annuncio

Comprimi

Regolamento

I PRINCIPI

Il forum di Sanihelp.it è un punto di incontro e confronto, un forum libero, privo di ogni censura preventiva. Questo forum è una comunità di aiuto e supporto reciproco in cui ognuno contribuisce cercando di essere d'aiuto e portando il proprio punto di vista riguardo i diversi temi trattati.

Nel forum ciascuno è libero di esprimere la sua opinione, mantenendo però un atteggiamento di educato rispetto nei confronti delle idee diverse. Il forum è uno spazio civile e gradevole: gli utenti non devono essere intolleranti e aggressivi, ma propositivi e disponibili, moderando il proprio linguaggio e consentendo così di ridurre al minimo l'attività di moderazione.

Lo staff di Sanihelp.it si riserva il diritto di eliminare l'iscrizione al forum, di cancellare discussioni e messaggi senza alcun preavviso.


GLI UTENTI
Gli utenti sono suddivisi in quattro categorie.

- Amministratore:
gestisce il forum in tutte le sue parti, appartiene allo staff di sanihelp.it
- Moderatore:
è un utente che ha il compito di agevolare la vita all'interno del forum, è un punto di riferimento e un valido aiuto per tutti gli utenti.
- Sani All:
gli utenti del forum.
- Utenti Bannati:
un utente bannato può accedere al forum ma non parteciparvi. Si è bannati se non si rispetta il regolamento, il ban può essere imposto per un periodo di tempo limitato o per sempre. Nei casi più gravi può essere bannato anche l'indirizzo IP.

Utenti e reputazione
Ogni 365 giorni di permanenza sul forum si guadagnano 10 punti.
Ogni 10.000 messaggi e 1.000 punti reputazione si guadagna un punto di potenza nell'assegnazione della reputazione ad altri utenti.
Un utente per poter assegnare reputazione deve avere almeno 15 punti e aver scritto 30 messaggi.
In 24 ore si possono assegnare solo 20 punti.
Prima di poter assegnare la reputazione allo stesso utente è necessario assegnarla a 15 utenti differenti.
Reputazione e i commenti non sono anonimi

NICKNAME e FIRMA
Dato l'alto numero di utenti iscritti al forum, tutti i nomi più comuni sono già presenti.
Consigliamo di scegliere un nome particolare che contenga dei numeri e che non contenga trattini, simboli o caratteri speciali.
Per tutelare la privacy personale suggeriamo inoltre di non utilizzare nome e cognome completi all'interno del nickname.

Il nickname e la firma non devono contenere testi offensivi o provocatori, non è inoltre possibile utilizzare come nickname un nome attribuibile a una professione medica se non si è un professionista collaboratore della redazione di Sanihelp.it (es: psicologo, dottore, urologo).
Se si desidera cambiare il nickname è possibile farlo inviando un messaggio privato all'amministrazione (Evoh).

La frase è modificabile autonomamente dal pannello di controllo personale.
Nel caso in cui venga inserito un contenuto non idoneo i moderatori provvederanno ad avvisare l'utente con un messaggio personale.
Se dopo la richiesta di modifica la frase resta invariata, i moderatori sono autorizzati a cancellarla.
Se si dovessero inserire nuovamente contenuti offensivi nella frase, verrà assegnato un ban di almeno 3 giorni.


LEGGI DELLO STATO E INTERNET

Per non incorrere in spiacevoli conseguenze, ricordiamo agli utenti che su questo forum vigono tutte le leggi dello Stato italiano.
Ogni utente è responsabile dei contenuti che pubblica e tutti, utenti, moderatori e amministratori, possono rivolgersi alla Polizia per far rispettare la legge o per tutelarsi.
Tafferugli verbali, consigli e provocazioni non sono considerati reati, i reati sono cose ben più gravi che la coscienza di ciascuno riesce facilmente a identificare.
Vi ricordiamo inoltre che, come cita la locuzione latina: Verba volant, scripta manent.


REGOLE GENERALI

1. Non è permesso pubblicare:
- indirizzi email
- numeri telefonici
- il contenuto di email private e messaggi privati (MP) anche se si è in possesso dell'autorizzazione del mittente
- pubblicare messaggi pubblicitari o link

2. I moderatori hanno il compito di animare e moderare le discussioni e di controllare che nessuno violi il regolamento del forum.
I moderatori potranno ammonire, avvertire, bannare gli utenti che non rispetteranno il regolamento ed editare, spostare, chiudere e cancellare una discussione o un post.

3. Chiunque abbia un comportamento in contrasto con il regolamento del forum potrà veder cancellati i propri interventi ed essere bannato da esso, fino all'esclusione permanente nei casi più gravi. L'esclusione permanente è da intendersi estesa anche a eventuali alias.

4. Gli argomenti dei post inseriti in una discussione devono essere inerenti al tema deciso dall'autore delle discussione. I moderatori possono cancellare o spostare in un altro forum gli interventi che saranno giudicati fuori tema (OT).

5. Un utente che si ritenga ingiustamente sanzionato ha facoltà di chiedere chiarimenti via messaggio privato o email. Nel caso questo non avvenga e vengano creati post e discussioni polemiche, saranno cancellate.

6. Il moderatore NON cancella o corregge discussioni o post su richiesta.

7. Saranno bannati gli utenti promotori di pedofilia e violenza e chiunque faccia apologia di reato. Varrà bannato inoltre chi diffonde dati e informazioni strettamente personali di un'altro utente senza il suo consenso.

8. Sono da escludere gli avatar che rientrino nelle limitazioni del regolamento e con esplicite immagini pornografiche o di anatomia intima.

9. L'autore del post è pienamente responsabile per i contenuti riportati: diffamazioni o violazioni di copyright.

10. Non è possibile per gli utenti effettuare pubblicità all’interno del forum. I post contenenti messaggi pubblicitari verranno cancellati e segnalati come Spam.

11. L'autore di ogni post ha la possibilità di editarlo entro 10 minuti dall'invio. Verificate attentamente i vostri messaggi; passato il termine non sono più modificabili, questo al fine di garantire una coerenza con lo sviluppo degli argomenti.

12. Prima di aprire una discussione in un forum è bene assicurarsi che l'argomento non sia trattato in altre discussioni attualmente attive. Nel caso siano aperte discussioni doppie i moderatori possono decidere di chiuderle e indirizzare gli utenti a quelle già esistenti.

13. Il forum non è una chat, quindi gli utenti non devono intraprendere lunghi botta e risposta con un altro utente, soprattutto se si tratta di questioni personali. Per le conversazioni private devono essere usati i mp o, nel caso di chiacchiere di gruppo, l’apposita sezione “4 chiacchiere”.


COME SCRIVERE SUL FORUM

Il titolo
Il titolo della discussione contiene il tema del messaggio. Deve essere sintetico ma non generico e soprattutto deve essere scritto in italiano corretto, senza abbreviazioni, lettere ripetute o maiuscole dove non necessarie.
Sono da evitare titoli come “Richiesta d’aiuto” o “Problema”.

esempio Titolo:
Cerco ortopedico - piede rotto (giusto)
AAAAAAAAAAAAIIIIIIII IIIUUUUUUUUUUUTTo! (sbagliato)

L'autore del primo post della discussione da l'indirizzo tematico della discussione.
Più il titolo sarà pertinente più la discussione sarà letta da tutti gli utenti del forum.
I moderatori potranno a loro discrezione modificare i titoli ritenuti non idonei.

Il contenuto delle discussioni
Aprire una nuova discussione significa voler condividere con gli altri utenti un problema di salute, chiedere un consiglio o confrontarsi su di un'idea o un'argomento.
Se un utente apre un thread solo per propagandare un'idea, sarà invitato al confronto. Se dopo un primo invito il post non sarà aperto anche alle opinioni degli altri utenti, i moderatori chiuderanno la discussione.

Il contenuto dei post

Gli utenti sono invitati a non scrivere in maiuscolo dove non necessario, poiché il maiuscolo indica che si sta urlando.
All'interno dei messaggi possono essere inserite le Emoticons. Il loro impiego nei topic è affidato al buon senso degli utenti, è consigliabile tuttavia non eccedere nel loro utilizzo.
Il linguaggio all'interno dei post deve essere cortese e rispettoso delle diverse opinioni degli altri utenti.
Nel caso in cui un post contenga linguaggio non adatto alla sezione in cui è contenuto o abbia un contenuto volutamente provocatorio, (atto a far degenerare la discussione o far arrabbiare un utente) i moderatori provvederanno a modificarlo e avvertire l'utente.
Nel caso in cui l'utente persista nel mantenere un linguaggio offensivo o aggressivo dopo il primo avvertimento, riceverà un ban di almeno 3 giorni. Se questo comportamento continuasse anche allo scadere del ban, i moderatori decideranno se bannare nuovamente l'utente in maniera definitiva.
Chi schernisce pubblicamente gli utenti che chiedono aiuto o mette in dubbio la realtà dell'utente e/o della situazione descritta riceverà un'infrazione e in caso avvenga nuovamente un ban fino a 2 giorni.

Citazioni e aforismi
Se si riportano stralci di libri o articoli, citazioni o aforismi all'interno delle discussioni è sempre bene riportare l'autore.
Non è possibile aprire discussioni contenenti esclusivamente citazioni e aforismi, salvo previa autorizzazione via messaggio privato della moderazione.

Sondaggi

Gli utenti dovrebbero evitare di realizzare discussioni di sondaggio: per realizzare un sondaggio chiedere al moderatore della sezione di aprire un thread apposito. Quando si crea un sondaggio è bene motivare chiaramente i quesiti, in modo che non possano essere scambiate per pure provocazioni o scherzi.

Funzione Quote
Quotare un messaggio significa citarlo riportandone una parte. Quotare implica ripetere cose che probabilmente gli altri utenti hanno già letto, va fatto solo quando strettamente necessario. Non è necessario quotare interamente il post precedente al proprio se si intende commentarne solo una frase: è bene mantenere la frase in questione e cancellare il resto.

Come aprire una nuova sezione (forum o sub forum)
Per aprire una nuova sezione o un nuovo forum si deve proporre l'argomento all'amministratore e impegnarsi per farlo crescere.
Per proporre una sezione o un forum è necessario che ci siano almeno due utenti interessati e disposti ad animare e moderare la sezione.
Vedi: Come diventare moderatore?


I MODERATORI e L'AUTO-MODERAZIONE

La base su cui si fonda questo forum è l'auto-moderazione, ogni utente è quindi tenuto a rispettare e fare rispettare il regolamento del forum.
I moderatori sono solo un aiuto in più in caso di bisogno.

Come ci comporta con le violazione ai principi di questo forum e del regolamento?
1. si abbandona la discussione evitando di intervenire.
2. si segnala l'abuso con l'apposito strumento (triangolo con punto esclamativo)
3. la segnalazione appare nella sezione dedicata (visibile pubblicamente)
4. i moderatori leggono la segnalazione, rispondono spiegando come intendono agire e si comportano di conseguenza
5. una volta che il moderatore ha risposto non è possibile ribattere se non tramite messaggio privato.

Nel caso vi sia un utente particolarmente molesto, è possibile non visualizzare i suoi post inserendolo tra i propri utenti indesiderati.

In caso si voglia chiarire una particolare situazione con un utente o un moderatore si comunica con l’interessato tramite messaggio privato, NON attraverso discussioni pubbliche.

In caso di infrazioni al regolamento da parte dei moderatori, è possibile sollevare il problema con il moderatore stesso via messaggio privato. In caso non si giunga a una conclusione civile e si ritenga necessario segnalare il problema, è possibile contattare l'amministratore. (Evoh)
NON è possibile discutere pubblicamente delle dinamiche di moderazione del forum. Le discussioni pubbliche verranno eliminate.

ATTENZIONE:
1 - Lo strumento segnalazioni serve a porre in evidenza gravi infrazioni al regolamento
2 - Un messaggio OT non è considerabile una grave infrazione
3 - Non è concesso utilizzare le segnalazioni per provocare altri utenti, innescare polemiche o flames e infastidire intenzionalmente la moderazione.
4 - Le risposte non sono sindacabili pubblicamente. Se non si è d'accordo è possibile comunicare via mp con il moderatore che ha risposto alla segnalazione. Segnalazioni di segnalazioni o di ammonimenti non riceveranno risposta e saranno cancellate.

Non è possibile segnalare i MP. In caso di gravi attacchi personali effettuati tramite messaggio privato gli utenti possono scrivere direttamente all'amministratore del forum.

Chiunque utilizzi impropriamente lo strumento di segnalazione (come da punto 3) riceverà un primo avvertimento e, nel caso in cui dovesse continuare, potrà ricevere un ban della durata massima di 3 giorni.

Come diventare moderatore?
Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

Il compito dei moderatori è:
- animare le discussioni
- facilitare lo scambio di opinioni tutelando la pluralità dei punti di vista
- accogliere i nuovi arrivati
- far rispettare il regolamento

I moderatori:
- rispettano il regolamento (che vale per i moderatori esattamente come per gli utenti)
- sono liberi di esprimersi nei forum seguendo le stesse linee guida degli utenti (post cordiali, non aggressivi, no flames, no attacchi personali, non mettono in dubbio identità o realtà di un utente, ecc)
- NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum (solo gli utenti possono segnalare)
- possono moderare solo le sezioni loro assegnate



PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODERATORE

Il caposaldo del regolamento è l'auto-moderazione.
L'intervento dei moderatori deve essere quindi, in ordine di priorità:

- Animare: aprire discussioni, accogliere i nuovi, facilitare lo scambio di opinioni (consentendo a tutti di esprimersi) e aiutare gli utenti a districarsi fra le regole del forum e gli strumenti (fratello maggiore)
- Mantenere la rotta: il moderatore deve far si che le discussioni siano sempre on topic, è lecito chiuderle se si esce fuori tema.
- Moderare: (... e far moderare) i toni
- Mantenere la forma: è importante come si scrive, come si fa un titolo, come si imposta una domanda.

I moderatori di sezione lavorano in squadra e tutte le decisioni devono essere condivise, tutte le discussioni tecniche o inerenti la moderazioni devono avvenire via MP o nella sezione del forum privata e dedicata esclusivamente ai moderatori. Il moderatore non deve mai discuterne pubblicamente.

Il moderatore deve animare e pacificare, quindi non deve essere MAI causare volontariamente problemi e dissidi con gli altri moderatori.
Nel caso in cui un moderatore attacchi pubblicamente un altro moderatore per il suo operato, sarà sospeso per una settimana.
Nel caso in cui un moderatore violi il regolamento e/o agisca contro l'interesse del forum e della moderazione, gli altri moderatori possono segnalarlo nel forum moderatori.
Alla terza segnalazione l'amministrazione risponderà entro 5 giorni alla segnalazione e potrà agire con un richiamo formale, con un ban o con la rimozione dall'incarico.

I moderatori dato l'importante ruolo che ricoprono per la comunità del forum devono essere:
- tolleranti
- disponibili
- leali
- imparziali
- punto di riferimento per gli utenti
- da esempio

Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

I moderatori devono rispettare il regolamento e sono liberi di esprimersi nei forum, ma NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum e devono moderare solo le sezioni loro assegnate.
Solo gli utenti possono segnalare, se un moderatore riscontra violazioni nella sezione di sua competenza non segnala ma agisce.
In caso un moderatore noti situazioni particolari in una sezione di un altro moderatore, deve limitarsi a segnalarla tramite messaggio privato.

Se un moderatore dovesse mancare dal forum per più di un mese senza aver comunicato la sua assenza in precedenza, verrà rimosso dal suo incarico.

Regolamento segnalazioni e ban
La sezione dove saranno postate le segnalazioni sarà leggibile a tutti.
Solo i moderatori potranno scrivere in risposta alla segnalazioni
Alla segnalazione di un utente risponde il moderatore della sezione interessato scrivendo come intende agire e motivando proprie decisioni. (può anche decidere di non fare nulla, ma va scritto!)
Nel caso si decidesse di bannare l'utente, verrà scritto direttamente in risposta alla segnalazione e sarà visibile a tutti.
Non saranno poi concesse repliche in risposta al moderatore. Se ci saranno domande/dubbi/problemi andranno gestiti tramite i mp.

Nel caso che la decisione di bannare l’utente derivi non da una segnalazione ma da un ragionamento fatto con altri moderatori, il moderatore deve notificare il ban con un post nel forum moderatori.
Quando si banna un utente è OBBLIGATORIO segnalare la motivazione.



CANCELLAZIONE
Se si desidera cancellare la propria utenza dal forum, è sufficiente inviare un messaggio privato all'amministratore del forum (attualmente Evoh) E una a mail a [email protected] utilizzando la mail d'iscrizione al forum e indicando il proprio nick e la volontà di essere cancellati.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Infiammazioni e infezioni vaginali

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Re: Infezioni vaginali

    Tuttavia la stessa vaginite rappresenta un serbatoio microbico in cui proliferano sia il germe responsabile dell'infezione, sia germi diversi da quello originario e da qui è facile che i batteri partano per andare ad invadere l'uretra e poi la vescica dando origine ad una reale cistite.

    In questi casi purtroppo viene curata solo la cistite con antibiotici che non sempre sono quelli efficace a risolvere il problema infettivo vaginale.

    Perdurando lo squilibrio vaginale (incrementato dall'antibiotico stesso) e quindi il serbatoio batterico vaginale, rimarranno le condizioni favorevoli allo sviluppo di ulteriori cistiti.

    Davanti ad infezioni vescicali ricorrenti pertanto è indispensabile analizzare la situazione vaginale per escludere che l'origine di questa cronicità sia dovuta ad un'alterazione della flora batterica vaginale.
    Importante allora effettuare una visita ginecologica, un tampone vaginale e cervicale e se necessario ricerche più specifiche.

    segue..
    sito sanihelp

    Commenta


    • #32
      Re: Infezioni vaginali

      In letteratura raramente si parla di ripristino della flora batterica vaginale o di prevenzione delle vaginosi attraverso l'uso di probiotici vaginali.
      Ritengo che si eviterebbero numerosissime vaginosi se si associasse nella donna l'assunzione orale e locale di lattobacilli ogni volta che viene prescritta una terapia antibiotica (per qualsiasi malattia, anche per la bronchite), ad ogni donna sottoposta a terapia anticoncezionale orale, ad ogni donna gravida, ad ogni donna in menopausa, ad ogni donna affetta da vestibolite o da dermatosi, dopo una malattia debilitante.

      Gianna Tempera ritiene basilare associare alle terapie eradicanti i patogeni e al ripristino dei lattobacilli carenti anche una terapia ristrutturante e riepitelizzante a base di antiradicali liberi, che sembrano avere un ruolo importante nell'impedire e riparare il danno cellulare ricevuto dalle mucose.
      Questi antiradicali si trovano nei vegetali (polifenoli e bioflavonoidi), nelle vitamine (vitamina C, vitamina E, betacaroteni) e nei micronutrienti (selenio, zinco, rame, glutatione, coenzima Q10, melatonina, acido urico).

      Un altro studio su 45 donne ha dimostrato che la semplice acidificazione dell'ambiente vaginale attraverso prodotti specifici, ha risolto completamente la vaginosi nel 93% delle donne sottoposte a tale terapia (Miphil).

      segue..
      sito sanihelp

      Commenta


      • #33
        Re: Infezioni vaginali

        Estremamente importante inoltre, è la prevenzione che possiamo mettere in atto attraverso semplici regole quotidiane:

        - uso di biancheria bianca in cotone (che lascia traspirare la cute apportando ossigeno ai batteri anaerobi),
        - abolizione di detergenti intimi e lavande (per non rimuovere la flora del Doderlein),
        - eliminare jeans e pantaloni troppo stretti (poiché trattengono umidità e calore creando condizioni favorevoli allo sviluppo dei patogeni),
        - utilizzare assorbenti di cotone e limitare il loro uso esclusivamente al periodo mestruale.

        Un dubbio sorge spontaneo. Visto che ogni infezione vaginale è dovuta all'alterazione della flora batterica in cui vi è un aumento dei patogeni ed una diminuzione dei lattobacilli, perchè invece di combattere i patogeni con terapie che hanno sicuri effetti collaterali non si lavora sul fronte opposto ripristinando le quantità di lattobacilli vaginali originali?
        Forse perchè le case farmaceutiche guadagnano di più con gli antibiotici rispetto ai fermenti vaginali?

        Uno studio Giapponese su 2000 donne gravide (Usui-2002) ed uno koreano (Kim, 2006) ha dimostrato che il parto pretermine non è dovuto all'aumento di patogeni, ma all'assenza di lattobacilli.

        Quindi sembra che la cosa più importante non sia tanto la ricerca colturale dei patogeni, la cui terapia antibiotica rischia solo di peggiorare l'infezione originale, ma la valutazione quantitativa dei lattobacilli.

        “Il miglior comandante non è colui che riporta cento vittorie su cento battaglie, ma colui che vince senza combattere...” (Sun Tzu “Arte della guerra”)


        FONTE: cistite.info - scritto da Rosanna
        sito sanihelp

        Commenta


        • #34
          VAGINITI e VAGINOSI

          (Tratto da : cistite.info - scritto da Rosanna )

          VAGIOSI BATTERICA

          E' il tipo di infezione vaginale più frequente (26%) dopo la candida (35%) , rappresentata dall'aumento della flora batterica anaerobica, cioè quei microrganismi che non vivono in presenza di ossigeno.
          I lattobacilli riescono a vivere sia in presenza, che in assenza di ossigeno.

          Come visto precedentemente i batteri patogeni sono costantemente tenuti sotto controllo dai lattobacilli, che ne impediscono la riproduzione eccessiva e quindi la possibilità di creare malattia infettiva.
          Questo avviene perchè i lattobacilli sono in grado di produrre acqua ossigenata, cioè acqua ricca di ossigeno, che impedisce la sopravvivenza o la riproduzione dei batteri anaerobi, dei funghi, dei virus e dei mycoplasmi.

          Inoltre i lattobacilli trasformano il glicogeno presente nelle secrezioni vaginali in acido lattico, che abbassa il ph vaginale trasformando l'ambiente ideale per loro, ma sfavorevole ai patogeni.

          In condizioni normali la vagina ospita dai 10 ai 100 milioni di batteri in ogni grammo di secrezione, di cui solo 100mila al massimo sono patogeni.
          Nella vaginosi il numero dei batteri arriva a 1000/10000 milioni di microrganismi e la quantità dei vari patogeni anaerobi supera quello dei lattobacilli e nei casi più gravi questi ultimi vengono sostituiti totalmente.

          La vaginosi è caratterizzata da abbondanti perdite bianco-grigiastre e maleodoranti, che aumentano in fase pre e post mestruale e dopo rapporti sessuali, ma senza presenza di infiammazione e quindi di sintomi, tipici invece delle vaginiti.

          segue..
          sito sanihelp

          Commenta


          • #35
            Re: VAGINITI e VAGINOSI

            L'odore tipico della vaginosi è simile all'odore del pesce e ciò perchè i batteri anaerobi in ambiente alcalino producono poliamine e trimetilamine (dette spermina, spermidina, putrescina e cadaverina) che danno alle secrezioni maleodoranti.

            L'odore diventa più forte in fase post mestruale e dopo i rapporti sessuali perchè sangue e sperma alcalinizzano l'ambiente vaginale favorendo il rilascio di poliamine.

            Queste sostanze provocano a lungo esfoliazione dell'epitelio vaginale e danni all'intero epitelio.
            Per questo la vaginosi protratta può dar luogo a bruciore, prurito e dispareunia per poi sfociare in malattia infiammatoria pelvica, ed in caso di gravidanza: parti pretermine, rottura delle membrane, infezioni varie nel neonato, endometrite post parto, basso peso del nascituro.

            La diagnosi di vaginosi viene posta se sono positivi questi criteri clinici:
            - secrezioni abbondanti (leucorrea) uniformi,
            - pH vaginale maggiore di 4,5,
            - odore di pesce dopo aver messo a contatto le secrezioni con idrossido di potassio (whiff test, o fish test, o amine test, o odor test, o sniff test, o fishy odor test, o test dell’odore fetido),
            - presenza nelle secrezioni valutate al microscopio, di clue cell, cioè di cellule epiteliali che hanno sulla loro superficie numerosi batteri patogeni attaccati (se queste cellule sono almeno il 20% del totale delle cellule epiteliali nelle secrezioni il test è positivo),
            - assenza o diminuzione drastica di lattobacilli,
            - presenza di gardnerella o mobilunculus.

            Il test di Nugent permette di valutare la gravità della vaginosi rapportando la quantità di batteri presenti alla quantità di leucociti indice di infiammazione: da 7 a 10 sarà una vaginosi franca, da 3 a 6 una vaginosi al limite tra normalità e patologia, al di sotto del 3 la vaginosi è assente.

            segue..
            sito sanihelp

            Commenta


            • #36
              Re: VAGINITI e VAGINOSI

              La terapia ideale della vaginosi dovrebbe essere efficace su un vasto gruppo di microrganismi (visto che l'infezione è dovuta a più patogeni contemporaneamente), ma inefficace sui lattobacilli.
              Inoltre non dovrebbe avere effetti ne' locali (che farebbero peggiorare le capacità difensive), ne' sull'organismo.
              Vista la frequenza con cui la vaginosi si verifica in gravidanza il farmaco ideale dovrebbe poter essere usato anche dalle donne in attesa.

              Il metronidazolo soddisfa le prime 2 necessità.
              Sull'utilizzo in gravidanza ci sono pareri diversi, soprattutto per il primo trimestre in cui si preferisce somministrare clindamicina in crema vaginale.
              Ovviamente in letteratura si accenna raramente all'utilizzo dei lattobacilli locali e sistemici per curare la vaginosi!

              segue..
              sito sanihelp

              Commenta


              • #37
                Re: VAGINITI e VAGINOSI

                VAGINITE AEROBICA

                Fino al 2002 le infezioni genitali venivano suddivise in 3 classi: malattie sessualmente trasmesse, vaginosi batteriche e vaginosi specifiche ( da Candida o da Trichomonas).

                Le infezioni causate da batteri aerobi, che rappresentano circa il 30% delle infezioni vaginali, erano classificate come “vaginosi aspecifiche” o come “flora intermedia”, “flora mista”, o ancora come “altre infezioni”, considerando queste infezioni una forma di passaggio tra la flora vaginale normale e la vaginosi, in base a lla vecchia classificazione di Gardner e Dukes in voga dal 1955 (!!).

                Nel 2002 Donder introdusse una nuova classificazione che relegava il termine di vaginosi alle sole infezioni provocate da un aumento della flora batterica anaerobia ed introdusse il termine di vaginite aerobica inserendo in tale categoria tutte le infezioni causate da batteri aerobi di origine prevalentemente intestinale.

                Ciò ha permesso la distinzione tra due patologie ben differenti e ha consentito di trovare terapie mirate a questo tipo di infezione, che prima veniva curata con farmaci efficaci sulla vaginosi (metronidazolo), ma inefficaci sui batteri aerobi.

                Le vaginiti aerobiche sono maggiormente responsabili di complicazioni in gravidanza a causa dell'infiammazione che provocano.
                Trattandole come vaginosi (e quindi non risolvendole) queste infezioni causavano parti pretermine e rotture delle membrane, nonostante la cura.

                Purtroppo la nuova classificazione è molto recente e non è stata metabolizzata da tutti i medici. Pertanto ci si trova ancora di fronte ad infezioni vaginali da Escherichia coli o Enterococco trattate con inutile e dannoso metronidazolo.

                segue..
                sito sanihelp

                Commenta


                • #38
                  Re: VAGINITI e VAGINOSI

                  La vaginite aerobica ha la stessa origine della vaginosi: l'alterazione della normale flora batterica vaginale con netta diminuzione dei lattobacilli, ma su questa base aumenta la proliferazione dei batteri anaerobi intestinali invece che quelli anaerobi vaginali.

                  Ma perchè in alcune donne aumentano gli anaerobi (tutto sommato meno dannosi)i ed in altre aumentano i batteri intestinali aerobi?
                  Ovviamente non si sa! Si ipotizza un possibile ruolo delle malattie intestinali (stipsi, colon irritabile, emorroidi, ecc) che incrementano la quantità di batteri patogeni intestinali, che più facilmente arriveranno ad invadere la vagina.
                  Ma sicuramente questo rappresenta solo uno dei fattori scatenanti e non la causa principale.

                  E' caratterizzata dalla presenza di leucociti e quindi da una franca infiammazione delle mucose con conseguente sintomatologia.
                  Quindi, mentre la vaginosi è prevalentemente asintomatica, la vaginite aerobica provoca:
                  - bruciore,
                  - prurito,
                  - dispareunia,
                  - eritema delle mucose vulvo-vaginali talvolta con ulcerazioni,
                  - perdite giallastre maleodoranti, ma senza odore di pesce tipico della vaginosi.
                  - Il ph risulta molto più elevato rispetto alla vaginosi e supera addirittura il 6.

                  Nella maggior parte dei casi i batteri responsabili dell'infezione sono:
                  - Stafilococco Aureo,
                  - Enterococchi,
                  - Streptococcus agalactiae.
                  - Escherichia Coli.

                  A questi batteri è facile che se ne aggiungano altri responsabili di vaginosi o di malattie sessualmente trasmissibili (Gradnerella, HPV, ecc), Candida e Trichomonas.

                  segue..
                  sito sanihelp

                  Commenta


                  • #39
                    Re: VAGINITI e VAGINOSI

                    A proposito di Escherichia coli, Gianna Tempera (Dipartimento Scienze Microbiologiche e Ginecologiche, Univ. Catania) ha studiato il ruolo di questo batterio nelle infezioni vaginali.
                    In base ai suoi studi risulta che esso è il responsabile della maggior parte delle vaginiti aerobiche e che per eradicare questa presenza sia necessaria non solo la terapia antibiotica (che preferisce locale in quanto ha meno effetti collaterali e non induce resistenze in altri organi), ma anche il ripristino della normale quantità di lattobacilli (applicandoli direttamente in vagina) e la ricostruzione dell'eventuale danno della mucosa vaginale attraverso l'uso topico di antiradicali liberi.

                    Sempre secondo Tempera l'Escherichia Coli vaginale, aumentato in caso di vaginite, sarebbe responsabile anche di altre patologie come la malattia infiammatoria pelvica in quanto questi batteri riuscirebbero a risalire dalla vagina all'utero, da qui alle tube e dalle tube a riversarsi nell'addome.

                    Il farmaco che pare avere maggior efficacia su questi batteri aerobi intestinali (e soprattutto verso l'escherichia coli) è la Kanamicina somministrata per via vaginale.
                    Questo antibiotico pare essere inefficace sui lattobacilli riducendo il rischio di recidive e di infezioni da candida.

                    L'Amoxicillina sembra aumentare la colonizzazione vaginale da parte degli Escherichia coli! (Herthelius et Al. 1989).

                    segue..
                    sito sanihelp

                    Commenta


                    • #40
                      Re: VAGINITI e VAGINOSI

                      Bibliografia:

                      • “Vaginite aerobica: una forma di alterazione della flora batterica vaginale, distinta dalla vaginosi batterica” Donder GG, Vereecken A, Bosmans E, Dekeersmaecker A, Salembier G, Spitz B. Department of Obstetrics and Gynaecology, University Hospital Gasthuisberg, Catholic University of Leuven, Belgium. BJOG 2002 Jan;109(1):34-43
                      • “Infezioni vaginali un problema banalizzato?" Brunella Guerra U.O. di Medicina dell’Et? Prenatale Unit? Complessa di Istituti di Ginecologia e Ostetricia Universit? degli Studi di Bologna
                      • “Hic sunt escherichiae” “L’ignoto agente era una vecchia conoscenza: sotto mutati aspetti" Sergio Angeletti Riv. It. Ost. Gin. - 2005 - Vol. 8, pag. II
                      • "Ecosistema vaginale: espressione di un equilibrio dinamico" F.De Seta, S.Sacco, E.Bianchini, S.Smiroldo, Businelli C., S.Guaschino
                      • Clinica Ostetricia e Ginecologia- IRCCS B.Garofolo Università degli studi di Trieste
                      • "Fisiopatologia della microflora aerobia ed anaerobia in gravidanza" Alberto Biamonti , Daniele Vittori , Marie Louise Ngouma Tetang Dipartimento Materno Infantile , Unità Operativa Colposcopia Cristo Re , Roma
                      • “L'ecosistema vaginale” Gianna Tempera, 81° congresso S.I.G.O – 46° A.O.G.O.I – 13° A.G.U.I, 20/24 settembre 2005, Bologna
                      • Chieffi, Bonfirraro, Fimiani. “Ginecologia ambulatoriale”, See Firenze
                      • “Efficacia dell’utilizzo del Lactobacilllus paracasei subsp. paracasei F19 nella vaginosi e nella prevenzione delle recidive di vaginite somministrato per via orale contemporaneamente ad un Lactobacil-lus acidofilus per via vaginale”Delia A., Morgante G., Rago G., Musacchio M. C., Petraglia F., De Leo V. Unità di Ostetricia e Ginecologia Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi di Siena, Siena


                      FONTE: cistite. info - scritto da Rosanna
                      sito sanihelp

                      Commenta


                      • #41
                        Vestibolite vulvare e Vulvodinia

                        Qui ci sono altre informazioni su : Vestibolite vulvare e Vulvodinia
                        http://www.sanihelp.it/forum/malatti...ml#post1554812
                        sito sanihelp

                        Commenta


                        • #42
                          Re: Infezioni vaginali

                          Originariamente inviato da anna1401 Visualizza il messaggio
                          Tuttavia la stessa vaginite rappresenta un serbatoio microbico in cui proliferano sia il germe responsabile dell'infezione, sia germi diversi da quello originario e da qui è facile che i batteri partano per andare ad invadere l'uretra e poi la vescica dando origine ad una reale cistite. Perdurando lo squilibrio vaginale (incrementato dall'antibiotico stesso) e quindi il serbatoio batterico vaginale, rimarranno le condizioni favorevoli allo sviluppo di ulteriori cistiti.

                          Davanti ad infezioni vescicali ricorrenti pertanto è indispensabile analizzare la situazione vaginale per escludere che l'origine di questa cronicità sia dovuta ad un'alterazione della flora batterica vaginale.
                          Importante allora effettuare una visita ginecologica, un tampone vaginale e cervicale e se necessario ricerche più specifiche.

                          segue..

                          purtroppo questo è il mio caso....
                          peccato che in tanti anni non sia riuscita a trovare un solo ginecologo o urologo che lo abbia compreso...faccio come una pallina da ping pong...da uno specialista all'altro...
                          mi continuano a sottoporre a tamponi vaginali (perennemente positivi a batteri intestinali con presenza di perdite maleodoranti), cosi come i tamponi uretrali.
                          i ginecologi dicono che sono batteri normalmente presenti in vagina perciò la causa dei miei bruciori urinari sono di natura urologica,per cui mi mandano dall'urologo...mi sottopongono a cistoscopie,da cui rilevano infiammazione trigono (che nel 90%dei casi la causa è ginecoligca appunto) e mi rimandano dal ginecologo...
                          insomma non ne vengo fuori....
                          nel frattempo ,con il passare degli anni, il bruciore si trasforma in dolore neuropatico causandomi una bella vulvodinia e dolore pelvico...
                          mi chiedo alle volte se ne uscirò mai...
                          mi basterebbe anche solo spezzare il circolo vizioso...forse starei meglio non so...che ne pensa il Dottore ?

                          Commenta


                          • #43
                            Re: Infezioni vaginali

                            Comunque è sicuramente utile una bonifica e ricolonizzazione dell'ambiente intestinale con in successione ENTERELLE, poi BIFISELLE e successivamente RAMNOSELLE, una settimana di ognuno a dosaggio di 2 capsule x 3 volte al giorno.
                            Ultima modifica di anna1401; 08/03/2013, 23:11.
                            dr. vincenzo valesi sanihelp

                            Commenta


                            • #44
                              Re: Infezioni vaginali

                              Originariamente inviato da vvalesi Visualizza il messaggio
                              Comunque è sicuramente utile una bonifica e ricolonizzazione dell'ambiente intestinale con in successione ENTERELLE, poi BIFISELLE e successivamente RAMNOSELLE, una settimana di ognuno a dosaggio di 2 capsule x 3 volte al giorno.
                              Grazie infinite Dottore
                              io chiedo in farmacia o agli stessi medici ma mi dicono che un fermento vale l'altro!
                              ci arrivo persino io a capire che non è così! ma non ho le capacità per dire quali fan al caso mio...

                              e come aiuto ai tamponi uretrali sempre positivi (per lo più batteri intestinali) e poche cistiti batteriche, cosa posso prendere? Cis 400può andare?(oltre ad agire come abbiam detto sull'intestino)....

                              le volevo inoltre chiedere come nel mio caso, in 20 anni di infiammazioni,infezi oni il tutto ha portato a dolore pelvico...anche in assenza di batteri...
                              mi han proprosto di neuromodulatore....m a mi è parso una scelta un pò affrettata...non ho incontinenza o al contrario problemi di svuotamento...il mio unico problema è il dolore a tutto il pavimento pelvico, va dalla vescica ,all'uretra,alla vulva, al coccige...
                              Ultima modifica di anna1401; 11/03/2013, 23:45.

                              Commenta


                              • #45
                                Re: Infiammazioni e infezioni vaginali

                                Posso dire che per quanto riguarda algie pelviche di tipo neuropatico e vulvodinia, ci sono interessanti applicazioni dell'agopuntura.
                                dr. vincenzo valesi sanihelp

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X
                                gtag('config', 'UA-35946721-1');