annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

11 settembre

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • 11 settembre

    Un ricordo per le vittime, ma... alla luce di quanto sta succedendo con la Siria e prima con Iraq e Libia, non è che Al Qaeda è stata semplicemete ingaggiata per creare un pretesto? Riguardo l'Afghanistan, invece, non saprei.

  • #2
    Re: 11 settembre

    Affascinanti sempre le strambe teorie complottiste, no?
    Quando un uomo varca la porta di una casa, si può trovare di fronte a un milione di nemici.

    Commenta


    • #3
      Re: 11 settembre

      e così anche il buon seba divenne complottaro...
      In amore, chi cerca non trova. Capita l'incontro fortunato, non si può cercarlo. (Mathman)

      Commenta


      • #4
        Re: 11 settembre

        Originariamente inviato da amarok81 Visualizza il messaggio
        e così anche il buon seba divenne complottaro...
        No, semplicemente ragiono alla luce degli ultimi eventi. Può anche essere, comunque, che Al Qaeda da nemica che era nel 2001 ora sia diventata amica, anche perché sarebbe orribile se le due torri fossero state fatte cadere apposta.

        Commenta


        • #5
          Re: 11 settembre

          Originariamente inviato da Seba82 Visualizza il messaggio
          No, semplicemente ragiono alla luce degli ultimi eventi. Può anche essere, comunque, che Al Qaeda da nemica che era nel 2001 ora sia diventata amica, anche perché sarebbe orribile se le due torri fossero state fatte cadere apposta.
          ah si ok per il fatto che gli usa e altri vorrebbero forse (e solo in presenza di prove certe di uso di armi chimiche assolutamente vietate da un accordo internazionale) fare un attacco limitato e mirato in siria per dissuadere il regime dall'utilizzo di tali armi, allora sono segretamente alleati di alquaeda e degli altri gruppi terroristici (a quale fine poi boh).
          bellissimo
          uhm hai iniziato a informarti sui siti di controinformazione?
          In amore, chi cerca non trova. Capita l'incontro fortunato, non si può cercarlo. (Mathman)

          Commenta


          • #6
            Re: 11 settembre

            Originariamente inviato da amarok81 Visualizza il messaggio
            ah si ok per il fatto che gli usa e altri vorrebbero forse (e solo in presenza di prove certe di uso di armi chimiche assolutamente vietate da un accordo internazionale) fare un attacco limitato e mirato in siria per dissuadere il regime dall'utilizzo di tali armi, allora sono segretamente alleate di alquaeda e degli altri gruppi terroristici (a quale fine poi boh).
            bellissimo
            uhm hai iniziato a informarti sui siti di controinformazione?
            Guarda, è chiaro che è tutta una cosa USA vs Cina e Russia, per gli USA e i loro affari meglio terroristi sunniti che uomini forti laici (in molti casi dittatori, ma credo che in certi paesi non ci siano molte alternative), per Cina e Russia meglio i dittatori. Al Qaeda fa parte dei terroristi "buoni" per gli USA, tant'è che ha preso il controllo dei ribelli in Siria.

            Commenta


            • #7
              Re: 11 settembre

              Preciso una cosa: se (e solo se) fosse sicuro che Assad ha usato il gas, allora l'attacco sarebbe giusto. Però, significherebbe che Assad è uno stupido, dato che stava vincendo contro i ribelli, quindi una mossa come quella è inutile.

              Commenta


              • #8
                Re: 11 settembre

                Per non dimenticare l'attentato che i Rotschild e i Rockfeller fecero non alla nazione degli yankees ma al mondo intero, rendendolo un luogo più miserabile di quello che già era... e me li ricordo molto bene gli anni '90, erano mooooooolto più felici (non a caso) e spensierati (non a caso) dei tempi odierni... chissà perchè?

                Commenta


                • #9
                  Re: 11 settembre

                  L'11 settembre 2011 diciannove membri di Al Qaeda riuscivano a realizzare il più grande attacco terroristico nei confronti di una nazione occidentale. Una serie di attentati pianificati nei minimi particolari e portati a compimento grazie al dirottamento di 4 aerei civili su edifici dall'enorme valore simbolico, il Pentagono e le Torri Gemelle, icona della skyline di New York (il quarto aereo cadde in un campo vicino Shanksville, nella Contea di Somerset in Pennsylvania, probabilmente “grazie” all'ammutinamento dei passeggeri).

                  Il bilancio complessivo si attesta sulle tremila vittime, gran parte delle quali conseguenza dello schianto di due aerei sulle celeberrime Twin Towers, danni per miliardi di dollari e un cambiamento praticamente irreversibile della geopolitica e dell'equilibrio internazionale.

                  Commenta


                  • #10
                    Re: 11 settembre

                    In via generale, secondo la versione ufficiale, i fatti relativi all’ 11 settembre possono essere riassunti in questo modo: terroristi arabi, animati da un forte sentimento di odio nei confronti della civiltà occidentale, dirottarono quattro aerei di linea (due Boeing-757 e due Boeing-767 della American e della United Airlines), facendone schiantare due contro le Torri Gemelle del World Trade Center di New York ed un terzo contro il Pentagono. Le Torri Gemelle sarebbero poi crollate in seguito ad un cedimento strutturale dovuto ai danni causati dall’ incendio seguito all’impatto con i due aerei dirottati. Il 13 settembre 2001 l’FBI individua i nomi e l’identità dei 19 terroristi.

                    Commenta


                    • #11
                      Re: 11 settembre

                      QUeste le versioni ufficiali taroccate dal governo USA.

                      Commenta


                      • #12
                        Re: 11 settembre

                        Guarda non è che fosse, dal punto di vista logistico-tattico, un ganchè difficile da organizzare. Ci volevano solo due cose:
                        1. gente pronta a suicidarsi, facile da reperire i quegli ambienti;
                        2. molti soldi, bin laden miliardario aveva anche quelli.
                        Quando un uomo varca la porta di una casa, si può trovare di fronte a un milione di nemici.

                        Commenta


                        • #13
                          Re: 11 settembre

                          RITORNIAMO AI FATTI

                          Alcuni dei dirottatori erano piloti d'aereo certificati e avevano seguito corsi appositi di addestramento per i tipi di aereo di linea dirottati (Boeing 757 e Boeing 767). Questi dirottatori piloti presero i comandi degli aerei e spensero i transponder (segnalatori radio) che permettevano ai controllori di volo di localizzare gli aerei. I voli dirottati divennero così sostanzialmente irreperibili. Poi i dirottatori impostarono il pilota automatico in modo che li portasse in prossimità dei loro bersagli.

                          I controllori di volo si accorsero della scomparsa degli aerei dai radar e ipotizzarono un guasto al transponder o un incidente. Tentarono ripetutamente di contattare gli aerei, spendendo minuti preziosi. Furono captate delle comunicazioni radio effettuate per errore dai dirottatori, ma non fu subito chiaro che si trattasse di quattro dirottamenti. Alcuni dei passeggeri utilizzarono i telefoni di bordo per avvisare le compagnie aeree e i propri familiari che erano stati dirottati.

                          Commenta


                          • #14
                            Re: 11 settembre

                            All'epoca, lo svolgimento normale di un dirottamento prevedeva che i dirottatori avessero delle rivendicazioni e volessero usare i passeggeri come ostaggi, per cui la procedura standard era di assecondarli, farli atterrare e negoziare il rilascio dei passeggeri. Prima dell'11/9, nessun dirottamento aveva mai utilizzato un aereo di linea carico di passeggeri e di carburante come un'autobomba volante da schiantare contro un bersaglio per una missione suicida. Inizialmente, quindi, non c'era un'urgenza particolare di lanciare dei caccia per intercettare gli aerei dispersi. I caccia, secondo le regole dell'epoca, avrebbero comunque semplicemente seguito a distanza gli aerei dirottati. Non c'era alcuna autorizzazione preventiva all'abbattimento di un aereo civile nazionale. Alle 8:46 fu dato l'ordine di lanciare dalla base di Otis due caccia F-15, che decollarono alle 8:53.

                            Alle 8.46, uno degli aerei dirottati, il volo AA11, un Boeing 767 della American Airlines, si schiantò contro la Torre Nord dei grattacieli gemelli del World Trade Center a New York, penetrando completamente nell'edificio di 110 piani alto oltre 410 metri. L'impatto fu ripreso da almeno tre telecamere indipendenti: una di una coppia di documentaristi francesi, una di un turista e una di un'installazione artistica che riprendeva il panorama della città. Non fu subito chiaro che si fosse trattato di un aereo di linea: inizialmente si pensò a un piccolo aereo da turismo.

                            La notizia dell'impatto fece immediatamente il giro del mondo e moltissimi passanti si fermarono ad osservare lo squarcio e l'incendio divampato dopo l'impatto, innescato dal carburante dell'aereo.

                            Commenta


                            • #15
                              Re: 11 settembre

                              Un quarto d'ora dopo, alle 9:03, mentre le telecamere dei passanti e quelle delle reti televisive riprendevano il rogo, un altro degli aerei dirottati, il volo UA175, un Boeing 767 della United Airlines, colpì l'altra torre gemella del World Trade Center, la Torre Sud, innescandovi un incendio. Questo secondo impatto, ripreso da tutte le telecamere puntate sui due grattacieli, avvenne più in basso del primo e di spigolo rispetto all'edificio. A quel punto fu chiaro che il primo schianto non era stato un incidente. Il riesame delle riprese permise immediatamente di capire che si era trattato di un aereo di linea.

                              Questo fece scattare l'allarme militare, ma da tempo il pattugliamento del territorio domestico americano era affidato a meno di venti caccia, che oltretutto non sapevano dove andare perché gli aerei dirottati non erano identificabili sui radar. Quand'anche avessero trovato gli aerei dirottati, non avrebbero avuto il permesso di abbatterli.

                              Alle 9:37, il terzo aereo dirottato, il volo AA77, un Boeing 757 della American Airlines, si schiantò contro il Pentagono, ad Arlington (vicino a Washington, a meno di quattro chilometri dalla Casa Bianca), sotto gli occhi di almeno 55 testimoni che si trovavano sull'autostrada adiacente all'edificio e nelle sue vicinanze. L'impatto appiccò un incendio e causò il crollo di una porzione del Pentagono.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X