annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

piccolo momento di sconforto

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • piccolo momento di sconforto

    Salve, mi chiamo Mario e sono un ragazzo calabrese di 27 anni.
    Sono arrivato al punto tale da non riuscire più a prendere sonno la notte a causa delle 1000 preoccupazioni che mi affollano la mente riguardanti il mio futuro...
    Da un punto di vista scolastico non ho avuto particolari problemi fino alla maturità ma sono quasi 10 anni che sono iscritto alla facoltà di ingegneria meccanica: ho dovuto affrontare, come molti miei colleghi, numerose difficoltà (non solo scolastiche) che mi hanno messo a dura prova ma nell'istruzione ci credo e invece che mollare tutto continuo a studiare; i miei mi hanno sempre sostenuto e anche per questo mi sento in colpa perchè sento di averli traditi non avendo raggiunto i risultati sperati.
    Di recente ho preso la decisione di trasferirmi a Torino per continuare i miei studi al politecnico: potete ben capire il disagio che si prova alla mia età per non aver ancora terminato la laurea triennale.
    Sono sempre stato un ragazzo timido e introverso (troppo buono mi dicono alcuni) e per me fare amicizia non è mai una cosa semplice...mi serve tempo per sentirmi a mio agio con le persone: quando questo avviene, nonostante risulti simpatico e di compagnia, non riesco a coltivare amicizie tali da poter dire "ciao Luca sono in zona che ne dici di vederci per un caffè?" che la gente semplicemente non si fa sentire.

  • #2
    Re: piccolo momento di sconforto

    Probabilmente le cose sono peggiorate dopo che la mia ragazza mi ha lasciato (il giorno prima del mio compleanno...che bella sorpresa eh? XDXDXD) senza un apparente motivo..."In questi 4 anni sono stata benissimo...non mi hai mai fatto mancare niente...di sicuro sarai il ragazzo migliore che avrò mai nella vita". Non fraintendetemi, la libertà è una delle cose più sacre per una persona, e nonostante abbia cercato con tutto me stesso di mettermi nei suoi panni la botta è stata abbastanza dura (era anche la mia prima ragazza). Non provo rancore nei suoi confronti...ha fatto una scelta...come ho superato difficoltà ben più grandi supererò anche questa...certo è che sono più diffidente di prima con le persone ma all'amore vero ancora ci credo (e qui in molti mi hanno dato del *******e XD).
    Ormai mancano pochi giorni prima del trasferimento e ci sono momenti, durante la notte, in cui mi alzo e semplicemente penso "Ma che cavolo sto facendo? Sarà stata la scelta giusta? Potevo prendere altre strade o investire su me stesso è stata la cosa migliore? Sarò all'altezza di questo nuovo ambiente?"

    Commenta


    • #3
      Re: piccolo momento di sconforto

      Non sono il tipo che si piange addosso...in questi anni sono comunque riuscito a prendere la patente, una certificazione di inglese, di informatica e so che la voglia di fare non mi manca...alle volte penso che sono stato sfortunato...purtrop po sono rimasto senza amici...quei pochi che avevo sembra non facciano altro che ricordarmi i loro successi sottolineando i miei insuccessi. Si tratta a tutti gli effetti di ricominciare quasi da zero e la cosa mi fa provare emozioni contrastanti: da una parte c'è sempre il rischio di aver fatto l'ennesimo errore e di ritrovarti magari tra 10 anni con niente in mano...dall'altra sono orgoglioso di me stesso perchè potevo semplicemente lasciare gli studi e iniziare a lavorare (forse sarei stato più felice) e invece ho preso la strada più difficile...lontano da casa e da un'ambiente più confortevole.
      Ringrazio chiunque legga il mio messaggio e mi scuso se mi sono dilungato troppo e se ho scritto troppi mess incasinando la discussione ...avevo voglia di sfogarmi e non voglio caricare i miei di altri pensieri. Grazie a tutti e un abbraccio

      Commenta


      • #4
        Re: piccolo momento di sconforto

        Posso solo dirti: in bocca al lupo. Quanto alla tua scelta, è una scelta... non puoi sapere in anticipo se giusta o sbagliata.

        Commenta


        • #5
          Re: piccolo momento di sconforto

          Ciao lionhearted90, io da questa parte devo darti una spiegazione più profonda al tuo disagio...noi tutti dalla nostra infanzia abbiamo un eridità che ci viene lasciata dai nostri genitori, a volte è un'eredità dura ovvero la mancanza d'amore dei nostri genitori nella nostra infanzia..questo si traduce che quando diventiamo adulti quella mancanza d'amore del passato.si ripropone prepotentemente nella nostra vita..facendoci fare scelte sbagliate, lavori che non ci soddisfano, partener sbagliati.il nostro regista inconscio come un disco rotto, rimette in scena lo stesso film, per ricordarti le tue ferite interiori....che ti bloccano nella vita...

          Commenta

          Sto operando...
          X