annuncio

Comprimi

Regolamento

I PRINCIPI

Il forum di Sanihelp.it è un punto di incontro e confronto, un forum libero, privo di ogni censura preventiva. Questo forum è una comunità di aiuto e supporto reciproco in cui ognuno contribuisce cercando di essere d'aiuto e portando il proprio punto di vista riguardo i diversi temi trattati.

Nel forum ciascuno è libero di esprimere la sua opinione, mantenendo però un atteggiamento di educato rispetto nei confronti delle idee diverse. Il forum è uno spazio civile e gradevole: gli utenti non devono essere intolleranti e aggressivi, ma propositivi e disponibili, moderando il proprio linguaggio e consentendo così di ridurre al minimo l'attività di moderazione.

Lo staff di Sanihelp.it si riserva il diritto di eliminare l'iscrizione al forum, di cancellare discussioni e messaggi senza alcun preavviso.


GLI UTENTI
Gli utenti sono suddivisi in quattro categorie.

- Amministratore:
gestisce il forum in tutte le sue parti, appartiene allo staff di sanihelp.it
- Moderatore:
è un utente che ha il compito di agevolare la vita all'interno del forum, è un punto di riferimento e un valido aiuto per tutti gli utenti.
- Sani All:
gli utenti del forum.
- Utenti Bannati:
un utente bannato può accedere al forum ma non parteciparvi. Si è bannati se non si rispetta il regolamento, il ban può essere imposto per un periodo di tempo limitato o per sempre. Nei casi più gravi può essere bannato anche l'indirizzo IP.

Utenti e reputazione
Ogni 365 giorni di permanenza sul forum si guadagnano 10 punti.
Ogni 10.000 messaggi e 1.000 punti reputazione si guadagna un punto di potenza nell'assegnazione della reputazione ad altri utenti.
Un utente per poter assegnare reputazione deve avere almeno 15 punti e aver scritto 30 messaggi.
In 24 ore si possono assegnare solo 20 punti.
Prima di poter assegnare la reputazione allo stesso utente è necessario assegnarla a 15 utenti differenti.
Reputazione e i commenti non sono anonimi

NICKNAME e FIRMA
Dato l'alto numero di utenti iscritti al forum, tutti i nomi più comuni sono già presenti.
Consigliamo di scegliere un nome particolare che contenga dei numeri e che non contenga trattini, simboli o caratteri speciali.
Per tutelare la privacy personale suggeriamo inoltre di non utilizzare nome e cognome completi all'interno del nickname.

Il nickname e la firma non devono contenere testi offensivi o provocatori, non è inoltre possibile utilizzare come nickname un nome attribuibile a una professione medica se non si è un professionista collaboratore della redazione di Sanihelp.it (es: psicologo, dottore, urologo).
Se si desidera cambiare il nickname è possibile farlo inviando un messaggio privato all'amministrazione (Evoh).

La frase è modificabile autonomamente dal pannello di controllo personale.
Nel caso in cui venga inserito un contenuto non idoneo i moderatori provvederanno ad avvisare l'utente con un messaggio personale.
Se dopo la richiesta di modifica la frase resta invariata, i moderatori sono autorizzati a cancellarla.
Se si dovessero inserire nuovamente contenuti offensivi nella frase, verrà assegnato un ban di almeno 3 giorni.


LEGGI DELLO STATO E INTERNET

Per non incorrere in spiacevoli conseguenze, ricordiamo agli utenti che su questo forum vigono tutte le leggi dello Stato italiano.
Ogni utente è responsabile dei contenuti che pubblica e tutti, utenti, moderatori e amministratori, possono rivolgersi alla Polizia per far rispettare la legge o per tutelarsi.
Tafferugli verbali, consigli e provocazioni non sono considerati reati, i reati sono cose ben più gravi che la coscienza di ciascuno riesce facilmente a identificare.
Vi ricordiamo inoltre che, come cita la locuzione latina: Verba volant, scripta manent.


REGOLE GENERALI

1. Non è permesso pubblicare:
- indirizzi email
- numeri telefonici
- il contenuto di email private e messaggi privati (MP) anche se si è in possesso dell'autorizzazione del mittente
- pubblicare messaggi pubblicitari o link

2. I moderatori hanno il compito di animare e moderare le discussioni e di controllare che nessuno violi il regolamento del forum.
I moderatori potranno ammonire, avvertire, bannare gli utenti che non rispetteranno il regolamento ed editare, spostare, chiudere e cancellare una discussione o un post.

3. Chiunque abbia un comportamento in contrasto con il regolamento del forum potrà veder cancellati i propri interventi ed essere bannato da esso, fino all'esclusione permanente nei casi più gravi. L'esclusione permanente è da intendersi estesa anche a eventuali alias.

4. Gli argomenti dei post inseriti in una discussione devono essere inerenti al tema deciso dall'autore delle discussione. I moderatori possono cancellare o spostare in un altro forum gli interventi che saranno giudicati fuori tema (OT).

5. Un utente che si ritenga ingiustamente sanzionato ha facoltà di chiedere chiarimenti via messaggio privato o email. Nel caso questo non avvenga e vengano creati post e discussioni polemiche, saranno cancellate.

6. Il moderatore NON cancella o corregge discussioni o post su richiesta.

7. Saranno bannati gli utenti promotori di pedofilia e violenza e chiunque faccia apologia di reato. Varrà bannato inoltre chi diffonde dati e informazioni strettamente personali di un'altro utente senza il suo consenso.

8. Sono da escludere gli avatar che rientrino nelle limitazioni del regolamento e con esplicite immagini pornografiche o di anatomia intima.

9. L'autore del post è pienamente responsabile per i contenuti riportati: diffamazioni o violazioni di copyright.

10. Non è possibile per gli utenti effettuare pubblicità all’interno del forum. I post contenenti messaggi pubblicitari verranno cancellati e segnalati come Spam.

11. L'autore di ogni post ha la possibilità di editarlo entro 10 minuti dall'invio. Verificate attentamente i vostri messaggi; passato il termine non sono più modificabili, questo al fine di garantire una coerenza con lo sviluppo degli argomenti.

12. Prima di aprire una discussione in un forum è bene assicurarsi che l'argomento non sia trattato in altre discussioni attualmente attive. Nel caso siano aperte discussioni doppie i moderatori possono decidere di chiuderle e indirizzare gli utenti a quelle già esistenti.

13. Il forum non è una chat, quindi gli utenti non devono intraprendere lunghi botta e risposta con un altro utente, soprattutto se si tratta di questioni personali. Per le conversazioni private devono essere usati i mp o, nel caso di chiacchiere di gruppo, l’apposita sezione “4 chiacchiere”.


COME SCRIVERE SUL FORUM

Il titolo
Il titolo della discussione contiene il tema del messaggio. Deve essere sintetico ma non generico e soprattutto deve essere scritto in italiano corretto, senza abbreviazioni, lettere ripetute o maiuscole dove non necessarie.
Sono da evitare titoli come “Richiesta d’aiuto” o “Problema”.

esempio Titolo:
Cerco ortopedico - piede rotto (giusto)
AAAAAAAAAAAAIIIIIIII IIIUUUUUUUUUUUTTo! (sbagliato)

L'autore del primo post della discussione da l'indirizzo tematico della discussione.
Più il titolo sarà pertinente più la discussione sarà letta da tutti gli utenti del forum.
I moderatori potranno a loro discrezione modificare i titoli ritenuti non idonei.

Il contenuto delle discussioni
Aprire una nuova discussione significa voler condividere con gli altri utenti un problema di salute, chiedere un consiglio o confrontarsi su di un'idea o un'argomento.
Se un utente apre un thread solo per propagandare un'idea, sarà invitato al confronto. Se dopo un primo invito il post non sarà aperto anche alle opinioni degli altri utenti, i moderatori chiuderanno la discussione.

Il contenuto dei post

Gli utenti sono invitati a non scrivere in maiuscolo dove non necessario, poiché il maiuscolo indica che si sta urlando.
All'interno dei messaggi possono essere inserite le Emoticons. Il loro impiego nei topic è affidato al buon senso degli utenti, è consigliabile tuttavia non eccedere nel loro utilizzo.
Il linguaggio all'interno dei post deve essere cortese e rispettoso delle diverse opinioni degli altri utenti.
Nel caso in cui un post contenga linguaggio non adatto alla sezione in cui è contenuto o abbia un contenuto volutamente provocatorio, (atto a far degenerare la discussione o far arrabbiare un utente) i moderatori provvederanno a modificarlo e avvertire l'utente.
Nel caso in cui l'utente persista nel mantenere un linguaggio offensivo o aggressivo dopo il primo avvertimento, riceverà un ban di almeno 3 giorni. Se questo comportamento continuasse anche allo scadere del ban, i moderatori decideranno se bannare nuovamente l'utente in maniera definitiva.
Chi schernisce pubblicamente gli utenti che chiedono aiuto o mette in dubbio la realtà dell'utente e/o della situazione descritta riceverà un'infrazione e in caso avvenga nuovamente un ban fino a 2 giorni.

Citazioni e aforismi
Se si riportano stralci di libri o articoli, citazioni o aforismi all'interno delle discussioni è sempre bene riportare l'autore.
Non è possibile aprire discussioni contenenti esclusivamente citazioni e aforismi, salvo previa autorizzazione via messaggio privato della moderazione.

Sondaggi

Gli utenti dovrebbero evitare di realizzare discussioni di sondaggio: per realizzare un sondaggio chiedere al moderatore della sezione di aprire un thread apposito. Quando si crea un sondaggio è bene motivare chiaramente i quesiti, in modo che non possano essere scambiate per pure provocazioni o scherzi.

Funzione Quote
Quotare un messaggio significa citarlo riportandone una parte. Quotare implica ripetere cose che probabilmente gli altri utenti hanno già letto, va fatto solo quando strettamente necessario. Non è necessario quotare interamente il post precedente al proprio se si intende commentarne solo una frase: è bene mantenere la frase in questione e cancellare il resto.

Come aprire una nuova sezione (forum o sub forum)
Per aprire una nuova sezione o un nuovo forum si deve proporre l'argomento all'amministratore e impegnarsi per farlo crescere.
Per proporre una sezione o un forum è necessario che ci siano almeno due utenti interessati e disposti ad animare e moderare la sezione.
Vedi: Come diventare moderatore?


I MODERATORI e L'AUTO-MODERAZIONE

La base su cui si fonda questo forum è l'auto-moderazione, ogni utente è quindi tenuto a rispettare e fare rispettare il regolamento del forum.
I moderatori sono solo un aiuto in più in caso di bisogno.

Come ci comporta con le violazione ai principi di questo forum e del regolamento?
1. si abbandona la discussione evitando di intervenire.
2. si segnala l'abuso con l'apposito strumento (triangolo con punto esclamativo)
3. la segnalazione appare nella sezione dedicata (visibile pubblicamente)
4. i moderatori leggono la segnalazione, rispondono spiegando come intendono agire e si comportano di conseguenza
5. una volta che il moderatore ha risposto non è possibile ribattere se non tramite messaggio privato.

Nel caso vi sia un utente particolarmente molesto, è possibile non visualizzare i suoi post inserendolo tra i propri utenti indesiderati.

In caso si voglia chiarire una particolare situazione con un utente o un moderatore si comunica con l’interessato tramite messaggio privato, NON attraverso discussioni pubbliche.

In caso di infrazioni al regolamento da parte dei moderatori, è possibile sollevare il problema con il moderatore stesso via messaggio privato. In caso non si giunga a una conclusione civile e si ritenga necessario segnalare il problema, è possibile contattare l'amministratore. (Evoh)
NON è possibile discutere pubblicamente delle dinamiche di moderazione del forum. Le discussioni pubbliche verranno eliminate.

ATTENZIONE:
1 - Lo strumento segnalazioni serve a porre in evidenza gravi infrazioni al regolamento
2 - Un messaggio OT non è considerabile una grave infrazione
3 - Non è concesso utilizzare le segnalazioni per provocare altri utenti, innescare polemiche o flames e infastidire intenzionalmente la moderazione.
4 - Le risposte non sono sindacabili pubblicamente. Se non si è d'accordo è possibile comunicare via mp con il moderatore che ha risposto alla segnalazione. Segnalazioni di segnalazioni o di ammonimenti non riceveranno risposta e saranno cancellate.

Non è possibile segnalare i MP. In caso di gravi attacchi personali effettuati tramite messaggio privato gli utenti possono scrivere direttamente all'amministratore del forum.

Chiunque utilizzi impropriamente lo strumento di segnalazione (come da punto 3) riceverà un primo avvertimento e, nel caso in cui dovesse continuare, potrà ricevere un ban della durata massima di 3 giorni.

Come diventare moderatore?
Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

Il compito dei moderatori è:
- animare le discussioni
- facilitare lo scambio di opinioni tutelando la pluralità dei punti di vista
- accogliere i nuovi arrivati
- far rispettare il regolamento

I moderatori:
- rispettano il regolamento (che vale per i moderatori esattamente come per gli utenti)
- sono liberi di esprimersi nei forum seguendo le stesse linee guida degli utenti (post cordiali, non aggressivi, no flames, no attacchi personali, non mettono in dubbio identità o realtà di un utente, ecc)
- NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum (solo gli utenti possono segnalare)
- possono moderare solo le sezioni loro assegnate



PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODERATORE

Il caposaldo del regolamento è l'auto-moderazione.
L'intervento dei moderatori deve essere quindi, in ordine di priorità:

- Animare: aprire discussioni, accogliere i nuovi, facilitare lo scambio di opinioni (consentendo a tutti di esprimersi) e aiutare gli utenti a districarsi fra le regole del forum e gli strumenti (fratello maggiore)
- Mantenere la rotta: il moderatore deve far si che le discussioni siano sempre on topic, è lecito chiuderle se si esce fuori tema.
- Moderare: (... e far moderare) i toni
- Mantenere la forma: è importante come si scrive, come si fa un titolo, come si imposta una domanda.

I moderatori di sezione lavorano in squadra e tutte le decisioni devono essere condivise, tutte le discussioni tecniche o inerenti la moderazioni devono avvenire via MP o nella sezione del forum privata e dedicata esclusivamente ai moderatori. Il moderatore non deve mai discuterne pubblicamente.

Il moderatore deve animare e pacificare, quindi non deve essere MAI causare volontariamente problemi e dissidi con gli altri moderatori.
Nel caso in cui un moderatore attacchi pubblicamente un altro moderatore per il suo operato, sarà sospeso per una settimana.
Nel caso in cui un moderatore violi il regolamento e/o agisca contro l'interesse del forum e della moderazione, gli altri moderatori possono segnalarlo nel forum moderatori.
Alla terza segnalazione l'amministrazione risponderà entro 5 giorni alla segnalazione e potrà agire con un richiamo formale, con un ban o con la rimozione dall'incarico.

I moderatori dato l'importante ruolo che ricoprono per la comunità del forum devono essere:
- tolleranti
- disponibili
- leali
- imparziali
- punto di riferimento per gli utenti
- da esempio

Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

I moderatori devono rispettare il regolamento e sono liberi di esprimersi nei forum, ma NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum e devono moderare solo le sezioni loro assegnate.
Solo gli utenti possono segnalare, se un moderatore riscontra violazioni nella sezione di sua competenza non segnala ma agisce.
In caso un moderatore noti situazioni particolari in una sezione di un altro moderatore, deve limitarsi a segnalarla tramite messaggio privato.

Se un moderatore dovesse mancare dal forum per più di un mese senza aver comunicato la sua assenza in precedenza, verrà rimosso dal suo incarico.

Regolamento segnalazioni e ban
La sezione dove saranno postate le segnalazioni sarà leggibile a tutti.
Solo i moderatori potranno scrivere in risposta alla segnalazioni
Alla segnalazione di un utente risponde il moderatore della sezione interessato scrivendo come intende agire e motivando proprie decisioni. (può anche decidere di non fare nulla, ma va scritto!)
Nel caso si decidesse di bannare l'utente, verrà scritto direttamente in risposta alla segnalazione e sarà visibile a tutti.
Non saranno poi concesse repliche in risposta al moderatore. Se ci saranno domande/dubbi/problemi andranno gestiti tramite i mp.

Nel caso che la decisione di bannare l’utente derivi non da una segnalazione ma da un ragionamento fatto con altri moderatori, il moderatore deve notificare il ban con un post nel forum moderatori.
Quando si banna un utente è OBBLIGATORIO segnalare la motivazione.



CANCELLAZIONE
Se si desidera cancellare la propria utenza dal forum, è sufficiente inviare un messaggio privato all'amministratore del forum (attualmente Evoh) E una a mail a [email protected] utilizzando la mail d'iscrizione al forum e indicando il proprio nick e la volontà di essere cancellati.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Produttività in Italia

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Produttività in Italia

    Spesso si sente parlare di produttività in Italia, di come nelle ditte italiane, i fannulloni e gli incapaci rendono il paese poco competitivo.

    Come sempre è una mezza verità, se infatti prendiamo un aborigeno con una pala primitiva, tale uomo sarà molto meno produttivo di un addetto alla conduzione di un escavatore, in un'ora quanta terra si sposta con un escavatore? Quanta se ne sposta a mano???

    Ma il bello viene qui, se anche si regalasse un escavatore all'aborigeno non sarebbe certamente capace di utilizzarlo con la maestria di un addetto nato e formato in una società industriale. La sua bassa produttività non dipende dal fatto che lui è un fannullone, non dipende dal fatto che non ha voglia di lavorare, semplicemente FA PARTE DELLA SUA CULTURA, in Italia noi siamo abituati a considerarci al pari di altri paesi industriali, questo dipende dal fatto che nel dopoguerra, la tecnologia e le competenze richieste per competere a livello internazionale non erano elevate quanto quelle necessarie oggi, quindi un piccolo numero di persone con conoscenze elevate era sufficiente a mantenere il paese competitivo. Oggi non è più così. Inoltre esiste un secondo fatto insito nella nostra cultura, mentre in Germania, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia etc... una persona istruita è valorizzata (maggior stipendio e considerazione da parte della società) in Italia spesso si considerano persone che non capiscono nulla, incapaci di lavorare duramente come gli uomini forgiati dalla tradizione, una persona che dunque potenzialmente potrebbe essere resa più produttiva, non è incoraggiata a incrementare le sue conoscienze sia perché non ottiene prestigio sociale sia perché non ottiene remunerazione. Ci sono quindi solamente gli "amatori di un settore" che si specializzano, ma restano comunque una minoranza spesso costretta a mansioni che in una società più incline alla professionalità sarebbero affidate a dei mediocri (per quanto ben preparati).

    segue
    Non è mai la vita a fare schifo, sono le persone con cui si interagisce nella vita che facilmente possono essere schifose.

  • #2
    Re: Produttività in Italia

    Un caso interessante è l'agricoltura, qualche anno fa avevo visto uno studio che mostrava come in Italia i laureati che si occupano dell'agricoltura siano uno su dieci lavoratori di aziende agricole, contro l'uno su quattro della Germania, Francia etc... Spesso si sentono contadini che affermano che la gente che studia non ha nulla da insegnargli e che si è sempre fatto così (spesso insistendo che l'uso sfrenato di pesticidi e monocolture sia la vera agricoltura redditizia non i metodi paraecologisti moderni che a detta loro non rendono... Ovviamente si tratta di persone ignoranti ed incapaci di vedere gli effetti delle loro azioni sull'lungo termine.).

    Fatte queste premesse, come possiamo pensare che un'Italiano competa con un tedesco? In passato era possibile ma con l'attuale livello di tecnologia e di competenze richieste per competere dovremmo CAMBIARE la nostra cultura, i valori con cui valutiamo le persone, il rispetto che si ha per un modo di lavorare rispetto ad un altro. E tutto questo oltre a non essere istantaneo, potrebbe verificarsi solo in una società desiderosa di questo tipo di cambiamento. Secondo me l'Italia NON lo è!

    A questo punto, perché insistere? Perché forzarci a competere con l'Europa ed i tedesci in particolare? Avrebbe senso se io andassi a competere contro Mike Tyson? È la stessa cosa!
    Non è mai la vita a fare schifo, sono le persone con cui si interagisce nella vita che facilmente possono essere schifose.

    Commenta


    • #3
      Re: Produttività in Italia

      Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
      A questo punto, perché insistere? Perché forzarci a competere con l'Europa ed i tedesci in particolare? Avrebbe senso se io andassi a competere contro Mike Tyson? È la stessa cosa!
      E' quello che penso da anni... dillo a chi ci governa

      Commenta


      • #4
        Re: Produttività in Italia

        Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
        Un caso interessante è l'agricoltura, qualche anno fa avevo visto uno studio che mostrava come in Italia i laureati che si occupano dell'agricoltura siano uno su dieci lavoratori di aziende agricole, contro l'uno su quattro della Germania,
        In Italia sono così pochi i laureati che si occupano di agricoltura, perché ci sarebbe comunque da avere a che fare con la terra e lo studente medio italiano che va all'università non ha nessuna intenzione di toccare la terra.
        E i "vecchi" lavoratori si lamentano dei giovani perché in effetti (sempre quelli italici) escono dall'università e pensano di sapere già tutto, più di gente che ha anni e anni di esperienza alle spalle.

        Secondo me i problemi principali di oggi sono due

        1) i giovani vanno all'università convinti che dopo aver ottenuto la laurea saranno all'istante dei super esperti nel loro campo e guadagneranno palate di soldi già al primo impiego;

        2) se da un lato è l'università stessa (insieme alla società civile) ad inculcare nei giovani questa illusione, dall'altro questi istituti di istruzione non ti preparano per nulla al mondo del lavoro, in quanto non c'è sufficientemente contatto tra quest'ultimo, gli atenei e gli studenti.

        Risultato: tu esci dall'università con la tua bella laurea in mano credendo di essere già il nuovo Hawking, quando la realtà è che per il mondo di fuori sei un signor nessuno con un pezzo di carta.

        Commenta


        • #5
          Re: Produttività in Italia

          Originariamente inviato da stefano28 Visualizza il messaggio
          In Italia sono così pochi i laureati che si occupano di agricoltura, perché ci sarebbe comunque da avere a che fare con la terra e lo studente medio italiano che va all'università non ha nessuna intenzione di toccare la terra.
          E i "vecchi" lavoratori si lamentano dei giovani perché in effetti (sempre quelli italici) escono dall'università e pensano di sapere già tutto, più di gente che ha anni e anni di esperienza alle spalle.

          Secondo me i problemi principali di oggi sono due

          1) i giovani vanno all'università convinti che dopo aver ottenuto la laurea saranno all'istante dei super esperti nel loro campo e guadagneranno palate di soldi già al primo impiego;

          2) se da un lato è l'università stessa (insieme alla società civile) ad inculcare nei giovani questa illusione, dall'altro questi istituti di istruzione non ti preparano per nulla al mondo del lavoro, in quanto non c'è sufficientemente contatto tra quest'ultimo, gli atenei e gli studenti.

          Risultato: tu esci dall'università con la tua bella laurea in mano credendo di essere già il nuovo Hawking, quando la realtà è che per il mondo di fuori sei un signor nessuno con un pezzo di carta.
          Io non sono più un "giovane" ma non ho tanti anni di lavoro alle spalle. All'estero ci sono aziende disposte a darmi 2 volte e mezzo quello che prendo qui! Ora prima di chiedermi perché non lo faccio mettendo il naso negli affari degli altri in modo maleducato pur di avere ragione (e dunque cambiando discorso) con il tuo solito atteggiamento che ti contraddistingue, puoi spiegarmi perché mi pagherebbero di più per lavorare meno???

          Io penso che tu non abbia mai avuto modo di mettere il naso in un'azienda agricola straniera, forse nemmeno in una italiana, io si, hai impostato la tua risposta sul dire l'opposto di quello che ho detto io, almeno sai di cosa stai parlando?
          Non è mai la vita a fare schifo, sono le persone con cui si interagisce nella vita che facilmente possono essere schifose.

          Commenta


          • #6
            Re: Produttività in Italia

            Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
            Io non sono più ...
            luca il post che hai citato non era diretto contro di te,
            era un discorso generico
            La vita è quello che capita.
            Lascia che capiti!

            Commenta


            • #7
              Re: Produttività in Italia

              Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
              Io non sono più un "giovane" ma non ho tanti anni di lavoro alle spalle. All'estero ci sono aziende disposte a darmi 2 volte e mezzo quello che prendo qui!
              E' vero, ma tieni presente che il costo della vita degli altri paesi è decisamente più alto del nostro.
              Un esempio? In Inghilterra prenderesti di più, ma prova a paragonare il loro costo della vita con il nostro.
              Certo in quei paesi gli stipendi sono adeguati al costo della vita, ciò non toglie che in tali posti prenderesti di più, ma spenderesti anche di più.

              Commenta


              • #8
                Re: Produttività in Italia

                Originariamente inviato da stefano28 Visualizza il messaggio
                In Italia sono così pochi i laureati che si occupano di agricoltura, perché ci sarebbe comunque da avere a che fare con la terra e lo studente medio italiano che va all'università non ha nessuna intenzione di toccare la terra.
                E i "vecchi" lavoratori si lamentano dei giovani perché in effetti (sempre quelli italici) escono dall'università e pensano di sapere già tutto, più di gente che ha anni e anni di esperienza alle spalle.

                Secondo me i problemi principali di oggi sono due

                1) i giovani vanno all'università convinti che dopo aver ottenuto la laurea saranno all'istante dei super esperti nel loro campo e guadagneranno palate di soldi già al primo impiego;

                2) se da un lato è l'università stessa (insieme alla società civile) ad inculcare nei giovani questa illusione, dall'altro questi istituti di istruzione non ti preparano per nulla al mondo del lavoro, in quanto non c'è sufficientemente contatto tra quest'ultimo, gli atenei e gli studenti.

                Risultato: tu esci dall'università con la tua bella laurea in mano credendo di essere già il nuovo Hawking, quando la realtà è che per il mondo di fuori sei un signor nessuno con un pezzo di carta.
                Evidentemente non conosci gente laureata in agraria...

                Commenta


                • #9
                  Re: Produttività in Italia

                  Originariamente inviato da stefano28 Visualizza il messaggio
                  E' vero, ma tieni presente che il costo della vita degli altri paesi è decisamente più alto del nostro.
                  Un esempio? In Inghilterra prenderesti di più, ma prova a paragonare il loro costo della vita con il nostro.
                  Certo in quei paesi gli stipendi sono adeguati al costo della vita, ciò non toglie che in tali posti prenderesti di più, ma spenderesti anche di più.
                  Non è proprio vero che il costo della vita sia più alto, prova ad andare in Germania, i prezzi al supermercato sono la metà dei nostri

                  Commenta


                  • #10
                    Re: Produttività in Italia

                    Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                    luca il post che hai citato non era diretto contro di te,
                    era un discorso generico
                    Infatti non ho minimamente supposto che fosse diretto contro di me! Ho usato solamente il mio esempio perché lo conosco... Non per risposta. Ma ci sono esempi ancora più rilevanti e significativi del mio.

                    In ogni caso il discorso è molto semplice. O la politica ricomincia a tutelare i suoi cittadini PRIMA di tutelare altro, oppure non migliorerà mai niente in questo paese morente!

                    Vorrei far notare che se si esclude l'immigrazione, l'Italia è l'unico paese al mondo con una natalità procapite negativa. Potrà anche essere un bene per il globo e i diritti umani di qualche popolo straniero, magari dell'Europa del est, ma sicuramente è il segno di un malessere della popolazione italiana. Vediamo un po' che cosa vorranno fare gli italiani, per il momento sembra che preferiscano l'estinzione al cambiamento!
                    Non è mai la vita a fare schifo, sono le persone con cui si interagisce nella vita che facilmente possono essere schifose.

                    Commenta


                    • #11
                      Re: Produttività in Italia

                      Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
                      Vorrei far notare che se si esclude l'immigrazione, l'Italia è l'unico paese al mondo con una natalità procapite negativa. Potrà anche essere un bene per il globo e i diritti umani di qualche popolo straniero, magari dell'Europa del est, ma sicuramente è il segno di un malessere della popolazione italiana. Vediamo un po' che cosa vorranno fare gli italiani, per il momento sembra che preferiscano l'estinzione al cambiamento!
                      osservazione interessante

                      in sintesi ..... gli italiani non credono nel futuro e così non fanno figli
                      scelgono l'estinzione invece che combattere per cambiare prospettive
                      La vita è quello che capita.
                      Lascia che capiti!

                      Commenta


                      • #12
                        Re: Produttività in Italia

                        Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                        osservazione interessante in sintesi ..... gli italiani non credono nel futuro e così non fanno figli scelgono l'estinzione invece che combattere per cambiare prospettive
                        Gli italiani non fanno figli perché costano.E allo stato attuale delle cose non tutti se lo possono permettere.Si ai tempi dei miei genitori era appena finita la guerra e i figli si facevano uguale.Però il lavoro c'era e i figli per la stragrande maggioranza a 14 anni già lavoravano.Oggi il lavoro ce l'hai e magari domani no.E un figlio non ti diventa indipendente fino a 25-30 anni (se gli va di lusso).

                        Commenta


                        • #13
                          Re: Produttività in Italia

                          Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
                          Spesso si sente parlare di produttività in Italia, di come nelle ditte italiane, i fannulloni e gli incapaci rendono il paese poco competitivo.

                          ...Un caso interessante è l'agricoltura, qualche anno fa avevo visto uno studio che mostrava come in Italia i laureati che si occupano dell'agricoltura siano uno su dieci lavoratori di aziende agricole, contro l'uno su quattro della Germania, Francia etc... Spesso si sentono contadini che affermano che la gente che studia non ha nulla da insegnargli e che si è sempre fatto così (spesso insistendo che l'uso sfrenato di pesticidi e monocolture sia la vera agricoltura redditizia non i metodi paraecologisti moderni che a detta loro non rendono... Ovviamente si tratta di persone ignoranti ed incapaci di vedere gli effetti delle loro azioni sull'lungo termine.).
                          Sono in gran parte d'accordo con le tue riflessioni che per certi versi mi ricordano quelle che ho letto poco tempo fa su un blog del Corriere della Sera:

                          http://italians.corriere.it/2015/01/24/31268/

                          L'esempio dell'agricoltura mi sembra in entrambi i casi particolarmente calzante e metaforico della situazione generale del paese.
                          Se poi si restringe la prospettiva parlando di realtà agricola in senso letterale, secondo la mia esperienza diretta che riguarda le aree agricole del veronese e in particolare quelle viti-vinicole della Valpolicella, la ragione che mi sento di attribuirti cresce a dismisura; penso che Fort Knox sia più aperto della mente della maggioranza degli agricoltori di quelle zone.
                          Il problema è che i terreni sono loro, loro se li gestiscono e probabilmente ci si faranno seppellire.

                          Commenta


                          • #14
                            Re: Produttività in Italia

                            Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
                            Fatte queste premesse, come possiamo pensare che un'Italiano competa con un tedesco? In passato era possibile ma con l'attuale livello di tecnologia e di competenze richieste per competere dovremmo CAMBIARE la nostra cultura, i valori con cui valutiamo le persone, il rispetto che si ha per un modo di lavorare rispetto ad un altro. E tutto questo oltre a non essere istantaneo, potrebbe verificarsi solo in una società desiderosa di questo tipo di cambiamento. Secondo me l'Italia NON lo è!
                            Qui secondo me paghiamo decenni di quasi immobilismo e di tirare a campà. Non troppi decenni fa in non pochi settori anche importanti (informatica, chimica) eravamo all'avanguardia, nonchè prima meta turistica mondiale; solo che non abbiamo calcolato che per restarci bisogna continuare a correre, perchè se ti rilassi sugli allori, ciao.


                            Originariamente inviato da luca468 Visualizza il messaggio
                            A questo punto, perché insistere? Perché forzarci a competere con l'Europa ed i tedesci in particolare? Avrebbe senso se io andassi a competere contro Mike Tyson? È la stessa cosa!
                            Credo che la scelta sia tra il provare a competere con Klitschko (per essere più attuali ) o con una ventina di lottatori, più piccoli e deboli, ma che combattono tutti insieme e slealmente (i paesi in via di sviluppo con costi di manodopera bassissimi).
                            Temo che la scelta sia obbligata.

                            Commenta


                            • #15
                              Re: Produttività in Italia

                              Originariamente inviato da stefano28 Visualizza il messaggio
                              1) i giovani vanno all'università convinti che dopo aver ottenuto la laurea saranno all'istante dei super esperti nel loro campo e guadagneranno palate di soldi già al primo impiego;
                              Mah, forse una volta, quando l'unico posto di lavoro conosciuto era quello fisso e prima dello sconquasso fatto dalle leggi Treu-Biagi sul mercato del lavoro; attualmente solo un babbeo può davvero iscriversi all'università con una certezza simile, si sente ovunque che la laurea non è affatto così conveniente (dal punto di vista retributivo).

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X
                              gtag('config', 'UA-35946721-1');