Salve a tutti,
riflettevo sul fare una dieta e sulla mentalità che supporta quest'azione.

Molte diete falliscono o per via di metodi sbagliati ( diete fai da te,diete da rivista scandalistica, dieta da pubblicità ingannevole ) o per una mancanza di motivazione il che porta ad una mancanza di disciplina.

E' bene che ci si affidi ad una dietologa esperta soprattutto in casi particolari ma è bene tutelare anche la forma mentis.
Finquando vediamo la dieta come un "sacrificio" , non dureremo !
Se iniziamo a vedere la dieta come una "sfida" al fine di ottenere un obiettivo ( avere una determinata taglia,avere un certo tipo di fisico,stare bene fisicamente ) allora il percorso è molto più piacevole ed efficiente.

Bisogna darsi un bell'obiettivo motivante e personale, che la sola idea di pensarci ci faccia NON sentire i crampi allo stomaco.
Oltre ad un obiettivo finale però è bene premiarsi anche nella fase intermedia : concedersi uno strappo alla regola ad ogni micro-obiettivo raggiunto , motiva ancora di più.

Come ultima cosa non posso non dire di mettere per iscritto il nostro obiettivo che deve essere "realista" : se peso 120Kg in un mese non posso pormi un obiettivo di perdere 30Kg.