annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

convivenza o matrimonio?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #91
    La mia visione del matrimonio,quetzal, è quella dell'unione, della promessa.
    Fatta con convinzione e con liberta'.
    Laico o religioso che sia , credo nell'unione tra due persone.
    Intendiamoci : sono perfettamente conscio delle difficolta' della vita.
    Gia' di per se' la vita di coppia è un'impresa titanica.
    Ma non credo che il matrimonio sia quello che hai descritto tu.
    Ripeto : la vera tomba dell'amore è la scontatezza, l'abitudine, la disattenzione.
    L'allontanamento silenzioso.
    Questo si'.

    Commenta


    • #92
      Originariamente inviato da farenheit69
      La mia visione del matrimonio,quetzal, è quella dell'unione, della promessa.
      Fatta con convinzione e con liberta'.
      Laico o religioso che sia , credo nell'unione tra due persone.
      Intendiamoci : sono perfettamente conscio delle difficolta' della vita.
      Gia' di per se' la vita di coppia è un'impresa titanica.
      Ma non credo che il matrimonio sia quello che hai descritto tu.
      Ripeto : la vera tomba dell'amore è la scontatezza, l'abitudine, la disattenzione.
      L'allontanamento silenzioso.
      Questo si'.
      Però una promessa la puoi fare anche privatamente, che bisogno c´è di coinvolgere il prete o il rabbino o l´imam o il sindaco? Nessuna. Anch´io credo che sia una cosa bella l´unione tra due persone, ma che questo debba interessare all´Ufficio dello Stato civile...

      Commenta


      • #93
        Il bisogno nasce nel momento in cui professi la tua fede o accetti le regole della societa' in cui vivi.
        Nessuno ti obbliga ad essere cristiano , musulmano o cio' che piu' si avvicina al tuo credo.
        Cosi' come nessuno ti obbliga a sposarti in comune .
        Ripeto: se uno si sposa deve farlo perche' ci crede.
        Ma sopratutto volevo ribadire il fatto che dare la colpa al matrimonio della fine dell'amore mi sembra una teoria che non regge.

        Commenta


        • #94
          Originariamente inviato da farenheit69
          Il bisogno nasce nel momento in cui professi la tua fede o accetti le regole della societa' in cui vivi.
          Nessuno ti obbliga ad essere cristiano , musulmano o cio' che piu' si avvicina al tuo credo.
          Cosi' come nessuno ti obbliga a sposarti in comune .
          Ripeto: se uno si sposa deve farlo perche' ci crede.
          Ma sopratutto volevo ribadire il fatto che dare la colpa al matrimonio della fine dell'amore mi sembra una teoria che non regge.
          Hai ragione, il bisogno può nascere da un particolare credo.
          Anch´io dissento dall´idea di per sé che il matrimonio sia la tomba dell´amore... in fondo molti amori finiscono senza mai arrivare al matrimonio.

          Commenta


          • #95
            io penso prima convivenza
            e se dopo senti il bisogno il matrimonio
            ma la convivenza è fondamentale

            Commenta


            • #96
              Originariamente inviato da linda78
              io penso prima convivenza
              e se dopo senti il bisogno il matrimonio
              ma la convivenza è fondamentale
              quoto...
              e sai perchè? ....
              spesso si decide di intraprendere la strada del matrimonio senza rendersi conto della decisione che si è presa, ... capita sempre che si prende come esempio qualche amico sposato o qualcun altro che ovviamente è sposato.... per autoconvincersi a farlo...
              ebbeno no, parlo io che sono uno di quelli che se potessi tornare indietro (di un anno) sicuramente ci penserei bene, ma molto bene, prima di compiere il fatilico passo

              Commenta


              • #97
                fatidico volevosapere1cosa... ..fatidico....eheheh eheheheheh

                Commenta


                • #98
                  Originariamente inviato da superbaby
                  fatidico volevosapere1cosa... ..fatidico....eheheh eheheheheh
                  ...scusa prof. ... sai sono a lavoro ... e devo sfruttare i secondi per scrivere ....

                  Commenta


                  • #99
                    eh va be' ti perdono!

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da superbaby
                      eh va be' ti perdono!
                      sei mitica.... e forse unica....
                      a dopo vado a pranzo....

                      Commenta


                      • buon pranzo e mangia piano!
                        a dopo

                        Commenta


                        • NESSUNO DEI DUE! Ognuno sta bene a casa propria!
                          _____________________________________________

                          [B]MEMENTO AUDERE SEMPER[/B]

                          Commenta


                          • Salve a tutti,scrivo perchè mi è piaciuta molto la vostra discussione in merito alla convivenza ed al matrimonio, forse perchè sono un pò gonfia di arricciamenti di naso vari, di domande sul matrimonio, di affermazioni come :" le cose vanno regolarizzate!!!!!! non và proprio bene così". Ciao

                            Commenta


                            • il matrimonio religioso assume un valore variabile a seconda che si creda o meno. Di solito la sacralita' del rito matrimoniale e il santo timore della coppia credente che si accinge al giuramento di eterno amore dinanzi a Dio fa si' che il matrimonio abbia un significato vitale. Ben diverso il significato del matrimonio per l'ateo che vede il matrimonio come un passo talune volte importante ma non necessario e talaltre assolutamente inutile.
                              Da credente, penso che il matrimonio sia una promessa d'amore eterno che vada fatta davanti al proprio Dio nella propria chiesa d'appartenenza.
                              Altrimenti se non dinanzi ad un Dio non vedo il perche' debba essere celebrato un matrimonio. Penso che il matrimonio necessiti, visto che trattasi di promessa eterna, di una convinzione a compiere il passo estremamente ponderata,avvolte anche per anni se e' il caso.
                              Nel lasso di tempo che intercorre e che precede il matrimonio, per conoscersi a fondo ed evitare di prendere decisioni affrettate conviene convivere per un po' di tempo.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da stefyllina
                                siete piu' propensi alla convivenza o al matrimonio? e perche'?
                                sicuramente matrimonio..
                                un pò anche perchè qui al sud non è che si usa tanto la convivenza..anzi..ch i convive vien anche giudicato male..perà non è per questo..è che penso che se 2 persone si amano tanto da convivere perchè non sposarsi?

                                io e il mio raga infatti abbiamo deciso quando..ci vorrà del tempo, ma per quanto ci amiamo la convivenza non ci basterebbe mai..e preferiamo aspettare qualche anno piuttosto che essere solo conviventi

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X