annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    .
    (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

    La dott.ssa Kousmine ha unito gli studi scientifici l'istinto naturale per una sana nutrizione terapeutica


    Un giorno, di lei – della dr.ssa Catherine Kousmine – senza conoscere il suo lavoro, ho detto: «Che meraviglia invecchiare così!».
    Mi trovavo di fronte alla tenera immagine di una vecchietta dagli occhi incredibilmente vitali. Una faccia radiante benessere, in cui le rughe passavano in secondo piano.
    Di lei si tende a conoscere di più, giacché nel tempo è diventata popolare, la crema Budwing.

    Ne è passato del tempo da quando per la prima volta ho sentito parlare di questa colazione naturale e completa. Allora, all’incirca ventotto anni fa, la dottoressa Kousmine era ancora in vita e del suo metodo si parlava come di uno dei più all’avanguardia relativamente all’influenza di una curata e naturale alimentazione sulla salute, sul benessere intestinale e il sistema immunitario.

    Dalla sua parte aveva studi, ricerche e una dedita formazione medico-scientifica di stampo occidentale, in un periodo in cui erano molte le attraenti e sincretiche tendenze derivate dal grande e antico colosso della medicina orientale e della sua dietetica.

    segue..
    sito sanihelp

  • #2
    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

    Chaterine: storia di una pioniera
    È stata, nel suo ambiente, una pioniera, e a ragione. Basti pensare che questa curiosa, appassionata ricercatrice e pediatra – fiera amante della sua formazione accademica e degli studi clinici – aveva scoperto, già dal 1945, con dovizia di casi seguiti e documentati, che il cancro non è la manifestazione di un diabolico essere alieno nel nostro corpo, bensì un suo modo altamente complesso e intelligente di difendersi.

    Anche l’attitudine con la quale si pose nell’esplorazione di questa sempre più dilagante malattia terminale mostra il coraggio del nuovo, soprattutto nell’ambiente medico.

    La dottoressa Kousmine studia e sperimenta arditamente non con l’intento bellico di debellare il tumore, piuttosto di comprendere come si sviluppa.
    A seguito dei suoi studi avanzati, senza alzare la voce in toni eclatanti, tra un rigo e l’altro di una delle sue opere – La tavola della salute – ci fa capire che il cancro non è mortale, che si può guarire.

    Partendo da dove? Ripercorrendo le fasi che hanno sollecitato l’organismo a rispondere con un ultimo tentativo sensato di salvaguardia, il tumore appunto.
    Come? Rigenerando la membrana intestinale, riportando alla tonica compattezza originaria le sottili pareti del crasso e, fondamentale, del tenue.
    Con quali mezzi? Una sana alimentazione, prima di tutto.

    segue..
    sito sanihelp

    Commenta


    • #3
      Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

      (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

      Ovvero l’apporto di vitamine, oligoelementi e grassi di buona qualità attraverso il cibo, al quale si possono aggiungere complessi vitaminici, da un lato, e dall’altro un’igiene che supporti il ricostituirsi della coesione-elasticità della pellicola viscerale, e un lavaggio oleico delle mucose della bocca e della lingua.

      Il tutto è sostenuto dal monitoraggio dell’equilibrio acido-basico del sangue.
      In alcuni approcci alla salute quest’ultimo punto ha assunto, negli anni, fino ad arrivare ai giorni nostri, un ruolo centrale, tant’è che ora si sente parlare sempre di più, con modalità diverse, dell’importanza di raggiungere e mantenere un equilibrio acido-basico.

      In uno dei pochi video in circolazione, che ritrae Catherine Kousmine alle soglie del suo ultimo quinquennio, come lei con arresa serenità ammette, è con poche parole che la dottoressa declama il punto centrale della sua ricerca: «La malattia – lei dice – è dovuta principalmente all’intossicazione del nostro intestino a causa della cattiva alimentazione e della stitichezza.
      Ci vuole una parete intestinale normale per essere resistenti».

      Se la parete intestinale che è costituita da un solo strato cellulare si fa porosa, lasciando passare delle tossine e il fegato non riesce a distruggerle, il malato a quel punto si difende creando un tumore.
      «La crema Budwing – la dott.ssa aggiunge – è un cocktail di vitamine estremamente benefico, che permette di avere un miglior equilibrio di salute, ma non è una panacea… non faccio solo questo!».

      segue..
      sito sanihelp

      Commenta


      • #4
        Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

        (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

        Il metodo: meno proteine, più vitamina F

        Ed ecco che ritorna la “rinomata” crema-colazione degli inizi, inclusa in quello che poi è stato chiamato il ben più articolato metodo Kousmine.
        Sulla crema posso testimoniare direttamente, a fronte di una ormai costante pratica nel prepararla e, soprattutto, nel mangiarla. Sono diversi anni che è diventata la mia-nostra colazione per eccellenza, riadattata e lievemente personalizzata. Diciamo che l’ho scoperta mangiandola.

        È stato senza l’intento preciso di voler abbracciare un metodo o un regime che ho semplicemente cominciato ad adottarla, senza prefiggermi niente in particolare.
        La piacevole scoperta è stata, già dopo pochi giorni, che si trattava di una colazione leggera eppure piacevolmente sostanziosa, che dispensava il corpo-mente dal chiedere ancora cibo, nell’arco dell’intera mattinata.

        Appagante, nel senso pieno della parola, anche senza banana, un frutto che viene da troppo lontano, per i miei gusti. Tuttavia, sottoscrivo, non è una panacea e il metodo Kousmine, come già accennato, non si riduce certo a questa, non si ferma lì.

        segue..
        sito sanihelp

        Commenta


        • #5
          Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

          (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

          Un punto fermo è la larga diminuzione di proteine, soprattutto animali, in favore di verdure, frutta e cereali integri, macinati o spezzati di fresco, in modo da tagliare i tempi di cottura e anche, come nella Budwing e non solo, prestarsi, in piccole quantità, a essere consumati crudi.

          A riguardo c’è ora molta letteratura scientifica e certo, nel mondo medico, Catherine Kousmine è stata un’apripista anche, a mio avviso, dell’avanzare di un certo tipo di veganesimo, sebbene questo abbia un terreno di natura ideologica estraneo al suo procedere, rigoroso e clinico nell’indagare.

          Un’indagine che testimonia, tuttavia, la forza autentica di un femminile intuitivo in buon equilibrio con lo strumento accademico. Un po’ come l’unione delle sue origini russe e della più pragmatica Svizzera, che l’ha ospitata.

          Importantissimo, nella sua pratica, è il giusto apporto di vitamina F, rappresentato da acidi grassi essenziali da me sopra nominati, grassi di buona qualità.

          segue..
          sito sanihelp

          Commenta


          • #6
            Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

            (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

            E qui un veganesimo superficiale, sentimentale e poco competente dell’energia dei cibi e dei loro nutrienti, può alla lunga far cilecca, soprattutto in un organismo femminile: è l’esperienza diretta che parla, sofferta.
            Ora posso dire, come, scopro, aveva già detto la Kousmine un bel po’ di anni fa, che l’insufficienza di sostanze grasse di buona qualità nell’alimentazione provoca e sollecita varie malattie croniche da carenza, che si sono diffuse con una certa velocità.

            Questo, unito al desiderio di imitare una certa asciuttezza molto di moda, può nel corpo femminile andare a ledere quelle riserve lipidiche molto importanti per uno sviluppo naturale e sano nelle varie stagioni sessuali.

            Spesso certe derive dietetiche sono teorizzate e in buona fede divulgate da uomini, che rischiano di dimenticare la delicata differenza tra i generi.

            segue..
            sito sanihelp

            Commenta


            • #7
              Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

              (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

              I semi oleosi nella dieta e a uso medicale

              Ritornando alla breve intervista video, che mostra segni inconsueti di vitalità e plasticità cerebrale in una donna che ha già raggiunto la veneranda età di 82 anni – l’unica sopravvissuta della sua valle, come lei afferma – c’è un momento in cui si rivolge alla sua interlocutrice dicendo, a proposito della vitamina F, che la pelle, nonostante l’età, dovrebbe rimanere setosa (che non vuol dire tirata), nutrita e lucente, come quella delle sue mani, sebbene cariche di anni.

              Si tratta, infatti, non soltanto di un apporto idrico ma di acidi grassi essenziali. Ora, su questi ultimi, si parla molto e si scrivono trattati ed essi sono prescritti spesso come integratori isolati, con il nome di omega 6 e omega 3.

              La dottoressa Kousmine conosceva in modo approfondito la loro funzione e necessità. Oltre a raccomandarli nell’alimentazione giornaliera attraverso l’assunzione di semi oleosi come quelli di girasole, lino, mandorle, noci, nocciole, sesamo, prescrive un uso medicale di alcuni dei loro oli.

              Così raccomanda sciacqui mattutini della bocca con olio di girasole pressato a freddo e lo stesso olio per via anale, a seguito di enteroclismi rinfrescanti che preparano la mucosa intestinale al meglio del suo assorbimento, al fine di ricompattare la porosità delle pareti dei visceri.

              segue..
              sito sanihelp

              Commenta


              • #8
                Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

                (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

                In ayurveda – una tradizione medica apparentemente mille miglia lontana dalle ricerche della Kousmine – questo fenomeno, che lei indica utilizzando il termine “setosa”, è conosciuto come ojas.
                Si tratta di una sorta di sana radianza organica del tessuto connettivo e dell’epidermide, sollecitata tra l’altro dall’utilizzo, nell’alimentazione, di burro chiarificato, e dell’olio di ricino e girasole sotto forma di rimedi.

                Inoltre prevede una vasta scelta di oli da massaggio a base di sesamo e principi vegetali. Non è quindi un caso che anche l’ayurveda preveda degli enteroclismi, chiamati basti, sagge miscele di acqua, polveri d’erbe e olio di sesamo.

                Catherine Kousmine, che dubito conoscesse l’Ayurveda, è arrivata con la sua dedizione e la ricerca laddove un serio approccio alla salute approfondito e globale, inteso come stile di vita, giunge.
                E vi giunge, come dice una bella citazione presente nel suo libro, al di fuori della medicina classicamente intesa:
                Di ordine e leggi si parla (e si pratica) pure nella medicina macrobiotica e, la cosa non mi ha stupito per niente, anche nell’approccio in evoluzione delle costellazioni familiari, secondo Bert Hellinger.

                Certo, ormai le scuole sono molte e alcuni potrebbero liquidare la ricerca della Kousmine come superata – trovandovi lacune e limiti. Tuttavia il suo metodo resta una delle solide spalle dalla cui altezza i nuovi pionieri possono guardare avanti.

                segue..
                sito sanihelp

                Commenta


                • #9
                  Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

                  (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

                  Il Medoto Kousmine: i punti fermi

                  • Una sana e naturale alimentazione, che include il rispetto degli orari alimentari proporzionalmente alle quantità assunte e all’età.
                  • Igiene intestinale e lavaggi della bocca con olio di girasole bio pressato a freddo
                  • L’equilibrio acido-basico
                  • Supplementi nutrizionali e integratori vitaminici
                  • Autovaccini (nell’eventualità)


                  La famigerata budwing nella sua originale estensione e nelle sue varianti:

                  • 1 C. circa di cereale integrale macinato finemente – meglio se avena, grano saraceno, orzo, riso
                  • due c. di olio di lino - o di semi di lino
                  • Altri semi in piccole quantità: nocciole, mandorle, noci, girasole, zucca
                  • il succo di mezzo limone
                  • Una mezza banana matura - o un cucchiaino di miele o altro dolcificante naturale (agave, sciroppo d’acero, malto di riso…)
                  • ricotta (100g circa) – yogurt (125g circa - anche di soya). Consiglio i derivati da latte di capra nostrani, sconsiglio con enfasi il tofu crudo.
                  • Frutta di stagione a pezzetti


                  segue..
                  sito sanihelp

                  Commenta


                  • #10
                    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

                    (Articolo estratto da: Scienza e Conoscenza n. 46 : Lady Kousmine - A cura di Elsa Nityama Masetti - 18/10/2013 )

                    Chi era Catherine Kousmine?

                    Catherine Kousmine (1904 - 1992) nasce in Russia per approdare ancora molto giovane in Svizzera, a Losanna.
                    Qui diventa medico quando "fare scienza" era cosa da uomini.

                    In piena guerra mondiale, cerca di capire l'importanza dell'alimentazione nella genesi del cancro nei topi e di altre malattie cosiddette incurabili.

                    Quando nel 1949 applica le sue scoperte alla cura di un malato di cancro condannato dalla medicina ufficiale, lo vede sopravvivere fino all'età di 89 anni: è solo il primo di una lunga serie di successi, di tante guarigioni e di casi risolti che danno all'autrice la forza di superare le critiche di molti colleghi.

                    Per approfondire: kousmine.net
                    È sempre consigliabile interpellare un medico esperto in materia.
                    sito sanihelp

                    Commenta


                    • #11
                      Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

                      .
                      Breve sintesi dei principi fondamentali

                      (Tratto da : metodokousmine.it)


                      Le prescrizioni alimentari del metodo Kousmine non sono diverse da qualsiasi regime alimentare moderno scientifico: semmai tendono ad essere più complete e rigorose, soprattutto in considerazione delle gravi malattie che si devono curare.
                      Proprio questa completezza e scientificità tendono a scoraggiare o a confondere all'inizio della pratica.
                      Proprio per questo tentiamo di dare una breve sintesi dei principi assoluti e dei consigli più importanti.
                      Non per sostituire la lettura delle altre pagine di questo sito, ma solo per agevolare l'inizio del cambiamento alimentare.

                      segue..
                      sito sanihelp

                      Commenta


                      • #12
                        Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione


                        Breve sintesi dei principi fondamentali

                        (Tratto da : metodokousmine.it)


                        Ciò che è indispensabile
                        Nel metodo Kousmine vi sono alcuni principi assoluti da cui non si può derogare mai
                        Sono la base essenziale per evitare gravi rischi e dare all’organismo apporti indispensabili
                        Non consentono mai eccezioni

                        I grassi
                        Diminuire al massimo i grassi animali e quelli vegetali di palma, cocco e palmisti
                        Eliminare completamente gli oli spremuti a caldo, cioè tutti gli oli industriali e le margarine
                        Sostituirli con olio extravergine di oliva, integrato con
                        • due cucchiaini di olio di lino spremuto a freddo o, meglio un cucchiaio e mezzo di semi di lino macinati al momento
                        • e con un cucchiaio di olio di girasole o di soia spremuto a freddo (o una manciatina di semi oleosi: semi di girasole, noci, nocciole, mandorle, ecc)

                        Zucchero
                        Eliminare zucchero bianco raffinato: sostituirlo con zucchero integrale e/o miele
                        Evitare prodotti “light” perché contengono edulcoranti.
                        Lo zucchero va comunque diminuito (anche quelli “buoni” come il miele, ecc.: max = 3 cucchiaini al giorno) perché
                        • squilibra l’alimentazione
                        • aumenta l’insulina
                        • provoca fermentazioni intestinali ATTENTI agli zuccheri nascosti!

                        segue..
                        sito sanihelp

                        Commenta


                        • #13
                          Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione


                          Breve sintesi dei principi fondamentali

                          (Tratto da : metodokousmine.it)


                          Dolci
                          Eliminare tutta la pasticceria industriale.
                          Soprattutto cioccolato e surrogati, gelati cremosi, caramelle.
                          Cercate di produrre in casa biscotti e torte (evitate le ricette con molte uova e molti grassi)
                          Sono consentiti i gelati a sorbetto, con moderazione onde evitare l’eccesso di zuccheri

                          Non fumate: MAI

                          Diminuire radicalmente l’alcool

                          Eliminare i liquori e il vino bianco
                          Non superare mezzo bicchiere di rosso al pasto (da eliminare in caso di crisi di malattia)
                          È una regola pesante per tutti coloro che sono abituati all’uso di vino (o peggio liquori) Ma non è evitabile: i danni dell’ alcol sono estremamente gravi: per i malati di malattie degenerative o autoimmuni rendono impossibile il controllo della malattia.

                          Un cucchiaio di cereali crudi
                          Occorre ogni giorno consumare almeno un cucchiaio di cereali crudi macinati finemente al momento
                          Si usano in genere nella crema Budwig. Ma possono essere mescolati alla minestre (lasciandole raffreddare un po’ nel piatto prima di aggiungere la farina), ai succhi di frutta, ai frullati di verdure, allo yogurth.
                          I cereali devono essere biologici integrali. I più indicati sono riso, orzo mondo, avena, grano saraceno…

                          segue..
                          sito sanihelp

                          Commenta


                          • #14
                            Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione


                            Breve sintesi dei principi fondamentali

                            (Tratto da : metodokousmine.it)


                            Ciò che è molto utile

                            Attenzione
                            Nella dieta del metodo Kousmine vi sono altri elementi molto importanti, da osservare con rigore, ma che possono permettere qualche eccezione
                            Naturalmente anche le prescrizioni di questa seconda categoria ridiventano essenziali e assolute in caso di crisi della malattia.

                            Il latte
                            Consumate ridotte quantità di latticini e di latte, solo magro e non UHT: meglio biologico.
                            Questo vale soprattutto per chi ha gruppo sanguigno 0 o A

                            Caffè ed eccitanti
                            Controllare gli effetti del caffe sulla vostra salute. Il caffè non è negativo, anzi può avere effetti positivi; ma ha un forte effetto eccitante, che per qualcuno può essere dannoso (max due o tre al giorno)
                            Il tè, pur contenendo la stessa quantità di caffeina del caffè, è meno eccitante
                            Preferire però il tè verde
                            • che è un potente antiossidante
                            • il tè nero è un fattore di rischio cancerogeno

                            Acqua e bibite gassate
                            Bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. Preferite bere lontano dai pasti, ma va bene un uso moderato anche a pasto.
                            E’ meglio usare acque non gassate
                            È importante bere un bicchiere abbondante di acqua appena alzati.
                            In genere in Italia va benissimo la normale acqua potabile.
                            Le bibite gassate sono troppo ricche di zuccheri o di edulcoranti artificiali: vanno completamente eliminate.
                            Sono utilmente sostituibili con succhi di frutta (non zuccherati) diluiti con acqua

                            segue..
                            sito sanihelp

                            Commenta


                            • #15
                              Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione


                              Breve sintesi dei principi fondamentali

                              (Tratto da : metodokousmine.it)


                              Non consumare farine bianche
                              I cereali integrali apportano zinco e manganese, elementi indispensabili all’equilibrio del sistema nervoso, che normalmente sono distrutti dalla stacciatura
                              Dal cereale raffinato si producono farine ‘morte’, conservabilissime, nemmeno ambite dai parassiti, che possono produrre maggior viscosità del sangue con rallentamenti e disturbi circolatori
                              Preferite pane integrale di sicura provenienza biologica ed a lievitazione naturale. Nei limiti del possibile evitate pane bianco, biscotti industriali
                              Bisogna comunque diminuire l’uso del pane: cercate di non consumare pane e pasta nello stesso pasto
                              I cereali in fiocchi e la pasta
                              Sono elementi con valore nutritivo diminuito, a meno che siano fatti al momento: sia i fiocchi di cereali e il pop corn che la pasta industriale.
                              L’uso della pasta va limitato a due-tre volte alla settimana (un poco di più per quelli con gruppo A)
                              Un uso appropriato dei cereali lo si ha usando il chicco intero bollito (ottimi, oltre al riso, il frumento, il farro, il miglio, il grano saraceno, l’avena)

                              Cibi confezionati
                              Limitate i prodotti in scatola
                              • usateli solo raramente (legumi), tenendo però presente che è meglio consumare legumi in scatola che consumarli poco per mancanza di tempo o di esperienza;
                              • e scegliendo quelli con scatole rivestite all’interno:
                              • evitate tutti i cibi industriali precucinati.

                              La cottura
                              Evitare alimenti troppo cotti: possono consumarsi crudi anche: zucchine, fagiolini, cavolini di Bruxelles, broccoli, cavolfiori, rape, spinaci, ecc.
                              • mai friggere: preferite cotture al cartoccio, al sugo, i brasati, gli umidi;
                              • privilegiate la cottura al vapore.

                              segue..
                              sito sanihelp

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X