annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Medicinali, prima causa d'intossicazione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Medicinali, prima causa d'intossicazione

    Roma,25 gen.(Adnkronos) In Italia i farmaci sono la prima causa d'intossicazione. Usati in modo errato, con dosi sbagliate, accumulati negli armadietti di casa, conservati male o presi dopo la data di scadenza o, infine, scambiati per caramelle dai più piccoli, i medicinali causano infatti il 34% delle intossicazioni. In aiuto degli italiani, arriva nelle farmacie un opuscolo per spiegare 'come, quando e perché' far uso di medicine.
    Il 28 gennaio, infatti, sarà la 'Giornata nazionale dell'etichetta del farmaco': l'iniziativa, presentata oggi a Roma, coinvolgerà i volontari del Movimento consumatori che, in 200 farmacie di 40 città, distribuiranno la guida e offriranno chiarimenti sull'uso corretto dei medicinali.
    L'iniziativa è organizzata dal Movimento Consumatori in collaborazione con Federfarma, Assogenerici, Astrazeneca, Sandoz e il Centro antiveleni dell'ospedale Niguarda di Milano.
    L'uso sbagliato provoca ricoveri in ospedale più spesso di quanto si possa pensare. A citare alcuni dati è Franca Davanzo, Responsabile del Centro Antiveleni dell'ospedale Niguarda: ''Nel 2000, su un totale di 54.869 segnalazioni al Centro, 17.418 (pari al 34%) hanno riguardato il farmaco, che si colloca dunque al primo posto tra le cause d'intossicazione acuta''. E i bambini sono le prime 'vittime': perché trovano il medicinale alla loro portata oppure perché viene loro somministrato un farmaco al posto d'un altro.

  • #2
    Mamme e papà devono dunque fare attenzione alle medicine da dare ai loro bambini quando hanno l'influenza. Ci sono infatti anche i farmaci anti-influenzali tra le cause d'intossicazione dei piccoli italiani, prime tra tutte la tachipirina in supposte che, disponibile in diversi dosaggi, troppo spesso viene loro somministrata in quantità sbagliate o eccessive. Provocando sintomi che possono andare da diarrea e vomito all'epatite fulminante nei casi più gravi.
    ''I foglietti illustrativi dei farmaci - sottolinea Franco Caprino, segretario nazionale di Federfarma - sono spesso scritti in maniera poco comprensibile, con parole difficili e caratteri piccoli che ne rendono impossibile la lettura soprattutto agli anziani'', mentre sia la confezione che il foglietto illustrativo, se letti correttamente, ''offrono molte informazioni utili''. ''Importante - aggiunge Caprino - è poi l'informazione sui farmaci generici, prodotti con lo stesso principio attivo e pari dosaggio ma meno costosi rispetto a quelli di marca''.

    Commenta


    • #3
      importanza dei farmaci

      Anche se questo è un forum sulle medicine naturali, in linea con la nostra posizione mediatica, riconosciamo il valore e l'importanza dei farmaci chimici(molti dei quali sono stati sintetizzati su imitazione di principi attivi di origine dal mondo vegetale). Dobbiamo anche riconoscere la linea corretta e prudente del'organizzazione sanitaria italiana, che ne condiziona la distribuizione
      nella maggior parte dei casi all'esibizione della ricetta medica: questa è una garanzia di serietà e di tutela per la salute dei cittadini.
      v valesi
      dr. vincenzo valesi sanihelp

      Commenta


      • #4
        bugiardino

        il famoso "bugiardino", il foglietto illustrativo allegato alle confezioni dei medicinali, a volte può creare qualche apprensione, e una sua rilettura critica col medico di famiglia può allontanare tante apprensioni che spesso derivano da errate interpretazioni: insomma al cinema si ma... accompagnati dai genitori
        v valesi
        dr. vincenzo valesi sanihelp

        Commenta


        • #5
          dimensioni dei caratteri

          a proposito di dimensioni dei caratteri, un particolare plauso al bugiardino di alcuni farmaci utilizzati per la cura dell'osteoporosi, che hanno da tempo adottato dei caratteri di grosse dimensioni per evidenziare e quindi evitare alcuni possibili effetti collaterali che potrebbero derivare da una lorol non osservanza
          v valesi
          dr. vincenzo valesi sanihelp

          Commenta

          Sto operando...
          X