annuncio

Comprimi

Regolamento

I PRINCIPI

Il forum di Sanihelp.it è un punto di incontro e confronto, un forum libero, privo di ogni censura preventiva. Questo forum è una comunità di aiuto e supporto reciproco in cui ognuno contribuisce cercando di essere d'aiuto e portando il proprio punto di vista riguardo i diversi temi trattati.

Nel forum ciascuno è libero di esprimere la sua opinione, mantenendo però un atteggiamento di educato rispetto nei confronti delle idee diverse. Il forum è uno spazio civile e gradevole: gli utenti non devono essere intolleranti e aggressivi, ma propositivi e disponibili, moderando il proprio linguaggio e consentendo così di ridurre al minimo l'attività di moderazione.

Lo staff di Sanihelp.it si riserva il diritto di eliminare l'iscrizione al forum, di cancellare discussioni e messaggi senza alcun preavviso.


GLI UTENTI
Gli utenti sono suddivisi in quattro categorie.

- Amministratore:
gestisce il forum in tutte le sue parti, appartiene allo staff di sanihelp.it
- Moderatore:
è un utente che ha il compito di agevolare la vita all'interno del forum, è un punto di riferimento e un valido aiuto per tutti gli utenti.
- Sani All:
gli utenti del forum.
- Utenti Bannati:
un utente bannato può accedere al forum ma non parteciparvi. Si è bannati se non si rispetta il regolamento, il ban può essere imposto per un periodo di tempo limitato o per sempre. Nei casi più gravi può essere bannato anche l'indirizzo IP.

Utenti e reputazione
Ogni 365 giorni di permanenza sul forum si guadagnano 10 punti.
Ogni 10.000 messaggi e 1.000 punti reputazione si guadagna un punto di potenza nell'assegnazione della reputazione ad altri utenti.
Un utente per poter assegnare reputazione deve avere almeno 15 punti e aver scritto 30 messaggi.
In 24 ore si possono assegnare solo 20 punti.
Prima di poter assegnare la reputazione allo stesso utente è necessario assegnarla a 15 utenti differenti.
Reputazione e i commenti non sono anonimi

NICKNAME e FIRMA
Dato l'alto numero di utenti iscritti al forum, tutti i nomi più comuni sono già presenti.
Consigliamo di scegliere un nome particolare che contenga dei numeri e che non contenga trattini, simboli o caratteri speciali.
Per tutelare la privacy personale suggeriamo inoltre di non utilizzare nome e cognome completi all'interno del nickname.

Il nickname e la firma non devono contenere testi offensivi o provocatori, non è inoltre possibile utilizzare come nickname un nome attribuibile a una professione medica se non si è un professionista collaboratore della redazione di Sanihelp.it (es: psicologo, dottore, urologo).
Se si desidera cambiare il nickname è possibile farlo inviando un messaggio privato all'amministrazione (Evoh).

La frase è modificabile autonomamente dal pannello di controllo personale.
Nel caso in cui venga inserito un contenuto non idoneo i moderatori provvederanno ad avvisare l'utente con un messaggio personale.
Se dopo la richiesta di modifica la frase resta invariata, i moderatori sono autorizzati a cancellarla.
Se si dovessero inserire nuovamente contenuti offensivi nella frase, verrà assegnato un ban di almeno 3 giorni.


LEGGI DELLO STATO E INTERNET

Per non incorrere in spiacevoli conseguenze, ricordiamo agli utenti che su questo forum vigono tutte le leggi dello Stato italiano.
Ogni utente è responsabile dei contenuti che pubblica e tutti, utenti, moderatori e amministratori, possono rivolgersi alla Polizia per far rispettare la legge o per tutelarsi.
Tafferugli verbali, consigli e provocazioni non sono considerati reati, i reati sono cose ben più gravi che la coscienza di ciascuno riesce facilmente a identificare.
Vi ricordiamo inoltre che, come cita la locuzione latina: Verba volant, scripta manent.


REGOLE GENERALI

1. Non è permesso pubblicare:
- indirizzi email
- numeri telefonici
- il contenuto di email private e messaggi privati (MP) anche se si è in possesso dell'autorizzazione del mittente
- pubblicare messaggi pubblicitari o link

2. I moderatori hanno il compito di animare e moderare le discussioni e di controllare che nessuno violi il regolamento del forum.
I moderatori potranno ammonire, avvertire, bannare gli utenti che non rispetteranno il regolamento ed editare, spostare, chiudere e cancellare una discussione o un post.

3. Chiunque abbia un comportamento in contrasto con il regolamento del forum potrà veder cancellati i propri interventi ed essere bannato da esso, fino all'esclusione permanente nei casi più gravi. L'esclusione permanente è da intendersi estesa anche a eventuali alias.

4. Gli argomenti dei post inseriti in una discussione devono essere inerenti al tema deciso dall'autore delle discussione. I moderatori possono cancellare o spostare in un altro forum gli interventi che saranno giudicati fuori tema (OT).

5. Un utente che si ritenga ingiustamente sanzionato ha facoltà di chiedere chiarimenti via messaggio privato o email. Nel caso questo non avvenga e vengano creati post e discussioni polemiche, saranno cancellate.

6. Il moderatore NON cancella o corregge discussioni o post su richiesta.

7. Saranno bannati gli utenti promotori di pedofilia e violenza e chiunque faccia apologia di reato. Varrà bannato inoltre chi diffonde dati e informazioni strettamente personali di un'altro utente senza il suo consenso.

8. Sono da escludere gli avatar che rientrino nelle limitazioni del regolamento e con esplicite immagini pornografiche o di anatomia intima.

9. L'autore del post è pienamente responsabile per i contenuti riportati: diffamazioni o violazioni di copyright.

10. Non è possibile per gli utenti effettuare pubblicità all’interno del forum. I post contenenti messaggi pubblicitari verranno cancellati e segnalati come Spam.

11. L'autore di ogni post ha la possibilità di editarlo entro 10 minuti dall'invio. Verificate attentamente i vostri messaggi; passato il termine non sono più modificabili, questo al fine di garantire una coerenza con lo sviluppo degli argomenti.

12. Prima di aprire una discussione in un forum è bene assicurarsi che l'argomento non sia trattato in altre discussioni attualmente attive. Nel caso siano aperte discussioni doppie i moderatori possono decidere di chiuderle e indirizzare gli utenti a quelle già esistenti.

13. Il forum non è una chat, quindi gli utenti non devono intraprendere lunghi botta e risposta con un altro utente, soprattutto se si tratta di questioni personali. Per le conversazioni private devono essere usati i mp o, nel caso di chiacchiere di gruppo, l’apposita sezione “4 chiacchiere”.


COME SCRIVERE SUL FORUM

Il titolo
Il titolo della discussione contiene il tema del messaggio. Deve essere sintetico ma non generico e soprattutto deve essere scritto in italiano corretto, senza abbreviazioni, lettere ripetute o maiuscole dove non necessarie.
Sono da evitare titoli come “Richiesta d’aiuto” o “Problema”.

esempio Titolo:
Cerco ortopedico - piede rotto (giusto)
AAAAAAAAAAAAIIIIIIII IIIUUUUUUUUUUUTTo! (sbagliato)

L'autore del primo post della discussione da l'indirizzo tematico della discussione.
Più il titolo sarà pertinente più la discussione sarà letta da tutti gli utenti del forum.
I moderatori potranno a loro discrezione modificare i titoli ritenuti non idonei.

Il contenuto delle discussioni
Aprire una nuova discussione significa voler condividere con gli altri utenti un problema di salute, chiedere un consiglio o confrontarsi su di un'idea o un'argomento.
Se un utente apre un thread solo per propagandare un'idea, sarà invitato al confronto. Se dopo un primo invito il post non sarà aperto anche alle opinioni degli altri utenti, i moderatori chiuderanno la discussione.

Il contenuto dei post

Gli utenti sono invitati a non scrivere in maiuscolo dove non necessario, poiché il maiuscolo indica che si sta urlando.
All'interno dei messaggi possono essere inserite le Emoticons. Il loro impiego nei topic è affidato al buon senso degli utenti, è consigliabile tuttavia non eccedere nel loro utilizzo.
Il linguaggio all'interno dei post deve essere cortese e rispettoso delle diverse opinioni degli altri utenti.
Nel caso in cui un post contenga linguaggio non adatto alla sezione in cui è contenuto o abbia un contenuto volutamente provocatorio, (atto a far degenerare la discussione o far arrabbiare un utente) i moderatori provvederanno a modificarlo e avvertire l'utente.
Nel caso in cui l'utente persista nel mantenere un linguaggio offensivo o aggressivo dopo il primo avvertimento, riceverà un ban di almeno 3 giorni. Se questo comportamento continuasse anche allo scadere del ban, i moderatori decideranno se bannare nuovamente l'utente in maniera definitiva.
Chi schernisce pubblicamente gli utenti che chiedono aiuto o mette in dubbio la realtà dell'utente e/o della situazione descritta riceverà un'infrazione e in caso avvenga nuovamente un ban fino a 2 giorni.

Citazioni e aforismi
Se si riportano stralci di libri o articoli, citazioni o aforismi all'interno delle discussioni è sempre bene riportare l'autore.
Non è possibile aprire discussioni contenenti esclusivamente citazioni e aforismi, salvo previa autorizzazione via messaggio privato della moderazione.

Sondaggi

Gli utenti dovrebbero evitare di realizzare discussioni di sondaggio: per realizzare un sondaggio chiedere al moderatore della sezione di aprire un thread apposito. Quando si crea un sondaggio è bene motivare chiaramente i quesiti, in modo che non possano essere scambiate per pure provocazioni o scherzi.

Funzione Quote
Quotare un messaggio significa citarlo riportandone una parte. Quotare implica ripetere cose che probabilmente gli altri utenti hanno già letto, va fatto solo quando strettamente necessario. Non è necessario quotare interamente il post precedente al proprio se si intende commentarne solo una frase: è bene mantenere la frase in questione e cancellare il resto.

Come aprire una nuova sezione (forum o sub forum)
Per aprire una nuova sezione o un nuovo forum si deve proporre l'argomento all'amministratore e impegnarsi per farlo crescere.
Per proporre una sezione o un forum è necessario che ci siano almeno due utenti interessati e disposti ad animare e moderare la sezione.
Vedi: Come diventare moderatore?


I MODERATORI e L'AUTO-MODERAZIONE

La base su cui si fonda questo forum è l'auto-moderazione, ogni utente è quindi tenuto a rispettare e fare rispettare il regolamento del forum.
I moderatori sono solo un aiuto in più in caso di bisogno.

Come ci comporta con le violazione ai principi di questo forum e del regolamento?
1. si abbandona la discussione evitando di intervenire.
2. si segnala l'abuso con l'apposito strumento (triangolo con punto esclamativo)
3. la segnalazione appare nella sezione dedicata (visibile pubblicamente)
4. i moderatori leggono la segnalazione, rispondono spiegando come intendono agire e si comportano di conseguenza
5. una volta che il moderatore ha risposto non è possibile ribattere se non tramite messaggio privato.

Nel caso vi sia un utente particolarmente molesto, è possibile non visualizzare i suoi post inserendolo tra i propri utenti indesiderati.

In caso si voglia chiarire una particolare situazione con un utente o un moderatore si comunica con l’interessato tramite messaggio privato, NON attraverso discussioni pubbliche.

In caso di infrazioni al regolamento da parte dei moderatori, è possibile sollevare il problema con il moderatore stesso via messaggio privato. In caso non si giunga a una conclusione civile e si ritenga necessario segnalare il problema, è possibile contattare l'amministratore. (Evoh)
NON è possibile discutere pubblicamente delle dinamiche di moderazione del forum. Le discussioni pubbliche verranno eliminate.

ATTENZIONE:
1 - Lo strumento segnalazioni serve a porre in evidenza gravi infrazioni al regolamento
2 - Un messaggio OT non è considerabile una grave infrazione
3 - Non è concesso utilizzare le segnalazioni per provocare altri utenti, innescare polemiche o flames e infastidire intenzionalmente la moderazione.
4 - Le risposte non sono sindacabili pubblicamente. Se non si è d'accordo è possibile comunicare via mp con il moderatore che ha risposto alla segnalazione. Segnalazioni di segnalazioni o di ammonimenti non riceveranno risposta e saranno cancellate.

Non è possibile segnalare i MP. In caso di gravi attacchi personali effettuati tramite messaggio privato gli utenti possono scrivere direttamente all'amministratore del forum.

Chiunque utilizzi impropriamente lo strumento di segnalazione (come da punto 3) riceverà un primo avvertimento e, nel caso in cui dovesse continuare, potrà ricevere un ban della durata massima di 3 giorni.

Come diventare moderatore?
Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

Il compito dei moderatori è:
- animare le discussioni
- facilitare lo scambio di opinioni tutelando la pluralità dei punti di vista
- accogliere i nuovi arrivati
- far rispettare il regolamento

I moderatori:
- rispettano il regolamento (che vale per i moderatori esattamente come per gli utenti)
- sono liberi di esprimersi nei forum seguendo le stesse linee guida degli utenti (post cordiali, non aggressivi, no flames, no attacchi personali, non mettono in dubbio identità o realtà di un utente, ecc)
- NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum (solo gli utenti possono segnalare)
- possono moderare solo le sezioni loro assegnate



PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODERATORE

Il caposaldo del regolamento è l'auto-moderazione.
L'intervento dei moderatori deve essere quindi, in ordine di priorità:

- Animare: aprire discussioni, accogliere i nuovi, facilitare lo scambio di opinioni (consentendo a tutti di esprimersi) e aiutare gli utenti a districarsi fra le regole del forum e gli strumenti (fratello maggiore)
- Mantenere la rotta: il moderatore deve far si che le discussioni siano sempre on topic, è lecito chiuderle se si esce fuori tema.
- Moderare: (... e far moderare) i toni
- Mantenere la forma: è importante come si scrive, come si fa un titolo, come si imposta una domanda.

I moderatori di sezione lavorano in squadra e tutte le decisioni devono essere condivise, tutte le discussioni tecniche o inerenti la moderazioni devono avvenire via MP o nella sezione del forum privata e dedicata esclusivamente ai moderatori. Il moderatore non deve mai discuterne pubblicamente.

Il moderatore deve animare e pacificare, quindi non deve essere MAI causare volontariamente problemi e dissidi con gli altri moderatori.
Nel caso in cui un moderatore attacchi pubblicamente un altro moderatore per il suo operato, sarà sospeso per una settimana.
Nel caso in cui un moderatore violi il regolamento e/o agisca contro l'interesse del forum e della moderazione, gli altri moderatori possono segnalarlo nel forum moderatori.
Alla terza segnalazione l'amministrazione risponderà entro 5 giorni alla segnalazione e potrà agire con un richiamo formale, con un ban o con la rimozione dall'incarico.

I moderatori dato l'importante ruolo che ricoprono per la comunità del forum devono essere:
- tolleranti
- disponibili
- leali
- imparziali
- punto di riferimento per gli utenti
- da esempio

Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

I moderatori devono rispettare il regolamento e sono liberi di esprimersi nei forum, ma NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum e devono moderare solo le sezioni loro assegnate.
Solo gli utenti possono segnalare, se un moderatore riscontra violazioni nella sezione di sua competenza non segnala ma agisce.
In caso un moderatore noti situazioni particolari in una sezione di un altro moderatore, deve limitarsi a segnalarla tramite messaggio privato.

Se un moderatore dovesse mancare dal forum per più di un mese senza aver comunicato la sua assenza in precedenza, verrà rimosso dal suo incarico.

Regolamento segnalazioni e ban
La sezione dove saranno postate le segnalazioni sarà leggibile a tutti.
Solo i moderatori potranno scrivere in risposta alla segnalazioni
Alla segnalazione di un utente risponde il moderatore della sezione interessato scrivendo come intende agire e motivando proprie decisioni. (può anche decidere di non fare nulla, ma va scritto!)
Nel caso si decidesse di bannare l'utente, verrà scritto direttamente in risposta alla segnalazione e sarà visibile a tutti.
Non saranno poi concesse repliche in risposta al moderatore. Se ci saranno domande/dubbi/problemi andranno gestiti tramite i mp.

Nel caso che la decisione di bannare l’utente derivi non da una segnalazione ma da un ragionamento fatto con altri moderatori, il moderatore deve notificare il ban con un post nel forum moderatori.
Quando si banna un utente è OBBLIGATORIO segnalare la motivazione.



CANCELLAZIONE
Se si desidera cancellare la propria utenza dal forum, è sufficiente inviare un messaggio privato all'amministratore del forum (attualmente Evoh) E una a mail a [email protected] utilizzando la mail d'iscrizione al forum e indicando il proprio nick e la volontà di essere cancellati.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Attentato a Bruxelles

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Attentato a Bruxelles

    Premesso che mi spiace per l'ennesimo attacco terroristico, riporto un interessante commento del prof. Francesco Erspamer:

    Giustamente gli europei disprezzano gli americani perché si sono assuefatti alle stragi: se uno ******* va al supermercato, compra un paio di fucili a ripetizione e ammazza una decina di persone in una scuola o per strada, la notizia neppure arriva sulla prima pagina del New York Times. Càpita troppe volte ed è comunque inutile frustrarsi visto che nessuno ha davvero intenzione di risolvere la situazione: non perché sia impossibile ma perché significherebbe cambiare alcune abitudini e la gente, che ha disimparato a pensare e a vivere grazie ai nuovi media e dalle nuove tecnologie (o meglio dal modo in cui sono gestiti), sempre di più si aggrappa alle abitudini (incluse o specialmente quelle indotte) per compensare la dissoluzione delle comunità, delle famiglie, delle pratiche di condivisione e solidarietà.

  • #2
    Re: Attentato a Bruxelles

    Ma gli europei stanno diventando come gli americani. Le stragi provocate dall'estremismo islamico sono sempre più frequenti e l'attenzione pian piano diminuisce. Presto un attacco con una decina di vittime a Bruxelles o Parigi meriterà al massimo un trafiletto interno. Ci si abitua a tutto quando non si può rimediare. E nessuno vuole rimediare. Perché ciò che il terrorismo rivela è il completo fallimento della globalizzazione: sia intesa come rapina da parte delle multinazionali (sostenute dal Pentagono e dai suoi alleati) di tutti i beni comuni e naturali, a cominciare da quelli degli altri; sia come terzomondismo, usato da una sinistra timorosa e confusa per dimenticare e far dimenticare la propria completa resa a quello che dovrebbe essere il suo nemico, il neocapitalismo. Nessuno è pronto ad abbandonare e neppure regolamentare la globalizzazione: piace ovviamente alla plutocrazia che grazie a essa si è arricchita in modo osceno ma fa comodo anche alla classe media occidentale che solo sfruttando l'immigrazione e i lavoratori a bassissimo costo dei paesi poveri può recuperare una parte di ciò che ha ceduto alle corporation rinunciando alla lotta sindacale e all’impegno politico.
    Smettiamola di fare gli ipocriti. La realtà è che un iPhone vale bene qualche massacro.

    Commenta


    • #3
      Re: Attentato a Bruxelles

      Originariamente inviato da Seba82 Visualizza il messaggio
      Ma gli europei stanno diventando come gli americani. Le stragi provocate dall'estremismo islamico sono sempre più frequenti e l'attenzione pian piano diminuisce.
      Smettiamola di fare gli ipocriti. La realtà è che un iPhone vale bene qualche massacro.
      A parte che le stragi terroristiche non hanno nulla a che vedere con il fatto che in America ogni tanto qualcuno sbrocca per motivi personali e ammazza gente a caso, aiutato anche dal fatto che in quel paese anche un bambino di 3 anni può entrare in un'armeria e uscirne equipaggiato meglio di Rambo...

      Ma non ho capito il senso del tuo sfogo: sembra quasi che con questo attacco alla globalizzazione, tu stia in qualche modo giustificando i terroristi.

      Quella del terrorismo è una minaccia mondiale come vorresti affrontarla se non in maniera unita?
      Se l'Europa si disgregasse e ognuno tornasse a farsi i cavoli suoi, non sarebbe ancora più facile per i terroristi colpire?

      Quanto al fatto che ritieni che ci sia scarsa attenzione mediatica, onestamente ritieni davvero che, al di là del doveroso dovere di informazione, tutte le varie campagne social, le bandiere, i vari "je suis" servano a qualcosa?
      Dai, è solo esibizionismo puro e semplice.

      Commenta


      • #4
        Re: Attentato a Bruxelles

        Guarda che ho solo riportato parole di un'altra persona... comunque è indubbio che per mantenere un certo tenore di vita si siano sfruttate certe cose.

        Commenta


        • #5
          Re: Attentato a Bruxelles

          Credo che il titolo della discussione sia un po' ingannevole, in realtà qui si parla solo marginalmente dell'attentato di Bruxelles, che è preso solo come spunto dal prof. Esparmer per parlare di globalizzazione & annessi.


          Non conoscendo questo professore, ho fatto una rapidissima ricerca su google e ho visto che attualmente è professore di Lingue e letterature romanze e responsabile degli Italian Studies alla Harvard University, con esperienze in numerose altre università americane.


          Riguardo al suo sfogo, ammetto che mi sembra un po' confuso e vago, probabilmente scritto in fretta e furia sullo slancio dell'adrenalina post-factum, fosse stato senza firma credo che, come contenuti, sarebbe stato difficilmente distinguibile dai milioni di altri commenti che milioni di normalissimi utenti lasciano sui social network.
          Gli argomenti trattati sono potenzialmente vastissimi, potrebbero essere oggetto di discussioni chilometriche, conditi da forti ma vaghe accuse contro altrettanto vaghi poteri forti.

          Commenta


          • #6
            Re: Attentato a Bruxelles

            Però ci sono anche dei buoni spunti:
            ciò che il terrorismo rivela è il completo fallimento della globalizzazione (...)
            Ora, io non insegno ad Harvard, ma già il fatto che qualcuno parli di "fallimento della globalizzazione" a me suona stonato, perchè non penso è che a fallire o riuscire sia la globalizzazione in sè (processo irreversibile e comunque in atto già da secoli), ma semmai chi la dovrebbe guidare. Quindi se proprio il terrorismo certificherebbe al massimo il fallimento di chi ha fatto determinate scelte politiche e/o militari, cosa che in moltissimi hanno più volte sottolineato negli ultimi anni o addirittura decenni.

            Riguardo invece ai due aspetti della gl. che lui cita, è almeno lodevole che dia una definizione di quello che intende:
            (...)sia intesa come rapina da parte delle multinazionali (sostenute dal Pentagono e dai suoi alleati) di tutti i beni comuni e naturali, a cominciare da quelli degli altri; sia come terzomondismo, usato da una sinistra timorosa e confusa per dimenticare e far dimenticare la propria completa resa a quello che dovrebbe essere il suo nemico, il neocapitalismo.
            così si circoscrive un po' il campo delle argomentazioni sulle quali discutere.

            Commenta


            • #7
              Re: Attentato a Bruxelles

              Sulla prima accusa, non mi sbilancio a dire se sia fondata o no, mi limito a osservare che lui e quelli che la pensano come lui, invece che lanciare accuse un poco vaghe, potrebbero anche cominciare a fare una vera e propria lista dettagliata di quali siano questi potenti da (eventualmente) boicottare.
              Ok, in parte è intuitivo, è chiaro che parlano del pentagono si riferisce all'esercito (americano in questo caso) e per "suoi alleati" a me verrebbe da pensare che siano le industrie degli armamenti e le loro lobby. Ma quelle fantomatiche "multinazionali", quali sarebbero di preciso?
              Scrivendo "rapina da parte delle multinazionali" farebbe pensare che siano le multinazionali in generale, tutte nessuna esclusa, è quindi così? O qualche multinazionale-Lot nel mezzo di Sodoma & Gomorra la si può trovare e salvare?

              Commenta


              • #8
                Re: Attentato a Bruxelles

                Riguardo la seconda accusa invece ammetto di non aver capito cosa sia sotto accusa: il terzomondismo in sè, oppure l'uso strumentale che la sinistra ne farebbe per mascherare le sue mancanze?
                Propendo più per la prima ipotesi.

                Per la cronaca, il terzomondismo è, copio-incollo da wikipedia, una dottrina politica secondo la quale il sottosviluppo dei paesi del terzo mondo è un prodotto del colonialismo occidentale e delle sue seguenti derivazioni.
                Quindi, messa così il fallimento della globalizzazione, intesa come terzomondismo, significherebbe che a fallire è stato proprio il terzomondismo? Sarei in parte d'accordo, ma ho il forte dubbio che non era questo che Esparmer voleva dire, semmai l'opposto.

                Ricordo un'intervista di Enzo Biagi a Wilbur Smith (che non sono riuscito a trovare da nessuna parte), durante la quale Biagi gli chiedeva quali secondo lui fossero le responsabilità degli europei nella situazione attuale dell'Africa, Smith rispose "Nessuna", argomentando poi la sua opinione (onestamente non ricordo bene come, sono passati anni).

                Ora, forse anche lui stava un po' esagerando, io credo che di responsabilità il colonialismo ne abbia di sicuro, ma credo che altrettanto di sicuro anche Esparmer sbagli, dare sempre e comunque tutte le colpe all'Occidente serve solo a negare anche le proprie responsabilità all'infinito.

                Commenta


                • #9
                  Re: Attentato a Bruxelles

                  quello che il professore ha detto in merito al "fallimento della globalizzazione" credo che sia solo stata una estremizzazione del concetto
                  che io condivido e cioè che l'attuale terrorismo islamico dall'isis a Bin Laden, è un frutto della globalizzazione.

                  Il mio dubbio semmai è quanto di questo frutto sia maturato in modo spontaneo e quanto invece non sia stato ben concimato.

                  Il concetto infatti è che pur essendosi sviluppato a causa della globalizzazione occidentale, il terrorismo che colpisce ovunque
                  e fa sentire tutti attaccabili ...allo stesso tempo ottiene di mantenere compatte le file dei paesi occidentali forzando sulla via della globalizzazione.

                  Caso?....o strategia?
                  magari entrambi
                  La vita è quello che capita.
                  Lascia che capiti!

                  Commenta


                  • #10
                    Re: Attentato a Bruxelles

                    Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                    Il concetto infatti è che pur essendosi sviluppato a causa della globalizzazione occidentale, il terrorismo che colpisce ovunque
                    e fa sentire tutti attaccabili ...allo stesso tempo ottiene di mantenere compatte le file dei paesi occidentali forzando sulla via della globalizzazione.
                    Caso?....o strategia?
                    Se è una strategia direi che è pensata veramente male, perché dal lato del "popolo" il terrorismo sta avendo l'effetto contrario, cioè quello di disunire i popoli anzi che coalizzarli.
                    Se foraggiare segretamente il terrorismo è pensato per convincere la gente della necessità della globalizzazione, mi spiace per loro ma non sta proprio funzionando.

                    Commenta


                    • #11
                      Re: Attentato a Bruxelles

                      Originariamente inviato da stefano28 Visualizza il messaggio
                      Se è una strategia direi che è pensata veramente male, perché dal lato del "popolo" il terrorismo sta avendo l'effetto contrario, cioè quello di disunire i popoli anzi che coalizzarli.
                      Se foraggiare segretamente il terrorismo è pensato per convincere la gente della necessità della globalizzazione, mi spiace per loro ma non sta proprio funzionando.
                      Paradossalmente adesso siamo tutti più uniti... dalla paura

                      Commenta


                      • #12
                        Re: Attentato a Bruxelles

                        Originariamente inviato da Seba82 Visualizza il messaggio
                        Paradossalmente adesso siamo tutti più uniti... dalla paura
                        esatto
                        questo è il concetto
                        la paura contro un nemico ...che non è neanche identificabile con una nazione ed è solo parzialmente associato all'Islam.

                        è un disegno paradossalmente perfetto per unire...nel momenti in cui ci sono fortissime spinte a disgregare.
                        La vita è quello che capita.
                        Lascia che capiti!

                        Commenta


                        • #13
                          Re: Attentato a Bruxelles

                          Originariamente inviato da Seba82 Visualizza il messaggio
                          Paradossalmente adesso siamo tutti più uniti... dalla paura
                          A me non sembra proprio,

                          in ogni paese stanno spuntando movimenti e partiti estremisti, xenofobi e nazionalisti dappertutto, tutti che chiedono che il proprio stato si stacchi dal resto.

                          Commenta


                          • #14
                            Re: Attentato a Bruxelles

                            Originariamente inviato da stefano28 Visualizza il messaggio
                            A me non sembra proprio,

                            in ogni paese stanno spuntando movimenti e partiti estremisti, xenofobi e nazionalisti dappertutto, tutti che chiedono che il proprio stato si stacchi dal resto.
                            E questo proliferare di partiti xenofobi da cosa è causato, secondo te?

                            Commenta


                            • #15
                              Re: Attentato a Bruxelles

                              Originariamente inviato da Seba82 Visualizza il messaggio
                              E questo proliferare di partiti xenofobi da cosa è causato, secondo te?
                              Per quanto riguarda l'Italia il problema non è tanto l'immigrazione, quanto la legge e la giustizia che non funzionano né con noi né soprattutto con loro.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              gtag('config', 'UA-35946721-1');