annuncio

Comprimi

Regolamento

I PRINCIPI

Il forum di Sanihelp.it è un punto di incontro e confronto, un forum libero, privo di ogni censura preventiva. Questo forum è una comunità di aiuto e supporto reciproco in cui ognuno contribuisce cercando di essere d'aiuto e portando il proprio punto di vista riguardo i diversi temi trattati.

Nel forum ciascuno è libero di esprimere la sua opinione, mantenendo però un atteggiamento di educato rispetto nei confronti delle idee diverse. Il forum è uno spazio civile e gradevole: gli utenti non devono essere intolleranti e aggressivi, ma propositivi e disponibili, moderando il proprio linguaggio e consentendo così di ridurre al minimo l'attività di moderazione.

Lo staff di Sanihelp.it si riserva il diritto di eliminare l'iscrizione al forum, di cancellare discussioni e messaggi senza alcun preavviso.


GLI UTENTI
Gli utenti sono suddivisi in quattro categorie.

- Amministratore:
gestisce il forum in tutte le sue parti, appartiene allo staff di sanihelp.it
- Moderatore:
è un utente che ha il compito di agevolare la vita all'interno del forum, è un punto di riferimento e un valido aiuto per tutti gli utenti.
- Sani All:
gli utenti del forum.
- Utenti Bannati:
un utente bannato può accedere al forum ma non parteciparvi. Si è bannati se non si rispetta il regolamento, il ban può essere imposto per un periodo di tempo limitato o per sempre. Nei casi più gravi può essere bannato anche l'indirizzo IP.

Utenti e reputazione
Ogni 365 giorni di permanenza sul forum si guadagnano 10 punti.
Ogni 10.000 messaggi e 1.000 punti reputazione si guadagna un punto di potenza nell'assegnazione della reputazione ad altri utenti.
Un utente per poter assegnare reputazione deve avere almeno 15 punti e aver scritto 30 messaggi.
In 24 ore si possono assegnare solo 20 punti.
Prima di poter assegnare la reputazione allo stesso utente è necessario assegnarla a 15 utenti differenti.
Reputazione e i commenti non sono anonimi

NICKNAME e FIRMA
Dato l'alto numero di utenti iscritti al forum, tutti i nomi più comuni sono già presenti.
Consigliamo di scegliere un nome particolare che contenga dei numeri e che non contenga trattini, simboli o caratteri speciali.
Per tutelare la privacy personale suggeriamo inoltre di non utilizzare nome e cognome completi all'interno del nickname.

Il nickname e la firma non devono contenere testi offensivi o provocatori, non è inoltre possibile utilizzare come nickname un nome attribuibile a una professione medica se non si è un professionista collaboratore della redazione di Sanihelp.it (es: psicologo, dottore, urologo).
Se si desidera cambiare il nickname è possibile farlo inviando un messaggio privato all'amministrazione (Evoh).

La frase è modificabile autonomamente dal pannello di controllo personale.
Nel caso in cui venga inserito un contenuto non idoneo i moderatori provvederanno ad avvisare l'utente con un messaggio personale.
Se dopo la richiesta di modifica la frase resta invariata, i moderatori sono autorizzati a cancellarla.
Se si dovessero inserire nuovamente contenuti offensivi nella frase, verrà assegnato un ban di almeno 3 giorni.


LEGGI DELLO STATO E INTERNET

Per non incorrere in spiacevoli conseguenze, ricordiamo agli utenti che su questo forum vigono tutte le leggi dello Stato italiano.
Ogni utente è responsabile dei contenuti che pubblica e tutti, utenti, moderatori e amministratori, possono rivolgersi alla Polizia per far rispettare la legge o per tutelarsi.
Tafferugli verbali, consigli e provocazioni non sono considerati reati, i reati sono cose ben più gravi che la coscienza di ciascuno riesce facilmente a identificare.
Vi ricordiamo inoltre che, come cita la locuzione latina: Verba volant, scripta manent.


REGOLE GENERALI

1. Non è permesso pubblicare:
- indirizzi email
- numeri telefonici
- il contenuto di email private e messaggi privati (MP) anche se si è in possesso dell'autorizzazione del mittente
- pubblicare messaggi pubblicitari o link

2. I moderatori hanno il compito di animare e moderare le discussioni e di controllare che nessuno violi il regolamento del forum.
I moderatori potranno ammonire, avvertire, bannare gli utenti che non rispetteranno il regolamento ed editare, spostare, chiudere e cancellare una discussione o un post.

3. Chiunque abbia un comportamento in contrasto con il regolamento del forum potrà veder cancellati i propri interventi ed essere bannato da esso, fino all'esclusione permanente nei casi più gravi. L'esclusione permanente è da intendersi estesa anche a eventuali alias.

4. Gli argomenti dei post inseriti in una discussione devono essere inerenti al tema deciso dall'autore delle discussione. I moderatori possono cancellare o spostare in un altro forum gli interventi che saranno giudicati fuori tema (OT).

5. Un utente che si ritenga ingiustamente sanzionato ha facoltà di chiedere chiarimenti via messaggio privato o email. Nel caso questo non avvenga e vengano creati post e discussioni polemiche, saranno cancellate.

6. Il moderatore NON cancella o corregge discussioni o post su richiesta.

7. Saranno bannati gli utenti promotori di pedofilia e violenza e chiunque faccia apologia di reato. Varrà bannato inoltre chi diffonde dati e informazioni strettamente personali di un'altro utente senza il suo consenso.

8. Sono da escludere gli avatar che rientrino nelle limitazioni del regolamento e con esplicite immagini pornografiche o di anatomia intima.

9. L'autore del post è pienamente responsabile per i contenuti riportati: diffamazioni o violazioni di copyright.

10. Non è possibile per gli utenti effettuare pubblicità all’interno del forum. I post contenenti messaggi pubblicitari verranno cancellati e segnalati come Spam.

11. L'autore di ogni post ha la possibilità di editarlo entro 10 minuti dall'invio. Verificate attentamente i vostri messaggi; passato il termine non sono più modificabili, questo al fine di garantire una coerenza con lo sviluppo degli argomenti.

12. Prima di aprire una discussione in un forum è bene assicurarsi che l'argomento non sia trattato in altre discussioni attualmente attive. Nel caso siano aperte discussioni doppie i moderatori possono decidere di chiuderle e indirizzare gli utenti a quelle già esistenti.

13. Il forum non è una chat, quindi gli utenti non devono intraprendere lunghi botta e risposta con un altro utente, soprattutto se si tratta di questioni personali. Per le conversazioni private devono essere usati i mp o, nel caso di chiacchiere di gruppo, l’apposita sezione “4 chiacchiere”.


COME SCRIVERE SUL FORUM

Il titolo
Il titolo della discussione contiene il tema del messaggio. Deve essere sintetico ma non generico e soprattutto deve essere scritto in italiano corretto, senza abbreviazioni, lettere ripetute o maiuscole dove non necessarie.
Sono da evitare titoli come “Richiesta d’aiuto” o “Problema”.

esempio Titolo:
Cerco ortopedico - piede rotto (giusto)
AAAAAAAAAAAAIIIIIIII IIIUUUUUUUUUUUTTo! (sbagliato)

L'autore del primo post della discussione da l'indirizzo tematico della discussione.
Più il titolo sarà pertinente più la discussione sarà letta da tutti gli utenti del forum.
I moderatori potranno a loro discrezione modificare i titoli ritenuti non idonei.

Il contenuto delle discussioni
Aprire una nuova discussione significa voler condividere con gli altri utenti un problema di salute, chiedere un consiglio o confrontarsi su di un'idea o un'argomento.
Se un utente apre un thread solo per propagandare un'idea, sarà invitato al confronto. Se dopo un primo invito il post non sarà aperto anche alle opinioni degli altri utenti, i moderatori chiuderanno la discussione.

Il contenuto dei post

Gli utenti sono invitati a non scrivere in maiuscolo dove non necessario, poiché il maiuscolo indica che si sta urlando.
All'interno dei messaggi possono essere inserite le Emoticons. Il loro impiego nei topic è affidato al buon senso degli utenti, è consigliabile tuttavia non eccedere nel loro utilizzo.
Il linguaggio all'interno dei post deve essere cortese e rispettoso delle diverse opinioni degli altri utenti.
Nel caso in cui un post contenga linguaggio non adatto alla sezione in cui è contenuto o abbia un contenuto volutamente provocatorio, (atto a far degenerare la discussione o far arrabbiare un utente) i moderatori provvederanno a modificarlo e avvertire l'utente.
Nel caso in cui l'utente persista nel mantenere un linguaggio offensivo o aggressivo dopo il primo avvertimento, riceverà un ban di almeno 3 giorni. Se questo comportamento continuasse anche allo scadere del ban, i moderatori decideranno se bannare nuovamente l'utente in maniera definitiva.
Chi schernisce pubblicamente gli utenti che chiedono aiuto o mette in dubbio la realtà dell'utente e/o della situazione descritta riceverà un'infrazione e in caso avvenga nuovamente un ban fino a 2 giorni.

Citazioni e aforismi
Se si riportano stralci di libri o articoli, citazioni o aforismi all'interno delle discussioni è sempre bene riportare l'autore.
Non è possibile aprire discussioni contenenti esclusivamente citazioni e aforismi, salvo previa autorizzazione via messaggio privato della moderazione.

Sondaggi

Gli utenti dovrebbero evitare di realizzare discussioni di sondaggio: per realizzare un sondaggio chiedere al moderatore della sezione di aprire un thread apposito. Quando si crea un sondaggio è bene motivare chiaramente i quesiti, in modo che non possano essere scambiate per pure provocazioni o scherzi.

Funzione Quote
Quotare un messaggio significa citarlo riportandone una parte. Quotare implica ripetere cose che probabilmente gli altri utenti hanno già letto, va fatto solo quando strettamente necessario. Non è necessario quotare interamente il post precedente al proprio se si intende commentarne solo una frase: è bene mantenere la frase in questione e cancellare il resto.

Come aprire una nuova sezione (forum o sub forum)
Per aprire una nuova sezione o un nuovo forum si deve proporre l'argomento all'amministratore e impegnarsi per farlo crescere.
Per proporre una sezione o un forum è necessario che ci siano almeno due utenti interessati e disposti ad animare e moderare la sezione.
Vedi: Come diventare moderatore?


I MODERATORI e L'AUTO-MODERAZIONE

La base su cui si fonda questo forum è l'auto-moderazione, ogni utente è quindi tenuto a rispettare e fare rispettare il regolamento del forum.
I moderatori sono solo un aiuto in più in caso di bisogno.

Come ci comporta con le violazione ai principi di questo forum e del regolamento?
1. si abbandona la discussione evitando di intervenire.
2. si segnala l'abuso con l'apposito strumento (triangolo con punto esclamativo)
3. la segnalazione appare nella sezione dedicata (visibile pubblicamente)
4. i moderatori leggono la segnalazione, rispondono spiegando come intendono agire e si comportano di conseguenza
5. una volta che il moderatore ha risposto non è possibile ribattere se non tramite messaggio privato.

Nel caso vi sia un utente particolarmente molesto, è possibile non visualizzare i suoi post inserendolo tra i propri utenti indesiderati.

In caso si voglia chiarire una particolare situazione con un utente o un moderatore si comunica con l’interessato tramite messaggio privato, NON attraverso discussioni pubbliche.

In caso di infrazioni al regolamento da parte dei moderatori, è possibile sollevare il problema con il moderatore stesso via messaggio privato. In caso non si giunga a una conclusione civile e si ritenga necessario segnalare il problema, è possibile contattare l'amministratore. (Evoh)
NON è possibile discutere pubblicamente delle dinamiche di moderazione del forum. Le discussioni pubbliche verranno eliminate.

ATTENZIONE:
1 - Lo strumento segnalazioni serve a porre in evidenza gravi infrazioni al regolamento
2 - Un messaggio OT non è considerabile una grave infrazione
3 - Non è concesso utilizzare le segnalazioni per provocare altri utenti, innescare polemiche o flames e infastidire intenzionalmente la moderazione.
4 - Le risposte non sono sindacabili pubblicamente. Se non si è d'accordo è possibile comunicare via mp con il moderatore che ha risposto alla segnalazione. Segnalazioni di segnalazioni o di ammonimenti non riceveranno risposta e saranno cancellate.

Non è possibile segnalare i MP. In caso di gravi attacchi personali effettuati tramite messaggio privato gli utenti possono scrivere direttamente all'amministratore del forum.

Chiunque utilizzi impropriamente lo strumento di segnalazione (come da punto 3) riceverà un primo avvertimento e, nel caso in cui dovesse continuare, potrà ricevere un ban della durata massima di 3 giorni.

Come diventare moderatore?
Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

Il compito dei moderatori è:
- animare le discussioni
- facilitare lo scambio di opinioni tutelando la pluralità dei punti di vista
- accogliere i nuovi arrivati
- far rispettare il regolamento

I moderatori:
- rispettano il regolamento (che vale per i moderatori esattamente come per gli utenti)
- sono liberi di esprimersi nei forum seguendo le stesse linee guida degli utenti (post cordiali, non aggressivi, no flames, no attacchi personali, non mettono in dubbio identità o realtà di un utente, ecc)
- NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum (solo gli utenti possono segnalare)
- possono moderare solo le sezioni loro assegnate



PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODERATORE

Il caposaldo del regolamento è l'auto-moderazione.
L'intervento dei moderatori deve essere quindi, in ordine di priorità:

- Animare: aprire discussioni, accogliere i nuovi, facilitare lo scambio di opinioni (consentendo a tutti di esprimersi) e aiutare gli utenti a districarsi fra le regole del forum e gli strumenti (fratello maggiore)
- Mantenere la rotta: il moderatore deve far si che le discussioni siano sempre on topic, è lecito chiuderle se si esce fuori tema.
- Moderare: (... e far moderare) i toni
- Mantenere la forma: è importante come si scrive, come si fa un titolo, come si imposta una domanda.

I moderatori di sezione lavorano in squadra e tutte le decisioni devono essere condivise, tutte le discussioni tecniche o inerenti la moderazioni devono avvenire via MP o nella sezione del forum privata e dedicata esclusivamente ai moderatori. Il moderatore non deve mai discuterne pubblicamente.

Il moderatore deve animare e pacificare, quindi non deve essere MAI causare volontariamente problemi e dissidi con gli altri moderatori.
Nel caso in cui un moderatore attacchi pubblicamente un altro moderatore per il suo operato, sarà sospeso per una settimana.
Nel caso in cui un moderatore violi il regolamento e/o agisca contro l'interesse del forum e della moderazione, gli altri moderatori possono segnalarlo nel forum moderatori.
Alla terza segnalazione l'amministrazione risponderà entro 5 giorni alla segnalazione e potrà agire con un richiamo formale, con un ban o con la rimozione dall'incarico.

I moderatori dato l'importante ruolo che ricoprono per la comunità del forum devono essere:
- tolleranti
- disponibili
- leali
- imparziali
- punto di riferimento per gli utenti
- da esempio

Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

I moderatori devono rispettare il regolamento e sono liberi di esprimersi nei forum, ma NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum e devono moderare solo le sezioni loro assegnate.
Solo gli utenti possono segnalare, se un moderatore riscontra violazioni nella sezione di sua competenza non segnala ma agisce.
In caso un moderatore noti situazioni particolari in una sezione di un altro moderatore, deve limitarsi a segnalarla tramite messaggio privato.

Se un moderatore dovesse mancare dal forum per più di un mese senza aver comunicato la sua assenza in precedenza, verrà rimosso dal suo incarico.

Regolamento segnalazioni e ban
La sezione dove saranno postate le segnalazioni sarà leggibile a tutti.
Solo i moderatori potranno scrivere in risposta alla segnalazioni
Alla segnalazione di un utente risponde il moderatore della sezione interessato scrivendo come intende agire e motivando proprie decisioni. (può anche decidere di non fare nulla, ma va scritto!)
Nel caso si decidesse di bannare l'utente, verrà scritto direttamente in risposta alla segnalazione e sarà visibile a tutti.
Non saranno poi concesse repliche in risposta al moderatore. Se ci saranno domande/dubbi/problemi andranno gestiti tramite i mp.

Nel caso che la decisione di bannare l’utente derivi non da una segnalazione ma da un ragionamento fatto con altri moderatori, il moderatore deve notificare il ban con un post nel forum moderatori.
Quando si banna un utente è OBBLIGATORIO segnalare la motivazione.



CANCELLAZIONE
Se si desidera cancellare la propria utenza dal forum, è sufficiente inviare un messaggio privato all'amministratore del forum (attualmente Evoh) E una a mail a [email protected] utilizzando la mail d'iscrizione al forum e indicando il proprio nick e la volontà di essere cancellati.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Reato d'opinione

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #61
    Re: Reato d'opinione

    Originariamente inviato da Vulvia31 Visualizza il messaggio
    Io penso che identificare la libertà col concetto di responsabilità sia più efficace. Non si possono slegare le due cose. L'individuo deve essere consapevole che ogni azione comporta delle conseguenze, e che è tanto più libero quanto più è disposto ad accettarne le conseguenze.
    beh
    se chi mi dovesse uccidere fosse anche disponibilissimo ad accettare le conseguenze... non è che al mio diritto di essere libero di vivere farebbe molto piacere. :dagger:

    No credo che la via da cercare sia nella comprensione a monte dei limiti di ciascuna libertà.
    La libertà di uccidere è evidente che crea un forte squilibrio irreparabile nei diritti di ciascuno
    uno squilibbrio talmente grande e irreparabile da portare il suo limite a zero.... ovvero
    la libertà di uccidere non può esserci per nessuno.

    a differenza per esempio della libertà di emettere puzzette che trova limiti diversi a seconda dello spazio in cui ci si trova
    e della tollerabilità da parte di eventuali presenti.
    La vita è quello che capita.
    Lascia che capiti!

    Commenta


    • #62
      Re: Reato d'opinione

      Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
      beh
      se chi mi dovesse uccidere fosse anche disponibilissimo ad accettare le conseguenze... non è che al mio diritto di essere libero di vivere farebbe molto piacere. :dagger:

      No credo che la via da cercare sia nella comprensione a monte dei limiti di ciascuna libertà.
      La libertà di uccidere è evidente che crea un forte squilibrio irreparabile nei diritti di ciascuno
      uno squilibbrio talmente grande e irreparabile da portare il suo limite a zero.... ovvero
      la libertà di uccidere non può esserci per nessuno.

      a differenza per esempio della libertà di emettere puzzette che trova limiti diversi a seconda dello spazio in cui ci si trova
      e della tollerabilità da parte di eventuali presenti.
      ....e quindi e' quello che ho detto precedentemente, solo che tu lo porti all'estremo, all'irreparabile. Cioe' alla morte.
      Io dico che tale concetto deve entrare in vigore molto prima perche' esistono anche cose peggiori della morte anche se non sembrano (soprattutto per le menti-dementi) irreparabili. Vedi uno stupro, per esempio.

      Commenta


      • #63
        Re: Reato d'opinione

        Originariamente inviato da Vulvia31 Visualizza il messaggio
        Allora ci capiamo. A me pare che, a volte, si sia confusa la lecita richiesta di porre un freno alle balle con la volontà di censurare una voce fuori dal coro. Dire che le donne sono come scarafaggi non è una voce fuori dal coro, è una falsità. Per le falsità la libertà di espressione vale la prima volta, perché non si può impedire a nessuno di dire ciò che pensa. Ma poi basta, il voler ribadire a oltranza la falsità va oltre qualsiasi accettazione dell'altrui buona fede: la prima volta si concede il dubbio dell'ignoranza, ma una volta che è stato chiarito che quell'opinione è falsa difendere a oltranza la libertà di ripeterla all'infinito è sbagliato. Rende complici nel perpetrare il contenuto calunnioso di quella falsità.
        Totalmente d'accordo, soprattutto quando e' facilmente riscontrabile la falsita' o la veridicita' di un argomento.

        Commenta


        • #64
          Re: Reato d'opinione

          Originariamente inviato da cotto Visualizza il messaggio
          ... quando e' facilmente riscontrabile la falsita' o la veridicita' di un argomento.
          Parlando in astratto trovo molto semplicista una tale affermazione.
          Cioè .. è facile se l'argomento è: "pesa più il piombo o il cotone" o cose simili... ma quando ci si deve mettere di mezzo
          il giudizio umano e tutte le situazioni che non sono solo bianche o solo nera ma hanno milioni di sfumature di grigio,
          allora di "facimente riscontrabile" non ci può essere nulla ..... salvo per chi ritenga se stesso quale metro insindacabile di giudizio
          e che nessun altro giudizio meriti di essere ascoltato.
          La vita è quello che capita.
          Lascia che capiti!

          Commenta


          • #65
            Re: Reato d'opinione

            Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
            Parlando in astratto trovo molto semplicista una tale affermazione.
            Cioè .. è facile se l'argomento è: "pesa più il piombo o il cotone" o cose simili... ma quando ci si deve mettere di mezzo
            il giudizio umano e tutte le situazioni che non sono solo bianche o solo nera ma hanno milioni di sfumature di grigio,
            allora di "facimente riscontrabile" non ci può essere nulla ..... salvo per chi ritenga se stesso quale metro insindacabile di giudizio
            e che nessun altro giudizio meriti di essere ascoltato.
            Però, Dingo, tu stesso qualche post fa in analoghe condizioni hai detto che un confine, anche se non facile da delineare, comunque c'è.

            Ora io sono il primo ad essere d'accordo con te sul fatto che ci saranno sempre situazioni dubbie, ma sia io che Cotto facevamo riferimento a situazioni di lapalissiana evidenza, come per l'appunto affermare che le donne sono come scarafaggi. Che sia falso è insindacabile. Non ci si può far frenare dal fatto che alcune questioni rimarranno irrisolte al punto da non affrontare nemmeno quelle evidentissime, perché sennò si sprofonda nel caos. Questa, ormai, è un'altra cosa che dovrebbe essere evidente oltre ogni dubbio.

            Inoltre concordo con Cotto che ci siano cose peggiori della morte, e che sguazzare nel territorio putrescente di confine che le circonda sia piuttosto pericoloso. Lo stupro, per l'appunto, come gesto è molto peggiore di un omicidio. Si può uccidere per mille motivi, e solo alcuni di essi derivano da un'irrimediabile corruzione dell'animo di chi compie l'atto. Invece non c'è alcun motivo al mondo che spinga un individuo a compiere uno stupro, per esempio, per autodifesa. Chi stupra è praticamente sempre già irrimediabilmente corrotto. E sguazzare indisturbati nel torbido che circonda la violenza di genere nei confronti delle donne non è per questo motivo una cosa da prendere alla leggera.
            Ci avevate mai pensato?! E a che cosa????

            Commenta


            • #66
              Re: Reato d'opinione

              Originariamente inviato da Vulvia31 Visualizza il messaggio
              ..affermare che le donne sono come scarafaggi. Che sia falso è insindacabile....
              è insindacabile solo se ci si ferma alla semantica.

              Non è affatto insindacabile il significato che ci può essere dietro alle parole, e le motivazioni che possono esserci in chi le proferisce.
              Sarebbe semplice in un luogo finalizzato solo al divertimento, limitandosi solo alla semantica e quindi cassando parole e paroliere...
              ma ad orecchie più sottili quelle parole possono suonare come un grido di aiuto... e decidere a priori che quel modo di chiedere aiuto
              va condannato ... io non lo trovo accettabile.

              PARLO SEMPRE IN MODO GENERICO! ogni situazione contingente poi è diversa e da valutare
              ma solo per affermare che di lapalissiano c'è poco anche dove sembra e dove ognuno magari non vede ....

              Originariamente inviato da Vulvia31 Visualizza il messaggio
              Chi stupra è praticamente sempre già irrimediabilmente corrotto..
              non ho alcuna indulgenza per chi stupra, è corrotto si ...però comunque con molti "se" e diversi "ma"

              ad esempio se è uno cresciuto nella nostra società non ha alcuna attenuante,
              per chi è cresciuto nelle favelas ... potrebbe sembrare cosa di poco conto.
              La vita è quello che capita.
              Lascia che capiti!

              Commenta


              • #67
                Re: Reato d'opinione

                Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                è insindacabile solo se ci si ferma alla semantica.

                Non è affatto insindacabile il significato che ci può essere dietro alle parole, e le motivazioni che possono esserci in chi le proferisce.
                Sarebbe semplice in un luogo finalizzato solo al divertimento, limitandosi solo alla semantica e quindi cassando parole e paroliere...
                ma ad orecchie più sottili quelle parole possono suonare come un grido di aiuto... e decidere a priori che quel modo di chiedere aiuto
                va condannato... io non lo trovo accettabile.

                PARLO SEMPRE IN MODO GENERICO! ogni situazione contingente poi è diversa e da valutare
                ma solo per affermare che di lapalissiano c'è poco anche dove sembra e dove ognuno magari non vede...
                Beh, ma io penso che il significato meramente semantico vada giustamente biasimato in ogni caso. Infatti ho parlato di verità e di falsità delle affermazioni, non di persone oneste e bugiardi. Massimo rispetto per la persona, a cui va tutta la nostra comprensione, ma questo non deve diventare mai un alibi per postare falsità a tutto spiano. Per cui si accoglie la richiesta di aiuto, ma si invita a esprimerla in modo consono. Questo è pur sempre un forum di salute, non un telefono amico dove del personale preposto e formato apposta è lì per accogliere questo genere di sfoghi. Qui leggono tutti, e non c'è del personale qualificato che possa rispondere in modo adeguato. Quindi serve qualcuno che riporti le situazioni sui giusti binari, ricordando a chi scrive in modo non adeguato in che posto si trova.

                Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                non ho alcuna indulgenza per chi stupra, è corrotto si... però comunque con molti "se" e diversi "ma"

                ad esempio se è uno cresciuto nella nostra società non ha alcuna attenuante,
                per chi è cresciuto nelle favelas... potrebbe sembrare cosa di poco conto.
                Questo può essere, ma io limitavo le mie osservazioni a questo forum. Qui non ci sono attenuanti, chi scrive qui è cresciuto nella nostra società.
                Ci avevate mai pensato?! E a che cosa????

                Commenta


                • #68
                  Re: Reato d'opinione

                  Originariamente inviato da Vulvia31 Visualizza il messaggio
                  Beh, ma io penso che il significato meramente semantico vada giustamente biasimato in ogni caso. .
                  questo è certo.... ma volevo rimarcare il fatto che esprimendo i concetti in modo assoluto, è facile trovarsi in posizione scorretta.

                  Originariamente inviato da Vulvia31 Visualizza il messaggio
                  chi scrive qui è cresciuto nella nostra società.
                  anche questo non è sempre cosa certa, ma credo che la cosa veramente significativa sia una sfumatura diversa
                  che io sospetto che qualche volta abbia portato ad effettive ingiustizie....cioè:
                  anche ammettendo che chi è cresciuto tra violenze continue e degrado sociale, possa non avere sviluppato il senso
                  che fa capire l'orrore di uno stupro, questo non giustifica in alcun modo chi per esempio stupra "per noia" o per "appartenenza al branco".

                  In altre parole
                  il compiere atti aberranti, non significa che chi li compie sia vittima di diseducazione, e no!
                  fino a che non si dimostri chiaramentee senza dubbi, il contrario è responsabile dei suoi atti.
                  La vita è quello che capita.
                  Lascia che capiti!

                  Commenta


                  • #69
                    Re: Reato d'opinione

                    Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                    adesso capisco in quale loop semantico vi siete infilati... io credo manchi un po' di pragmatica...
                    nella realtà concreta, per esempio, tra Achille e la tartaruga non esiste alcun paradosso, Achille la tartaruga nella realtà la supera..
                    oppure..volendo proprio restare nei termini in cui viene espresso.. non la supera...perchè stà costantemente rallentando....
                    e il fatto che una tartaruga sia più veloce di una ferrari ferma nel parcheggio..non costituisce alcun paradosso.

                    così se torniamo a noi:
                    impedire a "qualcuno" di esprimere la propria opinione è una azione repressiva! chiunque sia "qualcuno".
                    e se non permetti a qulcuno di esprimersi perchè lui è xxx compi una azione discriminatoria.

                    asserire che impedire a lui di esprimersi non è una repressione discriminatoria è davvero uguale a dire
                    che uccidere un assassino non è togliere la vita.

                    Su questo piano del ragionamento a mio avviso non ci sono possibilità di avallare in modo coerente na forma di censura.

                    su altri piani si può vedere...
                    Dingo, mi sa che sei tu che ti sei infilato nel parasosso e continui a riproporlo inalterato.
                    Per quello che mi riguarda io ci sono già uscito dalla pagina uno di questo 3d, cambiando appunto i termini della questione, come va fatto in ogni paradosso.

                    Non tollerare l'intolleranza, benché come espressione utilizzi la stessa radice linguistica, non è la stessa cosa dell'intolleranza stessa. L'azione repressiva infatti non è verso xxx perché lui è xxx o la sua idea non piace, ma verso il suo intento intollerante che, se ammesso, porterebbe di fatto alla paralisi di tutte le idee. La sua infatti non è un'idea qualsiasi, ma è proprio quella di non far esprimere ad altri altre idee.

                    E' una sorta di metaidea distruttiva per le idee e per questo è estremamente pericoloso indugiarvi concretamente.
                    Questo ovviamente non deve impedire di parlarne in astratto, ma non senza la lucidità di vederne la sua natura distruttiva.

                    Commenta


                    • #70
                      Re: Reato d'opinione

                      Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                      e dove credi si rischia concretamente di arrivare facendo una azione uguale e contraria?


                      cambiano i nemici, cambiano gli aguzzini ... ma l'accattivante presa su parte della popolazione e relativa degenerazione non cambia.

                      di fatto nella storia il vincitore ha sempre decretato che il perdente fosse fuorilegge.... fino al ribaltamento

                      io dico che la vera vittoria su discriminazioni soprusi ingiustizie ecc non arriverà mai per tali vie.
                      Beh, parli con uno che non ha MAI chiesto la cancellazione di un post in vita sua.
                      Io sono sempre per il confronto diretto e anche acceso.

                      Il punto è che spesso invece si sono tutelate alcune idee, impedendo il contraddittorio che ne avrebbe fatto emergere l'assurdità.
                      Se poi si è in presenza di persone che non hanno alcun interesse al dialogo, ma vogliono solo prevalere e arrivano ad insultare e minacciare singoli utenti o intere categorie di persone, non si tratta nemmeno di censurare le idee in quanto tali, ma di far semplicemente rispettare le regole di convivenza civile e impedire che comportamenti aggressivi e palesemente dannosi danneggino tutti.

                      Commenta


                      • #71
                        Re: Reato d'opinione

                        Originariamente inviato da zar2086 Visualizza il messaggio
                        non si tratta nemmeno di censurare le idee in quanto tali, ma di far semplicemente rispettare le regole di convivenza civile e impedire che comportamenti aggressivi e palesemente dannosi danneggino tutti.
                        si
                        ma questo è un'altro discorso, peraltro OT e inutile rivango!

                        Originariamente inviato da zar2086 Visualizza il messaggio
                        La sua infatti non è un'idea qualsiasi, ma è proprio quella di non far esprimere ad altri altre idee.
                        gia... ma l'opposto è lasciar esprimere tutte le idee ..TUTTE compresa la sua !
                        che altrimenti si va nell'arbitrio di qualcuno decide quali idee sono "si" e quali sono "no"
                        un qualcuno che si erge arbitro universale della moralità di tutti!

                        sinceramente questa è un'ipotesi che trovo inacettabile!

                        Lasciar esprimere idee non è la stessa cosa di lasciar compiere atti,
                        e non bisogna farsi confondere, esprimere un'idea e il confutarla con idee contrarie sono cose legittime,
                        illegittimo sarebbe qualsiasi ATTO che impedisca una qualsiasi delle due.

                        E finchè non c'è la capacità di comprendere questo c'è veramente poco diritto di recriminazioni.
                        La vita è quello che capita.
                        Lascia che capiti!

                        Commenta


                        • #72
                          Re: Reato d'opinione

                          Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                          si
                          ma questo è un'altro discorso, peraltro OT e inutile rivango!
                          Inutile fino ad un certo punto, perché parlando solo in astratto non si possono cogliere tutti gli aspetti di questo argomento.

                          Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                          gia... ma l'opposto è lasciar esprimere tutte le idee ..TUTTE compresa la sua !
                          che altrimenti si va nell'arbitrio di qualcuno decide quali idee sono "si" e quali sono "no"
                          un qualcuno che si erge arbitro universale della moralità di tutti! sinceramente questa è un'ipotesi che trovo inacettabile!
                          Nulla al mondo è un assoluto. Nemmeno la realtà fisica. E in questo senso tutto ciò che pensiamo è arbitrario.

                          Necessariamente però ci si accorda su alcune "verità" condivise e su queste si fonda una cività.
                          Come detto inizialmente è di questa nostra cività che stiamo parlando, non di quella Azteca o Aborigena Australiana, ed è all'interno della sua etica condivisa che si colloca il mio argomento. Né potrebbe essere altrimenti.

                          Commenta


                          • #73
                            Re: Reato d'opinione

                            Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                            Lasciar esprimere idee non è la stessa cosa di lasciar compiere atti,
                            e non bisogna farsi confondere, esprimere un'idea e il confutarla con idee contrarie sono cose legittime,
                            illegittimo sarebbe qualsiasi ATTO che impedisca una qualsiasi delle due.

                            E finchè non c'è la capacità di comprendere questo c'è veramente poco diritto di recriminazioni.
                            Come dicevo di base non voglio, né altri mi sembra vogliano censurare le idee in quanto tali.
                            Ma nel momento in cui si spacciano come opinioni degli insulti generalizzati o peggio delle vere e proprie aggressioni verbali ci si trova costretti, per il bene comune, a limitarne l'espressione, appunto per fermare sul nascere le degenerazioni violente, che ne sarebbero una naturale conseguenza.

                            Se si tollera che si esprima opinione positiva nei confronti di atti violenti, come pestaggi, stupri... si lascia che ne venga esaltato il valore, di fatto si dà spazio a questo dipo di idee, si lascia che si diffondano, che prendano piede.

                            Come dicevo, MAI ho chiesto che venisse cancellato un post, nemmeno il più aberrante. SEMPRE ho chiesto che si lasciasse uguale spazio ad eventuali critiche, anche accese, dello stesso e che non si lasciasserro passare certe idee come legittime o equivalenti a gusti personali o semplici opinioni. Non lo sono!

                            Non lo sono perché sono in antitesi ai fondamenti della nostra stessa civiltà. Queste idee, nell'ambito dell'etica che condividiamo, rappresentano crimini contro l'umanità e in questo senso non sono tollerabili.

                            Commenta


                            • #74
                              Re: Reato d'opinione

                              Originariamente inviato da zar2086 Visualizza il messaggio
                              Non lo sono perché sono in antitesi ai fondamenti della nostra stessa civiltà. Queste idee, nell'ambito dell'etica che condividiamo, rappresentano crimini contro l'umanità e in questo senso non sono tollerabili.
                              infatti trovo giusto esprimere lo sdegno e la totale condanna di tali azioni inaccettabili,
                              ma sono anche convinto che tu non voglia essere uguale (pur se su fronti diversi) a chi dice ad esempio, che
                              l'omosessualità sia un crimine contro l'umanità.

                              Tu dici di non aver mai chiesto cancellazioni, ma le tue argomentantazioni sottintendono una giustificazione
                              per chi le ha chieste in virtù di un etica propria, di fatto si possono leggere come una richiesta a non lasciare alcuno
                              spazio alle idee giudicate non eticamente accettabili... e questa è solo una richiesta censoria.

                              Parli di etica condivisa ...
                              ma solo un'etica che accetta di dialogare con idee eticamente differenti è un'etica diversa dalle altre ...
                              si le altre tutte le altre che sono solo l'etica del vincitore.. condivise solo perchè hanno eliminato fisicamente o verbalmente
                              o con la censura, l'idea diversa.

                              Nell'ambito delle idee solo la tolleranza è il concetto che si oppone all'intolleranza,
                              non ci sono intolleranze buone e cattive.

                              Che la libertà delle idee sia un pericolo questa è un'altra cosa.... è un pericolo che come altri va gestito.
                              La vita è quello che capita.
                              Lascia che capiti!

                              Commenta


                              • #75
                                Re: Reato d'opinione

                                E' in questo senso che si colloca il "reato di opinione" di cui si parla all'articolo di legge citato e ancor più eplicitamente nella XII disposizione transitorie e definitiva della nostra Costituzione. Di fatto non è un reato di opinione.

                                Infatti chiunque esalti queste idee, non esprime una semplice e asettica opinione. Di fatto esalta ciò a cui queste idee hanno portato, ciò i crimini compiuti e lo propone come modello da imitare, con tutto quello che ne è conseguito e che ne potrebbe ancora conseguire, se si abbassasse la guardia nei confronti di simili ideologie.

                                Ideologie di questo tipo sono incompatibili con la concezione di Società espressa nella nostra Costituizione e che alla fine esprime l'etica della nostra Civiltà, condivisa da laici e credenti.

                                Per questo trovo formalmente corretto che esista questo reato, anche se poi di fatto questo articolo di legge non è stato mai applicato. E' giusto perché deve essere chiaro senza ombra di dubbio che queste ideolgie vanno condannate.
                                E per la stessa ragione vorrei che questo principio fosse espresso esplicitamente, come era fino a un anno fa, anche nel regolamento di questo forum.

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X