annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Reflusso Gastroesofageo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Reflusso Gastroesofageo

    Ciao amici...

    c'è qualcuno che soffre dal reflusso gastroesofageo? E' da 1 mese che faccio una terapia perchè ho avuto 3 lesioni all'esofago...(Axago n la mattina a digiuno & Peridon a pranzo e a cena)Mi sono dovuta sospendere una pillola (Peridon) perchè mi creaava problemi e purtroppo la mia situazione non migliora.....sto per sostituire la pillola con un altra.....con Modilex....poi sto attenta a quello che mangio....
    Sarò molto contenta se trovo qualcuno per condividere le mie preocuppazioni.
    A presto!

  • #2
    Ciao mi puoi dire che sintomi si hanno e come lo hai scoperto?
    Grazie
    Lalla

    Commenta


    • #3
      prova anche con Gaviscon

      Commenta


      • #4
        A me purtroppo hanno detto che questi farmaci come il gaviscom possono essere cancerogeni....anche io avevo avuto questo pbl,ma l'ho risolto con l'omeopatia..:-)))))

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da libellula69
          A me purtroppo hanno detto che questi farmaci come il gaviscom possono essere cancerogeni....anche io avevo avuto questo pbl,ma l'ho risolto con l'omeopatia..:-)))))
          Non credo che si possa risolvere una tale malattia con l'omeopatia....
          Io ho lo stesso problema da circa tre anni e l'uso dell'Axagon, che ha fatica riesco ad avere tramite la mutua, mi produce benefici, anche se contunuo ad avere effetti collaterali del reflusso, come l'asma notturno, che risolvo solo con il ventolin.
          Utilizzando l'omeoprazolo per cicli di almeno un mese soprattutto nei cambi di stagione mi hanno dato grande giovamento.
          E' una malattia malefica e ben difficlmente guaribile, in quanto non sono neanche ben note le cause che la generano (stress, alimentazione, genetica, ecc????)
          Buona fortuna.

          Commenta


          • #6
            Non sai dirmi che cosa c'era scritto nel referto della gastroscopia? Mi interessa sapere in particolare di che grado era l'esofagite che ti hanno riscontrato. Comunque la terapia non è detto che funzioni sempre al primo colpo, a volte bisogna prolungarla, usare farmaci diversi, perchè a seconda di come sono le lesioni ci sono schemi terapeutici diversi. Inoltre se dopo un mese di terapia non si è risolta la sintomatologia può essere utile ripetere la gastroscopia.
            Se il problema non dovesse proprio risoversi esistono anche terapie chirurgiche ed endoscopiche che in genere hanno dei buoni risultati.

            Commenta


            • #7
              ciao, senti io ho il tuo stesso identico problema! il medico mi ha prescritto la tua cura, ma volevo sapere xke hai dovuto interompere il peridon! che effetti ti dava?

              Commenta


              • #8
                Mia figlia ne soffre da almeno 4 anni.Che poi ci sono i periodi che si acutizza,sopratutto in primavera e autunno.Da quando il medico ha aggiunto alla cura del gastroprotettore ,anche il Deursil,va molto meglio.
                Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da clementina74
                  Ciao amici... e a cena)Mi sono dovuta sospendere una pillola (Peridon) perchè mi creaava problemi e purtroppo la mia situazione non migliora.....sto per sostituire la pillola con un altra.....con Modilex....poi sto attenta a quello che mangio....
                  Sarò molto contenta se trovo qualcuno per condividere le mie preocuppazioni.
                  A presto!
                  Ciao Clementina, anche io ho soffeto anni addietro di questo problema e prendevo il peridon prima dei pasti e poi omeprazen dopo, queta terapia è durata più di sei mesi ed ora sto benissimo e non ho avuto più problemi, a me era iniziato con la gravidanza della primogenita, ma avevo un dolore alla schiena e quindi non ho realizzato davvero che si trattava di ernia iatale e di conseguenza reflusso........ per anni ogni tanto avevo questo dolorino ma io pensavo che fosse solo un colpo di freddo, in realtà una notte mi sono svegliata con dolori atroci per tutta la cassa toracica mi sembrava che una morsa di acciaio mi strizzasse!!!!!!!!! e poi facendo la gastroscopia mi hanno scoperto questa benedetta ernia!!!!!!!!!!!!!!! !!!! Accidenti se ripenso a quei dolori!!!!!!!!!!!!!! !!
                  ora è tutto passato, solo se mangio pesante mi si piazza il classico mattone che dura un paio di giorni poi ripassa di nuovo tutto. devi avere pazienza le mucose ci mettono un sacco di tempo per rimarginarsi!!!!!!!! !! e nel frattempo ti faccio immensi auguri di un ottima guarigione come è stata la mia!!!!!!!!!!

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da ;194608
                    Ciao Clementina, anche io ho soffeto anni addietro di questo problema e prendevo il peridon prima dei pasti e poi omeprazen dopo, queta terapia è durata più di sei mesi ed ora sto benissimo e non ho avuto più problemi, a me era iniziato con la gravidanza della primogenita, ma avevo un dolore alla schiena e quindi non ho realizzato davvero che si trattava di ernia iatale e di conseguenza reflusso........ per anni ogni tanto avevo questo dolorino ma io pensavo che fosse solo un colpo di freddo, in realtà una notte mi sono svegliata con dolori atroci per tutta la cassa toracica mi sembrava che una morsa di acciaio mi strizzasse!!!!!!!!! e poi facendo la gastroscopia mi hanno scoperto questa benedetta ernia!!!!!!!!!!!!!!! !!!! Accidenti se ripenso a quei dolori!!!!!!!!!!!!!! !!
                    ora è tutto passato, solo se mangio pesante mi si piazza il classico mattone che dura un paio di giorni poi ripassa di nuovo tutto. devi avere pazienza le mucose ci mettono un sacco di tempo per rimarginarsi!!!!!!!! !! e nel frattempo ti faccio immensi auguri di un ottima guarigione come è stata la mia!!!!!!!!!!

                    Commenta


                    • #11
                      mi dispiace sono uguale a te buona fortuna tra un po devo fare la gastro .a presto

                      Commenta


                      • #12
                        Salve,
                        per non diventare schiavi dei farmaci chimici, che il reflusso lo curano senza mai guarirlo, la dieta e le medicine naturali sono l'unica risposta al reflusso gastroesofageo. L'omeopatia può essere d'aiuto, ma non esiste solo questa. Nella mia esperienza clinica alcuni fitoterapici e prodotti ayurvedici si sono dimostrati estremamente efficaci.
                        Curare il reflusso poi implica un'analisi della propria vita: ritmi, umore, rapporti sociali, lavoro, ecc. Credere di risolvere tutto prendendo la pillolina magica che le industrie farmceutiche ci propinano è pura illusione...soprattu tto in questo disturbo.
                        Infine, avere l'ernia iatale non vuol dire proprio nulla.
                        Nel reflusso l'acidità spesso non è aumentata, è allora perché inibirla con tutte le gravi conseguenze cui si va incontro? Poi, si può convivere con l'ernia benissimo a patto che si seguano regole alimentari precise...anche senza farmaci.
                        Comunque, se ne volete sapere di più o sentire anche un'altra campana su questo argomento ho scritto due articoli che trovate sul mio sito:

                        Attenzione: gli antiacidi potrebbero rompervi le ossa ...

                        Reflusso gastroesofageo: le cure alternative...

                        Cordialità
                        Dr Francesco Perugini-Billi
                        www.dottorperuginibi lli.it
                        Ultima modifica di anna1401; 04/06/2018, 20:38.

                        Commenta


                        • #13
                          Reflusso Gastroesofageo

                          Nel mese di marzo 2007 ho cominciato a tossire molto spesso.. sentivo qualcosa in gola.. Inizialmente pensavo ad un mal di gola (anche il dottore mi disse di non considerare il problema perchè secondo lui era l'aria da Milano che comunque io purtroppo respiro da 30 anni). Detto questo mi sono messo tranquillo ma non passava, anzi peggiorava sempre di più. La tosse aumentava e cominciavo ad avere paura così ritornai dal dottore che mi diede uno spray per la gola . Così cambia dottore che capii subito di cosa si trattasse.. Lì per lì titubai un pochetto ma ci credetti. Mi diede dei medicimali omeopatici ma non accadeva nulla di diverso.
                          Così mi recai dall'otorinolaringoi atra presso l'ospedale maggiore di milano. reflusso gastro esofageo. Era chiaro solo guardando in fondo alla gola.A volte mi sembrava di respirare con difficoltà.. se poi aggiungiamo la tosse secca, costante, incessante.. Ero veramente triste. Il dottore dell'ospedale mi diede un inibitore della pompa protonica.. la situazione migliorava ma continuavo a tossire..
                          Stavo impazzando.. allora tolsi i caffè e limitai le sigarette..
                          Maloox dopo ogni pranzo e la situazione continuava a migliorare..
                          Ho eliminato completamente il caffè e il problema nel giro di un mese è migliorato per poi sparire. Non perdetevi d'animo. Magari tutto si risolve con una corretta alimentazione, attività fisica e condizione serena meno stressante.Tanti auguri di cuore a chi leggerà questo post!! Ale
                          Ultima modifica di anna1401; 04/06/2018, 20:39.

                          Commenta


                          • #14
                            Anche io sto facendo accertamenti per il reflusso esofageo dopo aver curato di tutto....poi mentre mi operavano alla tiroide mi hanno asportato un papilloma esofageo e ora devo continuare i controlli perche' si sospetta l'ernia iatale.
                            Comunque alimentazione e stress sono le cause principali...
                            CIAO A TUTTI

                            Commenta


                            • #15
                              Sono un medico ospedaliero e ti rispondo volentieri poiché anch'io ne soffro da parecchi anni, anche se alla gastroscopia non mi hanno riscontrato lesioni esofagee. In compenso una tosse insistente che mi dura anche per mesi ha portato i colleghi a diagnosticarmi una laringite da reflusso.
                              Di solito si usa un inibitore della pompa protonica tipo lansoprazolo, a volte bastano 15mg. al giorno a volte di piú, fino a 30+30 mg/die (soprattutto se si ha una laringite), ed eventualmente un procinetico tipo Peridon, anche se mi sembra che questi ultimi stiano un po' "passando di moda"; puó essere consigliabile, anche se scomodo, alzare la testata del letto di qualche cm. (ne bastano 8-10) per ridurre il reflusso notturno, mentre non basta alzare il cuscino. Poi non fare pasti troppo abbondanti, ridurre gli alcoolici e il caffé, ricordare che il cioccolato e la menta (!) favoriscono il reflusso, quindi al bando gli after eights, e non aumentare di peso. E associare, in dosi variabili a seconda dei sintomi, antiacidi tipo Maalox, Riopan ecc. L'intervento chirurgico é l'estrema ratio, oggi ci si ricorre molto di rado, anche perché non sempre é risolutivo.
                              Auguri.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X