annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Canzoni popolari

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Canzoni popolari

    Facciamo che ognuno di noi posta una canzone del proprio paese?

  • #2
    'a Citta' 'e Pullecenella

    T'accumpagno vico vico,
    sulo a te ca si' n'amico...
    e te porto p''e Quartiere,
    addó' 'o sole nun se vére...
    ma se vére tutt''o riesto...
    e s'arápono 'e ffeneste;
    e capisce comm'è bella,
    'a cittá 'e Pullecenella!

    Comm'è bella, comm'è bella,
    'a cittá 'e Pullecenella...
    Comm'è bella, comm'è bella,
    'a cittá 'e Pullecenella...

    Mme dispiace sulamente
    ca ll'orgoglio 'e chesta gente,
    se murtifica, ogne ghiuorno,
    pe' na máneca 'e fetiente
    che nun tènono cuscienza,
    che nun tènono rispetto...
    Comme fanno a pigliá suonno,
    quann'è 'a sera, dint''o lietto?!...

    Dint''o lietto, dint''o lietto,
    quann'è 'a sera, dint''o lietto...
    Dint''o lietto, dint''o lietto,
    quann'è 'a sera, dint''o lietto...

    Mo te porto a Margellina,
    sempe ca nun tiene fretta,
    verso 'e ccinche d''a matina,
    quann''o traffico 'o ppermette...
    Ccá è permesso tutte cosa,
    no' pecché tiene 'o diritto...
    ma pecché s'è sempe fatto...
    o è sultanto pe' dispietto!...

    Pe' dispietto, pe' dispietto,
    o è sultanto pe' dispietto!...
    Pe' dispietto, pe' dispietto,
    o è sultanto pe' dispietto!...

    Commenta


    • #3
      Mme dispiace sulamente
      ca ll'orgoglio 'e chesta gente,
      se murtifica ogne ghiuorno...
      e nuje ce mettimmo scuorno...
      Ma nisciuno pò fá niente:
      ce 'a zucammo 'a caramella...
      Comm'è doce e comme e bella,
      'a cittá 'e Pullecenella...

      Comm'è doce, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella...
      Comm'è doce, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pulecenella...

      Ah!...Ah!...Ah!...(v oci)
      Ah!...Ah!...Ah!...(v oci)

      Comm'è doce, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella...
      Comm'è doce, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella...

      I' che sóngo musicante
      e mme sento furtunato,
      canto e sòno, sòno e canto,
      chesta bella serenata...
      E pecché só' 'nnammurato,
      pecché forse ce só' nato...
      ma vedite comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella!...

      Comm'è bella, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella....
      Comm'è bella, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella...
      Comm'è bella, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella...
      Comm'è bella, comm'è bella,
      'a cittá 'e Pullecenella...

      Ah!...

      Commenta


      • #4
        ne avrei da mettere.... anche se quelle trentine sono in comune con certe venete

        LA MONTANARA
        Là su per le montagne,
        tra boschi e valli d'or,
        fra l'aspre rupi echeggia
        un cantico d'amor:

        "La montanara, ohè!"
        si sente cantare,
        "cantiam la montanara
        e chi non la sa?"

        Là su sui monti dai rivi d'argento
        una capanna cosparsa di fior
        era la piccola, dolce dimora
        di Soreghina, la figlia del sol.

        "La montanara, ohè!"
        si sente cantare,
        "cantiam la montanara
        e chi non la sa?"

        ME COMPARE GIACOMETO
        Me compare Giacometo el gh'aveva
        en bel galeto
        quando el canta el verze el beco
        e el fa proprio enamorar

        e quando el canta,canta, canta
        el verze el beco, beco, beco
        e el fa proprio,proprio, proprio enamorar
        e quando el canta,canta, canta
        el verze el beco, beco, beco
        e el fa proprio,proprio, proprio enamorar

        La Bepina meza mata
        per far festa agli invitati
        la ghe tira el col al galo
        e lo mette a cusinar

        e la ghe tira, tira, tira
        el col a galo, galo, galo
        e la lo mete, mete, mete a cusinar
        e la ghe tira, tira, tira
        el col a galo, galo, galo
        e la lo mete, mete, mete a cusinar

        Le galine tute mate
        per la perdita del galo.
        Le gha roto el caponaro
        da la rabia che le g'ha

        e le gha roto, roto, roto
        Il caponaro, aro, aro,
        da la rabia, rabia, rabia,
        che le g'ha.
        e le gha roto, roto, roto
        Il caponaro, aro, aro,
        da la rabia, rabia, rabia,
        che le g'ha.

        questa è divertente

        Commenta


        • #5
          Trallalero larero lero lero
          tralla lero lallero' lero la'

          A coonau miu du zerrian generosu
          e candu no du biu'
          mi piga su nervosu

          trallalero lallero lero lero
          tralla lero lallero lalla la'

          andendi a monti a monti appu' segau una tassa
          babbu tu corrudu e mamma tua bagassa

          trallalero' lallero lero lero
          tralla lero lallero lero la'

          Commenta


          • #6
            Non c'entra niente con il mio paese, però mi è sempre piaciuta molto.



            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.

            Lu sabutu si sapi allegra cori, beatu cu avi bedda la mugghieri, cu l'avi bedda ci portai i denari, cu l'avi brutta ci morì lu cori.

            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.

            Si troppu dispittusa tu cu mia, ca scutu 'n letto su mi 'insonnu a tia.
            Si brutta n'ta la faccia a n'ta lu cori amara cu ti pigghia pi mughieri.

            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.

            Sciuri di rosi russi a lu sbucciari, amaru l'omo ca fimmini cridi, amara cu si fa supraniari, l'uscio di paradisu non ni vidi.

            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
            La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.

            Commenta


            • #7
              Quanto sei bella Roma quand'è sera.
              Quando la luna se specchia dentro ar fontanone,
              e le coppiette se ne vanno via.
              Quanto sei bella Roma quando piove.

              Quanto sei grande Roma quand'è er tramonto.
              Quando l'arancia rosseggia ancora sui sette colli,
              e le finestre so' tanti occhi che te sembrano dì:
              "quanto sei bella".

              Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui.
              Vedo la maestà del Colosseo,
              vedo la santità der Cuppolone,
              e so' più vivo, e so' più bbono
              no nun te lasso mai
              Roma capoccia der mondo infame.

              Na carrozzella va co du stranieri,
              un robivecchi te chiede un pò de stracci,
              li passeracci sò usignoli:
              io ce sò nato, Roma,
              io t'ho scoperta.

              Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui.
              Vedo la maestà del Colosseo,
              vedo la santità der Cuppolone,
              e so' più vivo e so' più bbono
              Io ce so' nato a Roma.

              Roma capoccia der mondo infame.

              Commenta


              • #8
                o me bela madunina
                tutta d'oro e picinina
                tu che domini milan

                Commenta


                • #9
                  Nord....

                  A disen: "La canzon la nass a Napoli",
                  e certament gh’hann minga tutt i tòrt,
                  Surriento, Margellina, tutt i pòpoli
                  i avrann cantaa almen on milion de vòlt.
                  Mi speri che se offendarà nissun
                  se parlom on ciccin anca de numm.

                  O mia bella Madunina, che te brillet de lontan
                  tutta dòra e piscinina, Ti te dòminet Milan
                  sòtta Ti se viv la vita, se sta mai coj man in man.
                  Canten tucc: "Lontan de Napoli se moeur",
                  ma poeu vegnen chi a Milan!

                  Adess gh’è la canzon de Ròma magica
                  de Nina, el Cupolone, el Rugantin.
                  Se sbatten in del Tever: "Ròma tragica!"
                  Esageren, me par, on ciccinin...
                  Sperem che vegna minga la mania
                  de mettess a cantà: "Malano mia!"...

                  O mia bella Madunina ...

                  Sì, vegnì senza paura,
                  numm ve slongarem la man:
                  tutt el mond l’è on gran paes
                  - e semm d’accord! -
                  ma Milan l’è on gran Milan!

                  Commenta


                  • #10
                    ...centro...

                    Quanta pena stasera

                    c’è sur fiume che fiotta così

                    disgraziato chi sogna e chi spera

                    tutti ar monno dovemo soffrì.

                    Si c’è n’anima che cerca la pace

                    pò trovalla sortanto che qui...



                    Er barcarolo va controcorente

                    e quanno canta l’eco s’arisente

                    si è vero, fiume, che tu dai la pace

                    fiume affatato fajela trovà…



                    Più d’un mese è passato

                    che ‘na sera je dissi: “Nine’…

                    quest’amore è oramai tramontato”

                    lei rispose: “Lo vedo da me..”

                    Sospirò, poi me disse: “Addio amore...

                    io però nun me scordo de te!”



                    Je corsi appresso ma nun l’arivai

                    la cerco ancora e nun la trovo mai

                    si è vero, fiume, che tu dai la pace

                    fiume affatato fajela trovà…



                    Proprio in fondo ar battello

                    s’ode un grido ed un tonfo più ‘n là

                    s’ariggira che fa ‘n mulinello

                    poi va sotto e riassomma più ‘n là

                    “Voga, presto, è ‘na donna affogata

                    poveraccia, penava, chissà…”



                    La luna da lassù fa capoccella

                    rischiara er viso de Ninetta bella

                    cercava pace e io je l'ho negata…

                    fiume bojaccia je l’hai data tu!!

                    Commenta


                    • #11
                      ...sud

                      Staje luntana da stu core

                      a te volo cu' 'o pensiero:

                      niente voglio e niente spero

                      ca tenerte sempre affianco a me!

                      si' sicura 'e chst'ammore

                      comm'i' so' sicuro 'e te .....



                      Oje vita , oje vita mia,

                      oje core 'e chistu core,

                      si' stata 'o primm'ammore:

                      o primmo e ll'ultimo sarraje pe' me!



                      Quante notte 'nun te veco,

                      nun te sento int'a sti braccia,

                      nun te vaso chesta faccia

                      nun t'astregno forte mbraccia a me?

                      ma scetanneme 'a sti suonne,

                      mme faje chiagnere pe' te .....



                      Oje vita , oje vita mia,

                      oje core 'e chistu core,

                      si' stata 'o primm'ammore:

                      o primmo e ll'ultimo sarraje pe' me!



                      Scrivo sempe 'e stà cuntenta:

                      io nun pienzo che a te sola:

                      nu pensiero mme cunsola;

                      ca tu pienze sulamente a me ....

                      'A cchiu bella 'e tutt''e belle

                      nun è maje cchiù bella 'e te!



                      Oje vita , oje vita mia,

                      oje core 'e chistu core,

                      si' stata 'o primm'ammore:

                      o primmo e ll'ultimo sarraje pe' me!

                      Commenta


                      • #12
                        Nina si voi dormite
                        (Leonardi-Marino, 1901)

                        'Nde 'sta serata piena de dorcezza
                        pare che nun esisteno dolori.
                        Un venticello come 'na carezza
                        smove le piante e fa' bacià li fiori.

                        Nina, si voi dormite,
                        sognate che ve bacio,
                        ch'io v'addorcisco er sogno
                        cantanno adacio, adacio.
                        L'odore de li fiori che se confonne,
                        cor canto mio se sperde fra le fronne.

                        Chissà che ber sorriso appassionato,
                        state facenno mo' ch'ariposate.
                        Chissà, luccica mia, che v'insognate?
                        Forse, che canta che v'ha innamorato.

                        Nina, si voi dormite,
                        sognate che ve bacio,
                        ch'io v'addorcisco er sogno
                        cantanno adacio, adacio.
                        L'odore de li fiori che se confonne,
                        cor canto mio se sperde fra le fronne.

                        Però, si co' 'sto canto, io v'ho svejato,
                        m'aricommanno che me perdonate.
                        L'amore nun se frena, o Nine amate,
                        che a vole' bene, no, nun è peccato.

                        Nina, si voi dormite,
                        sognate che ve bacio,
                        ch'io v'addorcisco er sogno
                        cantanno adacio, adacio.
                        L'odore de li fiori che se confonne,
                        cor canto mio se sperde fra le fronne.
                        Un uomo senza amore è un uomo che vive morendo.

                        Commenta


                        • #13
                          E semmo de zena e semmo da föxe
                          ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
                          e poi g'ho dïto per ûn momento
                          e poi ghe dimmo che se levan d'inti pë
                          e semmo de zena e semmo da föxe
                          ne gïa e cugge no piggiemo ciû moggê
                          fin che a-o mondo ghe saia a moggê do mæ vexin
                          no piggiemo ciû moggê pe ûn bello belin .

                          Commenta


                          • #14
                            canzone in dialetto bresciano dei Charlie and the Cats il ritornello comunque è comprensibile anche a chi non conosce il dialetto forza maschietti cantate anche voi : va .................... ...

                            Gina l'è 'na béla spusina
                            la sboccia come 'l flower la matina
                            e 'ntàt che fòmm culasiù
                            la g'ha 'l bröt vehe de schihà i bignù
                            Gina, he stò mia fermo ciape 'n cartù
                            La dis che a lé ghe piah la poesia
                            La müsica, i tramonti, la magia
                            la dis che mé hò 'n po' groh
                            la g'ha i calhecc che spöha de bagòh
                            Gina, e dopo la me halta anche adòh
                            He dighe no, lé la he lamenta
                            la dih "Domà, ho sà en partensa"
                            e alura
                            Và Gina, và Gina, và Gina, và
                            và và và, và và và Gina,
                            sai che faccio tutto per te
                            Saturday a hena con gli amici
                            biìèm e cantaèm töcc felici
                            suddenly lé la hparéh
                            l'oi mia becada con en mà le braghe de l'ostér
                            Gina, Gina ta ma dé d'ì penhér
                            He dighe no, lé la he lamenta
                            la dih "Domà, ho sà en partensa"
                            e alura
                            Và Gina, và Gina, và Gina, và
                            và và và, và và và Gina,
                            sai che faccio tutto per te
                            Và Gina, và Gina, và Gina, và
                            và và và, và và và Gina,
                            sai che faccio tutto per te
                            Che faréhet té, my friend
                            if you were in my shoes
                            'narehèt mia a troàga 'n murùh
                            o a daga almeno 'na ùh?
                            Và Gina, và Gina, và Gina, và
                            và và và, và và và Gina,
                            sai che faccio tutto per te
                            Và Gina, và Gina, và Gina, và
                            và và và, và và và Gina,
                            sai che faccio tutto per te
                            Và Gina, và Gina, và Gina, và
                            và và và, và và và Gina,
                            Gina và a fàt encülà!!!!!
                            «Hai mai fatto un sogno tanto realistico da sembrarti vero? E se da un sogno così non ti dovessi più svegliare? Come potresti distinguere il mondo dei sogni da quello della realtà?»


                            (Morpheus)

                            Commenta


                            • #15
                              la bela la và al foooosssoooo...... ravanei remulas barbabietole e spinas ......

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X