annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lo Vedo Nero!

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #61
    Bimba, ci stiamo soltanto tappando gli occhi.....le persone interessate, vanno all'estero.Non si puo dire che chi ha figli normalmente non puo capire chi non li ha. Io ho una amica a roma, e anni che ci sta provando con la inseminazione. Chi realmente desidera un figlio, prova tutte le strade.E andata diverse volte all'estero, spendendo grosse cifre, ma perche queste persone devono rivolgersi all'estero quando nel loro paese potrebbero avere lo stesso trattamento?

    Commenta


    • #62
      bhè bronty...io non ho detto che questa legge è perfetta...ma non esiste che io tolgo parti di essa...cosi...senza proporre altre norme che cmq diano una regolata..e lascio piena libertà....
      e cmq..non tutte le coppie che non possono scelgono l'inseminazione...ch i realmente desidera un figlio a volte opta per l'adozione...sono scelte...
      resta il fatto che non credo di poter capire chi non puo aver figli...
      "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

      Commenta


      • #63
        D'accordo sulla legge che non e perfetta, quasi nessuna legge lo e' ma anche l'adozione bimba, in italia non e assolutamente facile adottare, passano tanti di quei anni che alla fine molte coppie rinunciano , oppure chi ha la possibilita, si rivolge all'estero. Ma perche dobbiamo ridurci in questo modo?a dover rivolgersi all estero per ottenere un qualche cosa. Parlo anche per esperienza, mio nipote per ottenere cure adeguate ogni 4 mesi deve andare ad insbruck......

        Commenta


        • #64
          Originariamente inviato da bronty
          D'accordo sulla legge che non e perfetta, quasi nessuna legge lo e' ma anche l'adozione bimba, in italia non e assolutamente facile adottare, passano tanti di quei anni che alla fine molte coppie rinunciano , oppure chi ha la possibilita, si rivolge all'estero. Ma perche dobbiamo ridurci in questo modo?a dover rivolgersi all estero per ottenere un qualche cosa. Parlo anche per esperienza, mio nipote per ottenere cure adeguate ogni 4 mesi deve andare ad insbruck......
          bronty quello che dici è verissimo, riguardo all'iter per l'adozione lo so proprio con certezza per averlo vissuto di persona, per fortuna poi alla fine non so per quale miracolo ho avuto la bambina, altrimenti il mio desiderio di maternità avrei potuto riversarlo su un gatto
          adoro i gatti, ma girare con un gatto nel passeggino ... immaginate?

          Commenta


          • #65
            ci stiamo perdendo in un altro discorso...secondo me..
            "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

            Commenta


            • #66
              non intendevo dire che l'adozione è facile giusta etc...dico solo che esiste come possibilità....
              "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

              Commenta


              • #67
                Il discorso e tutto li bimba, la maggior parte delle persone che scelgono di adottare i bambini e perche non riescono ad avere figli. So di persone che tentano l'adozione e nel frattempo tentano anche con l'inseminazione..... .sono molto felice per te mirjam.....

                Commenta


                • #68
                  si bronty scusa...ma sono super incasinata di lavoro e ho risposto con solo metà del cervello.........
                  quando ho un attimo vedo di rispondere seriamente.....
                  "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

                  Commenta


                  • #69
                    Tranquilla bimba io ne uso sempre soltanto la meta, l'altra meta' la riservo per tempi migliori

                    Commenta


                    • #70
                      Originariamente inviato da charlie35
                      Sai chi è uscito indebolito? La democrazia e la laicità del nostro Paese. Non credere che questo non abbia conseguenze...presto le vedrai.
                      Fammi capire: vince l'astensione e si conferma una legge fatta da un Parlamento democraticamente eletto e a perdere è la democrazia? Aiutami a comprendere: in 25% degli italiani è cattolico praticante, va in Chiesa e non ha il diritto di sapere cosa per la sua religione sia giusto o sbagliato? E dov'è allora la libertà di manifestazione del pensiero? Davvero non capisco. O pensi per caso che in Chiesa si vada solo per ascoltare storie della vita di Gesù? Tanto varrebbe restare a casa .... Però, se il Papa e i cardinali dicono che la guerra all'Iraq è sbagliata, allora sì sconfinando in una materia che non è la loro, va tutto bene .... vero? Mi spiace: non ci sto. E' una lettura troppo faziosa di quello che capita. Amici: in democrazia si può perdere ed occorre accettarlo. Così come è bello gioire delle vittorie.

                      Commenta


                      • #71
                        Originariamente inviato da bronty
                        Su questo argomento sono d'accordo con charlie al mille per cento, comunque sia bimba, devi ammettere che l'eta della donna che diventa mamma e cresciuta di molto, tantissime donne oggi giorno diventono mamme intorno ai quarantanni, ma secondo alcuni sono gia mamme nonne.

                        Infatti, lo sono in qualsiasi paese del mondo salvo l'Italia. Mia moglie ha 22 anni e mezzo e già due gravidanze alle spalle, come quasi tutte le sue amiche di Riga. Al corso pre-parto si sentiva imbarazzata di vedere tante donne a suo avviso anziane al primo parto. Molte nel suo Paese sono davvero già nonne a quell'età. Io ne ho conosciuta una che lo era diventata a 38 anni e mezzo. Comunque, io alludevo al caso della mamma-nonna rumena di 67 anni. Dove non ci sono regole, come a Bucarest, si fanno di queste e altre porcherie, uteri in affitto compresi ecc.

                        Commenta


                        • #72
                          "Il risultato del referendum non è solo una sconfitta: è il naufragio di un'Italia laica che si proponeva di cambiare una legge ideologica, per regolare poi diversamente in Parlamento la materia della fecondazione assistita. Questo era il senso della chiamata alle urne, fuori dagli schieramenti, dagli integralismi, dalla retorica apocalittica che ha trasformato assurdamente il voto in uno scontro di civiltà. Le urne sono rimaste deserte. Chi ha trasformato il confronto in uno scontro tutto italiano tra il Bene e il Male, ha poi chiesto ai difensori del Bene di non scendere in campo, per mandare a vuoto la battaglia.
                          (segue)

                          Commenta


                          • #73
                            Non sappiamo dunque chi sarebbe prevalso, in uno scontro aperto di valori contrapposti, tra il "sì" e il "no". Un dato solo è certo: ha perso chi voleva cambiare la legge. Ha vinto chi voleva conservarla e per prevalere ha affondato con ciò che resta del laicismo anche il vecchio istituto del referendum.Nel disorientamento degli italiani davanti alla materia del referendum, le parole della Chiesa, dei neo-con italiani, degli atei clericali hanno pesato di più delle parole di quel pezzo di sinistra che ha sostenuto il "sì", dei suoi leader, dei suoi scienziati.
                            (segue)

                            Commenta


                            • #74
                              Il centrosinistra, tutto insieme, dovrebbe riflettere: o trova un'identità culturale, visto che è incapace di trovare quella politica, oppure perderà le grandi sfide di questa fase, che nascono tutte dalla battaglia delle idee, più che dagli schieramenti. Non si può reggere una partita in cui la sinistra parla di sé, mentre la destra parla della vita e della morte. Esistono valori, esistono diritti che la sinistra può testimoniare a testa alta nel mondo di oggi, anche dopo la sconfitta del referendum, perché fanno parte della sua storia: sfidando la destra ad una vera battaglia culturale in campo aperto."

                              Commenta


                              • #75
                                Originariamente inviato da bronty
                                Zorik, anchio non ho scelto di essere madre di due figli, sono arrivati........ma non sono egoista a tal punto di augurare la maternita ad una altra donna che magari la desidera.Non possiamo paragonare la vita di cinquant'anni fa ad oggi. La vita va avanti e anche la scienza.
                                Mi spiace, su questo non sono d'accordo, anche se comprendo che tutto il nostro modo di vita è ormai concepito in modo tale da illuder tutti che le barriere biologiche non esistano più. Vorrei dirti però una cosa: cinquantanni fa, le mamme nonne esistevano e ce ne erano molte. Lo sai perchè? Perchè la loro età riproduttiva era allungata dal gran numero di gravidanze - anche sette o otto - che avevano. La mia suocera russa è nata ultima di sei bambini, quando sua madre aveva quasi cinquanta anni. Paradossale, ma vero.

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X