annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Caffè e... caffeina

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Caffè e... caffeina

    Negli ultimi tempi ho letto cose molto positive sul caffè... protegge dal tumore al fegato ecc...
    Premetto che il caffè mi piace molto, anche se non sono una caffeinomane. (max ma proprio max 3 al giorno, mai dopo le 16-17 se no non dormo più).
    PERO' c'è una cosa che mi distrurba, ed è la mia "dipendenza", così sembra essere, nei confronti del caffè del mattino. Me ne sono accorta per caso. Un mattino un gran mal di testa e un intorpidimento generale. Non ci ho fatto caso, poi la cosa si ripete, guarda caso quando per mancanza di tempo non lo prendo. Diciamo che ho un paio d'ore di tempo da quando mi alzo. Se mi sveglio spontaneamente (senza sveglia) la cosa è molto più lieve.
    Qualcuno può dirmi a che cosa può essere dovuto? Insomma, cosa succede nel mio corpo? E' come se io da sola non riuscissi a svegliarmi.
    Che cosa dovrei fare? Ho provato un paio di volte a smettere di berlo, mi son tenuta 2 giorni il mal di testa poi è passato tutto. Ma appena ricomincio e mi riabituo siamo punto a capo.
    Grazie!!
    Lau

  • #2
    minisindrome

    è una minisindrome da astinenza, ma non te la prendere, lau, ti capisco benissimo perchè succede anche a me: di tutte le cose da cui possiamo dipendere, il caffè è una delle migliori.
    v valesi
    dr. vincenzo valesi sanihelp

    Commenta


    • #3
      purchè bbono

      purchè bbono, sentenne...
      monny

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da vvalesi
        è una minisindrome da astinenza, ma non te la prendere, lau, ti capisco benissimo perchè succede anche a me: di tutte le cose da cui possiamo dipendere, il caffè è una delle migliori.
        v valesi
        Già... e se succede anche a lei e lei se ne frega... posso star tranquilla
        Grazie!
        Lau

        Commenta


        • #5
          Lau 77, hai provato hornbeam come ti ha consigliato Liliana? Io ho provato quel fiore non per la dipendenza da caffé ma da dolci. Ha funzionato benissimo! Ciao
          Gea

          Commenta


          • #6
            In verità non ancora...
            Liliana mi ha consigliato giustamente per i Fiori di rivolgermi a un Floriterapeuta. Il problema è che qui in Germania non ne conosco nessuno, quindi andrei a caso. Siccome tra un po' volevo visitare un'amica a Roma, pensavo che magari lì...
            Comunque grazie!
            Bacioni

            Commenta


            • #7
              se vieni a roma... sei mia!
              ly

              Commenta


              • #8
                SIIIII!!!!
                Se vengo a Roma ti chiamo davvero io!
                Bacio

                Commenta


                • #9
                  ok ok ok ti aspetto
                  lily

                  Commenta


                  • #10
                    la caffeina

                    La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo. Nonostante sia presente nella cioccolata e in alcuni medicinali, il principale consumo di caffeina avviene nella forma di bevande quali caffè, tè o bevande di fantasia energizzanti.
                    sito sanihelp

                    Commenta


                    • #11
                      il caffè

                      E’ risaputo che la sua caffeina fa scomparire la sensazione di stanchezza, di abbattimento, facilita lo sforzo intellettuale, ravviva le percezioni sensoriali e attiva le funzioni psicomotorie. Si ritiene inoltre che il caffè preso in dosi normali, al cessare della sua azione non provochi altro che un leggero stato di depressione, mentre in dosi troppo forti possa provocare sintomi sgradevoli, ma passeggeri e non dannosi (eccitazione psicomotoria, fuga di idee, insonnia con palpitazioni, irregolarità del battito cardiaco). Perciò si sconsiglia il caffè agli ipertesi, a coloro che soffrono di palpitazioni o di irregolarità di pulsazioni cardiache e a coloro che soffrono di ulcera allo stomaco, poichè il caffè eccita la secrezione della mucosa gastrica.
                      sito sanihelp

                      Commenta


                      • #12
                        continua...

                        Ma come al solito il linguaggio economico e scientifico, indirizzandosi al grande pubblico sfuma i suoi consigli. Va dall’incoraggiamento senza riserve agli uni, fino alla proibizione formale agli altri, consigliandone un uso moderato ai dubbiosi..
                        Bisogna riconoscere che moltissimi uomini e soprattutto donne fra i 40 e 60 anni sono completamente schiavi del caffè. Un’altra cosa di cui sovente non si parla a proposito di caffè è il trattamento che subisce: concimazione chimica del suolo, somministrazione di antiparassitari alla pianta durante la crescita, conservanti per l’immagazzinamento e infine l’aggiunta di prodotti oleosi o di cere per renderlo lucido dopo la torrefazione.
                        sito sanihelp

                        Commenta


                        • #13
                          Siamo italiani e il caffè è una nostra riconosciuta tradizione, quindi secondo me, basta non esagerare con le dosi!...

                          Io personalmente non bevo caffè perchè non ne sento il bisogno e non mi attira particolarmente, io preferisco altre bevante del tipo: infuso di salvia, di menta, di anice, di origano... sono gustose e anche queste soddisfano
                          sito sanihelp

                          Commenta


                          • #14
                            Ancora sul caffè!

                            (tratto da .lapelle.it)

                            Pare che Voltaire bevesse cinquanta tazzine al giorno di caffe’. Nel caso questa leggenda fosse vera, sicuramente il povero Voltaire avrebbe sofferto di terribili malanni: pulsazioni molto alte, aritmie di ogni tipo, digestione difficile con il rischio di sfociare in una vera e propria ulcera, e poi colesterolo alle stelle e, probabilmente, almeno gli ultimi anni della sua vita sarebbero sati funestati da un brutto cancro.
                            Certo, Voltaire avrebbe avuto anche un’invidiabile capacita’ di concentrazione (e’ noto a tutti che la caffeina aguzza l’ingegno), ma per il resto il quadro della sua salute sarebbe stato decisamente disastroso.
                            E come lui, almeno da seicento anni a questa parte, ovvero da quando fu inventata la torrefazione del caffe’ e questa bevanda ha conquistato il mondo, se la dovrebbero passare male tanti altri.

                            Che dire, ad esempio, di quei milioni e milioni di americani che dalla fine del Settecento in poi hanno eletto il caffe’ loro bevanda preferita?
                            Malatissimi anche loro? E come la mettiamo con tutti i caffeinomani sparsi per il mondo? Insomma, c’e’ qualcosa che non va. Per tanti anni il caffe’ e’ stato accusato di causare i peggiori guai per la salute: tumore alla vescica ed al pancreas, fattore di aumento del colesterolo e quindi causa d’infarto.

                            continua..
                            Ultima modifica di anna1401; 16/03/2010, 15:30.
                            sito sanihelp

                            Commenta


                            • #15
                              Tutto falso. Studi recenti hanno sfatato gran parte della cattiva fama che a lungo ha circondato il caffe’, arrivando a stabilire anzi che questa pianta, arrivata tra i musulmani attraverso le invasioni etiopiche e poi via via diffusasi in tutto il mondo (prima in Yemen poi nell’isola di Ceylon e da ultimo in Europa alla fine del XVI secolo) vanta insospettate qualita’.

                              Vediamo i luoghi comuni piu’ diffusi: il caffe’ aumenta pericolosamente le pulsazioni. Bene, una ricerca eseguita dall’Universita’ dell’Oregon di Portland su ventidue soggetti ha stabilito che la caffeina non provoca danni nemmeno nei pazienti affetti da aritmie cardiache: i livelli di catecolamine e di potassio sono rimasti inalterati e il numero delle extrasistole registrato non e’ aumentato.

                              Come mai il caffe’ non faccia male, lo si comprende facilmente se si osserva come questa bevanda viaggia nel nostro corpo. La caffeina, contenuta in abbondanza oltre che nel caffe’ anche nel te’, nella cola e nel guarana’, e’ di facile assorbimento, si distribuisce velocemente in tutti i tessuti (compreso il sistema nervoso centrale), e’ trasformata per il 99 per cento nel sistema epatico ed e’ metabolizzata mediamente in tre-quattro ore. Il discorso cambia se si fuma e si beve.

                              continua..
                              Ultima modifica di anna1401; 16/03/2010, 15:31.
                              sito sanihelp

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X