annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Problema Intestinale di difficile identificazione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Problema Intestinale di difficile identificazione

    (PARTE 1 DI 2)
    Gent.me Dottoresse, gent.mi Dottori,
    Sono un uomo 35enne in forma. Vorrei sottoporre al Vs. parere il seguente problema intestinale che persiste da ormai due anni e per il quale dopo molte visite ed esami approfonditi non mi hanno ancora trovato una cura né una chiara diagnosi;
    i sintomi cominciarono improvvisamente nel novembre del 2017 quando notai che l’ingestione di formaggio mi causava evacuazioni più frequenti del normale con feci molto scure e molto maleodoranti.
    A questo seguirono forti perdite di sangue scuro al termine di ogni evacuazione, successivamente dopo aver evitato prodotti con lattosio i sanguinamenti sono diminuiti ma continuano tutt’ora a ripresentarsi a periodi ed il sangue ha colorazione più chiara.
    Altri sintomi presenti sono:
    - Vi è sempre la presenza di sostanza chiara simile a muco.
    - Le evacuazioni sono almeno tre/quattro al dì con picchi anche di 5/6, è come se il mio intestino non riuscisse ad evacuare completamente in una volta e devo ritornare ad evacuare poco dopo.
    - Fino ad un anno fa lo stimolo per evacuare era scarso o assente ora si è ripristinato discretamente.
    - Le feci sono tutt’ora quasi sempre eccessivamente molli, irregolari, frastagliate e che si squagliano.
    - Fastidio al termine dell’evacuazione alla parte terminale del tratto, sensazione di gonfiore e di evacuazione incompleta.
    - Soffro di episodi di accumulo di gas intestinali appena dopo i pasti sopratutto se a base di verdure. (Continua nel post sotto)

  • #2
    Re: Problema Intestinale di difficile identificazione

    (PARTE 2 DI 2)
    Episodi di probabile importanza avvenuti prima dell’insorgere dei suddetti sintomi:
    - soffro da quand’ero 19enne di difficile digestione con frequenti eruttazioni che si protraggono a lungo dopo i pasti e durante la notte
    - sono in stato di forte stress da molto tempo
    - Nel dicembre 2016 ho avuto delle emorroidi esterne (non posso escludere che ce ne fossero anche di interne) insolitamente dolorose e presenti per circa un mese che poi scomparvero.
    - Nell'estate del 2017 durante un soggiorno a Cuba ho bevuto inconsapevolmente mezzo bicchiere d’acqua che era di rubinetto e che mi causò diarrea per circa 6 gg. ed in un'altra occasione del succo di frutta che con probabilità conteneva acqua di rubinetto o altro e che mi causò gli stessi effetti.
    Può essere importante notare che là essendo frequenti le interruzioni di energia elettrica i cibi congelati si scongelano frequentemente ed è probabile che me ne siano stati somministrati.
    Esami e visite effettuati:
    - Esami del sangue regolari a parte bilirubina un po’ sfasata (il chirurgo scrive di iperbilirubinemia)
    - Eco addome regolare (il chirurgo scrive di colecisti alitiasica)
    - Visita chirurgica dove il Medico riscontra da esami lieve ittero che ritiene probabile si tratti di ittero di Gilbert
    - EGDS + biopsie (diagnosi: incontinenza cardiale – Diagnosi Istologica: A- lembi di mucosa duodenale con lieve congestione vasclare dei villi B- Gastrite cronica inattiva corpo-antrale)
    - Colonscopia + ileoscopia con biopsie (Diagnosi: colonscopia nei limiti della norma – Diagnosi istologica: lembi di mucosa del grosso intestino con flogosi cronica aspecifica della lamina propria).
    Cure e farmaci presi:
    Il gastroenterologo visti gli esami mi prescrisse Humatin e Zircombi ma non hanno sortito alcun effetto e la condizione del mio intestino è sempre negativa.
    Qualsiasi parere che possa essere un po’ d’aiuto è ben accetto, controllerò e risponderò alle eventuali domande poste nel thread grazie.
    Dario

    Commenta

    Sto operando...
    X