annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

    Buongiorno, cercherò di essere il più breve possibile nonostante la mia sia una storia molto lunga.

    >2009 (avevo 24 anni)/ mi si infiamma per la prima volta la prostata con aumento di volume.
    Svolgevo regolare attività sessuale (che , aimè, diventa EP dopo prostatite con danno a livello psicologico) , bevevo circa 1 litro acqua al giorno, lavoro con molto movimento, mi erano apparse anche delle emorroidi di 1° grado (non si potevano togliere)
    Test batterico urine ok - esame urodinamico nulla di particolare salvo ostruzione cervico uretrale, eco ok.
    1 mese di antibiotici con scarso effetto > pausa di qualche mese e poi ciclo altri antibiotici + topster scarso effetto > pausa di qualche mese e poi ciclo di diversi mesi con proscar ed uticran con scarsi effetti.

    >2010 (25 anni)
    faccio uno stop con i medicinali, piano piano il dolore va meglio (ci è voluto davvero tanto tempo) ma MAI come se non mi fosse mai infiammata la prostata; mai guarito dalla EP nella sfera sessuale.

    >2011 (26 anni)
    Cambio lavoro che diventa esclusivamente sedentario e stressante, scarsa attività fisica
    alcuni dolori nel fare la pipi, sperma a volte (non sempre) “difficoltoso” nell’uscire e spesso piccole febbricole (37.1/2/3) > dalla visita urologica: prostata di piccolo volume ma rimane dolente + piccolo varicocele quindi niflam+blu metilene e malva + permixon per 3 mesi ( + sereupin x la sfera sessuale che mi sono rifiutato di prendere x blocco mentale verso psicofarmaci) >nessun miglioramento/peggioramento;
    mi accorgo della difficoltà di avere delle evacuazioni (un pò stitico ma niente sangue) > esame sangue feci e batteri tutto ok (cambio dieta assumendo molta verdura e va un pelino meglio)

  • #2
    Re: Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

    >2012 (27 anni)
    Visita urologo : lieve aumento prostata che appare dolente e di consistenza disomogenea (ma sicuramente sto meglio rispetto il 2009) > Deprox 500 2 di x 20gg > nessun miglioramento/peggioramento;
    Parte una sfilza di esami :
    esame urine completo densità 1,027 > 1,025, emazie 60 > 11, resto ok
    eco addome completa > tutto ok
    PSA ok,esame completo urine ok tranne Emazie 80 > 11, carica batterica negativo
    Aprile 2012 : TC addome completo + uro tc > tutto ok salvo reni con presenza di incisure corticali in rapporto a persistenza delle lobatura fetali; Milza con piccola lesione di 1 cm con valori densometrici di 35 UH, che non mostra CE
    esame citologico urine > negativo
    spermio cultura > n° spermatozoi 8 <15 – motilità totale 23 < 40 – motilità progressiva 21 <32 – tutto il resto nella norma, compresa carica batterica ecc
    eco addome completa > tutto ok salvo minuta cisti corticale rene dx e parapielica rene sx e piccola cisti semplice alla milza

    >2013 (28 anni , oggi)
    RM addome completo >tutto ok salvo reni confermata sbozzolatura a dromedario senza lesioni, milza ok.

    Da qui si “intreccia” il discorso “andrologico/sessuale” : oltre ad un discorso fisico sono stanco di questa situazione di EP nella sfera sessuale (L’UNICA cosa che mi faceva effetto era la crema emla ma è davvero complicato utilizzarla; il sereupin non l’ho mai provato)
    L’andrologo in questione mi prescrive priligy 30mg + compresse di vagostabil; nel frattempo sento parlare dei famosissimi esercizi kegel (che per alcuni hanno avuto esito positivo) > inizio con serie da 20*3 volte/di.

    Commenta


    • #3
      Re: Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

      Provo priligy 30mg ma “l’atto” avviene dopo 4-5 ore > eiaculazione circa in 1 minuto e poi “morto” (era passato troppo tempo?)
      Continuando, fiducioso, gli esercizi kegel in 2-3 settimane mi si rinfiamma la prostata come nel 2009 > urologo prescrive ciclo di antibiotici che sto tardando da 1 mese a prenderli a causa di un forte virus intestinale. (non sono molto fortunato, lo so).
      L’urologo afferma che i kegel sono sicuramente la causa di questa ultima ricaduta ma non esclude completamente il loro utilizzo (in maniera più blanda) nel futuro.

      Da qui le domande :
      1)perché la mia prostata non si riesce a sfiammare mai completamente? ( escluso la riacutizzazione con i kegel) L’ostruzione cervico uretrale è una possibile causa o conseguenza della prostatite? Il varicocele può centrare qualcosa? Le emorroidi di 1° grado tenute sempre sotto controllo e mai sanguinanti possono essere una causa? Ed ultima domanda inerente a questo capitolo : ho letto in internet di una persona affetta di prostatite e una simpatica stitichezza . Ha risolto il tutto in quanto gli sono stati trovati dei polipi intestinali. Io la stitichezza in effetti un po’ ce l’ho, ma non ho mai perso tracce di sangue dopo aver defecato (+ esami sangue e batteri negativi). Non mi fan pensare a polipi ecc ma effettivamente , la stitichezza, può essere causa della prostatite?
      2)come attività sessuale, eiaculare 2-3-4 volte al giorno può essere dannoso/utile/ininfluente per la prostata?
      3)ho letto molto sui kegel prima di iniziare a farli e , nonostante i miei dubbi in quanto il muscolo è a stretto contatto anche con la prostata, non sembravano avere forti controindicazioni. Allora in che modo possono avermi fatto rinfiammare la prostata? Sono volenteroso a non mollare questi esercizi in quanto naturali, non costano nulla, se funzionano spezzano tutte le catene da medicinali

      Commenta


      • #4
        Re: Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

        4)una persona affetta da prostatite può avere comunque benefici con priligy,sereupin , ecc?
        5) ho aperto un altro forum anche nella sezione eiaculazione precoce ma domando, i kegel sono effettivamente utili? E funzionano col controllo della eiaculazione o il traguardo è proprio “dividere” l’eiaculazione (bloccandola come la pipi) dall’orgasmo?
        6)sempre nell’altro forum chiedevo informazioni di questa pianta “rhodiola rosea”, è effettivamente efficace?
        7) il mio andrologo mi ha parlato anche della tecnica start stop ma non è una sorta di coito interrotto? Ed il coito interrotto non è dannoso x chi soffre di prostatite?

        Commenta


        • #5
          Re: Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

          Ragazzi sono disperato....non c'è proprio nessuno che mi riesca a consigliare/aiutare?

          Commenta


          • #6
            Re: Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

            che storiaccia. La sclerosi del collo può di per se causare prostatite. Dovresti provare a effettuare terapie mensili associando decongestionanti, fluorchinolonici e cortisonoci

            Commenta


            • #7
              Re: Prostatite dal 2009 con ricadute frequenti

              Ragazzi vi porto l'esperienza di mio marito con la prostatite.
              Purtroppo è un grosso problema con cui ha avuto a che fare per almeno un paio di anni, con problemi ad urinare, dolori durante il rapporto e dolori che andavano e venivano in continuazione.

              Abbiamo provato con gli antibiotici, ma non ha portato a nessun risultato. Abbiamo provato anche ad eliminare la carne ed il pesce, seguendo una dieta vegetariana, ma anche li nessun risultato apparente. Anzi, forse un peggioramento.

              Dopo quasi due anni di (lasciatemelo dire) agonia, abbiamo trovato tramite delle ricerche su internet, un dottore che parlava di alimentazione e della principale causa di questo problema.
              Il dottore in questione è il dr. Piero Mozzi e cura le persone semplicemente cambiando la loro dieta.

              Mio marito è guarito completamente dal suo problema semplicemente MODIFICANDO LA DIETA e togliendo totalmente dalla alimentazione IL LATTE E I DERIVATI DEL LATTE (tutti!), che a detta del dr. Mozzi sono la principale causa di questa patologia.
              Inoltre abbiamo eliminato anche fritti, soffritti, carne di maiale e i cereali con il glutine. Per un periodo di circa 3 mesi abbiamo dovuto far a meno anche dei dolci (dico abbiamo perché anch'io ho seguito questa dieta, per farla pesare meno a mio marito e devo dire con grandi benefici).

              A distanza di sole due settimane mio marito stava già meglio e dopo 2 mesi i sintomi erano completamente spariti. Al terzo mese abbiamo rifatto l'esame e i valori erano tornati tutti nella norma. Ad oggi è passato circa un anno e mezzo da quando ha fatto gli esami e posso dirvi con assoluta certezza che mio marito è guarito. Inoltre sia lui che io siamo calati vistosamente di peso (entrambi nettamente sovrappeso) e io ho risolto il mio problema di colesterolo alto che da sempre mi porto dietro.

              Se vi interessa sapere di più su questa dieta, qui trovate tutto quello che c'è da sapere: dieta del dr. Mozzi

              Commenta

              Sto operando...
              X