annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Non sono riuscita ad aiutarlo?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Non sono riuscita ad aiutarlo?

    Buongiorno a tutti ,
    Sono stata fidanzata 3 anni.Dopo un anno e mezzo pero' sono dovuta partire per lavoro.Questa separazione non ci ha allontanato, anzi ha rafforzato il rapporto,tanto che ,tornata in patria decidiamo di far conoscere le famiglie e lui mi comincia a parlare anche di matrimonio.L'anno successivo vengo di nuovo chiamata al nord per lavoro, nonostante la tristezza,lui mi incoraggia a ripartire e mi promette che questo sarebbe stato l'anno in cui ci saremmo messi un "gruzzoletto" da parte per poter pensare ad una vita insieme.Qualche mese dopo mi regala l'anello della madre.
    Il mese successivo cambia qualcosa.Mi confida di avere problemi a lavoro e comincia ad avere problemi fisici(gastriti,dist urbi del sonno).Passano i mesi e di più' freddo.Chiedo spiegazioni e i risponde che era un periodo brutto, che si sentiva stressato a lavoro e che io non c'entravo niente.Così' mi tranquillizzo e cerco di stargli più' vicina. Ma le cose peggiorano quando lui riceve una proposta lavorativa differente,fa il colloquio ma non viene preso.Lìla crisi.Decido di prendere dei giorni di ferie e di stargli accanto il più' possibile.Le cose sembravano essersi risolte.Ma lui continuava a non dirmi né ti amo né mi manchi e ad essere sempre stanco e annoiato.Abbiamo così un'altra discussione, nella quale lui ammette che stava vivendo una crisi esistenziale e che questa si era ribaltata anche nel nostro rapporto.Che non aveva più' stimoli e di aspettarlo perché comunque la nostra storia era importante.Così faccio, nonostante i suoi alti e bassi.Intanto lui continua a stare male fisicamente e mentalmente tanto che si convince ad andare da uno psicologo.Torno a casa per le vacanze.Inizialmente era felicissimo poi di nuovo si ripropone lo stesso atteggiamento.Io stavolta decido di non dire nulla.Lui parte per una vacanza di 4 giorni con la famiglia (mi aveva anche invitato ma io non sono voluta andare) e al suo ritorno mi mostra ancora più' freddezza.

  • #2
    Re: Non sono riuscita ad aiutarlo?

    E lì stremata gli chiedo di allontanarci . Finisce in lacrime ,chiedendomi scusa , dicendomi che era ancora bloccato privo di ogni stimolo per tutto, che si sentiva un fallito e non riusciva a prendere decisioni, mi dice che non immagina una vita senza me...ma accetta di prenderci una pausa.L'indomani mi manda un messaggio in cui mi scrive che non appena avrebbe risolto tutto sarebbe tornato a riprendermi, che ero la persona più' importante della sua vita e di stare tranquilla.Poi per 3 giorni il nulla. Io gli scrivo "mi manchi" e lui mi risponde che gli manco pure io,che separarsi da me è la cosa più difficile ma che non siamo più' quelli di una volta e quindi dobbiamo ritrovarci.Passa ancora una settimana e lui non si fa più' sentire...cosi' gli mando un altro messaggio chiedendo come stava. Beh, mi risponde che sta male ma che forse la decisione era stata corretta e che non escludeva un suo ritorno. mi sono un po arrabbiata. Adesso sto malissimo perché mi manca da morire. Lo amo ancora e non so se a questo punto la decisione che ho preso è stata corretta. Da quasi 20 giorni non so più' niente di lui e tutto questo mi uccide. Quello che vi chiedo è:secondo voi, è vero che questo suo problema lo ha bloccato anche nel rapporto con me o semplicemente non mi ama più'? Come devo comportarmi ? Scusate se mi sono dilungata... grazie mille

    Commenta


    • #3
      Re: Non sono riuscita ad aiutarlo?

      E lì stremata gli chiedo di allontanarci . Finisce in lacrime ,chiedendomi scusa , dicendomi che era ancora bloccato privo di ogni stimolo per tutto, che si sentiva un fallito e non riusciva a prendere decisioni, mi dice che non immagina una vita senza me...ma accetta di prenderci una pausa.L'indomani mi manda un messaggio in cui mi scrive che non appena avrebbe risolto tutto sarebbe tornato a riprendermi, che ero la persona più' importante della sua vita e di stare tranquilla.Poi per 3 giorni il nulla. Io gli scrivo "mi manchi" e lui mi risponde che gli manco pure io,che separarsi da me è la cosa più difficile ma che non siamo più' quelli di una volta e quindi dobbiamo ritrovarci.Passa ancora una settimana e lui non si fa più' sentire...cosi' gli mando un altro messaggio chiedendo come stava. Beh, mi risponde che sta male ma che forse la decisione era stata corretta e che non escludeva un suo ritorno. mi sono un po arrabbiata. Adesso sto malissimo perché mi manca da morire. Lo amo ancora e non so se a questo punto la decisione che ho preso è stata corretta. Da quasi 20 giorni non so più' niente di lui e tutto questo mi uccide. Quello che vi chiedo è:secondo voi, è vero che questo suo problema lo ha bloccato anche nel rapporto con me o semplicemente non mi ama più'? Come devo comportarmi ? Scusate se mi sono dilungata e grazie

      Commenta

      Sto operando...
      X