annuncio

Comprimi

Regolamento

I PRINCIPI

Il forum di Sanihelp.it è un punto di incontro e confronto, un forum libero, privo di ogni censura preventiva. Questo forum è una comunità di aiuto e supporto reciproco in cui ognuno contribuisce cercando di essere d'aiuto e portando il proprio punto di vista riguardo i diversi temi trattati.

Nel forum ciascuno è libero di esprimere la sua opinione, mantenendo però un atteggiamento di educato rispetto nei confronti delle idee diverse. Il forum è uno spazio civile e gradevole: gli utenti non devono essere intolleranti e aggressivi, ma propositivi e disponibili, moderando il proprio linguaggio e consentendo così di ridurre al minimo l'attività di moderazione.

Lo staff di Sanihelp.it si riserva il diritto di eliminare l'iscrizione al forum, di cancellare discussioni e messaggi senza alcun preavviso.


GLI UTENTI
Gli utenti sono suddivisi in quattro categorie.

- Amministratore:
gestisce il forum in tutte le sue parti, appartiene allo staff di sanihelp.it
- Moderatore:
è un utente che ha il compito di agevolare la vita all'interno del forum, è un punto di riferimento e un valido aiuto per tutti gli utenti.
- Sani All:
gli utenti del forum.
- Utenti Bannati:
un utente bannato può accedere al forum ma non parteciparvi. Si è bannati se non si rispetta il regolamento, il ban può essere imposto per un periodo di tempo limitato o per sempre. Nei casi più gravi può essere bannato anche l'indirizzo IP.

Utenti e reputazione
Ogni 365 giorni di permanenza sul forum si guadagnano 10 punti.
Ogni 10.000 messaggi e 1.000 punti reputazione si guadagna un punto di potenza nell'assegnazione della reputazione ad altri utenti.
Un utente per poter assegnare reputazione deve avere almeno 15 punti e aver scritto 30 messaggi.
In 24 ore si possono assegnare solo 20 punti.
Prima di poter assegnare la reputazione allo stesso utente è necessario assegnarla a 15 utenti differenti.
Reputazione e i commenti non sono anonimi

NICKNAME e FIRMA
Dato l'alto numero di utenti iscritti al forum, tutti i nomi più comuni sono già presenti.
Consigliamo di scegliere un nome particolare che contenga dei numeri e che non contenga trattini, simboli o caratteri speciali.
Per tutelare la privacy personale suggeriamo inoltre di non utilizzare nome e cognome completi all'interno del nickname.

Il nickname e la firma non devono contenere testi offensivi o provocatori, non è inoltre possibile utilizzare come nickname un nome attribuibile a una professione medica se non si è un professionista collaboratore della redazione di Sanihelp.it (es: psicologo, dottore, urologo).
Se si desidera cambiare il nickname è possibile farlo inviando un messaggio privato all'amministrazione (Evoh).

La frase è modificabile autonomamente dal pannello di controllo personale.
Nel caso in cui venga inserito un contenuto non idoneo i moderatori provvederanno ad avvisare l'utente con un messaggio personale.
Se dopo la richiesta di modifica la frase resta invariata, i moderatori sono autorizzati a cancellarla.
Se si dovessero inserire nuovamente contenuti offensivi nella frase, verrà assegnato un ban di almeno 3 giorni.


LEGGI DELLO STATO E INTERNET

Per non incorrere in spiacevoli conseguenze, ricordiamo agli utenti che su questo forum vigono tutte le leggi dello Stato italiano.
Ogni utente è responsabile dei contenuti che pubblica e tutti, utenti, moderatori e amministratori, possono rivolgersi alla Polizia per far rispettare la legge o per tutelarsi.
Tafferugli verbali, consigli e provocazioni non sono considerati reati, i reati sono cose ben più gravi che la coscienza di ciascuno riesce facilmente a identificare.
Vi ricordiamo inoltre che, come cita la locuzione latina: Verba volant, scripta manent.


REGOLE GENERALI

1. Non è permesso pubblicare:
- indirizzi email
- numeri telefonici
- il contenuto di email private e messaggi privati (MP) anche se si è in possesso dell'autorizzazione del mittente
- pubblicare messaggi pubblicitari o link

2. I moderatori hanno il compito di animare e moderare le discussioni e di controllare che nessuno violi il regolamento del forum.
I moderatori potranno ammonire, avvertire, bannare gli utenti che non rispetteranno il regolamento ed editare, spostare, chiudere e cancellare una discussione o un post.

3. Chiunque abbia un comportamento in contrasto con il regolamento del forum potrà veder cancellati i propri interventi ed essere bannato da esso, fino all'esclusione permanente nei casi più gravi. L'esclusione permanente è da intendersi estesa anche a eventuali alias.

4. Gli argomenti dei post inseriti in una discussione devono essere inerenti al tema deciso dall'autore delle discussione. I moderatori possono cancellare o spostare in un altro forum gli interventi che saranno giudicati fuori tema (OT).

5. Un utente che si ritenga ingiustamente sanzionato ha facoltà di chiedere chiarimenti via messaggio privato o email. Nel caso questo non avvenga e vengano creati post e discussioni polemiche, saranno cancellate.

6. Il moderatore NON cancella o corregge discussioni o post su richiesta.

7. Saranno bannati gli utenti promotori di pedofilia e violenza e chiunque faccia apologia di reato. Varrà bannato inoltre chi diffonde dati e informazioni strettamente personali di un'altro utente senza il suo consenso.

8. Sono da escludere gli avatar che rientrino nelle limitazioni del regolamento e con esplicite immagini pornografiche o di anatomia intima.

9. L'autore del post è pienamente responsabile per i contenuti riportati: diffamazioni o violazioni di copyright.

10. Non è possibile per gli utenti effettuare pubblicità all’interno del forum. I post contenenti messaggi pubblicitari verranno cancellati e segnalati come Spam.

11. L'autore di ogni post ha la possibilità di editarlo entro 10 minuti dall'invio. Verificate attentamente i vostri messaggi; passato il termine non sono più modificabili, questo al fine di garantire una coerenza con lo sviluppo degli argomenti.

12. Prima di aprire una discussione in un forum è bene assicurarsi che l'argomento non sia trattato in altre discussioni attualmente attive. Nel caso siano aperte discussioni doppie i moderatori possono decidere di chiuderle e indirizzare gli utenti a quelle già esistenti.

13. Il forum non è una chat, quindi gli utenti non devono intraprendere lunghi botta e risposta con un altro utente, soprattutto se si tratta di questioni personali. Per le conversazioni private devono essere usati i mp o, nel caso di chiacchiere di gruppo, l’apposita sezione “4 chiacchiere”.


COME SCRIVERE SUL FORUM

Il titolo
Il titolo della discussione contiene il tema del messaggio. Deve essere sintetico ma non generico e soprattutto deve essere scritto in italiano corretto, senza abbreviazioni, lettere ripetute o maiuscole dove non necessarie.
Sono da evitare titoli come “Richiesta d’aiuto” o “Problema”.

esempio Titolo:
Cerco ortopedico - piede rotto (giusto)
AAAAAAAAAAAAIIIIIIII IIIUUUUUUUUUUUTTo! (sbagliato)

L'autore del primo post della discussione da l'indirizzo tematico della discussione.
Più il titolo sarà pertinente più la discussione sarà letta da tutti gli utenti del forum.
I moderatori potranno a loro discrezione modificare i titoli ritenuti non idonei.

Il contenuto delle discussioni
Aprire una nuova discussione significa voler condividere con gli altri utenti un problema di salute, chiedere un consiglio o confrontarsi su di un'idea o un'argomento.
Se un utente apre un thread solo per propagandare un'idea, sarà invitato al confronto. Se dopo un primo invito il post non sarà aperto anche alle opinioni degli altri utenti, i moderatori chiuderanno la discussione.

Il contenuto dei post

Gli utenti sono invitati a non scrivere in maiuscolo dove non necessario, poiché il maiuscolo indica che si sta urlando.
All'interno dei messaggi possono essere inserite le Emoticons. Il loro impiego nei topic è affidato al buon senso degli utenti, è consigliabile tuttavia non eccedere nel loro utilizzo.
Il linguaggio all'interno dei post deve essere cortese e rispettoso delle diverse opinioni degli altri utenti.
Nel caso in cui un post contenga linguaggio non adatto alla sezione in cui è contenuto o abbia un contenuto volutamente provocatorio, (atto a far degenerare la discussione o far arrabbiare un utente) i moderatori provvederanno a modificarlo e avvertire l'utente.
Nel caso in cui l'utente persista nel mantenere un linguaggio offensivo o aggressivo dopo il primo avvertimento, riceverà un ban di almeno 3 giorni. Se questo comportamento continuasse anche allo scadere del ban, i moderatori decideranno se bannare nuovamente l'utente in maniera definitiva.
Chi schernisce pubblicamente gli utenti che chiedono aiuto o mette in dubbio la realtà dell'utente e/o della situazione descritta riceverà un'infrazione e in caso avvenga nuovamente un ban fino a 2 giorni.

Citazioni e aforismi
Se si riportano stralci di libri o articoli, citazioni o aforismi all'interno delle discussioni è sempre bene riportare l'autore.
Non è possibile aprire discussioni contenenti esclusivamente citazioni e aforismi, salvo previa autorizzazione via messaggio privato della moderazione.

Sondaggi

Gli utenti dovrebbero evitare di realizzare discussioni di sondaggio: per realizzare un sondaggio chiedere al moderatore della sezione di aprire un thread apposito. Quando si crea un sondaggio è bene motivare chiaramente i quesiti, in modo che non possano essere scambiate per pure provocazioni o scherzi.

Funzione Quote
Quotare un messaggio significa citarlo riportandone una parte. Quotare implica ripetere cose che probabilmente gli altri utenti hanno già letto, va fatto solo quando strettamente necessario. Non è necessario quotare interamente il post precedente al proprio se si intende commentarne solo una frase: è bene mantenere la frase in questione e cancellare il resto.

Come aprire una nuova sezione (forum o sub forum)
Per aprire una nuova sezione o un nuovo forum si deve proporre l'argomento all'amministratore e impegnarsi per farlo crescere.
Per proporre una sezione o un forum è necessario che ci siano almeno due utenti interessati e disposti ad animare e moderare la sezione.
Vedi: Come diventare moderatore?


I MODERATORI e L'AUTO-MODERAZIONE

La base su cui si fonda questo forum è l'auto-moderazione, ogni utente è quindi tenuto a rispettare e fare rispettare il regolamento del forum.
I moderatori sono solo un aiuto in più in caso di bisogno.

Come ci comporta con le violazione ai principi di questo forum e del regolamento?
1. si abbandona la discussione evitando di intervenire.
2. si segnala l'abuso con l'apposito strumento (triangolo con punto esclamativo)
3. la segnalazione appare nella sezione dedicata (visibile pubblicamente)
4. i moderatori leggono la segnalazione, rispondono spiegando come intendono agire e si comportano di conseguenza
5. una volta che il moderatore ha risposto non è possibile ribattere se non tramite messaggio privato.

Nel caso vi sia un utente particolarmente molesto, è possibile non visualizzare i suoi post inserendolo tra i propri utenti indesiderati.

In caso si voglia chiarire una particolare situazione con un utente o un moderatore si comunica con l’interessato tramite messaggio privato, NON attraverso discussioni pubbliche.

In caso di infrazioni al regolamento da parte dei moderatori, è possibile sollevare il problema con il moderatore stesso via messaggio privato. In caso non si giunga a una conclusione civile e si ritenga necessario segnalare il problema, è possibile contattare l'amministratore. (Evoh)
NON è possibile discutere pubblicamente delle dinamiche di moderazione del forum. Le discussioni pubbliche verranno eliminate.

ATTENZIONE:
1 - Lo strumento segnalazioni serve a porre in evidenza gravi infrazioni al regolamento
2 - Un messaggio OT non è considerabile una grave infrazione
3 - Non è concesso utilizzare le segnalazioni per provocare altri utenti, innescare polemiche o flames e infastidire intenzionalmente la moderazione.
4 - Le risposte non sono sindacabili pubblicamente. Se non si è d'accordo è possibile comunicare via mp con il moderatore che ha risposto alla segnalazione. Segnalazioni di segnalazioni o di ammonimenti non riceveranno risposta e saranno cancellate.

Non è possibile segnalare i MP. In caso di gravi attacchi personali effettuati tramite messaggio privato gli utenti possono scrivere direttamente all'amministratore del forum.

Chiunque utilizzi impropriamente lo strumento di segnalazione (come da punto 3) riceverà un primo avvertimento e, nel caso in cui dovesse continuare, potrà ricevere un ban della durata massima di 3 giorni.

Come diventare moderatore?
Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

Il compito dei moderatori è:
- animare le discussioni
- facilitare lo scambio di opinioni tutelando la pluralità dei punti di vista
- accogliere i nuovi arrivati
- far rispettare il regolamento

I moderatori:
- rispettano il regolamento (che vale per i moderatori esattamente come per gli utenti)
- sono liberi di esprimersi nei forum seguendo le stesse linee guida degli utenti (post cordiali, non aggressivi, no flames, no attacchi personali, non mettono in dubbio identità o realtà di un utente, ecc)
- NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum (solo gli utenti possono segnalare)
- possono moderare solo le sezioni loro assegnate



PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODERATORE

Il caposaldo del regolamento è l'auto-moderazione.
L'intervento dei moderatori deve essere quindi, in ordine di priorità:

- Animare: aprire discussioni, accogliere i nuovi, facilitare lo scambio di opinioni (consentendo a tutti di esprimersi) e aiutare gli utenti a districarsi fra le regole del forum e gli strumenti (fratello maggiore)
- Mantenere la rotta: il moderatore deve far si che le discussioni siano sempre on topic, è lecito chiuderle se si esce fuori tema.
- Moderare: (... e far moderare) i toni
- Mantenere la forma: è importante come si scrive, come si fa un titolo, come si imposta una domanda.

I moderatori di sezione lavorano in squadra e tutte le decisioni devono essere condivise, tutte le discussioni tecniche o inerenti la moderazioni devono avvenire via MP o nella sezione del forum privata e dedicata esclusivamente ai moderatori. Il moderatore non deve mai discuterne pubblicamente.

Il moderatore deve animare e pacificare, quindi non deve essere MAI causare volontariamente problemi e dissidi con gli altri moderatori.
Nel caso in cui un moderatore attacchi pubblicamente un altro moderatore per il suo operato, sarà sospeso per una settimana.
Nel caso in cui un moderatore violi il regolamento e/o agisca contro l'interesse del forum e della moderazione, gli altri moderatori possono segnalarlo nel forum moderatori.
Alla terza segnalazione l'amministrazione risponderà entro 5 giorni alla segnalazione e potrà agire con un richiamo formale, con un ban o con la rimozione dall'incarico.

I moderatori dato l'importante ruolo che ricoprono per la comunità del forum devono essere:
- tolleranti
- disponibili
- leali
- imparziali
- punto di riferimento per gli utenti
- da esempio

Per essere un moderatore è necessario innanzitutto condividere a pieno il regolamento del forum e aderire ai principi e linee guida del moderatore.
Per diventare moderatore si deve inoltrare una richiesta all'amministratore tramite messaggio privato, tale richiesta deve essere circostanziata a una sezione o a un forum in particolare e motivata.
La richiesta di diventare moderatore sarà valutata dall'amministrazione in base alla necessità del forum.
La moderazione è un lavoro di squadra. Il moderatore o i moderatori della sezione che si desidera moderare devono accettare la proposta.

I moderatori devono rispettare il regolamento e sono liberi di esprimersi nei forum, ma NON possono segnalare messaggi in NESSUN forum e devono moderare solo le sezioni loro assegnate.
Solo gli utenti possono segnalare, se un moderatore riscontra violazioni nella sezione di sua competenza non segnala ma agisce.
In caso un moderatore noti situazioni particolari in una sezione di un altro moderatore, deve limitarsi a segnalarla tramite messaggio privato.

Se un moderatore dovesse mancare dal forum per più di un mese senza aver comunicato la sua assenza in precedenza, verrà rimosso dal suo incarico.

Regolamento segnalazioni e ban
La sezione dove saranno postate le segnalazioni sarà leggibile a tutti.
Solo i moderatori potranno scrivere in risposta alla segnalazioni
Alla segnalazione di un utente risponde il moderatore della sezione interessato scrivendo come intende agire e motivando proprie decisioni. (può anche decidere di non fare nulla, ma va scritto!)
Nel caso si decidesse di bannare l'utente, verrà scritto direttamente in risposta alla segnalazione e sarà visibile a tutti.
Non saranno poi concesse repliche in risposta al moderatore. Se ci saranno domande/dubbi/problemi andranno gestiti tramite i mp.

Nel caso che la decisione di bannare l’utente derivi non da una segnalazione ma da un ragionamento fatto con altri moderatori, il moderatore deve notificare il ban con un post nel forum moderatori.
Quando si banna un utente è OBBLIGATORIO segnalare la motivazione.



CANCELLAZIONE
Se si desidera cancellare la propria utenza dal forum, è sufficiente inviare un messaggio privato all'amministratore del forum (attualmente Evoh) E una a mail a [email protected] utilizzando la mail d'iscrizione al forum e indicando il proprio nick e la volontà di essere cancellati.
Visualizza altro
Visualizza di meno

Il miglior nemico dell'uomo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Re: Il miglior nemico dell'uomo

    Vi racconto una storia, per chiarire un concetto.

    Esiste una specie di cobra, di recente individuata come tale e non più considerata una sottospecie di un'altra, che porta il nome di un famoso studioso, il naja ashei. Questo perché James Ashe, che ha dedicato la sua vita allo studio dei serpenti africani, è stato tra i primi a suggerire che alcuni esemplari di cobra rinvenuti in Kenia appartenessero a una nuova specie, e non fossero semplicemente una varietà di un'altra.

    James Ashe nel corso della sua carrierà fu vittima di un orribile incidente. Un giorno, per via di un gesto maldestro come lui stesso l'ha definito, è stato morso da un mamba nero, e ha passato alcune settimante tra la vita e la morte prima di riaversi. Si è salvato perché è corso subito a casa, e da solo si è inettato alcune dosi di siero prima che arrivassero i soccorsi. Ma la prima cosa che ha fatto, prima ancora di correre a casa a salvarsi la vita, è stata ammazzare il serpente. Non per vendetta, come egli stesso ha precisato, ma perché sarebbe stato da irresponsabili lasciare in giro un animale pericoloso e aggressivo.

    La sua storia è narrata in forma di intervista nel libro "Viaggi nelle terre dei serpenti" di Jeremy Seal.

    È chiaro per tutti che, al di là del folklore che circonda la figura del serpente, un cane è un predatore cento volte più efficiente e letale di qualsiasi mamba nero infuriato. La soppressione di un cane omicida, quindi, non ha nulla a che fare col far pagare le colpe del padrone a un animale innocente, per due motivi: non avendo coscienza propria, i concetti di colpevole e innocente non si possono applicare a una bestia; non si tratta di vendetta, ma di banale buonsenso.

    Commenta


    • #32
      Re: Il miglior nemico dell'uomo

      Due appunti collaterali:

      - Com'è che se io introduco l'argomento della negligenza nel trattare i propri animali da un punto di vista legale sono OT e poi se si apre una discussione sullo stesso tema che cita addirittura un articolo di legge nel titolo è perfettamente IT? Mera curiosità.

      - Il fatto che i nostri cagnolini una volta scappati e rinselvatichiti si organizzino in branchi gerarchizzati per cacciare seguendo il loro retaggio genetico di ex-lupi, come si spiega se la loro natura di predatori è stata cancellata dall'addomesticament o?

      Commenta


      • #33
        Re: Il miglior nemico dell'uomo

        Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio

        quello che non accetto però, è che le colpe della stupidità umana siano fatte pagare ad animali innocenti.
        Però mi chiedo,se io faccio del male a qualcuno,vengo punita come è giusto che sia.Quindi prigione o recupero in altre strutture o ancora altro.E non mi chiedo il perchè,so che la causa è un'azione sbagliata e la conseguenza è la mia punizione,che in teoria dovrebbe anche insegnarmi la differenza fra giusto e sbagliato.
        Questo con un cane funziona?Ha la capacità di capire causa/effetto?Altrimenti come faccio a fargli capire che non deve rifarlo?Perchè non è colpa sua se mette in atto un comportamento sbagliato,e siamo tutti d'accordo,ma la priorità è evitare che qualcun altro si faccia male.Quindi come si fa?Basterebbe darlo a qualcuno che capendolo eviterebbe che si ripeta l'episodio o no?
        (do per scontato che soprattutto il padrone paghi per quello che può succedere)
        Chiedo perchè non ho idea del punto di comprensione di un cane non avendone mai avuti,nè sapendo come si educano.

        Commenta


        • #34
          Re: Il miglior nemico dell'uomo

          Originariamente inviato da mathman Visualizza il messaggio
          - Com'è che se io introduco l'argomento della negligenza nel trattare i propri animali da un punto di vista legale sono OT e poi se si apre una discussione sullo stesso tema che cita addirittura un articolo di legge nel titolo è perfettamente IT? Mera curiosità.?
          mi delude parecchio questa vena polemica, ma non per altro...
          io sono persona disponibile a cambiare le mie opinioni e ad ammettere i miei errori, ma mi seccherebbe molto dover dar ragione a moderatori di altre sezioni dopo averci tanto discusso.... comunque sintetizzo:

          - cane=pistola carica ma legge in italia non punisce .... -
          il concetto non cambia se metti ... martello= pistola carica ma la legge in italia non punisce...-
          invece
          - legge sul diritto di allevare animali di affezione in condominio - riguarda specificatamente e chiaramente gli animali,
          è piuttosto diverso da legge sulla detenzione di martelli in casa.
          La vita è quello che capita.
          Lascia che capiti!

          Commenta


          • #35
            Re: Il miglior nemico dell'uomo

            Originariamente inviato da mathman Visualizza il messaggio
            - Il fatto che i nostri cagnolini una volta scappati e rinselvatichiti si organizzino in branchi gerarchizzati per cacciare seguendo il loro retaggio genetico di ex-lupi, come si spiega se la loro natura di predatori è stata cancellata dall'addomesticament o?
            I branchi di cani randagi non si comportano come lupi,
            inoltre
            il loro istinto di protezione del branco non è stato cancellato.
            il loro potenziale di agressività per difesa della casa o del gregge, non è stato cancellato.

            I branchi di cani randagi vivono in modo puramente opportunistico ai margini delle comunità umane,
            non diventano cacciatori, ma possono diventare molto pericolosi se qualcuno entra nel loro territorio
            e li fa sentire minacciati.

            Avevo letto di episodi di gruppi di randagi diventati aggressivi verso gli umani,
            che aggredivano appunto all'uscita dai supermercati per impadronirsi di quello che c'era di commestibile nelle borse della spesa.
            La vita è quello che capita.
            Lascia che capiti!

            Commenta


            • #36
              Re: Il miglior nemico dell'uomo

              Originariamente inviato da mathman Visualizza il messaggio
              James Ashe nel corso della sua carrierà fu vittima di un orribile incidente. Un giorno, per via di un gesto maldestro come lui stesso l'ha definito, è stato morso da un mamba nero, ...

              è stata ammazzare il serpente. Non per vendetta, come egli stesso ha precisato, ma perché sarebbe stato da irresponsabili lasciare in giro un animale pericoloso e aggressivo.
              questo non so se davvero lo ha affermato Ashe o se è stato male interpretato,
              ma è una notevole fesseria.
              In un paese tropicale il lasciare in giro un serpente in più o in meno non cambia nulla,
              ancora di più poichè la causa come riportato è stata un gesto maldestro... non un comportamente volontariamente aggressivo del serpente.


              Originariamente inviato da mathman Visualizza il messaggio
              un cane è un predatore cento volte più efficiente e letale di qualsiasi mamba nero infuriato..
              io posso comprendere che tu ne abbia una paura tale da renderti irrazionale sull'argomento, ma certe affermazioni sono proprio campate in aria.
              I relativamente pochi cani che sono effettivamente pericolosi, lo sono a causa di un pessimo condizionamento umano,
              e sinceramente ...
              mettendo sulla bilancia quante vittime causano rispetto a quante vite salvano, da sotto le macerie, e scoprendo esplosivi e droghe,
              e dalle valanghe, e quanti ciechi guidano, e quante persone vi trovano affetto e ragione di vita .....
              beh ...se dobbiamo proprio iniziare a uccidere ...c'è ben altro da cui partire.
              La vita è quello che capita.
              Lascia che capiti!

              Commenta


              • #37
                Re: Il miglior nemico dell'uomo

                Originariamente inviato da pak_80 Visualizza il messaggio
                Questo con un cane funziona?Ha la capacità di capire causa/effetto?Altrimenti come faccio a fargli capire che non deve rifarlo?...
                Chiedo perchè non ho idea del punto di comprensione di un cane non avendone mai avuti,nè sapendo come si educano.
                Non c'è una risposta secca.... dipende.

                Il cucciolo può capire benissimo ed essere educato a riconoscere il permesso dal non permesso,
                nell'adulto è più difficile ma appunto è un animale selezionato per ricevere un condizionamento e quindi è ancora possibile educarlo.

                Molto più difficile si fa la questione se parliamo di animali che sono stati maltrattati, o addestrati a combattere, o sono diventati nevrotici.

                Talvolta anche in questi casi dimostrano un animo veramente sorprendente,
                ci sono associazioni che si occupano del recupero di tali animali con buone percentuali di riuscita,
                io personalmente sono a conoscenza di alcuni casi di cani di grossa taglia reduci da trattamenti terribili e che erano diventati
                agressivi per difesa, che grazie all'amore dei loro proprietari hanno fatto emergere il tenerone che c'è in loro...
                Uno di questi "ruggine" ne avevo già parlato qui , di come sia tenero coi gattini e del fatto che non abbia reagito
                all'aggressione di altri cani.
                La vita è quello che capita.
                Lascia che capiti!

                Commenta


                • #38
                  Re: Il miglior nemico dell'uomo

                  Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                  I branchi di cani randagi non si comportano come lupi,
                  inoltre
                  il loro istinto di protezione del branco non è stato cancellato.
                  il loro potenziale di agressività per difesa della casa o del gregge, non è stato cancellato.

                  I branchi di cani randagi vivono in modo puramente opportunistico ai margini delle comunità umane,
                  non diventano cacciatori, ma possono diventare molto pericolosi se qualcuno entra nel loro territorio
                  e li fa sentire minacciati.

                  Avevo letto di episodi di gruppi di randagi diventati aggressivi verso gli umani,
                  che aggredivano appunto all'uscita dai supermercati per impadronirsi di quello che c'era di commestibile nelle borse della spesa.
                  Sono fatti di cronaca gli attacchi che le greggi subiscono da branchi di cani rinselvatichiti erroneamente attribuiti ai lupi in aree dove questi ultimi non sono nemmeno presenti. Un conto è il cane randagio cittadino, che rimane opportunista, un altro l'animale ritornato allo stato brado.

                  Commenta


                  • #39
                    Re: Il miglior nemico dell'uomo

                    Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                    questo non so se davvero lo ha affermato Ashe o se è stato male interpretato,
                    ma è una notevole fesseria.
                    In un paese tropicale il lasciare in giro un serpente in più o in meno non cambia nulla,
                    ancora di più poichè la causa come riportato è stata un gesto maldestro... non un comportamente volontariamente aggressivo del serpente.

                    io posso comprendere che tu ne abbia una paura tale da renderti irrazionale sull'argomento, ma certe affermazioni sono proprio campate in aria.
                    I relativamente pochi cani che sono effettivamente pericolosi, lo sono a causa di un pessimo condizionamento umano,
                    e sinceramente ...
                    mettendo sulla bilancia quante vittime causano rispetto a quante vite salvano, da sotto le macerie, e scoprendo esplosivi e droghe,
                    e dalle valanghe, e quanti ciechi guidano, e quante persone vi trovano affetto e ragione di vita .....
                    beh ...se dobbiamo proprio iniziare a uccidere ...c'è ben altro da cui partire.
                    C'è la fonte, puoi leggere da te e giudicare se ha o meno detto la fesseria. Per economia di parole non ho riportato tutti i dettagli della vicenda, ma supporre a gratis che un eminente studioso abbia detto una fesseria...

                    Per il resto, concordo con te. Non ho mica detto che i cani siano inutili ecc. Dico solo che bisogna mantenere un atteggiamento razionale, almeno in certi frangenti, e non umanizzare la bestia perché ci è più simpatica di altre. Non lo vogliamo ammazzare? Ok. Ma allo stesso modo sarebbe bello educare la gente a non ammazzare qualsiasi altro animale entri in casa non invitato che non sia il cane che viene invece accettato come uno di famiglia. Quello non è amore per gli animali, e rin*******imento da buonismo frainteso.

                    Commenta


                    • #40
                      Re: Il miglior nemico dell'uomo

                      Originariamente inviato da mathman Visualizza il messaggio
                      Sono fatti di cronaca gli attacchi che le greggi subiscono da branchi di cani rinselvatichiti erroneamente attribuiti ai lupi in aree dove questi ultimi non sono nemmeno presenti. Un conto è il cane randagio cittadino, che rimane opportunista, un altro l'animale ritornato allo stato brado.
                      si fatti di cronaca infarciti di tutto:
                      farciti da sensazionalismo giornalistico (simile a quello che fa diventare regolarmente normali gattoni delle incredibili pantere arrivate chissà come e da dove e che poi spariscono senza lasciare traccia)
                      farciti da interessi economici di chi prova a farsi risarcire la pecora caduta dal dirupo e poi semidivorata da animali carnivori
                      farciti da distorsioni di vario tipo.
                      La vita è quello che capita.
                      Lascia che capiti!

                      Commenta


                      • #41
                        Re: Il miglior nemico dell'uomo

                        Originariamente inviato da mathman Visualizza il messaggio
                        C'è la fonte, puoi leggere da te e giudicare se ha o meno detto la fesseria. Per economia di parole non ho riportato tutti i dettagli della vicenda, ma supporre a gratis che un eminente studioso abbia detto una fesseria....
                        infatti io non ho affermato che è stato lui a dirla bensì chi lo ha interpretato.

                        in ogni modo ora non ho ne voglia ne tempo di andare a cercare il testo in cui poi trovare il punto dell'episodio
                        ma l'analisi logica delle affermazioni riportate non lascia dubbi.
                        C'è più logica nell'uccidere la zanzara che ti ha punto ...perchè quella grazie al sangue succhiato può andare a deporre uova
                        generando altre migliaia di zanzare.

                        Poi se le parole riportate non sono corrispondenti al significato originale è un'altro tipo di questione.
                        La vita è quello che capita.
                        Lascia che capiti!

                        Commenta


                        • #42
                          Re: Il miglior nemico dell'uomo

                          contribuisco con la mia personale opinione da non conoscitrice di cani
                          math e dingo si scornano senza accorgersi che la pensano allo stesso modo cioè che i cani e gli animali in generale devono essere rispettati, e chi ha la forza e la pazienza di tenerli con se e amarli è fortunato, che quando diventano aggressivi e sempre e solo colpa dell'uomo senza attenuanti, e sin qui sono d'accordo anch'io al 100%, i pensieri si discostano quando un animale aggredisce l'uomo, il perchè lo fa conta ben poco per chi ha subito l'aggressione,
                          math è propenso per la sopressione o l'isolamento e una vita lontana dall'uomo ma per una cane è peggio della morte, e dingo per la rieducazione
                          sono d'accordo che è ingiusto che il cane paghi con la vita una colpa non sua ma bensì dell'uomo che non l'ha giustamente educato o addirittura crudelmente maltrattato, ma parliamoci "onestamente" chi prenderebbe un cane che ha aggredito o ucciso, in casa con se, aldilà di avere bambini o altri animali, solo con la garanzia della parola di un addestratore che il cane è stato rieducato?
                          io "onestamente" e tristemente non lo farei mai, pur avendo la consapevolezza che l'aternativa è la sopressione

                          Commenta


                          • #43
                            Re: Il miglior nemico dell'uomo

                            Originariamente inviato da mammataus Visualizza il messaggio
                            .. ma parliamoci "onestamente" chi prenderebbe un cane che ha aggredito o ucciso, in casa con se, aldilà di avere bambini o altri animali, solo con la garanzia della parola di un addestratore che il cane è stato rieducato?
                            io "onestamente" e tristemente non lo farei mai, pur avendo la consapevolezza che l'aternativa è la sopressione
                            ma infatti a nessuno viene chiesto di prendersi un cane che è stato agressivo.

                            Ci sono associazioni e volontari che si occupano di questo, e se il cane viene considerato sufficentemente sicuro,
                            viene comunque affidato solo a chi ha consapevolezza e preparazione adeguata.

                            Spesso i cani che vengono dal commercio sono affidati con facilità e senza controlli,
                            ma i cani che vengono da canili e ancora di più da associazioni animaliste, valutano sempre con cura se il potenziale adottante
                            ha i requisiti minimi necessari..... anche in questo poi ci sono i casi limite ... conosco un canile che se si cerca di ottenere contemporaneamente
                            l'adozione di un cane da questi e di un bambino dalla USL ... è più facile ottenere il bambino e in meno tempo.
                            La vita è quello che capita.
                            Lascia che capiti!

                            Commenta


                            • #44
                              Re: Il miglior nemico dell'uomo

                              Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                              mi delude parecchio questa vena polemica, ma non per altro...
                              io sono persona disponibile a cambiare le mie opinioni e ad ammettere i miei errori, ma mi seccherebbe molto dover dar ragione a moderatori di altre sezioni dopo averci tanto discusso.... comunque sintetizzo:

                              - cane=pistola carica ma legge in italia non punisce .... -
                              il concetto non cambia se metti ... martello= pistola carica ma la legge in italia non punisce...-
                              invece
                              - legge sul diritto di allevare animali di affezione in condominio - riguarda specificatamente e chiaramente gli animali,
                              è piuttosto diverso da legge sulla detenzione di martelli in casa.
                              Ti delude la vena polemica, ma non ti esimi da rincarare la dose e poi cancelli se io mi scoccio.

                              Ripeto la parte non polemica: l'articolo citato non parla in nessun modo di animali, ma solo di regolamenti condominiali. Non c'è differenza alcuna tra le due cose.

                              Commenta


                              • #45
                                Re: Il miglior nemico dell'uomo

                                Originariamente inviato da dingoman Visualizza il messaggio
                                infatti io non ho affermato che è stato lui a dirla bensì chi lo ha interpretato.

                                in ogni modo ora non ho ne voglia ne tempo di andare a cercare il testo in cui poi trovare il punto dell'episodio
                                ma l'analisi logica delle affermazioni riportate non lascia dubbi.
                                C'è più logica nell'uccidere la zanzara che ti ha punto ...perchè quella grazie al sangue succhiato può andare a deporre uova
                                generando altre migliaia di zanzare.

                                Poi se le parole riportate non sono corrispondenti al significato originale è un'altro tipo di questione.
                                Non si tratta di riportare, si tratta di un'intervista. Se avessi letto potresti giudicare con cognizione di causa, cosa che evidentemente non è, eppure ti ostini.

                                Aggiungo due dettagli, così che tu possa farti un'idea della situazione. Il fatto è avvenuto in prossimità dell'abitato, motivo per cui Ashe ha ritenuto opportuno non lasciare in vita un animale pericoloso e irritato dove potesse mordere altre persone. Se fosse stato lontano dall'abitato, sarebbe morto sicuramente.

                                È riportato un caso nella letteratura specialistica in cui un mamba nero è fuggito da una struttura in pieno centro abitato. Prima di venire ucciso, ha fatto a tempo a mordere sette persone che sono state immediatamente portate in ospedale e curate con l'apposito siero. Ciononostante sono morte tutte e sette.

                                James Ashe ha ucciso quel serpente perché lo ha giudicato una minaccia mortale per i residenti del vicino abitato.

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X