annuncio

Comprimi

Regolamento

I PRINCIPI

Il forum di Sanihelp.it è un punto di incontro e confronto, un forum libero, privo di ogni censura preventiva. Questo forum è una comunità di aiuto e supporto reciproco in cui ognuno contribuisce cercando di essere d'aiuto e portando il proprio punto di vista riguardo i diversi temi trattati.

Nel forum ciascuno è libero di esprimere la sua opinione, mantenendo però un atteggiamento di educato rispetto nei confronti delle idee diverse. Il forum è uno spazio civile e gradevole: gli utenti non devono essere intolleranti e aggressivi, ma propositivi e disponibili, moderando il proprio linguaggio e consentendo così di ridurre al minimo l'attività di moderazione.

Lo staff di Sanihelp.it si riserva il diritto di eliminare l'iscrizione al forum, di cancellare discussioni e messaggi senza alcun preavviso.


GLI UTENTI
Gli utenti sono suddivisi in quattro categorie.

- Amministratore:
gestisce il forum in tutte le sue parti, appartiene allo staff di sanihelp.it
- Moderatore:
è un utente che ha il compito di agevolare la vita all'interno del forum, è un punto di riferimento e un valido aiuto per tutti gli utenti.
- Sani All:
gli utenti del forum.
- Utenti Bannati:
un utente bannato può accedere al forum ma non parteciparvi. Si è bannati se non si rispetta il regolamento, il ban può essere imposto per un periodo di tempo limitato o per sempre. Nei casi più gravi può essere bannato anche l'indirizzo IP.

Utenti e reputazione
Ogni 365 giorni di permanenza sul forum si guadagnano 10 punti.
Ogni 10.000 messaggi e 1.000 punti reputazione si guadagna un punto di potenza nell'assegnazione della reputazione ad altri utenti.
Un utente per poter assegnare reputazione deve avere almeno 15 punti e aver scritto 30 messaggi.
In 24 ore si possono assegnare solo 20 punti.
Prima di poter assegnare la reputazione allo stesso utente è necessario assegnarla a 15 utenti differenti.
Reputazione e i commenti non sono anonimi

NICKNAME e FIRMA
Dato l'alto numero di utenti iscritti al forum, tutti i nomi più comuni sono già presenti.
Consigliamo di scegliere un nome particolare che contenga dei numeri e che non contenga trattini, simboli o caratteri speciali.
Per tutelare la privacy personale suggeriamo inoltre di non utilizzare nome e cognome completi all'interno del nickname.

Il nickname e la firma non devono contenere testi offensivi o provocatori, non è inoltre possibile utilizzare come nickname un nome attribuibile a una professione medica se non si è un professionista collaboratore della redazione di Sanihelp.it (es: psicologo, dottore, urologo).
Se si desidera cambiare il nickname è possibile farlo inviando un messaggio privato all'amministrazione (Evoh).

La frase è modificabile autonomamente dal pannello di controllo personale.
Nel caso in cui venga inserito un contenuto non idoneo i moderatori provvederanno ad avvisare l'utente con un messaggio personale.
Se dopo la richiesta di modifica la frase resta invariata, i moderatori sono autorizzati a cancellarla.
Se si dovessero inserire nuovamente contenuti offensivi nella frase, verrà assegnato un ban di almeno 3 giorni.


LEGGI DELLO STATO E INTERNET

Per non incorrere in spiacevoli conseguenze, ricordiamo agli utenti che su questo forum vigono tutte le leggi dello Stato italiano.
Ogni utente è responsabile dei contenuti che pubblica e tutti, utenti, moderatori e amministratori, possono rivolgersi alla Polizia per far rispettare la legge o per tutelarsi.
Tafferugli verbali, consigli e provocazioni non sono considerati reati, i reati sono cose ben più gravi che la coscienza di ciascuno riesce facilmente a identificare.
Vi ricordiamo inoltre che, come cita la locuzione latina: Verba volant, scripta manent.


REGOLE GENERALI

1. Non è permesso pubblicare:
- indirizzi email
- numeri telefonici
- il contenuto di email private e messaggi privati (MP) anche se si è in possesso dell'autorizzazione del mittente
- pubblicare messaggi pubblicitari o link

2. I moderatori hanno il compito di animare e moderare le discussioni e di controllare che nessuno violi il regolamento del forum.
I moderatori potranno ammonire, avvertire, bannare gli utenti che non rispetteranno il regolamento ed editare, spostare, chiudere e cancellare una discussione o un post.

3. Chiunque abbia un comportamento in contrasto con il regolamento del forum potrà veder cancellati i propri interventi ed essere bannato da esso, fino all'esclusione permanente nei casi più gravi. L'esclusione permanente è da intendersi estesa anche a eventuali alias.

4. Gli argomenti dei post inseriti in una discussione devono essere inerenti al tema deciso dall'autore delle discussione. I moderatori possono cancellare o spostare in un altro forum gli interventi che saranno giudicati fuori tema (OT).

5. Un utente che si ritenga ingiustamente sanzionato ha facoltà di chiedere chiarimenti via messaggio privato o email. Nel caso questo non avvenga e vengano creati post e discussioni polemiche, saranno cancellate.

6. Il moderatore NON cancella o corregge discussioni o post su richiesta.

7. Saranno bannati gli utenti promotori di pedofilia e violenza e chiunque faccia apologia di reato. Varrà bannato inoltre chi diffonde dati e informazioni strettamente personali di un'altro utente senza il suo consenso.

8. Sono da escludere gli avatar che rientrino nelle limitazioni del regolamento e con esplicite immagini pornografiche o di anatomia intima.

9. L'autore del post è pienamente responsabile per i contenuti riportati: diffamazioni o violazioni di copyright.

10. Non è possibile per gli utenti effettuare pubblicità all’interno del forum. I post contenenti messaggi pubblicitari verranno cancellati e segnalati come Spam.

11. L'autore di ogni post ha la possibilità di editarlo entro 10 minuti dall'invio. Verificate attentamente i vostri messaggi; passato il termine non sono più modificabili, questo al fine di garantire una coerenza con lo sviluppo degli argomenti.

12. Prima di aprire una discussione in un forum è bene assicurarsi che l'argomento non sia trattato in altre discussioni attualmente attive. Nel caso siano aperte discussioni doppie i moderatori possono decidere di chiuderle e indirizzare gli utenti a quelle già esistenti.

13. Il forum non è una chat, quindi gli utenti non devono intraprendere lunghi botta e risposta con un altro utente, soprattutto se si tratta di questioni personali. Per le conversazioni private devono essere usati i mp o, nel caso di chiacchiere di gruppo, l’apposita sezione “4 chiacchiere”.


COME SCRIVERE SUL FORUM

Il titolo
Il titolo della discussione contiene il tema del messaggio. Deve essere sintetico ma non generico e soprattutto deve essere scritto in italiano corretto, senza abbreviazioni, lettere ripetute o maiuscole dove non necessarie.
Sono da evitare titoli come “Richiesta d’aiuto” o “Problema”.

esempio Titolo:
Cerco ortopedico - piede rotto (giusto)
AAAAAAAAAAAAIIIIIIII IIIUUUUUUUUUUUTTo! (sbagliato)

L'autore del primo post della discussione da l'indirizzo tematico della discussione.
Più il titolo sarà pertinente più la discussione sarà letta da tutti gli utenti del forum.
I moderatori potranno a loro discrezione modificare i titoli ritenuti non idonei.

Il contenuto delle discussioni
Aprire una nuova discussione significa voler condividere con gli altri utenti un problema di salute, chiedere un consiglio o confrontarsi su di un'idea o un'argomento.
Se un utente apre un thread solo per propagandare un'idea, sarà invitato al confronto. Se dopo un primo invito il post non sarà aperto anche alle opinioni degli altri utenti, i moderatori chiuderanno la discussione.

Il contenuto dei post

Gli utenti sono invitati a non scrivere in maiuscolo dove non necessario, poiché il maiuscolo indica che si sta urlando.
All'interno dei messaggi possono essere inserite le Emoticons. Il loro impiego nei topic è affidato al buon senso degli utenti, è consigliabile tuttavia non eccedere nel loro utilizzo.
Il linguaggio all'interno dei post deve essere cortese e rispettoso delle diverse opinioni degli altri utenti.
Nel caso in cui un post contenga linguaggio non adatto alla sezione in cui è contenuto o abbia un contenuto volutamente provocatorio, (atto a far degenerare la discussione o far arrabbiare un utente) i moderatori provvederanno a modificarlo e avvertire l'utente.
Nel caso in cui l'utente persista nel mantenere un linguaggio offensivo o aggressivo dopo il primo avvertimento, riceverà un ban di almeno 3 giorni. Se questo comportamento continuasse anche allo scadere del ban, i moderatori decideranno se bannare nuovamente l'utente in maniera definitiva.
Chi schernisce pubblicamente gli utenti che chiedono aiuto o mette in dubbio la realtà dell'utente e/o della situazione descritta riceverà un'infrazione e in caso avvenga nuovamente un ban fino a 2 giorni.

Citazioni e aforismi
Se si riportano stralci di libri o articoli, citazioni o aforismi all'interno delle discussioni è sempre bene riportare l'autore.
Non è possibile aprire discussioni contenenti esclusivamente citazioni e aforismi, salvo previa autorizzazione via messaggio privato della moderazione.

Sondaggi

Gli utenti dovrebbero evitare di realizzare discussioni di sondaggio: per realizzare un sondaggio chiedere al moderatore della sezione di aprire un thread apposito. Quando si crea un sondaggio è bene motivare chiaramente i quesiti, in modo che non possano essere scambiate per pure provocazioni o scherzi.

Funzione Quote
Quotare un messaggio significa citarlo riportandone una parte. Quotare implica ripetere cose che probabilmente gli altri utenti hanno già letto, va fatto solo quando strettamente necessario. Non è necessario quotare interamente il post precedente al proprio se si intende commentarne solo una frase: è bene mantenere la frase in questione e cancellare il resto.

Come aprire una nuova sezione (forum o sub forum)
Per aprire una nuova sezione o un nuovo forum si deve proporre l'argomento all'amministratore e impegnarsi per farlo crescere.
Per proporre una sezione o un forum è necessario che ci siano almeno due utenti interessati e disposti ad animare e moderare la sezione.
Vedi: Come diventare moderatore?


I MODERATORI e L'AUTO-MODERAZIONE

La base su cui si fonda questo forum è l'auto-moderazione, ogni utente è quindi tenuto a rispettare e fare rispettare il regolamento del forum.
I moderatori sono solo un aiuto in più in caso di bisogno.

Come ci comporta con le violazione ai principi di questo forum e del regolamento?
1. si abbandona la discussione evitando di intervenire.
2. si segnala l'abuso con l'apposito strumento (triangolo con punto esclamativo)
3. la segnalazione appare nella sezione dedicata (visibile pubblicamente)
4. i moderatori leggono la segnalazione, rispondono spiegando come intendono agire e si comportano di conseguenza
5. una volta che il moderatore ha risposto non è possibile ribattere se non tramite messaggio privato.

Nel caso vi sia un utente particolarmente molesto, è possibile non visualizzare i suoi post inserendolo tra i propri utenti indesiderati.

In caso si voglia chiarire una particolare situazione con un utente o un moderatore si comunica con l’interessato tramite messaggio privato, NON attraverso discussioni pubbliche.

In caso di infrazioni al regolamento da parte dei moderatori, è possibile sollevare il problema con il moderatore stesso via messaggio privato. In caso non si giunga a una conclusione civile e si ritenga necessario segnalare il problema, è possibile contattare l'amministratore. (Evoh)
NON è possibile discutere pubblicamente delle dinamiche di moderazione del forum. Le discussioni pubbliche verranno eliminate.

ATTENZIONE:
1 - Lo strumento segnalazioni serve a porre in evidenza gravi infrazioni al regolamento
2 - Un messaggio OT non è considerabile una grave infrazione
3 - Non è concesso utilizzare le segnalazioni per provocare altri utenti, innescare polemiche o flames e infastidire intenzionalmente la moderazione.
4 - Le risposte non sono sindacabili pubblicamente. Se non si è d'accordo è possibile comunicare via mp con il moderatore che ha risposto alla segnalazione. Segnalazioni di segnalazioni o di ammonimenti non riceveranno risposta e saranno cancellate.

Non è possibile segnalare i MP. In caso di gravi attacchi personali effettuati tramite messaggio privato gli utenti possono scrivere direttamente all'amministratore del forum.

Chiunque utilizzi impropriamente lo strumento di segnalazione (come da punto 3) riceverà un primo avvertimento e, nel caso in cui dovesse continuare, potrà ricevere un ban della durata massima di 3 giorni.

Come diventare moderatore?
Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

Il compito dei moderatori è:
- animare le discussioni
- facilitare lo scambio di opinioni tutelando la pluralità dei punti di vista
- accogliere i nuovi arrivati
- far rispettare il regolamento

I moderatori:
- rispettano il regolamento (che vale per i moderatori esattamente come per gli utenti)
- sono liberi di esprimersi nei forum seguendo le stesse linee guida degli utenti (post cordiali, non aggressivi, no flames, no attacchi personali, non mettono in dubbio identità o realtà di un utente, ecc)
- NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum (solo gli utenti possono segnalare)
- possono moderare solo le sezioni loro assegnate



PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODERATORE

Il caposaldo del regolamento è l'auto-moderazione.
L'intervento dei moderatori deve essere quindi, in ordine di priorità:

- Animare: aprire discussioni, accogliere i nuovi, facilitare lo scambio di opinioni (consentendo a tutti di esprimersi) e aiutare gli utenti a districarsi fra le regole del forum e gli strumenti (fratello maggiore)
- Mantenere la rotta: il moderatore deve far si che le discussioni siano sempre on topic, è lecito chiuderle se si esce fuori tema.
- Moderare: (... e far moderare) i toni
- Mantenere la forma: è importante come si scrive, come si fa un titolo, come si imposta una domanda.

I moderatori di sezione lavorano in squadra e tutte le decisioni devono essere condivise, tutte le discussioni tecniche o inerenti la moderazioni devono avvenire via MP o nella sezione del forum privata e dedicata esclusivamente ai moderatori. Il moderatore non deve mai discuterne pubblicamente.

Il moderatore deve animare e pacificare, quindi non deve essere MAI causare volontariamente problemi e dissidi con gli altri moderatori.
Nel caso in cui un moderatore attacchi pubblicamente un altro moderatore per il suo operato, sarà sospeso per una settimana.
Nel caso in cui un moderatore violi il regolamento e/o agisca contro l'interesse del forum e della moderazione, gli altri moderatori possono segnalarlo nel forum moderatori.
Alla terza segnalazione l'amministrazione risponderà entro 5 giorni alla segnalazione e potrà agire con un richiamo formale, con un ban o con la rimozione dall'incarico.

I moderatori dato l'importante ruolo che ricoprono per la comunità del forum devono essere:
- tolleranti
- disponibili
- leali
- imparziali
- punto di riferimento per gli utenti
- da esempio

Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

I moderatori devono rispettare il regolamento e sono liberi di esprimersi nei forum, ma NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum e devono moderare solo le sezioni loro assegnate.
Solo gli utenti possono segnalare, se un moderatore riscontra violazioni nella sezione di sua competenza non segnala ma agisce.
In caso un moderatore noti situazioni particolari in una sezione di un altro moderatore, deve limitarsi a segnalarla tramite messaggio privato.

Se un moderatore dovesse mancare dal forum per più di un mese senza aver comunicato la sua assenza in precedenza, verrà rimosso dal suo incarico.

Regolamento segnalazioni e ban
La sezione dove saranno postate le segnalazioni sarà leggibile a tutti.
Solo i moderatori potranno scrivere in risposta alla segnalazioni
Alla segnalazione di un utente risponde il moderatore della sezione interessato scrivendo come intende agire e motivando proprie decisioni. (può anche decidere di non fare nulla, ma va scritto!)
Nel caso si decidesse di bannare l'utente, verrà scritto direttamente in risposta alla segnalazione e sarà visibile a tutti.
Non saranno poi concesse repliche in risposta al moderatore. Se ci saranno domande/dubbi/problemi andranno gestiti tramite i mp.

Nel caso che la decisione di bannare l’utente derivi non da una segnalazione ma da un ragionamento fatto con altri moderatori, il moderatore deve notificare il ban con un post nel forum moderatori.
Quando si banna un utente è OBBLIGATORIO segnalare la motivazione.



CANCELLAZIONE
Se si desidera cancellare la propria utenza dal forum, è sufficiente inviare un messaggio privato all'amministratore del forum (attualmente Evoh) E una a mail a [email protected] utilizzando la mail d'iscrizione al forum e indicando il proprio nick e la volontà di essere cancellati.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Referendum veneto

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Referendum veneto

    Sembra che già più di un milione di veneti abbia già votato per il referendum sul distacco della regione dall'Italia.
    Le votazioni si chiuderanno domani sera e a breve si saprà quanti hanno detto sì e quanti no.
    Di questo referendum sembra che si sia molto parlato all'estero, soprattutto dove esistono tensioni fra i governi centrali e quelli regionali (Londra per Scozia e Galles, Parigi per Corsica, Bretagna e paesi baschi, Madrid per Catalogna ed Asturie, ecc. ecc.) mentre in Italia la cosa è coperta da un silenzio di tomba televisivo e tenuta in vita solo da pochi quotidiani.
    Fossi veneto voterei per il sì; la Serenissima che si estendeva fino all'Adda, comprendendo anche Bergamo e Brescia, è stato uno degli stati più longevi d'Europa, era amministrata col massimo scrupolo e la massima efficienza da un'oligarchia incorruttibile. Non era democratica ma lo era sempre di più di tutti gli stati a lei contemporanei.
    Viva San Marco !

  • #2
    Re: Referendum veneto

    Ma è un referendum simbolico: non ha valore legale.
    La persona che gode di una buona salute mentale riesce sempre a trovare delle risposte positive

    Commenta


    • #3
      Re: Referendum veneto

      ma simbolicamente loro vorrebbero fare uno stato a se???
      Armageddon was yesterday Today we have a serious problem-21 vittoria..grande baldoria..
      No, non sono per la pace nel mondo....ma per la buona convivenza tra i popoli.... ;)

      Commenta


      • #4
        Re: Referendum veneto

        Intanto vogliono avvisare (se i sì saranno molti) la Repubblica Italiana che i Veneti sono stufi di essere munti a pro di altre regioni, vicine (Trentino e Friuli) e lontane.
        Sempre nel caso di forte vittoria dei sì l'intenzione è proprio quella di rivolgersi all'UE ed all'ONU rivendicando l'autodeterminazione dei popoli per ottenere se non l'indipendenza quanto meno una assai maggior autonomia nell'ambito dello Stato italiano.
        Forse sognano ma, come dice la dichiarazione d'indipendenza degli USA "quando, nel corso degli umani eventi........ecc."

        Commenta


        • #5
          Re: Referendum veneto

          Da veneto (anche se attualmente espatriato), la vedo come iniziativa positiva, anche per altre parti d'Italia; ma solo se vissuta come provocazione, come protesta o iniziativa eclatante per scuotere dal torpore chi dovrebbe occuparsi delle cause dei malesseri del paese (di tutto il paese) e i cittadini stessi.

          Pensando invece a tutti quelli che, dopo la vicenda-Crimea, hanno votato pensando seriamente a boiate tipo indipendenza o autodeterminazione (non pochi scommetto), magari ritirando fuori dal baule per l'ennesima volta le solite solfe sulla serenissima, non so davvero se mettermi a ridere o a piangere.

          Commenta


          • #6
            Re: Referendum veneto

            non sarebbe più semplice ormai abolire quelle che sono ad es le regioni a statuto speciale ed equiparare tutti?

            ho capito il senso.... ma non riesco a capire: autonomia all'interno dello stato italiano....allora tutti lo voterebbero! e le leggi chi le farebbe?
            Armageddon was yesterday Today we have a serious problem-21 vittoria..grande baldoria..
            No, non sono per la pace nel mondo....ma per la buona convivenza tra i popoli.... ;)

            Commenta


            • #7
              Re: Referendum veneto

              Originariamente inviato da kennet Visualizza il messaggio

              Pensando invece a tutti quelli che, dopo la vicenda-Crimea, hanno votato pensando seriamente a boiate tipo indipendenza o autodeterminazione (non pochi scommetto), magari ritirando fuori dal baule per l'ennesima volta le solite solfe sulla serenissima, non so davvero se mettermi a ridere o a piangere.
              hai completamente ragione. la storia della Crimea per me ha del ridicolo. a questo opunto perchè lAmerica e la UE non dovrebbero accettare il referendum ?
              io la penserei diversamente.

              la storia è diversa in questo caso. loro decidono di andarsene con un altro governo, non essere autonomi.
              Armageddon was yesterday Today we have a serious problem-21 vittoria..grande baldoria..
              No, non sono per la pace nel mondo....ma per la buona convivenza tra i popoli.... ;)

              Commenta


              • #8
                Re: Referendum veneto

                Lo stato unitario, nato nel 1861, non è mai riuscito a funzionare, rapinando il sud nei primi anni (la lotta al "brigantaggio" fece molti più morti delle guerre d'indipendenza) incamerando fiumi di denaro del sud ed impoverendolo al tal punto da obbligare più di un quarto degli abitanti a cercare fortuna all'estero.
                Nel 1866 continuò il suo cammino distruttivo assorbendo il veneto che impoverì causando anche qui un'emigrazione selvaggia.
                Non contento dei disastri fino a quel punto provocati si gettò nelle conquiste coloniali di paesi miserabili come Eritrea e Somalia, trascurate da Gran Bretagna, Francia e Germania per la loro totale inutilità sul piano economico e che finirono con plateali sconfitte, unico paese occidentale battuto militarmente da truppe indigene.
                Nel 1911 attacca vigliaccamente l'impero ottomano in piena crisi economica dopo le guerre balcaniche e si installa precariamente in Tripolitania e Cirenaica (farsescamente unificate una decina d'anni dopo sotto il nome di Libia) impancandosi in una guerriglia senza esclusione di colpi (da entrambe le parti) che dissangua le nostre truppe e suscita un odio feroce negli indigeni.
                Nel 1915 lascia la triplice alleanza (Germania, Austria ed Italia) e si allea con l'Intesa (Regno Unito, Francia e Russi) già in guerra contro i nostri ex alleati nonostante che l'Impero austro-ungarico ci avesse offerto per la nostra neutralità tutto quanto di italiano fosse ancora sotto la corona asburgica.

                Commenta


                • #9
                  Re: Referendum veneto

                  Seguono ancora il Fascismo, la conquista dell'Etiopia (altro pezzo di terra inutile a sè ed al mondo intero), la partecipazione alla guerra di Spagna ed alla seconda guerra mondiale, corredata dalla mattanza civile della "resistenza".
                  Nel primo dopoguerra, fortunatamente, il governo centrale è al collasso ed il popolo italiano, non vincolato da burocrazia e con una magistratura non ancora politicizzata, riesce a tirarsi su fino al miracolo economico che trasforma un paese agricolo e depresso in una potenza industriale, grazie anche a tasse basse, elusione ed evasione che lasciano nelle tasche dei cittadini e delle imprese fondi da usare per consumi ed investimenti anziché nutrire una sempre crescente marea di burocrati.
                  L'illusione che uno "stato" possa essere più giusto della collettività e possa meglio gestire l'economia crea una iperproduzione di leggi, norme e regolamenti, contraddittori e fondamentalmente inutili quando non dannosi, che dalla fine degli anni '60 hanno via via avviluppato cittadini ed imprese fino a soffocarli.
                  Strano, quindi, che ora si voglia disfare un stato malfatto che premia l'inefficienza e condanna l'efficienza ?
                  Strano che una regione svenata dalle tasse non voglia più sobbarcasi le spese di una regione che mantiene più guardie forestali dell'intero Canadà ?
                  Strano che trovi antipatico una Stato che qui ti tassa lo scontrino del caffè e lì non vede che il 60% delle famiglie non paga, giustamente peraltro, il canone TV ?
                  Beh, io non lo trovo per niente strano.

                  Commenta


                  • #10
                    Re: Referendum veneto

                    Oltre due milioni di votanti, più di metà dei Veneti con diritto di voto.
                    Oltre l'80% ha detto sì alla separazione.
                    Il referendum non ha nessun valore legale ma lancia un chiaro messaggio a Roma:
                    Molèmola con sta Italia de mona !
                    Avrà il governo l'intelligenza di capirlo ?
                    Avranno le altre regioni il coraggio di lanciare analoghi referendum ?

                    Commenta


                    • #11
                      Re: Referendum veneto

                      ma secondo voi esiste una regione d'italia che potendo scegliere in un referendum simile non voterebbe per andarsene?

                      mi chiedo chi ha finanziato un referendum che non ha valore legale, ma è praticamente paragonabile ad un sondaggio?

                      Commenta


                      • #12
                        Re: Referendum veneto

                        Originariamente inviato da mammataus Visualizza il messaggio
                        ma secondo voi esiste una regione d'italia che potendo scegliere in un referendum simile non voterebbe per andarsene?
                        Tutte le regioni che ricevono dallo Stato più di quanto versino: Valle d'Aosta, Trentino/Sud Tirolo, Friuli/Venezia Giulia, Sicilia, Sardegna, Calabria, Puglie, Basilicata ecc.

                        mi chiedo chi ha finanziato un referendum che non ha valore legale, ma è praticamente paragonabile ad un sondaggio?
                        Secondo gli organizzatori (cfr www.plebiscito.ue) è stato finanziato con contributi volontari e di volontari è stato tutto il lavoro organizzativo, sempre sotto la vigilanza di commissioni ad hoc.
                        Vero o no, sta di fatto che pur boicottato dalla televisione (e questo mi ricorda la nascita della Lega) e dalla maggioranza degli altri organi d'informazione la partecipazione al referendum è stata superiore ad ogni previsione.
                        Viva San Marco !

                        Commenta


                        • #13
                          Re: Referendum veneto

                          Originariamente inviato da mammataus Visualizza il messaggio
                          ma secondo voi esiste una regione d'italia che potendo scegliere in un referendum simile non voterebbe per andarsene?
                          Credo che un conto sia una provocazione/protesta mascherata da referendum secessionista (tipo quest'ultimo o la richiesta di annessione alla Libia che fecero le isole Tremiti negli anni 90), un altro delle reali intenzioni secessioniste.
                          Questo "referendum", secondo me, nella maggioranza delle intenzioni dei votanti rientra nella prima casistica.
                          Alla prova dei fatti, di un vero referendum, ho fortissimi dubbi che la maggioranza dei veneti sceglierebbero realmente la secessione.

                          Originariamente inviato da mammataus Visualizza il messaggio
                          mi chiedo chi ha finanziato un referendum che non ha valore legale, ma è praticamente paragonabile ad un sondaggio?
                          Non lo vedo molto credibile come sondaggio, nel mio piccolo ho rilevato che fra i miei conoscenti, amici ecc, quelli che hanno espresso opinione saranno si e no uno su dieci; senza contare che su internet a quanto pare era possibile teoricamente votare per più persone, bastava scrivere nome e residenza, senza nessuna funzione di riconoscimento ufficiale.

                          Ma al di la della conta reale, credo che sia utile e legittimo riconoscere la funzione di protesta che ha avuto questo evento, senza dubbio ci sono cose (e parecchie) da sistemare, e non solo per il Veneto; una bella strombazzata non può far che bene al guidatore assonnato (leggi: classe dirigente).

                          Poi vabbè, ci sono anche quelli davvero convinti, che inneggiano alla serenissima, che dire: portiamo pazienza và, sono gli stessi che ritirerebbero fuori il tricolore urlando a squarciagola l'inno di Mameli qualora l'Italia dovesse fare bella figura ai prossimi mondiali.

                          Commenta


                          • #14
                            Re: Referendum veneto

                            Voti validi 2.360.235, pari al 63,23 % del corpo elettorale.
                            SI' 2.102.969 pari all'89.10 % dei voti validi ed al 56,33 % del corpo elettorale.
                            Nessun organo ufficiale ha finora contestato la regolarità delle votazioni.
                            L'art.5 della costituzione impedisce lo svolgimento di un referendum ufficiale, dichiarando la repubblica UNA E INDIVISIBILE.
                            Il successo di questo dovrebbe dare la sveglia ai politici.
                            Viva San Marco !

                            Commenta


                            • #15
                              Re: Referendum veneto

                              Originariamente inviato da collenuccio Visualizza il messaggio
                              Voti validi 2.360.235, pari al 63,23 % del corpo elettorale.
                              SI' 2.102.969 pari all'89.10 % dei voti validi ed al 56,33 % del corpo elettorale.
                              Nessun organo ufficiale ha finora contestato la regolarità delle votazioni.
                              L'art.5 della costituzione impedisce lo svolgimento di un referendum ufficiale, dichiarando la repubblica UNA E INDIVISIBILE.
                              Il successo di questo dovrebbe dare la sveglia ai politici.
                              Viva San Marco !
                              ritengo questa manifestazione inutile e dolorosa
                              inutile, perchè come tu stesso affermi la secessione non è assolutamente fattibile, quindi perchè qualcuno dovrebbe allarmarsi, perchè qualcuno dovrebbe prendersi il disturbo di iniziare a lavorare veramente per il bene di tutti e smettere di lavorare per il proprio interesse
                              dolorosa, perchè è come mettere una squisita torta davanti ad una persona a dieta, far sognare alle persone la squisita idea di mandare questo governo (dx e sx) al diavolo, vedere che la maggioranza vorrebbe qualcosa con la triste consapevolezza che non potranno mai averla

                              ma perchè le regione da te citate riescono a ottenere più di quanto danno?

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X