è uno spazio civile e gradevole: gli utenti non devono essere intolleranti e aggressivi, ma propositivi e disponibili, moderando il proprio linguaggio e consentendo così di ridurre al minimo l'attività di moderazione.

Lo staff di Sanihelp.it si riserva il diritto di eliminare l'iscrizione al forum, di cancellare discussioni e messaggi senza alcun preavviso.


GLI UTENTI
Gli utenti sono suddivisi in quattro categorie.

- Amministratore:
gestisce il forum in tutte le sue parti, appartiene allo staff di sanihelp.it
- Moderatore:
è un utente che ha il compito di agevolare la vita all'interno del forum, è un punto di riferimento e un valido aiuto per tutti gli utenti.
- Sani All:
gli utenti del forum.
- Utenti Bannati:
un utente bannato può accedere al forum ma non parteciparvi. Si è bannati se non si rispetta il regolamento, il ban può essere imposto per un periodo di tempo limitato o per sempre. Nei casi più gravi può essere bannato anche l'indirizzo IP.

Utenti e reputazione
Ogni 365 giorni di permanenza sul forum si guadagnano 10 punti.
Ogni 10.000 messaggi e 1.000 punti reputazione si guadagna un punto di potenza nell'assegnazione della reputazione ad altri utenti.
Un utente per poter assegnare reputazione deve avere almeno 15 punti e aver scritto 30 messaggi.
In 24 ore si possono assegnare solo 20 punti.
Prima di poter assegnare la reputazione allo stesso utente è necessario assegnarla a 15 utenti differenti.
Reputazione e i commenti non sono anonimi

NICKNAME e FIRMA
Dato l'alto numero di utenti iscritti al forum, tutti i nomi più comuni sono già presenti.
Consigliamo di scegliere un nome particolare che contenga dei numeri e che non contenga trattini, simboli o caratteri speciali.
Per tutelare la privacy personale suggeriamo inoltre di non utilizzare nome e cognome completi all'interno del nickname.

Il nickname e la firma non devono contenere testi offensivi o provocatori, non è inoltre possibile utilizzare come nickname un nome attribuibile a una professione medica se non si è un professionista collaboratore della redazione di Sanihelp.it (es: psicologo, dottore, urologo).
Se si desidera cambiare il nickname è possibile farlo inviando un messaggio privato all'amministrazione (Evoh).

La frase è modificabile autonomamente dal pannello di controllo personale.
Nel caso in cui venga inserito un contenuto non idoneo i moderatori provvederanno ad avvisare l'utente con un messaggio personale.
Se dopo la richiesta di modifica la frase resta invariata, i moderatori sono autorizzati a cancellarla.
Se si dovessero inserire nuovamente contenuti offensivi nella frase, verrà assegnato un ban di almeno 3 giorni.


LEGGI DELLO STATO E INTERNET

Per non incorrere in spiacevoli conseguenze, ricordiamo agli utenti che su questo forum vigono tutte le leggi dello Stato italiano.
Ogni utente è responsabile dei contenuti che pubblica e tutti, utenti, moderatori e amministratori, possono rivolgersi alla Polizia per far rispettare la legge o per tutelarsi.
Tafferugli verbali, consigli e provocazioni non sono considerati reati, i reati sono cose ben più gravi che la coscienza di ciascuno riesce facilmente a identificare.
Vi ricordiamo inoltre che, come cita la locuzione latina: Verba volant, scripta manent.


REGOLE GENERALI

1. Non è permesso pubblicare:
- indirizzi email
- numeri telefonici
- il contenuto di email private e messaggi privati (MP) anche se si è in possesso dell'autorizzazione del mittente
- pubblicare messaggi pubblicitari o link

2. I moderatori hanno il compito di animare e moderare le discussioni e di controllare che nessuno violi il regolamento del forum.
I moderatori potranno ammonire, avvertire, bannare gli utenti che non rispetteranno il regolamento ed editare, spostare, chiudere e cancellare una discussione o un post.

3. Chiunque abbia un comportamento in contrasto con il regolamento del forum potrà veder cancellati i propri interventi ed essere bannato da esso, fino all'esclusione permanente nei casi più gravi. L'esclusione permanente è da intendersi estesa anche a eventuali alias.

4. Gli argomenti dei post inseriti in una discussione devono essere inerenti al tema deciso dall'autore delle discussione. I moderatori possono cancellare o spostare in un altro forum gli interventi che saranno giudicati fuori tema (OT).

5. Un utente che si ritenga ingiustamente sanzionato ha facoltà di chiedere chiarimenti via messaggio privato o email. Nel caso questo non avvenga e vengano creati post e discussioni polemiche, saranno cancellate.

6. Il moderatore NON cancella o corregge discussioni o post su richiesta.

7. Saranno bannati gli utenti promotori di pedofilia e violenza e chiunque faccia apologia di reato. Varrà bannato inoltre chi diffonde dati e informazioni strettamente personali di un'altro utente senza il suo consenso.

8. Sono da escludere gli avatar che rientrino nelle limitazioni del regolamento e con esplicite immagini pornografiche o di anatomia intima.

9. L'autore del post è pienamente responsabile per i contenuti riportati: diffamazioni o violazioni di copyright.

10. Non è possibile per gli utenti effettuare pubblicità all’interno del forum. I post contenenti messaggi pubblicitari verranno cancellati e segnalati come Spam.

11. L'autore di ogni post ha la possibilità di editarlo entro 10 minuti dall'invio. Verificate attentamente i vostri messaggi; passato il termine non sono più modificabili, questo al fine di garantire una coerenza con lo sviluppo degli argomenti.

12. Prima di aprire una discussione in un forum è bene assicurarsi che l'argomento non sia trattato in altre discussioni attualmente attive. Nel caso siano aperte discussioni doppie i moderatori possono decidere di chiuderle e indirizzare gli utenti a quelle già esistenti.

13. Il forum non è una chat, quindi gli utenti non devono intraprendere lunghi botta e risposta con un altro utente, soprattutto se si tratta di questioni personali. Per le conversazioni private devono essere usati i mp o, nel caso di chiacchiere di gruppo, l’apposita sezione “4 chiacchiere”.


COME SCRIVERE SUL FORUM

Il titolo
Il titolo della discussione contiene il tema del messaggio. Deve essere sintetico ma non generico e soprattutto deve essere scritto in italiano corretto, senza abbreviazioni, lettere ripetute o maiuscole dove non necessarie.
Sono da evitare titoli come “Richiesta d’aiuto” o “Problema”.

esempio Titolo:
Cerco ortopedico - piede rotto (giusto)
AAAAAAAAAAAAIIIIIIII IIIUUUUUUUUUUUTTo! (sbagliato)

L'autore del primo post della discussione da l'indirizzo tematico della discussione.
Più il titolo sarà pertinente più la discussione sarà letta da tutti gli utenti del forum.
I moderatori potranno a loro discrezione modificare i titoli ritenuti non idonei.

Il contenuto delle discussioni
Aprire una nuova discussione significa voler condividere con gli altri utenti un problema di salute, chiedere un consiglio o confrontarsi su di un'idea o un'argomento.
Se un utente apre un thread solo per propagandare un'idea, sarà invitato al confronto. Se dopo un primo invito il post non sarà aperto anche alle opinioni degli altri utenti, i moderatori chiuderanno la discussione.

Il contenuto dei post

Gli utenti sono invitati a non scrivere in maiuscolo dove non necessario, poiché il maiuscolo indica che si sta urlando.
All'interno dei messaggi possono essere inserite le Emoticons. Il loro impiego nei topic è affidato al buon senso degli utenti, è consigliabile tuttavia non eccedere nel loro utilizzo.
Il linguaggio all'interno dei post deve essere cortese e rispettoso delle diverse opinioni degli altri utenti.
Nel caso in cui un post contenga linguaggio non adatto alla sezione in cui è contenuto o abbia un contenuto volutamente provocatorio, (atto a far degenerare la discussione o far arrabbiare un utente) i moderatori provvederanno a modificarlo e avvertire l'utente.
Nel caso in cui l'utente persista nel mantenere un linguaggio offensivo o aggressivo dopo il primo avvertimento, riceverà un ban di almeno 3 giorni. Se questo comportamento continuasse anche allo scadere del ban, i moderatori decideranno se bannare nuovamente l'utente in maniera definitiva.
Chi schernisce pubblicamente gli utenti che chiedono aiuto o mette in dubbio la realtà dell'utente e/o della situazione descritta riceverà un'infrazione e in caso avvenga nuovamente un ban fino a 2 giorni.

Citazioni e aforismi
Se si riportano stralci di libri o articoli, citazioni o aforismi all'interno delle discussioni è sempre bene riportare l'autore.
Non è possibile aprire discussioni contenenti esclusivamente citazioni e aforismi, salvo previa autorizzazione via messaggio privato della moderazione.

Sondaggi

Gli utenti dovrebbero evitare di realizzare discussioni di sondaggio: per realizzare un sondaggio chiedere al moderatore della sezione di aprire un thread apposito. Quando si crea un sondaggio è bene motivare chiaramente i quesiti, in modo che non possano essere scambiate per pure provocazioni o scherzi.

Funzione Quote
Quotare un messaggio significa citarlo riportandone una parte. Quotare implica ripetere cose che probabilmente gli altri utenti hanno già letto, va fatto solo quando strettamente necessario. Non è necessario quotare interamente il post precedente al proprio se si intende commentarne solo una frase: è bene mantenere la frase in questione e cancellare il resto.

Come aprire una nuova sezione (forum o sub forum)
Per aprire una nuova sezione o un nuovo forum si deve proporre l'argomento all'amministratore e impegnarsi per farlo crescere.
Per proporre una sezione o un forum è necessario che ci siano almeno due utenti interessati e disposti ad animare e moderare la sezione.
Vedi: Come diventare moderatore?


I MODERATORI e L'AUTO-MODERAZIONE

La base su cui si fonda questo forum è l'auto-moderazione, ogni utente è quindi tenuto a rispettare e fare rispettare il regolamento del forum.
I moderatori sono solo un aiuto in più in caso di bisogno.

Come ci comporta con le violazione ai principi di questo forum e del regolamento?
1. si abbandona la discussione evitando di intervenire.
2. si segnala l'abuso con l'apposito strumento (triangolo con punto esclamativo)
3. la segnalazione appare nella sezione dedicata (visibile pubblicamente)
4. i moderatori leggono la segnalazione, rispondono spiegando come intendono agire e si comportano di conseguenza
5. una volta che il moderatore ha risposto non è possibile ribattere se non tramite messaggio privato.

Nel caso vi sia un utente particolarmente molesto, è possibile non visualizzare i suoi post inserendolo tra i propri utenti indesiderati.

In caso si voglia chiarire una particolare situazione con un utente o un moderatore si comunica con l’interessato tramite messaggio privato, NON attraverso discussioni pubbliche.

In caso di infrazioni al regolamento da parte dei moderatori, è possibile sollevare il problema con il moderatore stesso via messaggio privato. In caso non si giunga a una conclusione civile e si ritenga necessario segnalare il problema, è possibile contattare l'amministratore. (Evoh)
NON è possibile discutere pubblicamente delle dinamiche di moderazione del forum. Le discussioni pubbliche verranno eliminate.

ATTENZIONE:
1 - Lo strumento segnalazioni serve a porre in evidenza gravi infrazioni al regolamento
2 - Un messaggio OT non è considerabile una grave infrazione
3 - Non è concesso utilizzare le segnalazioni per provocare altri utenti, innescare polemiche o flames e infastidire intenzionalmente la moderazione.
4 - Le risposte non sono sindacabili pubblicamente. Se non si è d'accordo è possibile comunicare via mp con il moderatore che ha risposto alla segnalazione. Segnalazioni di segnalazioni o di ammonimenti non riceveranno risposta e saranno cancellate.

Non è possibile segnalare i MP. In caso di gravi attacchi personali effettuati tramite messaggio privato gli utenti possono scrivere direttamente all'amministratore del forum.

Chiunque utilizzi impropriamente lo strumento di segnalazione (come da punto 3) riceverà un primo avvertimento e, nel caso in cui dovesse continuare, potrà ricevere un ban della durata massima di 3 giorni.

Come diventare moderatore?
Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

Il compito dei moderatori è:
- animare le discussioni
- facilitare lo scambio di opinioni tutelando la pluralità dei punti di vista
- accogliere i nuovi arrivati
- far rispettare il regolamento

I moderatori:
- rispettano il regolamento (che vale per i moderatori esattamente come per gli utenti)
- sono liberi di esprimersi nei forum seguendo le stesse linee guida degli utenti (post cordiali, non aggressivi, no flames, no attacchi personali, non mettono in dubbio identità o realtà di un utente, ecc)
- NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum (solo gli utenti possono segnalare)
- possono moderare solo le sezioni loro assegnate



PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODERATORE

Il caposaldo del regolamento è l'auto-moderazione.
L'intervento dei moderatori deve essere quindi, in ordine di priorità:

- Animare: aprire discussioni, accogliere i nuovi, facilitare lo scambio di opinioni (consentendo a tutti di esprimersi) e aiutare gli utenti a districarsi fra le regole del forum e gli strumenti (fratello maggiore)
- Mantenere la rotta: il moderatore deve far si che le discussioni siano sempre on topic, è lecito chiuderle se si esce fuori tema.
- Moderare: (... e far moderare) i toni
- Mantenere la forma: è importante come si scrive, come si fa un titolo, come si imposta una domanda.

I moderatori di sezione lavorano in squadra e tutte le decisioni devono essere condivise, tutte le discussioni tecniche o inerenti la moderazioni devono avvenire via MP o nella sezione del forum privata e dedicata esclusivamente ai moderatori. Il moderatore non deve mai discuterne pubblicamente.

Il moderatore deve animare e pacificare, quindi non deve essere MAI causare volontariamente problemi e dissidi con gli altri moderatori.
Nel caso in cui un moderatore attacchi pubblicamente un altro moderatore per il suo operato, sarà sospeso per una settimana.
Nel caso in cui un moderatore violi il regolamento e/o agisca contro l'interesse del forum e della moderazione, gli altri moderatori possono segnalarlo nel forum moderatori.
Alla terza segnalazione l'amministrazione risponderà entro 5 giorni alla segnalazione e potrà agire con un richiamo formale, con un ban o con la rimozione dall'incarico.

I moderatori dato l'importante ruolo che ricoprono per la comunità del forum devono essere:
- tolleranti
- disponibili
- leali
- imparziali
- punto di riferimento per gli utenti
- da esempio

Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

I moderatori devono rispettare il regolamento e sono liberi di esprimersi nei forum, ma NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum e devono moderare solo le sezioni loro assegnate.
Solo gli utenti possono segnalare, se un moderatore riscontra violazioni nella sezione di sua competenza non segnala ma agisce.
In caso un moderatore noti situazioni particolari in una sezione di un altro moderatore, deve limitarsi a segnalarla tramite messaggio privato.

Se un moderatore dovesse mancare dal forum per più di un mese senza aver comunicato la sua assenza in precedenza, verrà rimosso dal suo incarico.

Regolamento segnalazioni e ban
La sezione dove saranno postate le segnalazioni sarà leggibile a tutti.
Solo i moderatori potranno scrivere in risposta alla segnalazioni
Alla segnalazione di un utente risponde il moderatore della sezione interessato scrivendo come intende agire e motivando proprie decisioni. (può anche decidere di non fare nulla, ma va scritto!)
Nel caso si decidesse di bannare l'utente, verrà scritto direttamente in risposta alla segnalazione e sarà visibile a tutti.
Non saranno poi concesse repliche in risposta al moderatore. Se ci saranno domande/dubbi/problemi andranno gestiti tramite i mp.

Nel caso che la decisione di bannare l’utente derivi non da una segnalazione ma da un ragionamento fatto con altri moderatori, il moderatore deve notificare il ban con un post nel forum moderatori.
Quando si banna un utente è OBBLIGATORIO segnalare la motivazione.



CANCELLAZIONE
Se si desidera cancellare la propria utenza dal forum, è sufficiente inviare un messaggio privato all'amministratore del forum (attualmente Evoh) E una a mail a [email protected] utilizzando la mail d'iscrizione al forum e indicando il proprio nick e la volontà di essere cancellati.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • anna1401
    ha risposto
    Re: Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)

    EUBIOSI, DISBIOSI, SIMBIOSI

    Il termine SIMBIOSI indica un rapporto di mutua utilità tra due o più individui: nel caso specifico tra flora batterica simbiotica ed individuo ospite:
    con TRATTAMENTO DI SIMBIOSI si vogliono intendere tutte quelle misure salutistiche (dietetiche, comportamentali, integrazionali, farmacologiche, ecc...) che possono essere attuate per mantenere e preservare una condizione di eubiosi, o per ricorreggere uno stato disbiotico e ripristinare l’eubiosi.
    Nel trattamento di simbiosi possono essere utilizzati farmaci, presidi salutistici, integratori nutrizionali ed altri bioterapici secondo modalità che possono seguire, secondo i casi, regimi protocollari o schemi assolutamente individualizzati.

    Elemento essenziale del trattamento di simbiosi sono sicuramente gli stessi batteri simbiotici, e più precisamente quei ceppi e specie batteriche che possono essere introitati nell’organismo umano per via esogena (PROBIOTICI).

    Altra particolare valenza spetta a tutte le sostanze che facilitano l’attecchimento e lo sviluppo endogeno dei probiotici, definite in genere come PREBIOTICI.

    Lascia un commento:


  • anna1401
    ha risposto
    Re: Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)

    EUBIOSI, DISBIOSI, SIMBIOSI

    I fattori che causano o mantengono uno stato di disbiosi possono essere molteplici. I principali sono:


    · Mancato allattamento materno, svezzamento incongruo
    · Igiene di vita scorretta (abitudini alimentari e voluttuarie, ecc...)
    · Uso eccessivo di alimenti biologicamente sfavorevoli (cibi raffinati, industriali, ecc...)
    · Stress cronico
    · Infezioni batteriche, virali, protozoarie (con carica infestante significativa)
    · Malattie acute e/o croniche degli organi dell’apparato digerente, dismetabolismi
    · Tossine ambientali ed alimentari
    · Ffarmaci (antibiotici, antiinfiammatori, ormoni, vaccini, ecc...)

    segue..

    Lascia un commento:


  • anna1401
    ha risposto
    Re: Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)

    EUBIOSI, DISBIOSI, SIMBIOSI

    La diminuzione della flora simbiotica e/o l’incremento (relativo o assoluto) di microorganismi enteropatogeni vengono definiti col termine DISBIOSI, condizione in cui lo squilibrio tra flora simbiotica e patogena determina ripercussioni di vario grado sullo stato di salute, con malattie o sindromi complesse a carico dell’apparato digerente, ma anche sistemiche.


    Patologie connesse (direttamente o indirettamente) alla condizione disbiotica

    · dispepsia, disturbi digestivi cronici
    · stipsi, diarrea, alvo alterno
    · gastrite, esofagite, patologia infiammatoria e settica del cavo orale
    · gastroenteriti, enterocoliti, proctiti
    · sindrome del colon irritabile
    · epatopatie, emorroidi
    · cistite acuta, cistite recidivante, vaginite, prostatite
    · candidiasi mucoviscerale
    · malattia infiammatoria cronica intestinale, M. di Crohn, Colite Ulcerativa Cronica
    · allergie alimentari e sistemiche (respiratorie, cutanee, ecc...)
    · disturbi del sistema nervoso e malattie neurologiche
    · malattie autoimmunitarie
    · patologia neoplastica del tratto digerente o di altri distretti

    segue..

    Lascia un commento:


  • anna1401
    ha risposto
    Re: Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)

    EUBIOSI, DISBIOSI, SIMBIOSI

    · Produzione di elementi nutrizionali essenziali (vitamine, aminoacidi, ecc...)
    · Azione antagonista allo sviluppo della flora enteropatogena (inibizione diretta dell’adesività alla mucosa, produzione di sostanze batterio-funghicide o statiche)
    · Ffunzioni adiuvanti la digestione degli alimenti (fermentazione dei carboidrati, produzione di enzimi digestivi, controllo della flora gasogena e putrefattiva, ecc...)
    · Rriduzione dell’intolleranza al lattosio
    · Funzioni trofiche sulla parete intestinale, di stimolo alla peristalsi ed ottimizzazione del transito intestinale
    · Neutralizzazione di tossine batteriche o alimentari
    · Degradazione delle N-Nitrosamine e di altre sostanze potenzialmente cancerogene
    · Metabolismo di molte sostanze a livello enterico (sali biliari, colesterolo, carboidrati, ecc...)
    · Aattività ipocolesterolemizzan te
    · Effetto immunostimolante/immunomodulante locale e sistemico, per interazione col tessuto linfatico associato alla mucosa gastroenterica.

    La fisiologica prevalenza relativa di tale componente della flora batterica, tale da contenere entro un limite accettabile la controparte patogena, viene comunemente definita EUBIOSI: tale condizione è strettamente necessaria per lo stato di salute.

    segue..

    Lascia un commento:


  • anna1401
    ha risposto
    Re: Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)

    EUBIOSI, DISBIOSI, SIMBIOSI

    1. batteri utili all’organismo ospite (SIMBIOTICI): la loro presenza è indispensabile per la salute e la vita stessa dell’ospite per le funzioni che svolgono sulla produzione di nutrienti essenziali, sul metabolismo di molte sostanze e tossine, sul trofismo della mucosa digestiva e su tutta una lunga serie di condizioni fisiologiche che saranno riprese in seguito;

    2. batteri potenzialmente o effettivamente dannosi all’organismo ospite (PATOGENI): attraverso l’invasione diretta dei tessuti, o la produzione di sostanze nocive quali tossine e procarcinogeni, ledono lo stato di salute dell’ospite con conseguenze che possono diventare anche molto gravi;

    3. batteri la cui presenza non esercita sostanziali effetti positivi o negativi sull’ospite (INDIFFERENTI): si comportano come commensali, contribuendo in maniera minima allo stato di salute o malattia dell’individuo, se non come costituenti della massa fecale. Questi batteri costituiscono la maggior quota della flora batterica totale.

    La flora simbiotica esercita innumerevoli funzioni benefiche sull’organismo ospite;
    le principali tra queste sono :

    segue..

    Lascia un commento:


  • anna1401
    ha risposto
    Re: Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)

    EUBIOSI, DISBIOSI, SIMBIOSI

    L’organismo umano, come la gran parte degli organismi viventi superiori, è un’entità complessa e dinamica caratterizzata da innumerevoli aspetti biologici mutuamente interagenti.
    Uno di questi aspetti è la sua convivenza con un numero enorme di microorganismi (batteri, virus, lieviti, muffe, parassiti, ecc...), che rappresentano la cosiddetta “flora microbica” e che ne possono condizionare, anche in misura rilevante, lo stato di benessere o di malattia.

    Nell’ambito della flora microbica una preminente importanza riveste la flora batterica che popola il sistema mucosale, ed in particolare quella propria del tratto digerente, composta da un quantitativo ingente di batteri (circa 1x1023, presenti soprattutto a livello del colon) che può raggiungere una massa complessiva tale da pesare oltre 2 kg.

    La flora batterica del tratto digerente riconosce sostanzialmente tre categorie di batteri:


    segue..

    Lascia un commento:


  • anna1401
    ha risposto
    Re: Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)


    Questi ultimi trovano inoltre un’indicazione sempre maggiormente accreditata nel trattamento di tutta una serie di patologie proprie dell’apparato gastroenterico, ma anche sistemiche o a carico di altri organi, quali allergie, intolleranze alimentari, malattia infiammatoria intestinale, gastro-entero-coliti, malattie autoimmuni, prevenzione delle neoplasie, ecc...

    Il “trattamento di simbiosi” si propone di realizzare un recupero od un potenziamento del rapporto simbiotico tra l’organismo umano e particolari microorganismi (simbiotici, per l’appunto), tanto utile ed indispensabile per un accettabile livello di salute.
    Tale trattamento comprende norme igieniche ed alimentari, pratiche salutistiche (quali il digiuno e le irrigazioni intestinali), interventi farmacologici e supplementazione dietetica di particolari presidi salutistici (probiotici, prebiotici, vitamine, antiossidanti, oligoelementi, ecc...), secondo le caratteristiche e le esigenze del singolo individuo.

    In questo lavoro proponiamo un sistema di trattamento di simbiosi mediato da preparazioni opportunamente formulate (SIMBIOTI), a base dei suddetti presidi salutistici, unitamente alla possibile integrazione con altri farmaci bioterapici.

    Lo schema dell’opera è così costruito:
    - breve nota introduttiva sui concetti di eubiosi, disbiosi, simbiosi e simbiosi terapeutica;
    - presentazione dei presidi nutrizionali SIMBIOTI: componenti e schede tecniche;
    - prontuario terapeutico integrato, indicativo su condizioni patologiche che possano giovarsi di un trattamento di simbiosi.

    segue..

    Lascia un commento:


  • anna1401
    ha iniziato la discussione Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    Salute intestinale - Eubiosi, Disbiosi, Simbiosi

    (Tratto da: arnoldehret.it)

    INTRODUZIONE

    L’apparato digerente degli animali in generale, e quello umano in particolare, può essere considerato un complesso micro-macrocosmo, il cui ecosistema entra in strettissimo rapporto con lo stato di salute e benessere o con quello di malattia acuta o cronica.
    Purtroppo questo concetto, per quanto indiscutibile e scientificamente dimostrato, viene a tutt’oggi sottovalutato dai clinici che anzi, a volte, contribuiscono a creare o aggravare (sostanzialmente per via iatrogena) una condizione di squilibrio più o meno grave di questo ecosistema (disbiosi), con ripercussioni fin troppo evidenti sulle condizioni di salute dei pazienti.

    Con questo non si vuole mettere in discussione l’efficacia terapeutica di farmaci quali gli antibiotici, i chemioterapici o i corticosteroidi, ma vorremmo ribadire e rimarcare quanto inopinato possa essere un atteggiamento di eccessiva superficialità nei confronti dei loro molteplici e ben conosciuti effetti collaterali, soprattutto proprio a livello dell’ecosistema dell’apparato digerente.

    Molti di questi effetti, che realizzano una vera e propria “patologia iatrogena”, sono in molti modi prevenibili ed evitabili attraverso l’oculata somministrazione di presidi nutrizionali o bioterapici, unitamente all’apporto di probiotici e prebiotici.

    segue..
Sto operando...
X