annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

:( ELUANA....era solare,amava i viaggi e la libertà:(

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • :( ELUANA....era solare,amava i viaggi e la libertà:(

    lasciate morire mia figlia.Giudici vi prego lasciate che la mia bambina smetta di soffrire....Sono le parole di Giuseppe Englaro,un padre che vive con un unico scopo quello di far morire sua figlia,che da tredici anni e in stato di coma vegetativo...Penso che tutti avete sentito parlare di Eluana una ragazza che il 18 gennaio 1992 dopo un tragico incidente d'auto,non ha più riaperto gli occhi.Vi va di commentare insieme questa triste storia? Che ne pensate fa bene il padre a staccare il sondino?
    "la mente è sempre vittima del cuore"

  • #2
    Io penso che se un genitore arrivi al punto di chiedere aiuto per far morire la propria figlia significa che e' consapevole al 100% che questa e' in uno stato vegetativo e non ha speranza di tornare in vita.
    Io lo considero un atto d'estremo amore ...dove si mette da parte il proprio egoismo e si pensa pienamente a cio' che e' meglio per la persona che si ama.
    L'amore per il proprio figlio penso sia il piu' immenso e se si arriva ad un punto come questo significa che non c'e' piu' speranza e se un padre perde la speranza significa che si e' arrivati alla consapevolezza della fine .
    Del resto accettare una morte e' una delle cose piu' difficili da affrontare specialmente quando il corpo continua a funzionare ma il cervello e' ormai in uno stato vegetativo.
    A volte si vuol tenere in vita un corpo senza un'anima solo per puro egoismo....perche' non si riesce a rinunciare ad un amore perso ....e si vive in una speranza sfumata.

    Commenta


    • #3
      Non so che dire. E' di oggi la notizia di un pompiere americano che si e' risvegliato dopo quasi 10 anni di stato vegetativo. Ma ogni caso e' a se stante.
      L'unico pensiero potrebbe essere che il compito di eluana, almeno in questa vita, fosse gia' stato esaurito. O forse no, ed il suo compito e' quello di portare i genitori in qualche nuova esperienza. Non so, in questi casi sono sempre molto confuso, invidio molto le persone che hanno fede e non riesco nemmeno a fare lo scemo
      Comunque sia, Eluana, grazie per essere stata con noi!

      Commenta


      • #4
        io penso che la decisione di vivere o morire, o morire vivendo, spetta unicamente a che ti ha dato la vita.
        in queste situazioni rivolgo lo sguardo al Signore. sa lui quando e come. sembra banale, ma secondo me è cosi....
        Dolcezza e armonia, amore e passione, madre e donna grazie a due occhi celesti che cercano il mio sguardo da sotto il seno, e la mia Lulù che mi abbraccia e mi dice ".. Azie Mamma Oti " ...

        Commenta


        • #5
          è veramante difficile prendere una decisione del genere...significher ebbe vivere con il rimorso di non aver fatto la cosa giusta....Pensate al povero ENGLARO vivrà la sua vita chiedendosi sempre..."chissà se mia figlia si sarebbe risvegliata"........ ....a volte neache io so cosa pensare...ed allora mi chiedo "esiste veramente un destino x ognuno di noi,o siamo noi che ci creiamo il nostro destino????? tutto sta che io ho paura della morte..e di quello che ci sarà dopo.....sempre se c'è un dopo...
          "la mente è sempre vittima del cuore"

          Commenta


          • #6
            io sono d accordo col padre avolte si pensa sia crudele,però se uno pensa cosa significhi stare 13 anni aspettonto che si risvegli ,e una speranza che ti fa soffrire troppo ,e ti deprime ,passano gli anni e non vedi miglioramenti,non so che dire a questo punto,

            Commenta

            Sto operando...
            X